Avere 30 anni e tutte queste ninfe intorno. CAP 2

Scritto da , il 2010-10-01, genere etero

fino ad ora:

Sono Massimo, ho 30 anni e insegno lingue in alcuni licei. Un giorno mi arriva un email con all'interno le foto nude e provocanti di una giovane ragazza, unico segno di riconoscimento un piccolo tatuaggio. Questo è il racconto di ciò che ne seguì.





2.



Lunedì a scuola potete immaginare il mio stato d'animo: teso, eccitato, assolutamente non lucido.

Ero entrato in classe con mille pensieri che prepotentemente mi assillavano dal giorno prima.

passavo da momenti di totale euforia, immagini di sesso estremo con 18enni arrapate e sottomesse, alla paura di poter venir molestato e sputtanato da una psicopatica ragazzina viziata.

E a proposito di ragazzine viziate ne avevo parecchie in classe quel giorno, ed ora le guardavo tutte con altri occhi.

Certo, già le vedevo come giovani e belle ninfe, non che non avessi fatto pensieri su di loro. ma adesso quei pensieri erano assolutamente concreti, prendevano il sopravvento, non riuscivo a scacciarli.

Schiacciate sotto quelle camicette potevano esserci quei seni che avevo visto nel video, poteva fare capolino dalle mutandine il tatuaggio, quella piccola stellina vista nelle foto sulla mia e-mail. (Le mutandine le immaginavo bianche e caste, proprio da brava studentessa suorina del liceo classico)

Tutte, nella mia mente, mi guardavano sottecchi e vogliose. Giada e Marina, le stronzette, si lanciavano occhiate d'intesa... sicuramente dal mio atteggiamento avevano capito che il loro perverso gioco aveva funzionato; o stavo vaneggiando, paranoico?

E le altre?

Una più insospettabile magari.



Tornato a casa chiamai immediatamente la mia ragazza, ero eccitato come poche volte lo sono stato, la andai a prendere con l'idea di scoparmela con forza. Non aspettai neanche di arrivare a casa, fermai la macchina in un parcheggio di quelli molto frequentati dalle coppiette, che si trova proprio sulla strada per casa mia.

"ma cosa fai? non mi porti a casa?" "no" e cominciai a baciarla e a toccarla. tanta era la mia foga e la mia passione (e la sua) che la convinsi subito -c'è da dire che è il tipo di ragazza che si lascia convincere facilmente per questo genere di cose-

Ribaltai i sedili e cominciai a farmela con foga e passione, niente pompini, niente tenerezze, ma tanta tanta voglia. Lei era un lago, come se la mia passione si fosse immediatamente trasferita in lei, e mi incitava. "sii, scopami" ed io immaginavo che nelle altre macchine la sentissero, sentissero le sue urla di piacere.

Ritornavo 20enne, sesso in macchina, poco spazio, tanto sudore, quella strana sensazione di farlo vicino ad un sacco di altra gente. Zero pudore.

Come sicuramente lo facevano quelle ragazzine tanto caste della classe di oggi, in macchina in qualche parcheggio vicino a coppiette esattamente come loro, tra guardoni e amanti.

Quanto godevo!

Mi misi sotto, incurante del fatto che quelli accanto a noi (saranno stati 5 metri) potessero vedere le sue tette, anzi, eccitato da questo fatto. e lei ancora con i suoi "siiii, amore scopami" che altri avrebbero potuto sentire. "Vengoooooooo, oddio, vengooooooo" urlava. e poco dopo anch'io, con un rantolo le venni dentro.

Poi sapete come vanno queste cose, comincia il rito del fazzoletto, cercarlo ovunque, ed una volta trovato pulirsi e buttarlo fuori dal finestrino... in quel momento dalla macchina accanto sentiamo un rantolo, un "siiiiiiiii", una voce femminile.

La mia donna mi guarda e mi chiede, ridendo "dici che ci hanno sentiti?".

"speriamo."

Questo racconto di è stato letto 4 3 1 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.