Trapanato da mia sorella

Scritto da , il 2023-09-18, genere incesti

...........la sensazione fu bellissima, l'avevo sverginata, tirai fuori il cazzo dalla figa e vidi tutto rosso.....era sangue, lei continuava ad agitarsi allora io lo rificcai dentro e cominciai a penetrarla come un forsennato e lei ogni colpo che gli davo si arcava sulla schiena per far si che gli entrasse tutto.


continuammo cosi per almeno 10 minuti, la sentivo ansimare, la vedevo godere, la sua voce mi chiedeva di non fermarmi e continuare a sbatterla come una cagnetta in calore, lei era gia al terzo orgasmo e io non ce la facevo piu a trattenermi e gli dissi " cosa faccio ti vengo dentro??" lei con una vocina trepida rispose " si sborrami nella figa mi e appena finito il ciclo vai tranquillo" in quello stesso istante mi parti una sborrata e io continuavo a sbatterla e lei raggiunse il quarto orgasmo.



quando tirai fuori il cazzo da quella splendida figa ritrovai sperma e sangue tutto mischiato, ci abbracciammo e ci perdemmo in un lungo bacio le lingue si intrecciavano e la saliva passava da una bocca all'altra come due innamorati, ma poi ci accorgemmo che un'altra imbarcazione si era accostata alla nostra, mi infilai il costume e di corsa salii sul ponte mentre lei faceva la stessa cosa, ma la sorpresa fu tremenda era la guardia costiera si apprestavano a salire a bordo ma poi vedendomi si fermarono e uno di loro disse " buongiorno ci favorisce i documenti?" io per un attimo resta di pietra intanto mia sorella mi raggiunse sul ponte io certo di non avere alcun problema gli dissi di salire a bordo e cosi due salirono e uno rimase sulla lancia.




Dissi a mia sorella di andare a prendere i documenti e a loro se volessero una bibita o un caffe, mi ringraziarono dicendo di no, intanto arrivo mia sorella con i documenti, loro ringraziarono, salutarono e ripartirono poiché era tutto perfettamente in regola
allora mia sorella mi disse " io vado a darmi una lavata, avevo paura che si vedesse lo sperma e il sangue uscire dal costume mi hai inondata maialino!!" e scoppiammo in una risata di gioia e lei se ne andò.



passarono circa 10 minuti e ritorno sul ponte dove (io mi ero sdraiato su una panca e sinceramente quasi appisolato) mi chiamo e ridendo mi disse " allora ti e piaciuto? adesso tocca a te" io rimasi di stucco no sapeva cosa volesse dire e alla mia domanda " cosa vuol dire tocca a me " lei mi rispose " beh tu hai rotto la fighetta a me e io romperò il culetto a te vieni dai" io non sapevo cosa dire e cosa fare ma come un automa mi alzai dalla panca e presi la sua mano che era tesa verso di me.



Tornammo di sotto lei mi fece sdraiare sul lettino e mi disse " non temere vedrai che ti piacerà e non ti faro male" si giro e dalla borsa del cibo tiro fuori un cetriolo grosso quasi il doppio del mio cazzo duro alla massima potenza, poi prese del sapone dal bagno e comincio a spalmarlo sul cetriolo io ero al quanto spaventato ma lei mi disse " ti faro godere come hai fatto tu con me " e mi ficco le lingua in bocca............continua

Questo racconto di è stato letto 4 2 2 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.