Inizia la storia con Barbara,la mamma di Claudio

Scritto da , il 2022-11-29, genere prime esperienze

Sono Fabio 54 anni.
Papá di una bellissima bimba che adoro.
Avrei voluto una vita sentimentale più tranquilla,quasi sedentaria .
È andata tutto al contrario.
Questo è il IV resoconto che pubblico.
Gli altri li trovate nella sezione incesti e prime volte.
Quello che racconto è tutto vero,anche se non posso provarlo.

La maturità è andata e persino molto bene.
Ero angosciato.
Quattro settimane di vacanza,in Grecia,con i compagni di classe,mi hanno regalato.
Poi,molti spariranno.
Ho deciso di spostare la leva militare.
I dubbi sono tanti,però.
Mi vedo con Luciana( ne parlerò in seguito),anche se ha sempre decine di uomini attorno.
Più che attorno,sopra.
Però,se la chiamo,disdice qualsiasi appuntamento,con il tipo di turno,o i tipi di turno.
Ci conosciamo da sempre e sono l' unico con cui può confidarsi,parlare,oltre che farsi sbatt,senza essere giudicata.
Mia sorella è straordinaria e lo è stata particolarmente nel periodo degli esami.
Mi è sempre stata vicino.
In tutti i sensi.
Ogni tanto si dimentica cosa siamo e fa qualche scenata di gelosia.
Come se Lei non vedesse nessuno!
Gli stanno dietro in mille.
Lei rientra prima,alla sera,ma non troppo prima.
Me la ritrovo sempre nuda,o al massimo in slip.
"Allora tesoro,cosa vuoi che sia questa sera?" Mi dice sempre
"Tenera,dolce,o porca come la mamma,con il babbo,o i suoi amanti?
Lei ha sempre sostenuto che nostra madre avesse qualche flirt.
Aveva ragione.
" Se sei stanco faccio io sola" dice ridendo
Ama masturbarsi,me lo dice sempre e io vado al settimo cielo se lei lo davanti a me.
Mi ha confidato che Lei si masturba persino stringendo solo le gambe
Allora lei si toglie gli slip,si siede sulla poltrona,allarga le gambe e comincia sfiorarsi il seno.
Che spettacolo!
Ha una IV piena ed è alta quanto me.
I suoi capezzoli diventano duri come spilli.
Con il dito comincia a girare attorno al seno,sotto,sopra,poi ancora sotto.
Poi,prende i capezzoli e se li tira,fino a fargli male.
Ogni tanto con la saliva inumidisce le dita e le passa sui seni.
Io guardo sempre estasiato.
A volte viene così senza toccare il pube.
Poi,si alza e porta il suo inguine bagnato davanti al mio viso ( sa che amo leccare) e mi dice con tono dolce di pulirglielo, con la lingua.
Cosa che ovviamente faccio.
Comincio a leccare i peli,intrisi poi piano piano vado diritto al centro.
Le tengo le gambe,l' avvicinò e gli metto la lingua dentro.
Quasi sempre viene ancora mentre perde l' equilibrio e devo sostenerla
A volte si eccita così tanto,che mi riempie il viso e i capelli come se a venire fosse un uomo.
Stravolti andiamo a letto abbracciati e stiamo così per ore.
Di Sabato riusciamo a stare così fino alla domenica mattina,visto che i nostri genitori dormono,dopo aver fatto sesso.
E al mattino al risveglio,lei mi porge il suo sedere davanti al mio membro,piano piano.
Entro,senza troppe difficoltá.
Non ci muoviamo tanto.
Vado dentro e fuori lentamente.
In parte dormiamo ancora.
" Vieni amore!Riempimi"mi dice
Non sempre riesco,ma quando avviene è felice e devo chiudergli la bocca,se no rischiamo di venire sgamati.
O Dio, mia madre sa tutto,ma non nostro padre…
Questa è mia sorella.

Ormai è Settembre inoltrato.
Fra poco inizierò ad andare in facoltà.
Ho preso la patente,anche se non ho un'auto mia.
Guido quella di mia madre.
Una Lancia Beta coupé 1600,ormai datata.
Stavo pensando che quel sedile ha visto,ben altre gambe che le mie,quando un tamarro,con una Golf Gti,mi affianca e comincia a strombazzare .
Non ci posso credere.
Il tamarro è Barbara,la madre di Claudio.
" Dai parcheggia il bidone e sali " mi dice,simpatica come una cartella di Equitalia ( che all' epoca non esisteva)
Mi chiede se ancora sono arrabbiato con Lei,ma mica mi fa rispondere.
Dio come non la sopporto quando fa così!
Il problema,che Barbara guida come un cane,in compenso però va veloce,sta fenomena.
Ho visto la morte in faccia decine di volte, con lei alla guida.
" Andiamo a casa mia" mi dice.
Io chiedo a fare cosa?
Lei, si mette a ridere e mi dice che sono imbranato come suo figlio,se faccio queste domande.
A questo punto parlo chiaro e gli dico chiaramente che se fa un altro scherzo dei suoi, questa volta finisce male.
Lei mi tranquillizza e con viso dolce,dandomi un bacio sulle labbra ( e a momenti finiamo nel fosso) mi dice: " Tranquillo bimbo,questa volta si fa sul serio"
Bimboooo?Son più alto di almeno 15 cm più di lei e sarei un bimbo.
Vabbè!
Chiedo se prima,mi fa fare una doccia,non sentendomi a mio agio.
Faceva un caldo ed ero sudato.
Odio non essere in ordine.
Mi risponde che la facciamo assieme.
Cavoli che doccia!
È grande come il salotto di casa mia.
Dentro si sta in quattro comodi e sono sicuro che sará capitato.
Pieno di getti messi ad altezza inguine.
Sopra ci sono faretti,con luce molto calda.
Varie piante,sono sparse,in giro.
Una vetrata,di almeno tre metri per due,oscurata da una tendina da verso il giardino
Sulla destra entrando, ci sono delle panche in legno,a due posti, una di fronte all' altra e in mezzo un aggeggio che ha tutta l'aria di essere un fornello.
Ci sono dei pietroni che fanno tanto scogli,poi in veritá emanavano calore.
In alto uno specchio enorme nero.
Mi inquieta un po'.
Poi vedo un tasto e schiacciandolo si accende e appare un televisore che manco alla Rai,hanno.
Nota.Siamo negli anni 90.Le televisioni piatte ancora non esistevano.
Difficile pensare che si vedano
"Il ritorno di Lassie."
Mi spoglio,mentre aspetto Barbara.
Sai che orge qui si saranno fatte.
E Claudio? penso
No meglio non farsi troppe domande.
Finalmente arriva,con un asciugamano alla vita.
A volte le donne non le capisco .
Troppo lungo,continuerò prossimi giorni.

È la mia storia.
Tranne i nomi é tutto vero.
bellavitafabio@gmail.com












Questo racconto di è stato letto 6 5 4 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.