Scambiata (dopo il Party sullo Yacht)

Scritto da , il 2016-09-25, genere scambio di coppia

In serata Boris offrirà un ricevimento più elegante.
L’equipaggio è già in azione per ripulire tutto e addobbare il ponte inferiore, e lo zar si è ritirato nella sua cabina per riprendere le forze dopo avermi rotto il culo dopo pranzo.
Daniel ha chiamato Hamid al telefono avvertendolo di dire a Angela di prepararci gli abiti buoni e di lasciar perdere la cena, mentre io e Eva non ci siamo più mosse dalla jacuzzi, che dividiamo con le tre ragazzine.
Tanya la biondina alta due metri è l’unica che parla un po’ d’inglese... E’ simpatica, e si sforza di tradurre anche per le altre due. Svetlana è timidissima e non ci prova proprio, mentre Natasha è una forza della natura e ce la mette tutta per essere simpatica e tenerci allegre. E’ splendida, così asciutta e con quelle tette da sballo che, a differenza di quelle al silicone di Irina, si vede benissimo sono davvero le sue. Mi accorgo che il mio apprezzamento deve essere abbastanza evidente, perché Eva mi sgomita seccata. Gelosa?
Facciamo un altro tuffo in mare, poi torniamo ancora nella jacuzzi per sciacquarci via il sale, e ci stendiamo sul lettino per arrostirci le tette dopo esserci finalmente liberate dei reggi su ordine di Katja, che è la più anziana.
Quando finalmente Irina si rifà viva, e si stende con aria soddisfatta accanto a noi, noto che anche Fabio è ricomparso, e si sta facendo un bel bagno rinfrescante. Spero che la moglie di Ivan non lo abbia spompato troppo...
Quando Fabio risale a bordo, ci dice che è ora di tornare sulla Serenissima per cambiarci. Mi alzo con un sospiro pigro, ma in fondo una doccia è quello che ci vuole.
Sulla nostra barca (dopo essere stati sulla S.Cyril si può definirla così) troviamo Angela ancora in ginocchio fra le gambe di Hamid, intenta a manutenzionargli il batacchio mentre lui lucida gli ottoni. Vabbè, cos’altro avremmo dovuto aspettarci?
Facciamo una rapida doccia e ci cambiamo. Io metto un tubino nero che mi scopre completamente gambe e braccia e un paio di sandali alla schiava, mentre Eva indossa una lunga gonna leggera e coloratissima con uno spacco da capogiro e si avvolge uno scialle attorno al busto come fosse un top... Alla fine è praticamente nuda, ma sembra più vestita di me.
Gli uomini sono più sul classico-sportivo: camicie di seta e jeans stretti tutti e due, solo che Fabio è in nero e Daniel beige.
Riprendiamo lo Zodiac e torniamo alla S.Cyril per la festa.

***

Come sempre Boris ha fatto le cose in grande.
L’equipaggio ha allestito il ponte inferiore con luci e addobbi per una serata danzante, con un buffet pieno di pesce fresco, frutta di stagione e leccornie russe assortite. Gli alcolici, poi, abbondano come sempre...
Siamo tutti decisamente in ghingheri: i russi ci tengono molto allo stile e anche un po’ all’ostentazione (un po’?), e Irina e Katja sono coperte di gioielli veri. Le tre ragazzine sfoggiano qualche regalino costoso anche loro, ma è tale un piacere guardarle che la bigiotteria si confonde con le pietre e l’oro veri...
Boris mi invita a ballare per aprire la serata: come al solito è disinvolto e galante, e non mi disturba troppo che faccia capire a tutti di avere una certa intimità con me... Probabilmente si è già ripassato tutte le femmine presenti a bordo: io so per esperienza diretta che si è trombato anche Irina che è sua nuora. Le pillole che usa sono davvero prodigiose.
Dopo di me tocca a Eva, che mi ammicca con aria furba mentre scivola via sul ponte fra le braccia dello zar: sa perfettamente che stasera tocca a lei “intrattenere” il vecchio maiale.
Io mi ritrovo invece a ballare con Fabio, che mi aggiorna sulla situazione. Lui ha concluso un accordo piuttosto vantaggioso con Sergej, già operativo grazie alla connessione internet delle navi, e naturalmente bisogna celebrarlo secondo la tradizione russa.
- Devo farmi scopare da Sergej mentre tu ti fai la Katja? – chiedo, tanto per fare chiarezza.
Lui mi sorride: - Ti dispiace?
Ci penso su un momento: - No, certo... Lo sai come sono fatta, io preferirei la Katja. Oppure meglio ancora Natasha...
- Naty è bravissima – mi conferma lui, che evidentemente l’ha già provata – Boris di solito dorme con due delle ragazze e ne lascia riposare una, puoi provarci più tardi se vuoi...
Annuisco soddisfatta. Sergej non è male, e poi lo so benissimo che la nostra è una “vacanza di lavoro”.
- Com’è andata con Irina? – gli chiedo per stuzzicarlo un po’.
Lui non si scompone: - Benissimo. Mi sorprende sempre con quel suo modo di passare così rapidamente dal gelo alla passione più sfrenata, ma è divertente. E a letto ci sa fare...
- Ma Boris lo sa, che ti scopi sua nuora?
- Certo che lo sa, Irina è una sua proprietà quanto le altre donne a bordo, e si aspetta che io ne approfitti esattamente come lui si aspetta di scoparsi te e Eva. E’ fatto così.
Scrollo le spalle: contento lui... In fondo, a me è piaciuto.
Ci avviciniamo a Katja e Sergej, che danzano lentamente vicino alla murata.
Chiacchieriamo un po’, tanto per rompere il ghiaccio. Parlano entrambi l’inglese fluidamente, e sono simpatici. Ho già avuto modo di chiacchierare con Katja, e adesso ho modo di conoscere un po’ meglio anche suo marito.
Eva e Boris sono spariti. Vedo Daniel che balla con Svetlana, mentre le altre due ragazze si intrattengono coi due tipi muscolosi. Ivan e Irina sorseggiano Vodka ad un tavolino, lo sguardo fisso sulle lontane luci della costa; il capitano sta facendo ballare a turno le due cameriere e il resto dell’equipaggio sembra sparito.
Dopo aver chiacchierato per un po’ del più e del meno, Sergej ci invita a bere un bicchiere con comodo nella loro cabina... Come se non ci fosse abbastanza alcol sul buffet!
Scendiamo le scalette con Katja che ci fa strada e Sergej in coda dopo di me... Sculetto un po’ per invogliarlo, e il tubino nero mi scivola verso l’alto; ho praticamente il culo di fuori, e sono sicura di fare la mia porca figura.
La stanza di Katja e Irina è una di quelle degli ospiti: non sfacciatamente lussuosa come quella di Boris (chissà se il maiale si sta scopando Eva nel letto o nella jacuzzi?), ma poco ci manca. In fondo, manca solo la vasca nel bagno e la libreria nello studiolo.
Ci offrono una Vodka, che loro si scolano entrambi d’un fiato, poi Katja rincalza il suo bicchiere e siede sul bordo del letto.
E’ ben fatta, elegante nel suo abito da sera scollatissima, ma mi chiedo come possa col caldo che fa indossare calze di seta e giarrettiere... E’ molto sexy, e se potessi scegliere preferirei di gran lunga andare a letto con lei che col marito, che pure non è male. Mi chiedo se andiamo a uno swing o a uno swap. Tutti insieme, o a coppie invertite?
Mi siedo anch’io, però su una sedia davanti a Katja, e accavallo le gambe, tanto per far vedere a lei e a Sergej che nella fretta mi sono scordata le mutandine sulla Serenissima... Vedo la donna sorridere, mentre suo marito sgrana gli occhi, ingrifato.
L’uomo mi si avvicina, mentre la donna afferra direttamente la mano di Fabio e se lo tira a sedere accanto a sé sul lettone. I due si accarezzano, poi Katja prende l’iniziativa e mette direttamente la lingua in bocca a Fabio.
Sergej è meno sciolto, o forse meno ubriaco. Mi accarezza i capelli, poverino...
Gli chiedo se ha voglia di leccarmi la figa.
Lui ha un sussulto alla mia sfacciataggine. Io allargo le gambe per lasciargli vedere la mia passerona bionda, e lui si lecca le labbra eccitato. Gira il capo a guardare sua moglie che pomicia sul letto con Fabio, poi si rivolge di nuovo verso di me con un sorriso.
- Tu viene con me... – e mi porge la mano.
Sospiro, delusa. Scambio di coppia, peccato... A me piacciono le ammucchiate.
Dovrò farmi Katja un’altra volta.
Seguo Sergej che mi porta in un’altra cabina, lasciando sua moglie a farsi sbattere nel lettone da Fabio. E’ chiaramente una camera libera, usata apposta per le sveltine improvvisate come la nostra. Lui chiude la porta e finalmente mi abbraccia per baciarmi in bocca.
Il tubino è comodo: non c’è bisogno di sfilarlo per scopare. Basta sollevarlo un po’ per scoprire la figa e abbassarlo per denudare i seni, e ci si può dare dentro.
L’abito maschile è meno pratico. Perdo un po’ di tempo a sbottonare i pantaloni e a tirare fuori il manico. Quando riesco a prenderlo in mano, lui mi sta già succhiando i capezzoli.
E’ bravo, mi fa fremere tutta.
Lo sego mentre lui mi succhia, poi quando mi lascia andare le punte ben dure e insalivate, mi inginocchio e gli rendo il favore succhiandogli il cazzo.
Dopo l’attrezzo abnorme di Boris, il coso di Sergej sembra piccolino, ma in realtà è in cazzo di dimensioni assolutamente normali, piacevolmente dritto, duro e pulito, solcato da vene nella giusta misura.
Lo intosto a dovere e anche di più, poi mi stendo di schiena e spalanco le cosce per farmi prendere. Lui si posiziona fra le mie gambe, si stende su di me, e mi penetra agevolmente.
- Hmmm... – guaisco contenta nel sentirmi riempire la figa guazza.
Lo abbraccio con le braccia e con le gambe nude tirandolo a me, e lui comincia a scoparmi come si deve... Colpi lenti e profondi, due di seguito e poi una breve sosta d’assestamento, e quindi di nuovo dentro con una doppia spinta nella vagina. Ogni tre o quattro serie da due, cambia leggermente l’angolazione in modo da sollecitare poco a poco l’intera cavità vaginale. Uno stile raffinato di fare l’amore, che non porta ad un rapido orgasmo, ma prolunga il piacere molto a lungo. Apprezzo, e faccio in modo di farglielo capire con gridolini e gemiti di piacere sempre più alti e prolungati.
Dopo oltre venti minuti di scopata alla missionaria, decido di prendere l’iniziativa, e gli do’ una spinta laterale. Lui capisce, e ci rivoltiamo prima sul fianco, poi io gli vengo sopra senza interrompere l’accoppiamento.
Ora sono sopra e lo cavalco io, senza però variare di molto né il ritmo, né la potenza degli affondi.
Da sotto, lui mi palpa e mi accarezza tutta. Io mi allungo per offrirgli di nuovo le tette da leccare: mi piace come mi succhia i capezzoli.
Sentiamo un urlo di Katja dalla cabina accanto: Fabio deve averle rotto il culo.
Sento il cazzo di Sergej sobbalzare dentro di me al suono della voce di sua moglie che si fa sbattere accanto a noi, e intuisco che i due devono essere scambisti esperti. Non c’è gelosia nel suo sguardo, solo genuina eccitazione.
Meglio per loro.
Riprendo a cavalcarlo, questa volta più velocemente. Sento di essere vicina al traguardo, e voglio godermelo fino in fondo.
Chiudo gli occhi concentrandomi sulle sensazioni che mi salgono dal profondo, spingo più che posso per prendere il cazzo fino in fondo alla vagina, e fremo di piacere alle succhiate sempre più forti che Sergej mi dà ai capezzoli...
- Aargghhh! – grido rauca, quando la figa mi esplode nell’orgasmo che stavo aspettando da più di mezz’ora – Godoooo...
Lui mi tiene per le chiappe, impalandomi più in fondo che può, accompagnando la mia venuta con un morso crudele al capezzolo che sta succhiando, aggiungendo dolore al piacere che mi squassa così forte da farmi quasi sbalzare di sella.
Crollo su di lui, ansante e soddisfatta, ma non è finita.
Sergej mi lascia rifiatare solo per un breve istante, poi mi rovescia nuovamente sul fianco.
Mi rigira tutta piazzandomi a pecorina, e mi prende nuovamente, questa volta da dietro.
- Uughhh... – annaspo, sentendomi penetrare di nuovo, ma questa volta col cazzo girato come a testa in giù, e quindi con inclinazione opposta... E’ come essere scopata da un altro cazzo, e la sensazione è esaltante.
Ora il russo mi scopa con più egoismo: è evidente che sta cercando il suo piacere e non il mio, e la cosa mi sta benissimo.
Allunga le mani per afferrarmi le tette (quel poco che c’è da afferrare), e me le strizza forte, facendomi sobbalzare.
Non ci posso credere, sto per godere di nuovo. E’ incredibile, così a breve distanza dall’orgasmo precedente: dev’essere il gusto di essere venduta, di essere una volgare prostituta, una perversione oscena… Eppure ci sono, eccolo che arriva...
- Vengo, vengo... – rantolo, stremata.
Lui avverte le contrazioni della vagina e spinge ancora più forte, arrivandomi alla bocca dell’utero prima di bloccarsi di colpo e irrigidirsi tutto dentro di me.
Sergej mi sborra dentro: caldi, lunghi spruzzi di seme denso e colloso mi allagano la vagina impregnandomi tutta del seme del mio amante di una notte.
Mi affloscio come un palloncino forato, soddisfatta per la splendida scopata.
Lui rimane piantato dentro di me, visibilmente soddisfatto quanto me.
Mi congratulo con me stessa: sono una brava puttana.

Restiamo lì per una ventina di minuti a riprendere il fiato.
Sergej è galante: mi accarezza, sussurra paroline dolci (peccato siano in russo) e mi offre perfino da bere.
Poi ci alziamo, ci diamo una sistemata e torniamo nella cabina sua e di Katja.
Fabio è già andato via, da quel perfetto gentiluomo che è: non ha voluto farsi trovare da Sergej a letto con sua moglie.
Katja appare anche più soddisfatta di me. Abbraccia suo marito e ha anche un bacino per me... Io saluto educatamente e mi allontano per lasciarli soli nella loro intimità.

Patrizia V. © Copyright All Rights Reserved - L’utilizzazione, totale o parziale, di questa storia e delle precedenti e correlate caricate nel presente portale, incluse la riscrittura, la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti attraverso qualunque supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione dell'autore, sono vietati in quanto protetti dalla normativa sul diritto d'Autore. E’ consentito lo scaricamento della storia unicamente ad uso personale. Sono escluse dal divieto di cui sopra eventuali raccolte digitali promosse dal sito ospitante "Erotici Racconti". Ogni violazione verrá segnalata e perseguita a norma di Legge.

Questo racconto di è stato letto 1 0 1 0 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.