Erotici Racconti

Storie di vita. 3. Il primo da ventisei (col contorno di altri poco più piccoli)

Scritto da , il 2016-07-31, genere prime esperienze

“Leccalo, vai giù, succhialo sulla punta poi apri la bocca e fallo entrare, vedrai... bravo… sei una vera pompinara… ora fino in fondo, più che puoi… quanto sei troia!”.
Lo baciai sulla punta ed all’attaccatura del frenulo, poi cominciò a spingermelo in bocca, la aprivo il più possibile per farmelo arrivare fino in gola ma tutto in bocca non ci stava, ne entrava circa la metà.
Era enorme, uno così lungo fino a quel momento non mi immaginavo nemmeno che esistesse.
Giuro, ventisei centimetri dichiarati e constatati.
Fulvio mi aveva avvicinato mentre mi trovavo nel baretto della società sportiva.
Mi chiese di tiragli un pompino.
Sapevo chi era perché mi aveva ancora parlato di lui Livio, il figlio della colf che quel giorno avevo già incontrato e mi aveva dato una bella ripassata mattutina.
Scopavano assieme quello che chiamavano “il frocetto”, era reale quello che mi aveva raccontato, che Fulvio aveva un cazzo enorme. Più che altro era lunghissimo, un serpente, era anche anche bello grosso, però il diametro non era pari a quello del professor Oscar, che era il top. Fulvio era leggermente scuro di pelle, probabilmente la sue doti provenivano dai geni di qualche lontano antenato di colore.
Eravamo in uno scantinato, nei pressi del locale caldaie, al quale si accedeva attraverso una scala quasi invisibile, dove normalmente mi portavano i frequentatori del luogo che mi si facevano. Il locale era stato sistemato, la luce del giorno lo illuminava appena, oltre che dalla porta in cima alle scale, proveniente da una minuscola finestrella, praticamente un buco. C’erano alcuni scaffali pericolanti, con pacchetti di fazzolettini di carta appoggiati sopra là ma soprattutto una vecchia e lisa poltrona di pelle, segnata dagli schizzi di sborra, portata in quel posto da chissà chi. Generalmente venivo inchiappettato lì sopra, come gli altri culetti aperti che facevano parte del sotterraneo “giro della società”. C’erano anche altri posti segreti dove noi troiette venivamo scopate ma quello era uno dei più usati.
Avevo seguito subito Fulvio, ovviamente obbediente e sempre totalmente disponibile.
Si sedette sulla poltrona, mi chiese subito di succhiarglielo, non voleva altro. Livio, nonostante mi avesse assicurato che sarebbe stato zitto, gli aveva raccontato quanto fossi bravo di bocca.
Nonostante questo mi tolsi i pantaloni, il culo bianco risaltava nella penombra.
Mi chinai, ancora una volta ero in ginocchio, con un nuovo cazzone in gola.
Muovevo la lingua e succhiavo, contemporaneamente, stimolando le palle con le mani, si inarcò tirandosi indietro ed alzando le gambe, passai e leccare anche quelle ed il buco del culo.
Lo approcciai col dito e lui: “Si, dai, infilamelo…”.
Entrò piuttosto facilmente, compresi come i giochetti a tre con il “frocetto” non fossero, per lui, totalmente attivi.
Infatti mugolava di piacere mentre lo succhiavo con forza ed il dito si muoveva, massaggiandolo dall’interno.
“Sei proprio Bocca di Rosa…!” esclamò, mentre io sbrodolavo il fiume di liquido precum che produceva.
Andai avanti così per alcuni minuti poi: “Dai Fulvio, mettimelo nel culo”.
Proprio così, fui io a desiderare che quel coso lunghissimo mi esplorasse l'intestino.
Un attimo di follia, volevo vedere fino a dove mi sarebbe arrivato. Il diametro non mi spaventava, venivo normalmente sfondato da cazzi più larghi, tozzi e cattivi.
“Lo vuoi nel culo? Occhio perché non te ne risparmio nemmeno un millimetro…”.
Mi sistemai nella mia posizione preferita, in ginocchio, abbassato sulla poltrona, porgendogli incondizionatamente il culo per farne uso. Inizialmente la cosa fu abbastanza facile, me lo appoggiò un attimo sopra il solco del culo, come per farmelo sentire, mi arrivava fino a metà schiena, dopo mi penetrò un po’ alla volta. Avanti e indietro, ogni spinta un po’ più profonda.
Era durissimo, mi schiacciò la prostata, facendomi gocciolare il cazzo, poi raddrizzò la curva del retto, tutto questo mi provocò un cupo ma sopportabile dolore di pancia.
In un attimo era tutto dentro. Le sue palle sbattevano contro le mie, colpiva con forza, ciack… ciack… ciack…, le chiappe risuonavano ad ogni spinta, ogni volta uno schiaffo.
Quanto ero profondo! Il lungo tubo mi sfregava contro le pareti dell’intestino da qualche parte, in un punto ancora mai raggiunto da alcuno.
Sbuffava come un buffalo, mentre dalla mia bocca usciva un flebile, involontario, lamento.
Lui ci stava prendendo gusto: “Ti piace il mio cazzone! Dai, troione, dimmi che ti piace!”.
“Miiihhh… mi arriva in gola… non lo so se mi piace… mhhh… è lunghissimo… ma si, forse mi piace… ahhh! Si che mi piace… ghhhh…”, blateravo io fra un gemito e l’altro, mentre i colpi potenti di Fulvio mi sconquassavano le viscere.
Mi scavò per un bel po’, quando venne si bloccò improvvisamente, disse una parolaccia e schizzò così profondo che mi parve di sentire il sapore della sborra in bocca, sulla punta della lingua.
Quando lo tirò fuori aveva della merda depositata sulla punta, sembrava un cono al cioccolato. Se lo ripulì con uno dei fazzoletti di carta che si trovavano lì, poi lo rimise nei pantaloni, non gli venne in mente di farlo pulire a me, magari con la bocca, altri lo avrebbero preteso. Francamente non so se l’avrei fatto, ma dopo la passata col kleenex forse si. C’ero abituato (come ho già detto, raramente ho mandato via un cazzo ancora smerdato).
Stavo cercando le mutande ed i pantaloni, che avevo posato lì, da qualche parte.
Per quel giorno pensavo di averne avuto più che abbastanza, il mattino Livio, poi la novità Fulvio. MI avevano riempito come un uovo.
Tra l’altro due cazzi piuttosto impegnativi, di quelli che lasciavano il segno.
Sbagliavo.
Improvvisamente nel locale fece ancora più buio, dalla porta di ingresso entrava meno luce, infatti proprio davanti alla stessa c’era qualcuno. Ci prese un coccolone. Poteva averci beccato qualcuno ignaro delle mie abitudini.
Invece no, era Franco, uno che ogni tanto era di turno al baretto. Era nel “giro”, scopava me e qualcun altro giovane puttanello, ero stato anche a casa sua. Tra l’altro per il suo vero lavoro si serviva nella ditta di mia madre, per questo motivo la conosceva molto bene. La vedeva forse più lui di me, lei non era mai a casa.
Non mi piaceva molto, era un bastardo che godeva a farmi male, ma con lui dovevo stare al gioco, ma ci stavo con tutti, al gioco.
“Ahhhh! Fulvietto, ti sei scopato Pisellino, la zoccoletta! Hai visto, è il migliore, si fa fare tutto. Me lo sbatto da un po’… dai Pisellino, non ti rivestire… succhiamelo un po’ che poi te lo metto dentro anch’io, lo so che ti piace tanto”.
Con un sospiro lo presi in bocca anche a Franco, che mi afferrò i capelli, spostandomi la testa avanti e indietro.
“Dai bocchinaro, sei proprio una zoccola, passi da un cazzo all’altro di continuo… una vera vacca. Pensate che la sua mammina pensa sia un angioletto… io mi farei anche lei, magari tutte e due assieme. Ah ah ah!”.
Mi tappava il naso schiacciandolo fra il pollice e l’indice, poi mi spingeva il cazzo in gola quasi fino a farmi soffocare, dopo: “Dai girati che ti inculo anch’io”.
Mi voltai, mi abbassai appoggiato alla poltrona e me lo schiaffò in culo in un colpo solo.
“Accidenti sei più bagnato di una scrofa!”, spingeva con rabbia, mi faceva più male lui che Fulvio, che ce l’aveva ben più grosso.
Fulvio stava li a guardare e lui: “Sai Fulvio, gli piace quando gli sborri dentro… invece a me piace un’altra cosa… guarda”, lo tirò fuori e me lo mise davanti alla faccia, io, sporco come era, allargai le labbra e glielo presi in bocca. Venne quasi subito, dovetti bere tutto quanto.
“Dai, brava signorina, ora puliscilo per bene che devo tornare al bar”, obbedii.
Mentre andavamo via disse a Fulvio che la prossima volta doveva farselo pulire anche lui, che avevo la bocca come un bidet, continuò: “…dopodomani lo portiamo a casa mia, vieni che ci facciamo lui e Milly… sai chi è Milly? Michele, quello che abita in fondo alla viale, nei palazzi nuovi, è un amico suo, ha anche lui un culo da favola ed una bocca da troia… anche se non come questo qua, sono già d’accordo… ce li scambiamo. L’ho già fatto altre volte. Sai, questi due si inculano anche fra di loro, fa sangue starli a guardare”.
Poi mi disse se avevo capito, che dovevo essere pronto per quel giorno ad andare da lui, mi limitai ad annuire.
In effetti Milly era mio “amico”, aveva iniziato a frequentare il Professor Oscar per alcune ripetizioni, l’avevo conosciuto lì dove in effetti ci inculavamo a vicenda poi l’insegnante lo sfondava a tutti e due.
Quando anche lui era venuto alla società quelli del posto avevano subito capito che era come me ed avevano cominciato a scopare anche lui. Poi avevano cominciato anche a fotterci assieme, io e lui, anche in gruppo, lì nello scantinato ma anche a casa di Franco e di qualcun altro.
In definitiva mi aspettava un’altra giornata piuttosto intensa.

Questo racconto di è stato letto 5 0 8 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.