Erotici Racconti

Il primo passo

Scritto da , il 2016-02-02, genere etero

Qualche tempo fa, quasi spinta da un'irrazionale necessità, ho usato questi spazi per scrivere il resoconto dell'unica trasgressione "reale" che abbia mai vissuto. Dico reale perché, in questo campo, le fantasie non sono certo mai venute meno. Né a me né, tantomeno, ai vari lui che ho avuto accanto. Fra di noi il sesso non è mai mancato, anzi. Così come non sono mai mancate la complicità, la voglia di osare, di cercare nuove strade e nuove emozioni. La voglia, appunto.

Quante volte le mie fotografie, anche nelle pose più sconce, sono state viste nei siti di scambio? E quante volte i nostri annunci? Ho passato interi giorni a selezionare quelli che mi andavano più a genio, i singoli, le coppie, i gruppi. Interi pomeriggi a scegliere gli abiti più audaci, o il trucco più seducente per questi futuri incontri. Le stesse mise che poi, come in un rito preparatorio, io indossavo nelle uscite serali i giorni precedenti l'incontro prefissato con questa o quell'altra coppia scambista. Nei ristoranti gli uomini non mi staccavano gli occhi di dosso, e nei cinema era un continuo voltarsi di teste. L'onda di calore che in quei frangenti sentivo montarmi fra le cosce mi predisponeva in modo ingordo a quanto sarebbe avvenuto di lì a pochi giorni. Solo che...

Solo che, fra sognare le cose e viverle c'è sempre un passo da fare. E io sono una a cui, da sempre, manca proprio il "primo passo".

E così, con una scusa o con l'altra, all'ultimo momento gli incontri prefissati venivano cancellati uno via l'altro. Nella mia memoria conservo una ricca collezione di facce stampate da allibito stupore dei miei lui, quando annunciavo le mie irrevocabili decisoni. Così come non è breve la lista delle amicizie incrinate da repentini dietro-front sulla soglia di club privee. Ovviamente dopo settimane passate a fantasticare, e con forza convincere, coppie di amici a provare quell'esperienza insieme.

E certo non sto qui, ora, a lamentarmi del fatto che i miei ex, uno via l'altro, come gli incontri mai fatti, si siano anch'essi defilati. O del fatto che l'uomo con cui condivido oggi la mia esistenza non fantastichi più. Non gliene faccio una colpa, il mio modo di fare fiaccherebbe le fantasie di chiunque. Ma non le mie. Perché anche se con lui non ce lo diciamo più, quando facciamo sesso io non riesco a fare a meno di riempire la mia mente di guardoni al parcheggio che si masturbano per me. O di sconosciuti che mi scopano in un vicolo buio. O di donne che mi incitano a passare la mia lingua sulla loro fessura aperta, mentre un possente uccello mi prende da dietro.

Quante volte mi sono interrogata sul perché di quelle mie improvvise rinunce. E quante risposte (o scuse) diverse mi sono data (o raccontata). E poi, alla fine, ho smesso di chiedermi tutto e mi sono messa a scrivere. Nero su bianco, le mie fantasie, le mie voglie, le mie trasgressioni. Ho pensato che, forse, attraverso la scrittura avrei potuto sublimare quel mancato primo passo. Ed è successa una cosa incredibile. Mi sono accorta che qualcuno leggeva quello che scrivevo, che addirittura mi facevano i complimenti, incitandomi a continuare. E questo, più che a scrivere mi ha spinto a leggere. Ho passato serate intere immersa nelle fantasie degli altri, soprattutto in quelle in cui il confine fra realtà e fantasia è assai labile. Laddove incontravo gli stessi miei dubbi, i miei timori rileggevo e rileggevo, cercando di capire se anche chi scriveva avesse affrontato le mie stesse paure, compiuto i miei stessi sbagli. Una sera, sull'onda dell'eccitazione decisi di contattare colei che avevo appena finito di leggere. La mia solita esitazione e timidezza non ha certo reso facile la comunicazione, ma tutto diventa semplice quando incontri una persona che ti sembra di conoscere da sempre, un'altra te stessa.

Non mi sbagliavo, le mie stesse paure e i miei stessi sbagli ma, in questo caso, affrontati e superati. E poi i consigli, la sintonia e la complicità. Quando incontri chi ti capisce fino in fondo, tutto diventa più semplice, anche fare le cose che, fino al giorno prima, avresti rifiutato con sdegno. Insomma, la domanda che mi pose era semplice: "ma non è che quel passo che non fai altro non è che la paura di affrontare un cazzo che non sia quello del tuo compagno, un cazzo fuori dal sentimento, insomma". Lì per lì mi impermalosii: "Ma come? Io? Che non faccio altro che fantasticare su quanti cazzi potrebbero possedermi?". La sua risposta fu lapidaria, ma efficace: "Fantasticare, appunto!"

Quel dubbio si insinuò in profondità, mi accompagnò per giorni, fino a quasi diventare ossessione e, per liberarsi dalle ossessioni non c'è che un modo: affrontarle. All'insaputa di tutti, tranne che di lei, scorsi febbrilmente pagine e pagini di annunci di escort per donne. Tralascerò sulle mirabolanti prestazioni che tutti sembravano offrire o sul fatto che alla fine altro non si rivelassero essere che tamarri più tamarri di qualunque tamarro avessi mai incontrato in vita mia. Avevo preso una scelta e volevo andare fino in fondo. Mi focalizzai solo sugli "attributi documentati", e non solo magnificati a parole. Scrissi una mail al tipo che scelsi, chiusi gli occhi e premetti il bottone "invia".

E ora eccomi qua. Sono io e sono davvero qua. In questa camera d'albergo che è un sogno bianco di pulizia. Il tepore del riscaldamento soffiato da una condotta dell'aria mi solletica la pelle mentre giaccio su questo materasso morbido, circondata da cuscini e avvolta in una soffice coperta di piume, quasi stessi galleggiando su una nuvola. Dal letto posso vedere fuori dalla finestra il porto, incorniciato da montagne innevate. Il pallido sole è al tramonto, e rischiara di giallo caldo tutta la città lì fuori. Non ci credo, mi dico, chiudo gli occhi e sorrido a me stessa, al ricordo dei tanti primi passi mai fatti.

Da quell'incredulo torpore mi strappa l'improvviso silenzio dello scroscio d'acqua nella doccia. Con gli occhi semichiusi immagino che ora si starà asciugando e preparando per me. Lo immagino già uscire dalla doccia, perline d'acqua ancora sul suo petto, piccoli rivoli che gli dipingono il corpo scendendo verso il basso. E poi smetto di immaginare, la porta del bagno si apre ed eccolo emergere, nudo, nella stanza calda.

Facendo finta di averlo sentito solo ora, mi giro lentamente, allontanando la coperta dal mio corpo nudo e profumato. Lui non trattiene un sorriso e allunga una mano ad accarezzarsi il suo fantastico sesso che si sta già facendo duro. Si avvicina e si siede qui, sul bordo del letto, mettendomi una mano sulla caviglia e iniziando lentamente a massaggiarmi. Gli guardo il viso mentre, con un sorriso sulle labbra, fa scorrere la punta delle dita sulle mie gambe.

Tutto mi passa davanti agli occhi, gli annunci degli scambisti, i dietrofront ai privee, tutta una vita di fantasie evocate ma mai realizzate. E mi sale una voglia terribile di prendere in mano quel grosso uccello pulsante, di stringerlo, menarglielo su e giù, passarlo fra le mie labbra, infilarmelo in gola e poi in tutti i miei buchi vogliosi. Tutto, subito, ora! E invece mi faccio forza, non forzare nulla, mi dico, goditi tutto, ogni singolo istante, ogni momento di questo mio infinitamente rimandato "primo passo".

E così rimango ferma, lui si avvicina e mi bacia il ginocchio, per poi aprirmi delicatamente le gambe mentre con la mano risale lungo la mia coscia interna increspata dai brividi. Lascio ricadere l'altra gamba, ora la mia fessura rosea è competamente esposta, lucida degli umori che sento colare lungo le mie gambe, e montarmi nella mia testa. Con le braccia incrociate dietro la testa mi lascio andare in completo abbandono e sento il suo viso rasato iniziare a strofinarsi contro la mia coscia. Vagamente sento il ronzio provenire dalla città fuori dalla finestra, ma non c'è spazio per altro quando inizia ad usare la sua lingua dentro di me.

Chiudo gli occhi, assaporo ogni istante di quell'orgasmo che inizia a squassarmi da dentro, ma ciò che più di ogni altra cosa mi manda in estasi è il pensare che sta succedendo davvero. Non ci sono più passi da fare, tutto è stato fatto, ci sono io qua, e ora. E fra poco lui mi tirerà a sé facendomelo scivolare dentro fino in fondo. Che cazzo, ragazzi, dovreste sentirlo, che uccello magnifico...

Questo racconto di è stato letto 2 1 4 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.