Lara 2 Il ritorno momentaneo della troia

Scritto da , il 2010-09-09, genere incesti

E' passao quasi un anno da quella prima volta con papà, ormai avevamo rivoluzionato casa, io usavo la mia camera da letto solo come guardaroba, in effetti dormivo con il mio uomo, eravamo una coppia fissa, anche se ci muovevamo con tutte le cautele del caso.

Una sera uscita dall'Università ebbi la sensazione che mamma fosse dall'altra parte della strada e dopo l'ennesima chiavata lo raccontai a papà il quale mi disse che anche lui aveva avuto la mia stessa impressione fuori dal suo ufficio, ma nulla di più. mi accocolai su di lui e tutto finì li.

Il giorno dopo mi telefonò papà e mi disse che sarebbe dovuto partire per lavoro e che sarebbe stato fuori casa per circa 4 giorni, mi disse che già gli mancavo e che mi desiderava, io alzai gli occhi e vidi mamma appoggiata ad una ringhiera che mi guardava lo dissi a papà e gli chiesi il permesso di vendicarci di lei. Lui mi disse che già lo aveva duro e che avrei potuto dirle e farle qualunque cosa, ma che lui non la voleva più vedere. Era splendida in un tubino di seta blu che arrivava sopra il ginocchio i capelli biondi raccolti e il viso truccato in modo aggraziato con le sue sensuali labbra di un rosso molto sexy. Andai da lei e le chiesi cosa volesse e lei mi disse che voleva parlarmi e nulla più.

Passammo la giornata a chiaccherare del più e del meno, ad un certo punto lei mi disse che col suo nuovo compagno andava tutto bene e che non rimpiangeva prprio mio padre, o da parte mia le dissi che papà stava bene e che aveva una donna che lo faceva sentire un vero uomo e che era felice, poi arrivò la domanda più difficile per me, quando mi chiese se anche io avessi qualcuno, le risposi di si che lo amavo e che facevamo sesso tutti i giorni anche più volte al giorno. Vidi un velo di tristezza nei suoi occhi, mi disse che le mancavo e che le avrebbe fatto piacere passare del tempo con me, poi mi propose di andare a comprare dell'intimo per arrapare il mio lui. Appena comincio a provare dei completini vedo mamma che prima si rabbuia e poi sembra quasi eccitarsi e mi chiede sempre con più insistenza chi trombo, io cerco di non risponderle, fino a quando lei mi dice che con papà lei riusciva ad avere solo 1 orgasmo prima che lui le venisse debolmente nella fica, siamo fuori delnegozio, allora io perdo la pazienza e le dico che evidentemente non è poi questa grande amante, ormai siamo saliti in macchina e andiamo verso casa, lei mi incalza e mi chiede cosa ne so, intanto siamo sotto casa e le dico che è da un anno che io e papà siamo amanti e che quando godo poco mi fa venire almeno 3 volte e che i suoi schizzi sono un vero portento e che lo desidero come non ho mai desiderato un altro uomo. Mamma mi dice che sono una piccola troietta, intanto siamo entrati in garage, mi chiede se c'è papà io le dico di no e con fare fulmineo mi slaccia la camicetta e mi tocca un seno che diventa subito duro io le dico di smetterla , ma lei continua allora, mi sorprendo non le do una sberla, ma le infilo la lingua in bocca e pomiciamo. Ero fradicia e la volevo. ANCHE LEI MI VOLEVA LO URLO' CON TUTTO IL FIATO CHE AVEVA IN CORPO, "TI VOGLIO TROMBARE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!".



Era come impazzita l'idea che io fossi l'amante di mio padre le fece perdere la brocca, era eccitata da morire ed io decisi che doveva morire, volevo che lei sapesse quanto fossimo felici e quanto fosse eccitante fare l'amore con suo marito, volevo che lei soffrisse, non sono sadica, ma volevo che lei avesse chiara la percezzione di come fossi diventata brava a fare certe cosette. Arrivati a casa fui talmente rapida a spogliarla che lei quasi non si accorse di quello che le stavo facendo, in men che non si dica era legata mani e piedi al letto, non poteva muoversi ed io indossai le miei sexy pantofole, un decoltè con tacco a spillo di 15 cm, di vernice nera allacciato alla caviglia, poi mi misi del rossetto rosso sulle labbra e andai da lei che si dimenava. Cominciai un lento gioco di sguardi e di leggeri tocchi, le sfioravo le coscie e poi mi allontanavo, mi avvicinavo al suo clito, lo toccavo per un po e poi mi allontavavo, le infilai anche due dita dentro la fica stantuffai per alcuni secondi e poi fuori. Questo gioco la fece impazzire, ad un certo punto quasi delirava, anche io ero eccitata, allora io mi alzai e con una calma esasperante sculettando come una top model uscii dalla stanza andai in bagno e mi diedi piacere con un fallo di lattice. Dopo aver goduto tornai in stanza, aiutai la mia mammina a distendersi un pochino e la penetrai con quel cazzo, ma decisi che non doveva ancora godere glielo lasciai dentro e andai a preparare la cena.



La feci mangiare a letto, godevo nel vederla li che ormai era in mio potere.

Sembrava quasi sull'orlo di una crisi di nervi quando mi supplicò di farla godere, allora le chiesi se voleva che la scopassi o preferiva un vero rapporto saffico, lei mi disse che in questo momento avrebbe preferito essere selvaggiamente trombata, presi il suo strapp-on e provvidi a darle piacere, ma me lo diedi anche io, finalmente potevo scoparmi quella troia senza alcun riguardo per il solo gusto di fotterla. La liberai volevo che provasse il più intennso piacere e volevo che me ne desse a me, le montai su le allargai le coscie e poi senza alcun riguardo le dissi accogli questo cazzo puttana, lei cacciò un urletto, misto di intenso godimento e di dolore, non fui molto delicata (la dolcezza era solo per mio padre). La scopai a lungo fino a che ebbbe il primo intenso orgasmo, poi la feci girare e la scopai alla pecorina, godette di nuovo, io ero all'apice del piacere, ma prima di godere volevo il suo culo, e così estrassi il cazzo dalla fica della cara mammina e glielo misi all'entrata del culo, lei prima mi chiese di fare piano, poi mi disse di sfondarle il culo, e che tanto non era vergine nemmeno li. La stantuffai parecchio, poi presi il fallo che le avevo messo prima della fregna e la scopai anche li, fu l'apoteosi dell'orgasmo venni pure io.

A quel punto le dissi che io andavo a farmi una doccia e che quando tornavo in salotto non la volevo più vedere.

La reazione di mia madre fu di sconcerto, mi chiese, anzi mi supplicò di non mandarla via, io le dissi che non la volevo più vedere e che nemmeno papà la voleva più, poi le dissi di scordarsi di noi.

Così fu.



Papà tornò un giorno prima, non volle sapere nulla di me e di mia madre, mi chiese solo se si sarebbe fatta rivedere, io gli dissi che lo escludevo e che sapeva di noi due e che si era tremendamente eccitata.

Squillò il telefono, era lei mi chiese di dire a papà che voleva il divorzio, quando lo dissi a papà lui tirò un sospiro di sollievo e disse che accettava, lei gli disse che non voleva soldi ne niente, ma che non voleva più avere niente a che fare con noi, che io l'avevo fatta godere in un modo incredibile e che poi l'avevo cacciata, non ci voleva più vedere, papà le disse che io ero l'essere più dolce al mondo e che quando godiamo siamo uniti sempre di più, poi le disse di mandare le carte per il divorzio in ufficio, ma di farlo velocemente e che se era tutto OK lui avrebbe firmato (le carte arrivarono circa due giorni dopo, papà le lesse non c'era richiesta di soldi e non si face cenno all'incesto. Firmò. dopo circa un mese rivide mamma in tribunale, io non c'ero, divorziarono. Fu la fine del loro rapporto).



Finita la telefonata, papà mi abbracciò mi diede un bacio in bocca a tutta lingua e poi mi disse che aveva ricevuto una forte promozione, ma che questo voleva dire trasferirsi da Roma a Milano, e che li nessuno ci conosceva, io lo guardai negli occhi e gli chiesi" "mi presenterai come?" e lui glaciale: "nell'unico modo possibile…", e dopo una lunga pausa che mi terrorizzò: "come la mia compagna, ma io preferierei come la mia fidanzata, tu che ne dici?" Non dissi nulla gli tirai giù i pantaloni e i boxer e gli feci diventare il cazzo bello in tiro, poi lo feci sborrare in bocca. Quella notte non chiudemmo occhio facemmo l'amore, tutta lo notte, alla mattina lui mi disse: "amore ora riposati io vado in ufficio, tra una settimana sarà fatta non ci dovremo più nascondere, potremo vivere il nostro amore felicemente e senza sotterfugi". Mi baciò e andò via.



Dopo circa 10 giorni da quella notte avevamo casa piena di scatoloni, una vicina di casa mi disse che ero fortunata, avevo un marito molto gentile. Lo chiamai e glielo dissi, lui rise e mi disse che mi aveva comprato una fede e che me la avrebbe dato questa sera. Alla fine essendo un uomo all'antica, anche se per finta (visti in nostri rapporti familiari), voleva che noi fossimo marito e moglie. La sera ebbi il mio anello nuziale. Ero al settimo cielo.



A Milano si vive bene, io e Gianni ci amiamo e siamo felici, solo nell'intimità del nostro letto per eccitarci ci chiamiamo papà bambina mia.



Ma questa è un'altra storia.

Questo racconto di è stato letto 9 2 4 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.