Chiavo mia madre 9- Il mio matrimonio e lo jous primae noctis

Scritto da , il 2013-12-03, genere incesti

Ailke che si era personalmente occupata di organizzare il matrimonio ed i festeggiamenti aveva voluto che invitassimo tutti i nostri amici più intimi quanto ai parenti,mi aveva pregato di invitare solo quelli meno curiosi ed invadenti.

In realtà di parenti ne avevamo ben pochi e soprattutto Silvia non aveva neanche voluto informare i suoi genitori coi quali aveva un pessimo rapporto e dei quali aveva perso da molto tempo ogni traccia.

Mia madre aveva invitato solo una sorella che timorata di dio conduceva una vita molto riservata ed era sicura che avrebbe assistito alla funzione religiosa senza partecipare al banchetto.

Silvia aveva invitato diversi suoi amici ed anch'io avevo invitato alcuni amici d'infanzia e parecchi compagni dell'università.

Quanto alle numerose ragazze che mi ero chiavato,le avevo invitate tutte e solo alcune di loro sono venute accompagnate dai rispettivi mariti con figli al seguito.

Patrizia la mia amica più intima complice di mille battaglie erotiche adducendo un impegno di lavoro,ha lasciato a casa il marito ed il bambino (che forse le avevo fatto partorire io)ed è venuta accompagnata solo dalla sua prepotente bellezza e
dalla sua statuaria presenza fisica.

La cerimonia si era svolta in una bellissima e calda giornata autunnale,fortunata coda,di un'estate bizzarra e piovosa.

Patrizia ne aveva approfittato per venire vestita solo di un'attillata gonna nera appena sotto le ginocchia ed una camicetta di seta fuxia stretta in vita e molto scollata.

Certamente non vi era nulla di volgare nel suo abbigliamento anche se l'assenza del reggiseno e di ogni altro capo di biancheria intima,ne facevano risaltare in modo provocante le tornite e ben sode forme.

I capelli tirati su ed un trucco dai colori fuxia e nero che si intonava perfettamente alla sua mise ne faceva la più bella e sensuale tra le molte donne invitate.

Tutti coloro che la vedevano sicuramente pensavano che sotto i leggeri indumenti fosse nuda.

Io ne ero certo Patrizia non indossava altro che una camicetta annodata in vita ed una gonna a portafoglio che all'occorrenza potevano sparire con un semplice tocco delle dita.

Ailke dal canto suo non aveva invitato nessuno e dunque alla cerimonia non eravamo più di una sessantina di persone.

Per il pranzo ci siamo trasferiti tutti nella villa di Ailke la quale aveva fatto allestire un ricchissimo servizio di catering parte in giardino e parte negli ampi saloni nel caso che vi fosse brutto tempo.

Il pranzo si è svolto in maniera molto formale in cui l'argomento principale era la curiosità che spingeva amici e parenti ad informarsi su quella strana famiglia di ricchi e biondi teutonici che ci ospitava e che mostrava di avere una particolare confidenza ed amicizia con me e la mia famiglia.

Patrizia a differenza di tutti gli altri non mostrava alcuna curiosità.

Lei infatti aveva capito sin dal primo istante quali fossero i nostri rapporti.

Quando dopo la cerimonia l'avevo presentata alla mia sposa ed alla famiglia che ci ospitava tra lei e Ailke si era subito stabilito una immediata simpatia ben presto divenuta complice intesa.

Durante il pranzo lei era seduta allo stesso tavolo della bionda famiglia nordica tra Ailke e suo padre.

Io la mia sposa,mia madre e mio padre occupavamo il tavolo accanto al loro.

Ben presto ai miei occhi si è materializzata la stessa scena che avevo già vissuto le 2 volte che al ristorantino avevo incontrato Ailke con suo figlio.

Anche Silvia se ne era accorta ed avvolta dal candido velo da sposa,mi lanciava ammiccanti occhiate accompagnate da complici sorrisi.

Ailke infatti si era sfilata la scarpa ed aveva portato il piede sul sesso di suo figlio.

Negli stessi istanti vedevo lo sguardo di Patrizia divenire via via più languido mentre percepivo che a stenti riusciva a trattenere il respiro sempre più affannoso.

Dio solo sa se non riconoscevo in quella espressione la Patrizia infoiata che tante volte avevo visto all'opera.

Ailke e suo padre avevano una mano sotto la tovaglia e certamente stavano ravanando tra le cosce di Patrizia che non aveva certamente difficoltà ad accoglierli entrambi scostando la gonna a portafogli ed allargando le gambe.

Aveva certamente già avuto un orgasmo Patrizia pudicamente celato sotto il tovagliolo che si stringeva sul viso.

Quando il suo volto mi è apparso meno teso ed illuminato da uno sguardo gioioso,Kristof si è alzato ed ha lasciato la sala.

Dopo un po' anche Ailke si è alzata dal tavolo e tenendo Patrizia per mano si è diretta verso la villa.

Quando è tornata era sola.

L'affascinante bionda aveva accompagnato la mia amica sino alla porta della camera di Kristof e mentre la lasciava le aveva detto:

-Vai tesoro....vai anche tu tra le braccia di mio padre e concediti quei momenti d'amore e di passione che nessun altro sarà mai in grado di darti.

E poi Patrizia....se anche tu sarai fortunata tornerai con in grembo lo stesso regalo che Kristof ha fatto a me ed alla sposa del tuo amico Marco e potrai dare un fratellino ai miei figli al bimbo che la sposa ha in grembo ed al bambino che hai avuto da Marco.

Non è meraviglioso tutto questo?-

Trepidante per le parole che le aveva detto Ailke ed un po' stupita dal fatto che già sapesse che suo figlio non fosse di suo marito ma del suo amico Marco,Patrizia ha varcato la soglia della camera dentro la quale ad attenderla vi era il dio Odino col suo possente ariete già armato.

Per lei è stato sufficiente un semplice gesto delle dita per sciogliere gli inutili tessuti che la ricoprivano ed offrirsi così in tutta la sua splendida nudità al maschio che aveva incontrato solo poche ore prima e che l'aveva ammaliata col suo irresistibile fascino nordico e col magnetismo erotico che emanava da ogni poro della sua candida pelle.

Tre passi le sono stati sufficienti per essere al suo cospetti e cadere in ginocchio davanti al suo irresistibile feticcio.

Il membro di Kristof sporgeva in tutta la sua imponente virilità e quando Patrizia lo ha impugnato sentiva sotto le dita le gonfie vene pulsare al ritmo del suo cuore e senza ulteriori indugi,ha imboccato la livida cappella già umida di gocce che preludevano ai ben più abbondanti e fertili zampilli di bianca sborra.

Kristof era un vero stallone da monta ma inaspettatamente in quella occasione aveva incontrato in Patrizia una giumenta scalpitante,vogliosa ed inesauribile che teneva testa ad ogni suo assalto ed era in grado di soddisfare anche le sue più perverse richieste.

Due ore era durata quella battaglia.

Due ore in cui la femmina mortale è stata montata e riempita in ogni modo tenendo orgogliosamente testa al vigoroso dio che alla fine della tenzone si è accasciato sfinito in un lago di sperma umori e sudore orgoglioso però di aver ingravidato anche quella scalciante e bellissima giumenta.

Quando Patrizia è tornata al suo tavolo quasi tutti gli ospiti erano già andati via ma tutti coloro che erano ancora presenti non hanno non potuto notare l'aria raggiante che esplodeva dal suo volto illuminato da una strana luce.

Naturalmente il primo a capire ciò che era successo era stato proprio il suo amico Marco il quale vedendola arrivare le si è fatto incontro abbracciandola come se non si vedessero da tempo.

A malincuore Patrizia doveva lasciare la compagnia per tornare a casa da suo marito e suo figlio.

Erano già d'accordo comunque che sarebbe tornata il giorno dopo ed avrebbe trascorso tutta la giornata in villa.

Prima di partire però,si è avvicinata alla sposa e sfiorandole il volto come per baciarla le ha sussurrato:

-Sai Silvia.....forse è in arrivo un fratellino per il bimbo che hai in grembo.-

Quando finalmente tutti gli ospiti erano andati via,tutta la famiglia nordica,la sposa,lo sposo ed i suoi genitori sono entrati in casa.

Ovviamente l'atmosfera era frizzante e tutti erano ansiosi di recitare il loro ruolo nell'happening erotico che stava per iniziare.

Mio padre a conoscenza delle doti di Kristof non vedeva l'ora di accompagnare la moglie da lui.

E' stato subito accontentato da Ailke che ha accompagnato lui e mia madre da Kristof dove comodamente seduto su un divanetto ha potuto assistere alla monta di sua moglie che con la pancia già gravida e gonfia aveva subito riacceso le potenti voglie dello stallone.

Alla fine della monta,con mia madre ancora grondante di sperma,si è trasferito nella stanza che gli avevano riservato e con lei ha finalmente trascorso una notte di sesso come non gli succedeva da molto tempo.

Ero felice per mio padre che almeno in quella occasione aveva potuto rivivere l'esperienza che più lo eccitava;chiavare la moglie dopo che altri l'avevano riempita di sborra!

La mia prima notte di nozze si era conclusa come da programma.

Io avevo accompagnato la mia sposa da Kristof che già l'aspettava nella torretta addobbata come quando vi avevo ingravidato mia madre.

Il nostro dio e padrone esercitando lo jus primae noctis,aveva trascorso tutta la notte con la mia novella sposa mentre io ed il giovane Aaron avremmo trascorso la notte nel lettone con sua sorella e sua madre.

segue





Questo racconto di è stato letto 6 9 5 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.