Voglioso di Laura

Scritto da , il 2016-06-12, genere prime esperienze

Mi chiamo Andrea e ho 21 anni. All' epoca di questo racconto ne avevo 15. Era un normale pomeriggio di marzo ed io e Laura stavamo in casa aspettando che smettesse di piovere. Con Laura ci crebbi insieme e andammo nella stessa classe dalla materna fino alle medie. Era una ragazza carina con i capelli corti e rossi e un fisico mozzafiato. In quel periodo non aveva un seno particolarmente grande ma aveva comunque delle tette niente male per l'età.
Tornando a quel giorno stavamo in casa aspettando che spiovesse per uscire e nel frattempo sentivamo la musica uno in braccio all'altro. Eravamo molto intimi e per noi era cosa normale abbracciarci o darci baci (sulle guance).Quel giorno però si andò oltre e, nell'ascoltare la musica, le palpai il sedere naturalmente scherzando, lei capendo lo scherzo si mise a ridere e fece la finta offesa allora io un po' eccitato dalla situazione e un po' per stupirla feci una cosa che nessuno dei due si sarebbe immaginato, la baciai. Non so il motivo ma fu la prima coaa che mi venne in mente. Anche lei pero' ebbe una reazione diversa da quella che mi aspettavo cioe' mi assecondo' . Fino ad allora nessuno aveva mai parlato dell'argomento sesso anche perche' avevamo solo 15 anni fu quella cosi' la prima volta che ne parlammo. Passamo qualche minuto a limonare dopo di che mi chiese se l'avevo mai fatto e se mi andava di provare. Io senza pensarci due volte accettai e preso dalla foga mi levai i pantaloni. Lei fece lo stesso con i propri vestiti e rimase in reggiseno e slip. Prima di allora non la vidi mai così e notai che era diversa da quando stava in costume. Feci io il primo passo e ricominciai a limonarla stavolta con più decisione e voglia come per farle capire che era mia e comandavo io in quel momento. Mentre la baciavo iniziai a palparla e la sentii rigida e un po impacciata ma andando avanti si sciolse e iniziò pure lei a toccare e massaggiare. Dopo diversi minuti di preliminari le sganciai il reggiseno e iniziai a leccargli per bene quelle piccole tettine belle tonde nel frattempo ci sdraiammo e io ormai nudo da un pezzo, gli feci sentire la presenza. Lei con un po di timore lo prese in mano e io guidandola le feci aprire la bocca e , senza farle dire una parola, lo misi tutto in bocca nnonostante la paura se la cavo' abbastanza bene. Mentre lei mi sbocchinava io gli levai le mutande e cominciai a massagiarle la fica avvertii dei brividi e notai che iniziava un po a contrarre il corpo. Era parecchio stretta e faticai a farle entrare solo la cappella. Forse non fù troppo piacevole per lei ma dovetti spingere forte per entrare e capii che le stavo facendo male. Nonostante le sue urla di dolore e piacere iinsiemecontinuai imperterrito. Purtroppo non durai molto e per non correre rischi gli venni in faccia e sulle tette.

La cosa si ripeté anche altre volte ma non negli stessi modi.

P.S. scusate la lunghezza ma mi piace raccontare i dettagli.

Questo racconto di è stato letto 9 2 8 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.