Erotici Racconti

Tale madre, tale figlia

Scritto da , il 2016-09-03, genere incesti

Ormai è da tempo che frequento la mia nuova amante ( il marito ingegniere assente quasi sempre in giro per il mondo per lavoro ) . Quasi mi sento di famiglia anche Debora ormai 19 enne cerco di vederla come una figlia acquisita; dolce, rispettosa, ma si vede che ha carenza di affetto. Le sono subito risultato simpatico e spesso ha chiesto la mia complicità per giustificare le sue scappatelle con i suoi amichetti di fronte alla madre ed io l’ho sempre assecondata per aumentare la nostra intesa.
L’altra settimana approfittando che mia moglie e figli stanno al mare ho trascorso qui a casa di Clementina ( la mia amante e mamma di Debora ) una notte, ma sul più bello abbiamo smesso perché verso le 2 mezza 3 di notte Debora e ritornata a casa da una festa. Lei non ha voluto nonostante che Debora cercò di non farsi sentire. Nulla da fare carezze, bacetti,ma li fini. La mattina al mio risveglio Clementina già era uscita , chiamo Debora e chiedo se ne sapesse qualcosa, lei ancora insonnolita quasi da sonnambula con una voce pasticciata dice “penso che sia andata dalla nonna però con mamma non ci giurerei tanto cambia programmi all’ultimo momento, ormai la sai anche tu !”( io penso in me “si lo so quanto è troia !)
Ed intanto si lancia sul letto accucciolandosi stretta a me. Le accarezzo la testa sento un affetto le dico ” sembri una bambina desiderosa di coccole , piccina mia !”.
Quando lei fa un gesto inatteso e mi palpa il pacco dormiente che scatta subito sull’attenti negli slip quasi da esplodere e lei con sorriso malizioso “dimmi se ti accarezzo meglio della mamma qui ! “. Non dico nulla , non penso , il cuore a mille le piazzo una lingua in gola da toglierle quasi il respiro . Lei mi sale sopra e si strofina col suo giovane sesso sul mio pacco . Le abbasso la testa verso il mio sesso lei capisce l’intenzione e si scaraventa con la bocca tra le mie gambe ficcandoselo direttamente in bocca poi stacca per respirare e dice ” che cazzo che hai ! Che buon sapore ! Che buon odore che ha ! E come è duro …Uhmmmmmm ! “. Poi aggiunge “ora capisco perché la mamma va in estasi con te !” Ed io “Ma perché tu che ne sai ?” e lei “guarda che diverse volte sono rientrata in anticipo e vi ho spiati. Ho visto come la scopavi e come lei gridava da gran puttana ! Ora scopami voglio essere anche io tua ! La tua puttanella !”. La giro le allargo le gambe ed inizio a penetrarla piano ma non incontro ostacoli. Non è vergine !
Le dico ” Ma già ti sei fatta iniziare a quanto vedo ! ” ” Si mi piace ! Trattami da troia e sbattimi forte che non mi rompo ” . Debora ma senza preservativo….” No arrivami dentro fammi sentire tutta la sborra che dovevi dare a lei stanotte ! ” ma Debora se poi… ” lei ” non ti preoccupare prendo la pillola ! ” A quel punto le sborro copiosamente dentro in quel sesso giovane ma che gia sa il fatto suo. Le dico ” il culo te lo sei fatto fare ? ” e lei ” li sono ancora vergine” Ed io ” allora è mio ! La prossima volta te lo apro . Ok ? ” lei ” Siiiiiii! Raggiunge n orgasmo violento ed insieme la conferma della mia proposta.
Poi una volta rilassata mi dice ” Sono troia almeno quanto mamma ? ” le rispondo dolcemente ”
Tale madre…, tale figlia !”

Questo racconto di è stato letto 1 1 1 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.