Edoardo seconda parte

Scritto da , il 2024-03-01, genere etero

Edoardo seconda parte


Mi sveglio presto sono un po stordita per l'alcol bevuto ieri sera.
Sono sotto lenzuola bianche di cotone, girata di spalle a lui che dorme abbracciandomi da dietro.
Guardo la stanza nella penombra della luce che filtra dalle persiane e mi rendo conto che non ho niente da mettermi addosso, il camicione è rimasto a terra nel piano di sotto.
Mi scappa la pipi. Sguscio fuori dal letto nuda e cerco un bagno: è nel corridoio appena fuori la camera.
Bella casa arredata di tutto punto non sembra neanche una casa delle vacanze.
Avrei voglia di guardarmi in giro, mi piace esplorare la casa sconosciuta mi piace camminare completamente nuda a piedi nudi per òa casa sconosciuta.
Un'altra camera da letto simile alla sua, una camera padronale con bagno con vasca idromassaggio doppia.
Scendo di sotto dove cerco la mia borsetta e controllo il cellulare sono le 07:30 raccolgo sia i miei che i suoi vestiti e li metto sul divano. Continuo ad esplorare la casa di sotto, un bagno, un ripostiglio dispensa e una grossa cucina.
Torno di sopra in camera da letto e mi seggo su una poltrona che ha in camera e lo guardo dormire come un angioletto.
L'aria fresca della mattina mi ha inturgidito il seno e ho due capezzoli durissimi, penso alla sera prima, all'amore fatto. Amore o sesso? Sono proprio sicura di quello che ho fatto?
Sicuramente sono stata bene bella serata fin dall'aperitivo.
Lui dorme su un fianco rivolto verso la mia parte, mi viene di scoprirlo lentamente senza svegliarlo: ha veramente un bel sedere deve avere fatto tanto sport, solo così si hanno due chiappe belle sode e tonde come le sue.
Mi siedo sul letto per vederlo meglio. Ma lui si sveglia si gira verso di me e mi sorride dandomi un bacio a stampo di buon giorno alzando la schiena leggermente e piegando il cuscino.
Si copre con il lenzuolo ma infilo una mano sotto e glielo tasto lo stringo forte forte: non è duro ma neanche del tutto floscio lui mi sorride con aria tentatrice senza staccare gli occhi da i miei senza dire niente se non il buongiorno di prima.
Sento che inizia a crescermi nelle mani velocemente, lo scopro e lo guardo crescere mentre glielo masturbo.
Lui è in estasi non si aspettava questo risveglio, si abbandona al mio massaggio.
Poi si scatto si alza mi bacia ancora sempre a stampo sulla bocca e mi sussurra di seguirlo.
Mi prende per mano e mi porta in bagno camminando a ritroso e guardandomi il corpo con un sorriso, apre l'acqua della doccia e va a fare la pipì nel water davanti a me mostrandomi orgogliosamente il forte getto.
Va sotto la grossa doccia invitandomi a seguirlo, esitando un attimo ma poi lo seguo.
La doccia è bollente, si insapona e poi insapona anche me: schiena, spalle, sedere, passera, seno. Anche io faccio altrettanto con lui, la sua erezione è sempre più imponente.
Gli insapono tutto per bene, schiena spalle petto coso, palle e sedere.
Quelle due chiappe dure come il marmo. Lui mi bacia infilandomi la lingua in bocca e scambiandoci il sapore amaro delle nostre bocche. Sento la sua eccitazione.
Mi inizia a masturbare facilitato dallo scorrere del sapone che rende tutto liscio.
Faccio altrettanto a lui passo da carezzagli le palle a masturbarlo seguendo i suoi movimenti sulla mia vagina.
Mi infila un dito dentro non me lo aspettavo ma alzo la gamba e l'appoggio su una specie di seduta in muratura che c'è nella doccia per aiutarlo nel intento di penetrarmi col dito.
Perdo la presa dal sul pene e mi lascio scopare dal suo dito che sento scorrere in me.
Ritrovo il suo pene ed inizio a masturbarlo su e giù imitando il ritmo che fa lui con la sua mano su di me.
Ci fermiamo ci risciacquiamo rigirandoci e baciandoci.
Chiude l'acqua, mi abbraccia stretta stretta infilandomelo sotto.
Lo sento strofinarmi il clitoride e mi strofina tutta la mia passera. Lo trovo molto eccitante.
Mi alza leggermente con le mani sulle chiappe divaricando il sedere, sento che mi apre anche la passera.
Cerca di entrarmi dentro, lo aiuto alzandomi appoggiando una gamba ad una seduta in muratura che c'è dentro la doccia.
Tengo al suo collo alzandomi ancora di più, sento che cerca con una mano di indirizzare il suo coso verso la mia fessura con l'altra mi abbraccia il sedere mi fa salire un poco ancora.
Sento che inizia ad entrarmi dentro.
Lo sento enorme e non sono lubrificatissima ancora, mi fa leggermente male, gli dico di andare piano.
Esce e rientra , credo solo il glande. Lo fa un paio di volte. mi inizia ad eccitare ma è grosso e non sono abbastanza lubrificata.
Se ne rende conto ed esce, mi appoggia a terra e inizia a farmelo scorrere esternamente.
Io schiudo le gambe e lo stringo con le cosce per sentirlo meglio sul mio clitoride.
Durissimo e sembra quasi separarmi a metà. Le mostre lingue continuano a cercarsi, lo sento eccitatissimo.
Usciamo dalla doccia senza staccarci, mi appoggia al mobile del lavandino, mi gira ci specchiamo nel grosso specchio.
Lui mi mette le mani su entrambi i seni e me li massaggia, stringendomi leggermente i capezzoli che sono durissimi e sensibilissimi, mi bacia sul collo.
Guardarci allo specchio mi fa uno strano effetto, ma mi piace.
Sento che il suo coso continua a strusciarmi sotto, mi fa piegare leggermente in avanti, vedo che mi guarda il sedere e mi allarga leggermente le chiappe.
Lo vedo sparire, sento la sua lingua sulla mia fessura, arriva al clitoride, come sa leccare bene, si capisce che gli piace tanto.
Non lesina passando anche la lingua sul mio ano ogni tanto. Mi eccita tanto sentirmi leccata dietro, lui se ne è reso conto sicuramente già ieri sera.
Continuo a guardarmi nello specchio la mia faccia che emette sospiri di piacere, mi sembra quasi di essere un'altra persona che guarda delle altre persone che fanno sesso.
Questo pensiero mi fa eccitare ancore di più mentalmente.
Si rialza ci guardiamo tramite lo specchio, indirizza il suo pene verso di me, lo sento entrare, ora sono decisamente più bagnata e lui entra senza nessun disturbo, mi fa sentire pienissima.
Ci continuiamo a guardare nello specchio occhi negli occhi lui cerca di capire se mi piace o meno.
Capisce che mi sta facendo impazzire di piacere ed aumenta il ritmo.
Mi piego di più verso lo specchio piegando le braccia ed appoggiandomi con i gomiti.
Lo sento tutto dentro, sento i suoi colpi lenti ma sicuri che mi fanno andare tutto il corpo avanti e indietro.
Le sue mani si spostano dal massaggiarmi il sedere a toccarmi il seno.
Aumenta il ritmo e sento che mi sta per investire l'orgasmo, forte.
Si ferma senza uscire da me mi fa raddrizzare mi abbraccia mi infila la lingua in un orecchio e riprende ad andare avanti ed indietro lentamente.
Mi fa ripiegare sul lavandino continuando ad andare avanti e indietro ora decisamente più velocemente e forte.
Mi scuote tutta vedo il mio piccolo seno sobbalzare e sento lui venirmi dentro.
Mi investe un forte orgasmo, le mie contrazioni sentono il suo pene perdere consistenza.
Mi rialza abbracciandomi il seno e cercando la mia bocca sento tutta la sua lingua dentro la mia bocca.
Sento che esce da me e sento il suo seme scendermi tra le gambe.
Mi gira e mi stringe forte e mi dice: Buongiorno.
Apro la doccia, ci rinfiliamo sotto tutti e due baciandoci.

Questo racconto di è stato letto 1 3 6 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.