Erotici Racconti

Storie di una coppia -reale- ( secondo )

Scritto da , il 2016-05-23, genere gay

Nel racconto precedente ho narrato di come io e il mio fidanzato siamo arrivati alla decisione di aprirci sessualmente al mondo, in un modo un pò particolare ovviamente. Il giorno dopo l'accaduto del racconto precedente andai a prenderlo e ci vedemmo, non nascondo che fu una notte molto turbata, stavo male con me stesso e avevo lotte interiori, fu bruttissimo, ma non potei fare a meno di tirarmi tante seghe da aver perso il conto, ed era questa la cosa che mi convinceva a proseguire, la vita è una, non voglio privarmi di tali eccitazioni. Appena ci vedemmo parlammo a lungo, evito i dettagli, il succo fu che avremmo trovato ragazzi per provare ogni genere di perversione che ci fosse passata per la testa, gli dissi che a me assillava il pensiero di vederlo scopare con altri, forse anche senza partecipare io, una sorta d cuckolding, ma non sapevo bene nemmeno io e fu questa la motivazione a spingerci a provare TUTTO. Quella sera per "festeggiare" facemmo l'amore, non sesso, ma amore, fu bellissimo, sentivo che ci amavamo, che provare altre cose poteva essere solo un "di più" al nostro amore, non dovevamo privarcene. Andammo in un posto dove si appartano le coppiette, parcheggiai e iniziammo a baciarci, dopo pochi minuti di grattini, baci, carezze, morsi, capezzoli, iniziai una delle mie cose preferite: il rimming. Senza dita, solo lingua e barba, quel buchetto era mia, stava a pecorella con un ginocchio poggiato sul sedile passeggero e l'altro sul sedile conducente, in modo da porgere bene il buco a me, schiena ben concava verso il basso, una pecorella insomma, durò per buoni 15 minuti quel bel massaggio anale, poi mi alzai, lasciandolo stesso in quella posizione, presi il mio cazzo e iniziai a spingerglielo dentro, godeva molto, si masturbava e aveva il suo cazzo duro come la pietra, quando respirava lo faceva gemendo, segno di immensa goduria, cosa che a me manda su di giri, allora preso dalla foga, come al solito, inizio ad aumentare sempre più la forza e la velocità, la CAZZIMMA come si dice a Napoli. L'auto è scomodissima, vorrei alzarmi con la schiena e quindi ricordo che la mia auto ha il tettuccio apribile, così lo apro tutto e con mezza testa fuori dal tettuccio riesco a stare diritto e scoparlo ancora con più velocità, con le mani gli palpo i glutei come se stessi impastando la pasta del pane, quasi glieli strappo, sono perfetti, sodi, tutto. Poco dopo sto per venire e lo avviso, di scatto si gira e come al solito finisce di bocca, non vuole che gli vengo dentro perche dopo deve tenerselo fino a casa e si bagna i pantaloni, non posso venire liberamente per non sporcare l'auto e quindi resta solo di venirci in bocca. Ora tocca a lui, si gira, normalmente steso, gli faccio un pompino, due dita nel culo che per sua puntuale richiesta devono essere molto forti e veloci a fare avanti indietro ( proprio come quando lo scopo ) come piace a lui e vado cosi, fino a quando non immagino che possa esserci qualcuno che magari gli mette il suo cazzo in bocca da quella posizione e poichè ora eravamo una coppia "nuova" gli dico: " immagina che ora venga Antonio e ti ficchi quel pisello che tanto ti piaceva in gola e ti scopi la bocca, mentre io ti faccio il pompino e ti stimolo il culo", così gli metto altre due dita in bocca per rendere più realistica la scena, nemmeno due secondi e mi inonda la bocca come non mai, avrei voluto tanto segarmi anche io ma avevo le mani occupate a far godere lui. Ci vestiamo, ci sistemiamo, e iniziamo a cazzeggiare, nemmeno a farlo apposta nei suggerimenti delle amicizie di Facebook gli compare il profilo di quella pizzeria e così un po da stalker iniziamo a cercare nome e cognome di Antonio, il ragazzo muscoloso a cui Francesco fece il pompino il giorno prima, lo troviamo, gli manda la richiesta e pochi secondi dopo il mio ragazzo e Antonio erano amici su Facebook, io ero nuovamente eccitato... arriva un messaggio da Antonio....CONTINUA

PS: Vi prego di farmi sapere che ne pensate dei miei racconti, per ora non sono ancora il massimo perchè sto ripercorrendo passo passo tutta la storia e questa è la parte meno erotica e più noiosa, ma se volete potete iniziare a darmi consigli di esposizione, se volete fare domande, un incoraggiamento, un cenno, qualsiasi cosa, per me è molto difficile scrivere perchè seppur per me sia eccitante la cosa, moralmente mi fa un po male ripercorrere queste cose, quindi spero nella vostra esortazione come motivazione di proseguire, grazie al prossimo episodio, un bacio, Ale.

Questo racconto di è stato letto 3 6 4 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.