Il folle ritorno di Carlo e Ginevra (PT1)

Scritto da , il 2016-01-04, genere etero

E proprio come accade nei migliori romanzi d'amore Carlo e Ginevra alla fine si sposarono e diedero vita a Manfredi, un bellissimo bambino dai capelli biondi e gli occhietti vispi e azzurri. Carlo si era totalmente innamorato di quella fragile creatura, e guardava la sua donna con occhi ammirevoli, era davvero un padre perfetto; notti in bianco, massaggini al pancino per le colichette, aveva addirittura imparato a cambiare i pannolini, senza parlar del fatto che ogni sera dopo cena, Ginevra si metteva sulla sedia a dondolo ed allattava il piccolo, mentre Carlo si metteva seduto di fronte a lei e la ammirava, una sera, dopo circa tre mesi dalla nascita di Manfredi, Carlo tornò a casa, era particolarmente stanco, ed un processo molto complesso lo stava impegnando giorno e notte, inoltre l'attività sessuale dalla nascita del piccolo era affievolita, pertanto non aveva alcuna valvola di sfogo e lo stress iniziava a farsi sentire. Così, dopo cena, mentre Ginevra allattava il piccolo, lui la osservava , e si sentiva rassicurato da quella figura materna, ma allo stesso tempo ne era dannatamente affascinato, lei era lì, i suoi boccoli biondi scendevano sulle sue spalle, aveva il viso stropicciato ma sempre impeccabile, le labbra carnose e arrosate, indossava un morbido pigiama di seta rosa che le lasciava le gambe scoperte, come i suoi delicati e curati piedini, Manfredi allattava da questi enormi seni pieni di latte, che puntualmente scopriva abbassando una spallina del pigiama, e mentre il bambino si riempiva la bocca con tutto quel caldo latte, Carlo era lì, faceva sua quella scena, e con voce flebile disse :
« Vorrei tanto essere al suo posto»
Ginevra lo guardò, era impietrito, lei non rispose, finí di allattare il cucciolo e lo mise a dormire.
Carlo intanto si era alzato per prendere un bicchier d'acqua e per rompere quell'imbarazzante situazione, che quasi lo faceva sentire in colpa.
Ginevra però non era per niente offesa, aveva capito cosa intendesse il suo uomo e gliene riconosceva il diritto, e l'esigenza.
Così aspettò che lui tornasse in camera e mentre si era messo seduto sul letto in procinto di entrare sotto le lenzuola gli si avvicinò, le sue areole avevano sporcato la canotta di latte, due grosse macchie più scure bagnavano la seta del pigiama, i capezzoli erano turgidi, e le guance arrossate, si mise in piedi tra le sue gambe e disse:
« Allora, vai a letto a digiuno?»
Carlo le sorrise sollevato e con uno sguardo pieno di desiderio, si alzò, la sollevò e la buttò sul letto, iniziò a baciarla, a leccarle le labbra, la sua protuberanza premeva tra le gambe di Ginevra, gli umori le avevano bagnato il pantaloncino del pigiama, Carlo scendeva sempre più giù, da sopra la canotta accerchiò con le labbra le macchie e mise in bocca quel pezzo di stoffa bagnato, morse il capezzolo destro e Ginevra sussultò, non riusciva a distinguere il dolore dal piacere, e con fare scaltro lo capovolse e gli salì sopra, continuò a baciarlo, mentre cercava di trattenere ( con scarsi risultati) i suoi polsi sul letto e muoveva il suo bacino, la sua vagina aderiva perfettamente sul suo duro bastone, continuò a muoversi non curante di niente, prima lentamente e poi con ritmo più frenetico, era talmente eccitata, Carlo ansimava, iniziava a perdere il controllo, il suo membro pulsava, aveva bisogno di un vero contatto carnale , nel frattempo Ginevra sfilò via la sua canotta, e mise in faccia al suo uomo il suo pieno e grosso seno dal quale scivolavano lungo la pancia piccole goccioline di latte, Carlo non poté resistere, vi immerse il volto e ne divorò una, la fece sua con la stessa foga di un bambino affamato, Ginevra ansimava, e iniziava a tremare tutta, finché lui non si staccò e la sollevò nuovamente, iniziò a penetrarla in piedi, aveva le spalle appoggiate al muro e la grande e grossa verga di Carlo piantata nella vagina, i suoi colpi erano spietati, e con la stessa foga rimise a terra la sua donna, la giro con il volto verso il muro la sollevò e la mise in punta di piedi, con la mano sinistra intanto, stringeva un seno bagnandosi le dita, mentre con la destra la sculacciava senza pietà, il suono echeggiava nella stanza, così come le ansimanti lamentele di Ginevra, lla bocca di Carlo era impegnata a leccare la sua spina dorsale, finché arrivato alle fossette di Venere della zona lombare, si fermò, sistemò e alzò a sua comodità il fondoschiena della moglie e con un dito tracciò una linea dal clitoride al buco magico e lo lubrificò con i suoi stessi corposi umori, dopo di ciò le prese i capelli tra le mani ed iniziò a sfondarle l'ano, con dei colpi furiosi, e con una velocità folle.
FINE PRIMA PARTE.

Questa prima parte si conclude qui, con questo mio nuovo racconto colgo l'occasione per ringraziarvi, nel mese di Novembre, grazie a voi, sono stata eletta autrice del mese.
Spero che anche questa nuova creazione possa esser di vs. gradimento.
Attendo come sempre i vostri dolcissimi pareri.
Un forte abbraccio,
Ginèvre

Questo racconto di è stato letto 2 1 3 3 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.