Erotici Racconti

La vicina di casa

Scritto da , il 2016-08-20, genere etero

Abito con la mia compagna al primo piano di una palazzina con 4 appartamenti. La nostra vicina, Anna, è un'insegnante di 55 anni, single, che dopo una forte delusione amorosa di 25 anni fa non ha più voluto saperne di uomini.
E' una persona piacevole, bruttina di viso ma con un discreto fisico: longilineo, magro, il seno piccolo e un bel culo.
Con lei abbiamo ottimi rapporti di vicinato tanto da farci piaceri reciproci. La mia compagna non è gelosa perché sa che per me Anna è brutta e più che 50enne. Solo che non sa che da quando l'ho vista in casa nostra con fuseaux aderenti un po' mi attizza.
L'anno scorso la mia compagna si assentò per un fine settimana per un corso di aggiornamento. Quel sabato mattina dovevo andare da Anna per ripararle la macchinetta del caffè, mi avrebbe chiamato lei di ritorno dalla spesa.
Era estate, stavo facendo colazione e come sempre in casa indossavo dei pantaloncini corti, senza slip perché muniti di una retina interna a mò di mutandina, petto nudo e ciabatte da mare ai piedi. Sentii dei colpetti alla porta (non usavamo il campanello quando ci chiamavamo dal piano) e andai ad aprire. Allorché spalancai la porta notai che ebbe un sussulto squadrandomi da capo a piedi: non si aspettava di trovarmi mezzo nudo. La salutai sorridendo facendo finta di non aver notato la sua reazione, tra l'altro subito contenuta. Mi invito in casa per la riparazione, mentre lei si cambiava per mettersi gli abiti da casa.
Riapparve poco dopo con il solito vestitino leggero che le arrivava sopra le ginocchia.
Avevo quasi finito e la invitai a raggiungermi con una cialda di prova. Arrivò tutta sorridente ma anche un po' tesa. Mi venne vicino sfiorando il mio fianco per inserire la cialda. Vedendo che la posizionava male mi affrettai a correggerla allungando la mano, ma così facendo le sfiorai il piccolo seno. Le chiesi scusa dispiaciuto e lei, un po' imbarazzata e arrossendo leggermente mi disse: no, niente, hai battuto contro il nulla. Non direi - dissi guardando il vestito che lasciava intravedere un indurimento del capezzolo sfregato. Sono anni che un uomo non mi tocca il seno, ci voleva uno scontro fortuito - disse lei accorgendosi del rigonfiamento. - Ormai non interesso più nessuno ed io mi sono arresa. - Sbagli, sei una donna brillante, simpatica, hai un bel fisico slanciato ed anche un bel culo, lasciatelo dire!
Mi guardò stupita, poi abbassò gli occhi sul mio torace per poi scendere alle gambe. Cominciavo ad andare su di giri e forse anche lei. Non so se si accorse che qualcosa cominciava a muoversi tra le mie gambe, ma era tesa e sempre più rossa in viso. Io insistetti ed azzardai avvicinandomi per appoggiarmi al suo fianco: - lo senti che susciti interesse? Ebbe un sussulto: - ma che fai?- Esclamò ridendo. Stavo rischiando grosso, ma dalla sua espressione capivo che era eccitata: sentiva il mio cazzo ormai duro che premeva sul suo gluteo. - perché non lo tocchi? Senti com'è morbida la pelle! - Sei scemo? - Ma la sua mano era già sui pantaloncini. Lo accarezzò. Ormai era fatta! Tirai giù definitivamente i pantaloncini e glielo misi in mano. Sospirò per l'emozione: - mi si piegano le gambe... - e si lasciò andare sulla seggiola, ma la sua mano rimase lì a toccarlo, accarezzarlo e scappellarlo con dolcezza, quasi a recuperare dei movimenti che non ricordava più. Avvicinò la bocca e cominciò a baciarlo in punta poi lungo l'asta, poi tirò fuori la lingua e prese a leccarlo, ad avvolgerlo avidamente per poi ingoiarne la cappella per sentirne il sapore dimenticato. Era in adorazione! Continuò a giocarci a lungo poi iniziò a spompinarlo con foga: su e giù, su e giù. Aveva labbra morbidissime e lingua salivosa. Aumentò il ritmo mugolando, sembrava godesse più di me.
Intanto io sentivo l'orgasmo avvicinarsi come un'onda che tutto sommerge. L'avvisai che stavo per venire. Lei non si ritrasse, continuò con lo stesso ritmo finché non le venni in bocca con un grido strozzato. Si staccò quasi subito senza ingoiare (sarebbe stato troppo pretenderlo) e corse in bagno imbarazzata. Sentii l'acqua scorrere e lei che si sciacquava la bocca. La raggiunsi e mi sedetti sul bidet per lavarmi il cazzo ancora duro. Le chiesi se le era piaciuto e lei, ancora appoggiata al lavandino: - non ricordavo quanto fosse bello il pompino...ma ora come farò a guardare negli occhi la tua compagna? - Mi alzai dal bidet e la raggiunsi al lavandino abbracciandola da dietro. - E' stato bellissimo e rimarrà un momento solo nostro. Lei non lo saprà mai. - Rimase nel mio abbraccio. Le baciai il collo. Sentiva il mio cazzo ancora duro premere nell'incavo dei glutei. Con una mano scesi fino al suo bacino, le sollevai il vestito e contemporaneamente le abbassai le mutandine: erano fradice, piene da anni e anni di umori repressi: era facile accarezzarle la fica a mano aperta e poi sgrillettarla. Gemeva e mi incoraggiava a continuare. Per tutta risposta la piegai in avanti sul lavandino, le aprii il vestitino lasciandolo cadere a terra e così gli slip. Smaniava, sospirava, mugolava: era in piena frenesia. Le appoggiai la cappella sulle labbra carnose della sua fica e cominciai a penetrarla lentamente. Era stretta, ma il mio cazzo scivolò libero grazie agli umori che le colavano ormai anche sulle cosce. Stantuffavo e sentivo il suo respiro farsi più forte seguendo il ritmo dei miei colpi. Dalla sua bocca usciva un gridolino continuo, quasi un lamento: era vicina all'orgasmo. Le carezzai la schiena, il culo poi un seno titillandone il capezzolo. Sentivo le sue gambe fremere, poi tremare finché esplose nell'orgasmo liberatorio con un grido prolungato leggermente trattenuto.
Fu un orgasmo lunghissimo il suo, anche perché io continuavo a scoparla, anche se più dolcemente, per arrivare al mio. Un orgasmo che conteneva trent'anni di desideri e di orgasmi mancati.
Esplosi quando lei cominciava a rilassarsi. Uscii da lei e le sborrai sulla schiena appoggiando l'asta sul solco delle sue chiappe.
Mi disse: - E' stato meraviglioso, ho provato una felicità incredibile, ero al settimo cielo! - Le pulii la schiena dallo sperma, poi lei si voltò verso di me e mi baciò. Quando ci staccammo le dissi: - Quando vorrai basterà che mi bussi alla porta, io ci sarò.
E così fu.

Questo racconto di è stato letto 5 4 1 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.