Erotici Racconti

Storie di vita. 4, Il festino (consapevolezza)

Scritto da , il 2016-10-06, genere gay

l festino a casa di Franco era stato confermato, le “festeggiate” dovevamo essere io e Milly.
Mi incontrai con lui nei pressi di casa sua, salimmo sull’autobus e dopo quattro o cinque fermate scendemmo, a pochi passi dall’abitazione di Franco.
Sapevamo entrambi cosa ci attendeva, lui e Fulvio, mister ventisei, ci avrebbero sbattuto fino allo sfinimento. Io, in realtà, supponevo ci fosse la concreta possibilità che avessero invitato qualche altro maiale arrapato, con Franco c’era da aspettarsi di tutto.
Viveva solo in un appartamento al piano terra, con giardino e siepe tutta attorno.
Era bisessuale, nel senso che scopava qualsiasi cosa respirasse, però non mischiava, quando organizzava i festini a casa sua, o c’eravamo noi culetti oppure c’erano le sue troie, mai assieme.
Suonammo due volte al citofono, il cancello scattò, entrammo, lui era sulla porta già in mutande.
“Ah! Buchetti, siete già qui, avete proprio voglia… fra un po’ arrivano gli altri!”
“Gli altri? Io pensavo ci fosse solo Fulvio, chi sono gli altri?” gli chiese Milly un po’ preoccupato. Io no, ero già pronto, un cazzo in più o in meno non faceva differenza, i miei pensieri avevano avuto conferma.
“Solamente qualche amico che si unirà a noi, sono nuovi, hai problemi?”, gli rispose Franco.
Milly disse di no, che andava bene lo stesso, ma non lo vedevo convinto.
Il fatto era che Milly non era ancora completamente coinvolto in questa cosa come me, la vera troia del gruppo ero io.
Sebbene fosse carino e si facesse sbattere frequentemente, anche lui molto bravo di bocca, entrato nel “giro” perché in definitiva gli piaceva il cazzo, era, però, parecchio più selettivo ed indipendente.
Aveva già fatto cose in due o tre, anche con me a casa di Franco, dove era stato scopato di brutto, ma era sempre gente che conosceva, della quale, in qualche modo, si fidava.
La questione era che ogni tanto mollava, pur decisamente gay, era disobbediente e non si sottometteva.
Infatti se la svignò, borbottò alcune frasi sconnesse su un impegno che si era dimenticato, si voltò e quasi correndo sparì dietro l’angolo.
“Beh, tu non vai da nessuna parte, vero?” Franco era incazzato ed il suo tono era quasi minaccioso. Probabilmente aveva promesso una bella festa ai suoi amici ed ora rischiava di saltare tutto.
“No, io rimango” risposi, in effetti avevo l’impressione di non poter fare diversamente. Non mi passava nemmeno per l’anticamera del cervello di fuggire via, io ero stato “programmato” per servire sessualmente gli uomini che lo desideravano. In qualsiasi modo.
Come ho detto, la schiavetta puttana ero io.
“Dai che ti diverti…” continuò lui con un tono molto più allegro, mentre mi accarezzava i capelli. “Mettiti comodo, fatti trovare pronta”.
Consapevole di cosa intendeva per “pronta” (lui usava con me, indifferentemente, il maschile ed il femminile), andai in bagno, mi diedi una lavata, esterna a tutto il corpo perfettamente depilato ed interna, questa con una cannula che teneva lì apposta, così avrei evitato di mangiare troppa merda (era mia ma sempre merda era), la volta precedente il clisterino me l’aveva fatto lo stesso Franco, eccitandosi tantissimo.
Di sicuro ci sarebbe stata una ripassata memorabile.
Quando uscii dal bagno nudo e pulito, dentro e fuori, non ero più quello di prima, la mia vera identità era scomparsa.
Ora ero Pisellino, un culo sottomesso e totalmente succube.
Nel frattempo era entrato Fulvio, seguito da un paio di tipi che, in effetti, non avevo mai visto.
Piuttosto grandi, entrambi dovevano avere superato da tempo i trenta.
Quattro cazzi che mi avrebbero trapanato.
"Ma... è solo?" domandò Fulvio.
"Si, è rimasta solo lei, Labbrucce Umide se l'è svignata. Peccato, mi sarebbe piaciuto vedere le due troiette mentre lo facevano tra di loro. Ma Pisellino basta e avanza" rispose Franco “Regge bene, è una vera maiala”.
Io mi ero accomodato sul divano, languidamente disteso sulla pancia, le chiappe per aria.
"Mhhh, che bel culetto, te lo mangio!", disse uno dei due nuovi mentre si chinava a darmi un bacetto sulle natiche mentre mi passava le dita nel solco.
Nel frattempo si lisciava il cazzo attraverso i jeans. Dopo iniziò a togliersi i vestiti.
In seguito il primo ad avvicinarsi fu Fulvio, io mi ero messo seduto e lui era davanti a me. Gli lappavo il cazzone come un cagnolino con la zuppa, man mano che veniva duro.
Le grosse vene pulsavano mentre l’eccitazione aumentava.
Gli altri stettero un attimo a guardare poi si posizionarono tutti attorno a me, si erano spogliati ed i loro membri ballonzolavano davanti ai miei occhi.
Io ora passavo dal l’uno all’altro, tutti giù in gola, anche due alla volta.
In quel momento non lo sapevo, ma la mia fama di “deep throat” stava salendo alle stelle.
Sbavavo e mi colava la saliva dalle labbra, respiravo col naso anche se un po’ di liquido mi usciva anche da lì. La cosa andò avanti parecchi minuti, anche perché i quattro porci ci avevano preso gusto.
Uno dei due sconosciuti decise che era tempo di pensare anche al culo.
In effetti ero bagnato come una sposina la prima notte di nozze.
Mentre continuavo a lavorare di bocca i suoi compari, questo mi prese e mi posizionò a quattro zampe, sullo stesso divano. Me lo buttò in culo brutalmente, facendomi parecchio male.
Urlai, allora Franco si incavolò, apostrofando il tipo: “Vacci piano, che ci vogliamo divertire tutti quanti! Così lo sfondi!”.
Franco mi voleva bene !?! Probabilmente voleva bene al mio culetto, col quale godeva tantissimo e voleva trovarlo ancora in buone condizioni quando sarebbe toccato a lui entrarvi.
L’altro rallentò appena il ritmo, continuando, però, a scavarmi.
Non riuscivo più a succhiare tanto bene, perché non potevo evitare di mugolare.
Al primo si sostituirono gli altri ed iniziò il turbillon. Culo, bocca, culo, bocca, non capivo più niente.
Ad un certo punto me li trovai tutti addosso. Franco mi stava inculando, Fulvio mi pompava in gola con il suo cazzone. Gli altri due dovevano accontentarsi delle mani, non c’erano altri buchi da riempire.
Decisero quindi di rimediare alla cosa, valutarono che nel mio buco spanato potevano entrare benissimo in due!
Inizialmente non fu facile, poi i due amici di Franco riuscirono a sfondare.
Non potevo neppure lamentarmi perché ero pieno anche di sopra, con F. & F. (Franco e Fulvio) che si alternavano nella mia bocca spalancata, senza un attimo di sosta.
Poi si diedero il cambio, più volte, entravano nel mio culo in due, in tre, in continuazione. Dolore, sottomissione… piacere.
Una voragine.
Quasi mi si slogavano le mascelle, mentre i muscoli anali si stavano sbrindellando come un moccio Vileda.
Ma stavo godendo come una maiala. Una cosa intensa, che non avevo mai provato.
Ero una vera PUTTANA.
Una cloaca, un ricettacolo per cazzi bagnati.
Mi piaceva tantissimo.
Fino a quel giorno, tutto quello che mi avevano fatto era stata una conseguenza della mia educazione, di ciò che mi avevano insegnato: che ero un bell’oggetto da usare a piacimento, che doveva concedersi al minimo cenno, votato al piacere altrui.
Una devota sissy servizievole e sottomessa, priva di volontà, che invece di servire un unico padrone si dava incondizionatamente a tutti coloro che la desideravano.
Però ciò che provavo in quel momento prescindeva da ciò che mi avevano insegnato, io ero così e basta. Una servetta sfondata e goduriosa, disposta a tutto, senza condizioni.
Che voleva esserlo e che godeva a farsi possedere fino al limite.
Infatti venni. Sborrai anche l’anima, dal mio cazzetto, ormai un clitoride un po’ fuori misura, venne fuori un piccolo fiotto di panna profumata che mi ricoprì la pancia ed il volto. Un orgasmo lungo e languoroso.
“Guardate come gode Pisellino, anzi Pisellina, proprio come una femmina!” esclamò Franco estasiato mentre mi penetrava per l’ennesima volta.
Intinse le dita nel mio liquido seminale e me le fece succhiare.
“Brava fighetta… ti faremo diventare una vera signorina! Se godi così siamo a posto, ha il culo come una figa!” ribatté Fulvio mentre si apprestava a sostituire Franco ed a ripiantarmi nelle viscere il suo pilone.
Aumentò il ritmo, poi sborrò dentro, inondandomi le interiora, con mio grande piacere.
Un po’ di liquido viscoso uscì ancora dal mio pistolino.
“Godi ancora, eh! Porcellina!”.
Alcuni istanti dopo uno dei due ultimi arrivati, che mi stava scopando la bocca, mi irrorò l’esofago.
Ingoiai per benino, da lui e da gli altri due, che mi vennero tutti in gola, schizzandomi nella bocca aperta il liquido cremoso.
Mi gustai tutta quella densa panna.
La mescolanza di sapori, infatti ogni sborrata ha il suo gusto, non ne esiste una uguale all’altra.
Poi, finalmente, si fermarono, ansimanti.
Decisero di smettere, avevano altri impegni.
Lia avrei ancora serviti, tutti quattro, però non più tutti assieme.

Questo racconto di è stato letto 2 5 4 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.