Regalo di Compleanno 4

Scritto da , il 2010-10-14, genere etero

QUESTO E' IL MIO PREFERITO... SPERO VI PIACCIA, SOPRATTUTTO A DEBBY....

Erano trascorsi solo pochi giorni da quando avevo accompagnato Sam alla stazione, e mi sembrava di sentire ancora il suo profumo. Sam si era rivelata una donna di una solarità e di una sensualità uniche.
Per me era difficile dimenticarla, anche perché, a dire il vero, ero io che non volevo assolutamente dimenticarmi di lei.
Laura e Olga erano state delle amanti fenomenali, certo, ma dopo qualche giorno ero riuscito a superare il fatto che ero stato lasciato, o, per meglio dire, che il tempo a nostra disposizione era terminato: con Sam le cose erano molto diverse, perchè il suo ricordo ed il suo profumo erano dentro di me.

All’epoca di questi avvenimenti io avevo ventitre anni e, come avevo raccontato anche nella storia precedente, non attraversavo un bel momento; Sam mi aveva allietato nei tre giorni in cui ci eravamo frequentati, ma poi la tristezza si era impadronita di nuovo del mio animo e forse ancora con maggior intensità.
Quello che desideravo era avere una storia normale, innamorarmi e magari poi essere lasciato, ma non ce la facevo proprio più ad avere solo pochi giorni per andare a letto con una donna che, inevitabilmente, non avrebbe mai provato nulla di particolare per me, se non quella irresistibile attrazione fisica che porta due sconosciuti, che non hanno niente altro in comune, a fare del sesso, sicuramente del magnifico sesso, ma pur sempre solo sesso.
Solamente la storia d’amore tra Laura e Olga era proseguita oltre la notte di sesso di cui vi ho già narrato: lo venni a saperei solo nel momento in cui Laura mi telefonò per farmi conoscere la protagonista di questa storia.
Laura e Olga avevano vissuto per un certo periodo insieme, ma poi avevano scelto di fingere di essere eterosessuali, per non sfidare le convenzioni: questo aveva reso il loro rapporto più complicato, e Laura, quando poteva, desiderava solo stare con la sua amata.

Come vi avevo già detto in passato, io non rividi mai più Laura.
Lei, però, mi telefonò a casa e, come sempre, portò nella mia vita una nuova ventata di sesso e di allegria.
Quando si trattava di Laura lo scompiglio era inevitabile.
La mia amica non passava di certo inosservata, nemmeno nei momenti in cui non era sua intenzione farsi notare; figuratevi voi quando invece il suo scopo principale era proprio quello di gettare tutti quanti nel panico più totale!!!
E con me ci riusciva benissimo.
Penso che lei avesse capito quanto per me fosse importante l’aspetto del coinvolgimento cerebrale: la donna che io desideravo al mio fianco mi doveva coinvolgere totalmente, fin dal primo istante, in modo tale che la mia voglia di sesso e di conquista fosse ad un livello così elevato da permettermi di sedurre donne molto più esperte di me, e di riuscire ad irretirle nei miei giochi, e non solo in quelli erotici.

Laura mi chiese scusa di essere sparita per l’ennesima volta, ma la sua attuale vita sentimentale (con Olga e, da quello che mi parve di capire, non solo con lei) non le permetteva di avere tempo libero da dedicare ai suoi vecchi passatempi preferiti, tra cui c’ere naturalmente anche il sottoscritto.
Per porre rimedio, e ricordandosi della mia passione per le donne sulla quarantina, pensò bene di farmi conoscere una donna della mia stessa città, una persona alla cui amicizia Laura teneva moltissimo.
Sulle prime credetti che lei stesse scherzando, ma poi mi resi conto che la sua era una proposta reale.
Pensai per un attimo di rifiutare, ma poi la curiosità mi spinse ad accettare l’ennesima proposta indecente che mi proveniva da quella donna che tanto aveva influito non solamente sulla mia educazione sessuale, ma anche sul mio umore di quei giorni.
L’accordo con Laura prevedeva che io incontrassi come per caso Elisabetta (anche se lei era a conoscenza del fatto che un giovane sarebbe entrato in qualche modo nella sua vita) , soprattutto perché la donna temeva che si potesse pensare che lei, a causa della disperazione più totale in cui era caduta dopo la fine del suo matrimonio, avesse contattato un gigolò per dimostrare a tutti che lei avesse superato il suo dolore.
Laura non volle, per nessun motivo al mondo, raccontarmi di lei e del suo passato, se non che la sua amica era una donna triste, e che aveva bisogno di una storia d’amore che la facesse rivivere le gioie dell’innamoramento, e non soltanto del sesso puro e semplice.
Queste prospettive mi convincevano sempre di più ad accettare.
Ma l’informazione per me fondamentale fu che non mi venivano dati dei giorni e delle settimane per fare la sua conoscenza; insomma, potevo avere tutto il tempo necessario per innamorami di lei, e farla innamorare di me.
Poi la storia sarebbe anche potuta finire, magari quando tra di noi le cose non avessero più funzionato, esattamente come nelle storie di tutti i giorni.
Ormai il mio coinvolgimento era totale e non vedevo l’ora di fare la conoscenza di Elisabetta, di vedere come era fisicamente e caratterialmente; il mio io più profondo non riusciva più a fare a meno dell’idea di questa donna.

Elisabetta era rientrata nella sua città natale da poco tempo, dopo aver vissuto molti anni negli Stati Uniti.
Era sposata e, al rientro in Italia, suo marito, come vi avevo già accennato, decise di chiedere il divorzio: ovviamente questa situazione l’aveva gettata in uno stato di prostrazione da cui non riusciva a venirne fuori ed io avrei dovuto, diciamo così, tirarla su di morale (o almeno queste erano le intenzioni di Laura).
In quei giorni non mi sentivo proprio la persona più adatta per tirare su di morale qualcuno, ma come sempre risposi puntualmente e in modo affermativo a quanto richiesto da colei a cui tutto dovevo in campo sessuale.

L’appuntamento con Elisabetta sarebbe stato a mezzogiorno di un primaverile sabato in un famoso bar del centro della mia città: per riconoscerci, avremmo dovuto portare degli oggetti convenzionali, ma di uso comune, nulla che potesse far pensare a qualcosa di precostituito.
Infatti scegliemmo due telefoni cellulari e, inoltre, io dovevo portare un fazzolettino blu notte nel taschino della giacca e lei una particolare borsa appoggiata sul tavolino del bar.

Arrivai all’appuntamento con Elisabetta vestito in modo sportivo, ma alla moda: indossavo una camicia bianca botton down, una giacca blu con l’immancabile fazzolettino blu, e un paio di jeans sapientemente invecchiati.
Ai piedi calzavo un paio di scarpe inglesi allacciate.
Il mio fisico alto e slanciato, ma con una buona dose di muscoli scolpiti con anni di nuoto e di palestra, lo sguardo dagli occhi neri e molto penetranti (così mi hanno detto alcune donne che ho frequentato) e i capelli nero corvino completavano il ritratto di un giovane che certamente non passava inosservato quando passeggiava per la strada.
Quel giorno ero emozionato come quando uscii per la prima volta con una ragazza:
Mi ero cambiato i vestiti almeno 3 volte, perchè volevo fare una bella impressione, e speravo che il tutto si potesse rivelare una storia importante, anche perchè le condizioni in cui mi trovavo erano assolutamente ideali.
E poi la vidi, i miei occhi si posarono su Elisabetta, e devo dire che, almeno da parte mia, fu subito amore.

Elisabetta era una donna sicuramente alta ma perfettamente proporzionata: i capelli erano lunghi fino alla vita, leggermente mossi e rossi, con sfumature tendenti al biondo.
Gli occhi erano di un verde intenso e la carnagione incredibilmente abbronzata data la stagione non propriamente avanzata e il colore dei capelli che faceva pensare ad una pelle più chiara: aveva delle labbra carnose, ma non volgari, e il seno era prosperoso ma non eccessivo.
Il naso non era particolarmente piccolo, ma dritto ed elegante.
Elisabetta era perfettamente truccata: i suoi punti forza erano gli occhi e le labbra, e quindi il trucco puntava a mettere in evidenza gli occhi con i colori che andavano dalla terra rossa al verde, mentre il colore delle labbra ricordava quello dei capelli.
I denti erano un qualcosa di magnifico, bianchi e regolarii.
Le mani erano eleganti, dalle dita lunghe ed affusolate, e le unghie erano smaltate di bianco, in contrasto con la carnagione così scura: la straordinaria bellezza delle sue mani era impreziosita da alcuni anelli, che sembrava fossero stati scelti con cura per mettere in risalto le dita.
Quel giorno del nostro primo incontro Elisabetta era vestita in modo sportivo ma assolutamente ricercato ed elegante; indossava una giacca nera con taglio da equitazione e sotto la giacca portava una maglia con il collo a v con una scollatura abbastanza pronunciata e che evidenziava l’arco superiore del suo avvenente seno.
Al collo aveva una semplicissima collana d’oro bianco con un brillantino che dava luce alla sua magnifica pelle.
I pantaloni erano attillati ed elasticizzati e sembravano fatti a posta per mettere in evidenza sia le forme perfette del sedere, sodo e a mandolino, sia delle cosce, lunghe e snelle L’immagine di questa splendida donna era completata da un paio di stivali neri, come nero era il colore sia della maglia che dei pantaloni, con un tacco dorato di una decina di centimetri.
Per quello che si vede in giro in un certo tipo di bar del centro, devo dire che nessuno dei due aveva scelto un abbigliamento da rimorchio: eravamo vestiti alla moda, in modo sportivo, ma elegante e con nessun indumento eccessivamente sexy e aggressivo.

Scoprii, nei mesi successivi, e con profondo piacere, che Elisabetta non era una di quelle donne che studiano il loro look fin nei minimi particolari: era elegante di natura, e dai suoi occhi saettavano lampi di luce che potevano far volare noi maschietti nel paradiso della gioia e del piacere, oppure mandarci all’inferno dell’infelicità.
Con lei non c’erano mezze misure, era chiaro.
Con Elisabetta sarebbero state vere e proprie montagne russe, in tutto quello che avremmo fatto.

Io ed Eilisabetta ci salutammo come fossimo due vecchi amici, con profusione di baci ed abbracci, e nessuno avrebbe mai sospettato che c’eravamo conosciuti in quel momento; devo ammettere che nel preciso istante in cui posai i miei occhi su di lei sentii di averla conosciuta da sempre.

Ci sedemmo al bar e cominciammo a fare conversazione e a parlare del più e del meno, cercando di fare amicizia e capire se effettivamente avevamo qualcosa in comune.
Quindi decidemmo di fare una passeggiata per il centro della città.
Ad un certo momento le cinsi le spalle con un braccio, e lei rispose mettendo il suo intorno alla mia vita e appoggiando la testa sulla mia spalla, ringraziandomi perché stavo rendendo il nostro incontro estremamente piacevole: poi accennò un bacio sulla guancia, ma anche io le volevo darle un bacio e fu così che le nostre labbra s’incontrarono, e i baci divennero tanti e sempre più appassionati fino a che le nostre lingue si avvilupparono, in un intreccio che rivelò tutta la passione di cui potevamo essere capaci.
Elisabetta si staccò a fatica da me e mi accarezzò una guancia, chiedendomi di non correre troppo, e che anche lei sentiva molto trasporto nei miei confronti, ma voleva che le cose accadessero con calma. Io le chiesi scusa della mia irruenza e le promisi che avrei rispettato i suoi tempi.

Il resto del pomeriggio lo passammo così, da veri amici, ma il desiderio di fare l’amore era ogni istante sempre più forte in me. Quella sera l’accompagnai a casa abbastanza presto e ci demmo un bacio sulle labbra, ma nulla più, perchè ogni promessa è un debito.
Prima di lasciarci ci scambiammo i numeri di telefono e tornato a casa ebbi l’irrefrenabile desiderio di chiamarla, di sentire la sua voce, ma venni anticipato.
Elisabetta voleva sapere se fossi tornato a casa, e quando le risposi subito al telefono, lei mi disse che le mancavo e che mi voleva rivedere il giorno seguente.

L’appuntamento era fissato per la mattina sul presto, per prendere la macchina e andare a passare il nostro primo fine settimana in Toscana.
Quando arrivai sotto casa sua lei, al citofono, mi chiese di salire e, con un filo di voce, mi disse che aveva sentito la mia mancanza. Io le avevo comprato un mazzo di fiori e quando lei aprì la porta mi abbracciò teneramente, dicendomi che non avevo bisogno di fare certe carinerie perché lei si era già innamorata di me.
E fu così che per la seconda volta baciai Elisabetta.
E questa volta non ci fermammo al bacio.
Lei mi sussurrò se facevamo in tempo a fare l’amore prima di partire, perché lei non poteva più resistere:
Non persi tempo e la spogliai, la presi in braccio e l’adagiai sul letto: e fu lì che lei mi spogliò, e quando fui completamente nudo anche io, Elisabetta mi abbracciò mentre iniziavamo ad accarezzarci.
Lei prese in mano il mio cazzo e cominciò un lento massaggio, forse la sega più arrapante e più romantica che mi sia capitato di ricevere. Io, invece, cominciai a baciarla sul collo e a leccarle i capezzoli, che al solo contatto con la mia lingua divennero subito turgidi, e con la mano cominciai a toccarle la fica rasata di fresco; poi ci mettemmo in posizione per un fenomenale sessantanove.

Leccarle la fica fu come entrare in un negozio di essenze.
Il suo sapore mi penetrò nelle narici naso e non mi lasciò per molto tempo; cominciai con leccarle i lati della fica, per poi iniziare un lento e calmo massaggio delle grandi labbra, e più lei ansimava e più io mi andavo accentrando, cercando di darle delle passate sempre più lunghe e profonde.
Nel frattempo lei mi prese in bocca il cazzo, già duro e teso allo spasimo, e mentre io la leccavo lei cominciò un lento e potentissimo pompino.
I colpi della mia lingua ormai la scuotevano dentro, e ogni colpo rappresentava un urletto di piacere soffocato dalla presenza del mio uccello trattenuto fra le sue labbra.
Elisabetta era prossima all’orgasmo e fu solo in quel momento che smise di succhiarmi il cazzo, esplodendo in un violentissimo orgasmo.
Non appena le fu passata la foga di aver goduto, riprese in bocca il mio arnese e lo leccò con estrema abilità: quindi se lo sfilò dalla bocca e ricominciò a farmi la sega precedentemente interrotta.
C’è da dire che se prima lei era stata magnifica, dopo aver goduto la sua maestria arrivò al punto che la supplicai di porre fine a quella lenta ed erotica tortura, facendo venire anche me.
Ed Elisabetta non se lo fece ripetere due volte: atteggiò le labbra a cuoricino e si fece entrare in bocca il mio membro e con solamente tre colpi mi fece venire con violenza, lasciandomi al contempo una sensazione di grande dolcezza e di amore infinito.

Passata l’eccitazione ci vestimmo, e fu allora che Elisabetta mi fece la prima gradita sorpresa.
Mi confessò che ormai per lei quella non era più casa sua, che quello era un luogo che non le apparteneva più in alcun modo; era stato fra quelle mura che il marito le aveva annunciato che avrebbe chiesto il divorzio, e per lei era stato importante esorcizzare quel luogo di dolore, facendoci l’amore con me.
A quel punto, mi disse, si sentiva pronta per iniziare una nuova vita con l’uomo che amava, e mi chiese se poteva venire a vivere a casa mia.
Io, da parte mia, trovai la cosa assolutamente fantastica e le dissi subito di sì.
Durante la notte lei aveva già fatto tutte le valigie e le aveva nascoste in una cabina armadio in camera da letto: prima di tirarle fuori voleva essere sicura che anche io fossi felice di vivere con lei e soprattutto fossi disposto ad ospitarla a casa mia.
Le caricammo in macchina e partimmo alla volta del nostro primo weekend romantico.

Arrivati alla nostra destinazione trovammo un albergo ed Elisabetta salì nella stanza assegnataci con le borse per il nostro weekend, mentre io parcheggiavo nel garage la macchina con dentro il carico delle sue valigie.
L’aspettai giù alla reception e quando lei scese ce ne andammo in giro per la città.
Fu sufficiente che io le dessi un bacio sul collo per riscatenare in noi il più profondo desiderio.

Come ho già avuto modo di raccontare, io ho avuto un’intensa vita sessuale da quando Laura m’insegnò tutto quello che sapeva sul sesso e sul modo di sedurre le donne, ma non provai, e non ho più provato, una passione così travolgente per una donna.
Mi sono innamorato ancora dopo Elisabetta, ma devo riconoscere che l’eccitazione che mi proveniva dal contatto con la sua pelle rappresenta ancora oggi un qualcosa di unico, e che nonostante tutti gli anni che sono passati non sono più riuscito a provare per nessuna altra donna simili sensazioni. Elisabetta rappresentava per me una sorta di angelo e di oggetto del desiderio: nulla in lei avrebbe mai potuto lasciar pensare alla lascivia e alla più sfrenata libidine:
Lei era così.
Quando eravamo per strada, in mezzo alla gente, era la persona più candida del mondo: ma quando poi ci ritiravamo in casa, i suoi occhi cambiavano, diventando di brace, e in lei si leggeva ardere solo il fuoco del desiderio, il desiderio di essere posseduta dal suo uomo e di possederlo a sua volta.
Non dico che con le donne che ho avuto dopo di lei non ho provato più passione e desiderio sessuale, ma è stato tutto diverso, diverso, ma ugualmente intenso, e forse in un caso anche più intenso, ma decisamente diverso.

Rientrati in albergo non feci in tempo a chiudere la porta della camera che già le mie mani si erano protese per spogliarla di quegli abiti che m’impedivano di godere della magnifica ed erotica vista del suo splendido corpo nudo.
Elisabetta, dopo aver fatto l’amore, mi confessò di non aver mai perso il contatto con la realtà, di non essere mai riuscita a perdere il controllo di se e a scatenarsi fino in fondo, di non essersi, quindi, mai trovata in un mondo di sfrenata libidine, quella che ti fa fare cose che tu abitualmente non faresti mai.
La sua razionalità non l’aveva mai abbandonata.
Lei pensava che forse il suo matrimonio fosse fallito anche per questo, ma, in tutta onestà, io a questa storia non ci ho mai creduto, e le feci capire che la colpa non era sua, ma di chi aveva fallito non riuscendo a farla godere come si deve.

Il nostro weekend toscano proseguì felicemente all’insegna del buon cibo, del vino e del sesso, quello fatto da due persone innamorate l’una dell’altra, ma io avevo già in mente il nostro rientro a casa: un rientro fatto dei fuochi artificiali della passione e del desiderio, i fuochi artificiali che l’avrebbero gettata in un universo di sensualità e perversione da cui speravo non volesse più uscire. A quel punto il mio unico desiderio era di renderla felice, e avevo capito che lei sarebbe stata totalmente mia solo se fossi riuscito a farle perdere il controllo del suo corpo e, di conseguenza, delle sue emozioni.
Volevo che per lei fare l’amore con me non si riducesse ad una semplice scopata, magari una fenomenale scopata, ma niente altro; volevo che ogni volta che io e lei fossimo entrati in contatto fisico, per lei iniziasse una specie di viaggio tra le stelle, in un universo in cui la percezione del proprio corpo era diversa, un mondo in cui non c’è più razionalità, in cui tutto quello che la tua immaginazione crea si può e si deve trasformare in realtà. E nei momenti in cui avessimo finito di fare l’amore, il suo cervello risultasse completamente sgombro dai pensieri, che per lei ci fosse solo la felicità che ti provoca il sesso fatto con una persona che conduce il partner nel paradiso del piacere e della libidine.

Quella sera, al rientro in città, la portai a casa mia e le dissi di preparare un bagno caldo e di non preoccuparsi d’altro, perché a tutto il resto ci avei pensato io.
Infatti uscii e mi recai in un noto ristorante di pesce del centro, dove comprai quaranta ostriche e due aragoste, che mi feci preparare, e del caviale di tipo beluga, nonchè sei bottiglie di Cristal.
Quando arrivai a casa non le dissi nulla: volli solo che andasse a fare un bagno caldo e che usasse un certo bagno schiuma al muschio bianco, dal forte odore per me afrodisiaco, e che accendesse tutte che candele che avevo in casa: io la raggiunsi dopo alcuni minuti, già nudo e con tutta la cena preparata.
Cenammo nell’acqua, e ad ogni mio contatto il suo corpo fremeva sempre di più.
Quando le dissi che volevo bere lo champagne direttamente dal suo seno, lei mi fece un segno di assenso e io iniziai a versare lo champagne sulle sue tette, leccando avidamente i suoi capezzoli incredibilmente duri: quindi le chiesi se anche a lei veniva in mente un modo sensuale per bere quel nettare degli dei.
Lei mi fece immergere il cazzo nel calice colmo di champagne, e poi cominciò anche lei a leccarmi e succhiarmi l’uccello, provocandomi quasi del dolore da quanto era eccitata, così incredibilmente sexy.
La feci piegare e le misi del caviale nel solco tra le natiche, e poi cominciai a leccarlo, cercando di inumidirle al meglio il buco del culo.
Ero pronto a smettere non appena lei me lo avesse chiesto, ma, sarà stata l’atmosfera, lo champagne o il cibo altamente afrodisiaco, Elisabetta arrivò a perdere il controllo di se stessa, e anche io, ad un certo punto, non capivo più quello che stavo facendo, stravolto dalla mia e dalla sua eccitazione.

Volevo che anche lei scoprisse quanto fosse fantastico perdersi totalmente nel corpo dell’altro, là dove finisce il mondo della razionalità ed inizia quello dell’amore, dell’eros e del piacere senza confini; volevo iniziare il mio viaggio nella libidine con la donna amata e speravo che anche lei non aspettasse altro.
Mentre la leccavo, Elisabetta non faceva altro che contorcesi e mugolare sempre di più: era evidente che quelle mie attenzioni la stavano portando ad un punto in cui l’unica realtà effettivamente percepita era la mia lingua, o comunque la parte del mio corpo votata a darle piacere.
Quando percepii che il suo corpo era pronto, cominciai ad accostare un dito al buchetto del suo sedere.
Nel momento in cui lei lo sentì, reagì esattamente come io mi immaginavo: si rilassò ancora di più, proprio come un tacito assenso a che io entrassi in lei da quello stretto orifizio.
Sicuramente quando la penetrai il dolore che lei avvertì fu intenso, ma di pari intensità fu la scossa di piacere che le pervase tutto il corpo.
E infatti, dopo l’urlo iniziale che le sfuggì dalle labbra, mi pregò di andare avanti e di farla godere.
Dopo un attimo di attesa per fare si che il suo corpo si abituasse a quel dolce e malizioso intruso, iniziai a muovere il dito in quello splendido culo; poi introdussi anche il secondo dito, ma a quel punto il suo corpo era pronto e non ebbi più alcun tipo di problema e le mie dita presero ad affondare come un coltello dentro un pane di burro.
Fu Elisabetta a sorprendermi, chiedendomi di incularla e che voleva sentirmi dentro, voleva il cazzo nel suo culo ormai fradicio di ogni possibile sua libidine.
Io l’accontentai senza indugio: la presi per i capelli e poi con delicatezza, ma con molta decisione, la penetrai con il mio uccello, e lei si sciolse in un continuo orgasmo, aiutata anche dal fatto che con la mano destra cominciai a massaggiarle il clitoride, duro ed infuocato. Le mie attenzioni sempre più pressanti ed a tratti anche impetuose culminarono in una scarica incredibilmente violenta di piacere, che squassò Elisabetta proprio nel momento in cui anche io stavo per venire: le chiesi se voleva che uscissi, ma lei non volle sentire ragione e mi supplicò di esplodere tutto il mio piacere dentro il suo magnifico culo.

Alla fine di quella fantastica serata crollammo esausti l’uno di fianco all’altra, scambiandoci sguardi e baci di gratitudine, totalmente privi di desiderio, ma pieni di amore; poi ci addormentammo, stravolti ma totalmente appagati e felici per aver sconfinato nel mondo della libidine più sconvolgente.

Credo di poter affermare senza alcuna paura di essere smentito che fu in quel momento, in quella magica notte che Elisabetta ed io ci legammo in modo profondo, che nulla fu più come prima.
Ogni volta che facevamo l’amore per noi iniziava quasi un’esperienza extra sensoriale, in cui i nostri corpi si fondevano l’un con l’altro.
La nostra storia durò circa cinque anni.
Poi, una mattina, c’incontrammo in centro al termine di un suo colloquio di lavoro in cui le avevano proposto di diventare socia di un importante studio legale: questo, però, avrebbe comportato che lei sarebbe dovuta andare a vivere a Bruxelles.
All’inizio Elisabetta non voleva accettare, ma io insistetti perchè lei andasse, anche se questo poteva solo voler dire che per noi sarebbe tutto finito lì.
Elisabetta partì per il Belgio circa un mese dopo.
Nei primi tempi continuammo a vederci, ma sempre con minore frequenza; poi, un giorno, dopo circa sei mesi che non ci sentivamo più, lei mi disse che si stava per sposare e che aveva trovato un uomo che la sapeva rendere felice: con lui non aveva mai perso il controllo, come invece accadeva sempre con me, ma Jean (questo il suo nome) le dava sicurezza e affidabilità.
Si sposarono il 20 luglio a Nizza, e io andai al loro matrimonio e mi sentii felice per donna che avevo tanto amato.
E forse anche questo è amore.

Questo racconto di è stato letto 4 9 6 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.