La Curiosità fa male al Culo

Scritto da , il 2012-09-23, genere dominazione

Le dure ore di auto sono già un lontano ricordo. E che importa se l´albergo non è un gran che. Il sud Italia ha ancora posti come questo, angoli di paradiso scampati all´edilizia sfrenata, più o meno abusiva. Cielo limpido, scintillante sole del mattino, mare di cristallo appena increspato dal vento tiepido e nell´aria il profumo della macchia mediterranea. Persino lo stabilimento balneare è discreto, perfettamente inserito nel paesaggio naturale. È tutto talmente bello da non sembrare neanche vero. Sembra una di quelle cartoline pubblicitarie. Anche Martina è ammutolita.
La sabbia ruvida è piacevole sotto i piedi. Paolo lascia vagare lo sguardo sulla spiaggia, gustandosi il momento della sua vittoria. Stringe la mano della sua ragazza per richiamarne l´attenzione.
«Allora ne valeva la pena di farsi tutte quelle ore in auto? Non è bellissimo qui?»
Martina gli sorride, mentre lui se la rimira da capo a piedi. Cavoli che bella. Alta, bionda, bocca carnosa, tette da competizione. Cavoli che corpo. Pareo e bikini non fanno che accentuare le sue fantastiche curve, soprattutto
le gran tette. Ventinove anni spesi bene. Lei scrolla i capelli biondi.
«Hai ragione amore. Scusa se in auto sono stata insopportabile. È un posto meraviglioso».

Si incamminano lungo il vialetto, verso la riva del mare, per sistemarsi sui lettini. Di fianco al loro stabilimento c´è un piccolo cantiere. Forse è il loro stabilimento che vuole allargarsi o forse tra qualche tempo diventerà uno di quei ristorantini speciali, che cucinano pesce freschissimo. Fatto sta che per ora è solo un cantiere, con un gruppo di operai sfiancati dal caldo al lavoro su una costruzione ancora grezza, senza porte né finestre. Più della metà sono stranieri, ovviamente. Un ragazzetto indica Martina agli altri. Avrà sì e no diciott´anni, ma si vede che fa quel lavoro da un pezzo: ha un fisico già decisamente massiccio e nerboruto. Mentre i muratori ammirano la bellezza di Martina commentando a bassa voce, il ragazzo mima le sue abbondanti tette, facendo il gesto di strizzarsi e succhiarsi i capezzoli. Paolo guarda Martina preoccupato, ma lei fa signorilmente finta di niente. Intanto un operaio più
anziano affibbia uno scappellotto al giovane collega, sgridandolo e intimando a tutti di tornare subito al lavoro.
Si sta bene in spiaggia. Martina rosola al sole il suo corpo voluttuoso. Paolo si fa un bagno, fuma, legge, osserva gli altri bagnanti. Il suo sguardo viene catturato subito da una bella ragazza che scende lungo il vialetto. Una gran figa, si vede da lontano mille miglia. Lunghi capelli scuri, avrà circa l´età della sua Martina, ma è più magra, con un culetto sodo come una mela e due tettine come proverbiali coppe di champagne. Passando vicino al cantiere, anche
lei attira gli sguardi dei muratori e il ragazzo di prima le dice qualcosa di sconcio, mimando il gesto di un pompino. A differenza di Martina la ragazza si incazza di brutto e strilla diversi improperi alla volta del giovanotto, allontanandosi stizzita solo dopo che il vecchio operaio, evidentemente un qualche tipo di responsabile, lo ha sgridato di nuovo.
La bella ragazza viene proprio verso di loro. Paolo, felice, non può fare a meno di ammirarne le belle cosce snelle e abbronzate, pensando a come dovrebbe essere trovarsi lì in mezzo.
«Smetti di fissarla così, maniaco - sibila alle sue spalle Martina -, che figura di merda vuoi farmi fare?»
Paolo si riprende e fa giusto in tempo a bisbigliare qualche scusa alla sua ragazza che la sconosciuta si avvicina a loro. Ha una sigaretta in mano. «Scusate tanto, avreste per caso da accendere?» Il tono è quello di una che non è abituata a sentirsi rispondere di no. Mai.
Paolo le porge all´istante l´accendino e amicizia è fatta. Si chiama Sara. Si siede con loro per un po´, chiacchierando del più e del meno. Consiglia loro qualche locale e qualche ristorante nei dintorni, senza risparmiare le critiche
al vino di questo, alla cucina di quello, al servizio di quell´altro. Si lamenta molto del cantiere, con una verve polemica da far incendiare l´aria. «Non li sopporto più quegli imbecilli. Ma quanto ci vuole a tirare su due muri del cazzo? Fanno sempre casino, disturbano. Con tutti quegli extracomunitari poi. È un vero schifo. E con le ragazze! Tutte le volte a fare
commenti, risatine, eccheppalle, ma crescete un po´, cristo! Tette e culo, tette e culo, non sanno dire altro. Ci credo che sanno fare solo i muratori, non capiscono un cazzo! Ma adesso li metto a posto io, quei pezzenti. Mi sono già andata a lamentare due volte col padrone. Se non basta vado dai carabinieri!»
Martina le dà ragione, commentano insieme l´imbecillità di uno che nella vita non riesce ad andare più in là di un lavoro da muratore, la sporcizia degli extracomunitari e via di questo passo. Poi passano, come se niente fosse, a parlare dei costumi da bagno di questa o quella marca. Paolo scopre, quasi spaventato, che Sara ha addosso un bikini che costa come un paio di mesi del suo stipendio. Martina le esprime tutta la sua invidia. Sara ringrazia garbatamente, esprimendo il suo desiderio di avere un seno più grande: «Proprio come il tuo, magari!» dice a Martina.
Poi però Sara si deve allontanare, delle persone la aspettano per una gitarella in barca a vela. L´invito non è esteso ai nuovi amici. «Sono passata alla spiaggia giusto per fare un giro, piacere di avervi conosciuti. Ci vediamo nei prossimi giorni!»
«Allora - chiede Paolo - che ne pensi della tipa? Simpatica, no?»
Martina lo guarda male. «Sicuramente mi è simpatica, ma quel che ne penso io non credo sia uguale a quello che pensi tu, segaiolo. Ho visto benissimo come la guardavi...»
I giorni seguenti passano tranquilli e piacevoli, il tempo si mantiene splendido e il mare è sempre più bello. Sara si rifà vedere di tanto in tanto, sempre bellissima e impeccabile, sfoggiando costumi da bagno sempre più costosi. Chiacchiera volentieri con Martina, per lo più ignorando il povero Paolo, ma snobba senza troppi rimorsi inviti a cena («No guarda, in quel posto squallido proprio non ci metto piede, non so come facciate voi ad andarci...) o a passeggiare in paese («Grazie, ma stasera ho una festa alla villa di un amico, sarà noiosissima, ma se non ci vado mia sorella mi strozza...»). Non perde occasione di esprimere il proprio abissale disprezzo per i muratori del cantiere, ai quali probabilmente le orecchie fischiano come locomotive, che si beccano epiteti come scimmie senza cervello, squallidi maiali, babbuini, schifosi, facce da cazzo e da culo, ignoranti, coglioni, froci, straccioni, pezzenti, e via di questo passo. Li chiama persino terroni, pur essendo anche lei senza dubbio originaria dell´Italia meridionale, a giudicare dall´accento.
Una volta arriva persino accompagnata da due carabinieri in divisa. Non appena i due militari appaiono all´orizzonte, quasi tutti i muratori stranieri svaniscono nel nulla, come per magia. Rimangono solo il ragazzo volgare, il vecchio capo, una altro italiano e un operaio africano dal fisico a dir poco monumentale, evidentemente l´unico in regola. I carabinieri parlano col vecchio, controllano in giro e se ne vanno, palesemente scocciati. Sara sembra soddisfatta, anche se di certo avrebbe preferito che qualcuno venisse arrestato. O magari fucilato sul posto...
Sabato pomeriggio, per smaltire uno spettacolare pranzo di pesce, Paolo e Martina decidono di farsi una bella passeggiata in pineta. Camminano chiacchierando tranquillamente, sotto la profumata ombra del bosco. Ad un tratto sentono, piuttosto distanti, dei gemiti soffocati. Si avvicinano incuriositi. I gemiti vengono da dietro una macchia di arbusti. Una coppia che fa sesso, si direbbe.
«Ti piace eh, stronza? Ti piace prendere il mio cazzo?» si sente, più forte.
Sembra proprio la voce del giovane muratore rompipalle. La risposta sono solo urletti eccitati. Paolo fa per allontanarsi. «Lasciamolo scopare in pace, dai...»
Ma Martina vuole vederci più chiaro. Ha un sospetto su chi sia la lei dell´amplesso. Si avvicina e tra le fronde vede il volto stravolto di Sara, stesa a gambe larghe su un enorme asciugamano, con il ragazzo sopra che la chiava con foga.
«Andiamo, dai, non fare la maleducata, non sono cavoli nostri!» bisbiglia Paolo. Ma lei è irremovibile, affascinata dalla scopata e da quel giovane corpo muscoloso. Si avvicina ancora. Paolo la manda a quel paese e si allontana di
buon passo, cercando di non fare rumore.
Il ragazzo intanto si è appoggiato sulle spalle le caviglie della sua amica e continua a pomparle la passera con colpi decisi. «Non fare casino, puttana - le dice - che ti sentono tutti!» In effetti Sara, chiavata con forza, sta mugolando come una gatta in calore. Fa per riprendere fiato e dire qualcosa, ma il ragazzo l´afferra per le spalle e la rigira a pancia in giù. «Sta zitta ho detto!» Le ficca di nuovo l´uccello nella figa, strappandole un gridolino lascivo, e riprende il ritmo sostenuto. Martina osa avvicinarsi ancora, raggiungendo un perfetto punto di osservazione. Il giovane muratore ha veramente un gran corpo e, a quanto ha intravisto, anche un cazzo di dimensioni davvero notevoli.
I gemiti di Sara si sono fatti via via più intensi. «Aanh... Aanh... Aaanh... Aaanh...» mugola, con il ragazzo che la tiene schiacciata con la faccia sull´asciugamano e intanto le stantuffa la passera. Martina, sempre più calda ed eccitata di fronte a questo spettacolo, vede l´amica contorcersi ed inarcare la schiena mordendo la stoffa, preda di un orgasmo micidiale. «Mmmnfhh! Mmmggh!»
«Ha goduto di nuovo, eh troia? - le chiede il ragazzo, che già conosce la risposta - Troia! Puttana!»
Afferra Sara per le spalle e la tira su, a quattro zampe. Martina osserva per un lungo istante il culetto sodo e abbronzato dell´amica, ma subito a coprire la visuale si mette in mezzo la schiena muscolosa e coperta di sudore del
muratore. Il quale, con alcuni colpi di cazzo ben assestati, penetra Sara nel culo ed inizia ad aumentare il ritmo.
«Ti piace eh? - la tormenta, infilandole le dita della mano sinistra nella figa gocciolante - Ti piace farti inculare, stronza?» Le afferra i capelli con la destra e accelera ancora il ritmo dell´inculata.
«Aah! Aah! Aah! Aah!» Sara non riesce a riprendere fiato, mentre il cazzone del giovane muratore le apre il culo sempre più a fondo. Poi con un gemito soddisfatto, il ragazzo si lascia andare a sua volta all´orgasmo. Sempre tenendo Sara a pecora per i capelli, le balza davanti e le punta l´uccello in faccia.
«Apri la bocca, dai cazzo!» le intima.
Sara, completamente sottomessa, schiude le labbra e tira fuori la lingua, mentre il giovane operaio le schizza in faccia, in bocca e fra i capelli. Da quella posizione Martina può ammirarne non solo, ancora una volta, il fisico asciutto e scolpito, ma finalmente può vedergli anche l´uccello, che è effettivamente186548" style="color:#000;back però si accorge di lei. Le pianta gli occhi in faccia e si masturba ancora per qualche istante, ficcando il cazzo in bocca a Sara e costringendola ad ingoiare gli ultimi, densi schizzi. Martina, scoperta, si gira di scatto e corre via.

Raggiunge Paolo alla macchina, ansante e con le tettone che sobbalzano invitanti sotto il bikini.
«Allora? - chiede lui, arrabbiato - Ti sembra il caso di spiare due che scopano in pineta? Cosa sei, una guardona? Poi dici a me delle figure di merda!»
Lei lo guarda. Gracile. Flaccido. Piccolo. Uno qualunque. «Era Sara!» gli dice, maligna.
Emozioni forti sul viso di Paolo, che arrossisce di colpo. Invidia per il tizio, chiunque fosse, che si stava scopando per bene quella gran figa. Rammarico per non aver guardato. Invidia anche per Martina, che invece si è goduta lo spettacolo di Sara nuda che faceva sesso sfrenato.
«Beh, va bene, sono comunque cavoli suoi! - minimizza - Spero che non ti abbiano visto, almeno!»
Questa volta è Martina ad arrossire. «No, no, ovviamente! - nega convinta, da sempre abile a mentire - Credo che fossero più impegnati in qualcos´altro, tu che ne dici?»
«Va bene, va bene - conclude lui - adesso andiamo, dai. Che matta che sei, spiare la gente che scopa in pineta».

Domenica, al mare Sara non è passata per le sue solite chiacchiere. Aveva avvertito che sarebbe stata via, in yacht, per qualche giorno.
Lunedì i muratori sono tornati al lavoro. Tutto come prima, soltanto il solito ragazzo lancia a Martina un´occhiata strana, prima di apostrofarla con uno sguaiato «Bella tettona! Siamo felici di rivederle! Non te, le tue bocce!» che
suscita le risate dei colleghi. Verso sera si alza un vento caldo da sud, che sa di sole rovente e di Africa.
Quasi tutti i bagnanti sono andati via. Paolo si alza e si dirige verso l´albergo. Deve fare una telefonata importante, una cosa che riguarda il suo lavoro dopo le ferie, non può tardare.
«Vai pure, tesoro. - dice Martina da dietro il suo romanzo poliziesco - Io finisco il capitolo e ti raggiungo subito».
Paolo si allontana in tutta fretta. Martina legge un po´, si gode il sole della sera, ripensando alla scena incredibile vista in pineta. Hai capito, quella Sara. Insulti a profusione sui muratori, ma quando c´era da farsi scopare come una zoccola, eccola lì. Pronta a ingoiare e a dar via il culo. E come godeva, poi, che cavolo. E quel ragazzino, che gran uccello che ha. Martina si sfiora il seno e fra le cosce, ha i capezzoli turgidi e si sente caldissima, piena di voglia. Stasera altro che passeggiata: se lo mangia vivo, quello sfigato del suo ragazzo. Meglio tornare in albergo adesso. Si sta facendo tardi.
I muratori sono ancora al lavoro, ma attorno non c´è nessuno. Sul vialetto, le si para davanti proprio il giovanotto rompicoglioni. La squadra da capo a piedi, con aria strafottente. Poi le si avvicina.
«S? Cercavi me?» lo affronta Martina, sarcastica.
Il ragazzotto, a sorpresa, allunga le mani e allarga di scatto il bikini, tirando fuori le grandi tette della ragazza. «No, cercavo queste. E le ho trovate». Le appoggia le mani sulle tette ed inizia a carezzarle. Martina ha i capezzoli eretti e turgidi, come se le sue tettone non vedessero l´ora di essere toccate e manipolate.
«Hai finito? - gli chiede lei - Dovrei andare, sai, avrei di meglio da fare».
Lui non le molla le tette. Anzi, comincia a massaggiarle più convinto. Affonda le mani in quel paradiso morbido e liscio, le stringe alla base, le struscia assieme, strizza i capezzoli. Martina è leggermente arrossita, il massaggio la sta eccitando non poco.
«Senti bionda, non mi piace essere spiato mentre fotto. Devi farti i cazzi tuoi!»
«Allora dovresti cercare di essere più discreto e trovare dei posti più appartati» lo rimbecca la ragazza. Lui continua a palparle le tette di gusto. Se solo si abbassasse un po´ e iniziasse anche a leccarle, pensa Martina.
«Fatti i cazzi tuoi ho detto! - si inalbera il giovane - Se non chiudi il becco ti rovino la fessa a colpi di cazzo, capito?»
Lei gli ride in faccia: «Ma cosa vuoi fare, che sei soltanto un ragazzino... Maleducato, per giunta!»

Il ragazzo, furioso, si lancia addosso a Martina. La agguanta e praticamente sollevandola di peso la trascina fino al cantiere, spingendola dentro la costruzione ancora grezza. I pochi muratori rimasti si allontanano quasi tutti, facendo finta di niente. Dentro, il giovane le si getta addosso, ringhiando come un animale.
Martina si dibatte sul pavimento appena posato, cercando senza troppa convinzione di fermare il muratore. Il quale, freneticamente, le strappa via il costume da bagno. Poi si sfila i pantaloni, sfoderando l´arnese enorme ed eretto, e le monta sopra cercando di infilarle a forza il cazzo in bocca. Martina oppone un po´ di resistenza, spostando la testa e dibattendosi, ma la voglia di sentire quell´uccello poderoso è troppa e si lascia costringere a prenderlo in bocca. Intanto il ragazzino le mette le mani dappertutto, afferrandole il culo e palpandole la passera, che sente calda e bagnata.
«Allora hai voglia di cazzo, eh? Ti accontento tra un attimo!» esclama, mentre scopa con foga la bocca di Martina.
«Mmh! Mm-mmmh!» si lamenta lei, mezza soffocata dal grosso uccello del giovanotto, mentre lui inizia a penetrarle la figa con le dita e a stuzzicarle il clitoride. Martina, senza capire se è il fatto di essere presa con la forza, la situazione umiliante, l´animalesca dominazione fisica o qualcos´altro ancora, sente il piacere crescere e crescere mentre il suo aggressore la masturba rudemente. La sua povera passera è ridotta a un laghetto bollente mentre le dita tozze del ragazzo pizzicano il clitoride, allargano le labbra, entrano dentro, si muovono in circolo, penetrano in profondità, strappandole sussulti e gemiti strozzati, mentre è costretta leccare il massiccio cazzo che le pompa la bocca e sembra diventare sempre più grosso. Infine, proprio mentre Martina sente che sta per esplodere, il muratore si ferma e balza in piedi, sfilandole dalle labbra il cazzo lustro di saliva.
«Adesso faccio sul serio, bionda» la minaccia, poi le spalanca e cosce e le infligge due leccate vigorose. «Però! - esclama - Sei bella bagnata! Puttana...»
Con questo commento le appoggia la cappella sulla passera fradicia e con una pressione lenta, ma inesorabile, le spinge dentro ogni centimetro del suo cazzone. Martina manda un rantolo a bocca spalancata, mentre il ragazzetto
inizia a scoparla tenendole fermi i polsi. La pompa con foga ed entusiasmo, in pochi minuti di affondi vigorosi la ragazza è già di nuovo al limite dell´orgasmo. Si morde le labbra e si dibatte, cercando di spingere via il suo
aggressore, ma l´unico risultato che ottiene è quello di far sobbalzare le proprie generose tette davanti alla faccia del giovanotto. Il quale, come se le vedesse per la prima volta, si avventa leccando a più non posso e spingendo Martina oltre il limite. «Aah! Aaangh... Aggh....» tenta di trattenere i gemiti mentre l´orgasmo la scuote.
Il ragazzetto la rivolta a pancia in giù, le sale sopra e ricomincia a chiavarle energicamente la passera. In quella posizione, col muratore sopra e la faccia sul pavimento, Martina è ancora più impotente di prima, può solo farsi pompare la figa senza pietà. Il giovane si gode la sensazione delle chiappe della sua vittima che gli premono sull´inguine e si struscia di gusto, mentre se la scopa con più calma, lentamente. «Aah... Aaanh... Aaanh...» mugola
Martina, rinunciando a trattenersi. Rivede la scena bollente di Sara in pineta e si sente come lei, usata e scopata da quell´imbecille, a godere senza un minimo di ritegno.
Poi, quando si è stufato della passera di Martina, il giovanotto la tira su a pecora. «Sai cosa ti aspetta adesso, vero? Ti ricordi l´altra?» sogghigna il ragazzo, sfilando l´uccello gocciolante.
«Oddio no, un momentoohh... Aspetta, io... No...» ansima la ragazza.
«Invece sì!» la interrompe l´altro, piazzandole il cazzone durissimo fra le chiappe. «Oh! Aah! Aah! Oooh...» piacere, sorpresa e umiliazione si mescolano negli urletti di Martina, mentre il grosso uccello del muratore le entra nel culo,
dapprima solo la cappella, poi, spintarella dopo spintarella, sempre più a fondo. Soddisfatto, il ragazzo comincia ad incularla, aumentando man mano il ritmo e palpando a piene mani le tettone sobbalzanti di Martina. Lei è senza
fiato e sta impazzendo, con quel cazzone che le apre il culo. Lui la incula con un´andatura solida e costante, afferrandole le chiappe, palpandole le tette e la passera. A un certo punto Martina, che sta per imparare a proprie spese che si più godere anche col culo, si sente afferrare e tirare i folti capelli biondi. Tirando indietro la testa sente la faccia del ragazzo che le si appiccica, leccandole il collo e le orecchie.
«Adesso ti ho sfondata per bene - le bisbiglia - e vedo che ti piace!» La fa alzare e la spinge con la faccia contro le piastrelle nuove di zecca del muro, poi ricomincia a pomparle il culo con colpi decisi, con una mano le palpa le tette, con l´altra le tormenta la figa. «Aah... Aah... Aaanh! Aaanghh!»
Sentendosi sciogliere, Martina cede al secondo orgasmo, breve e violentissimo, che la investe come una scossa elettrica. Strilla, mentre si contorce impalata dal cazzone del giovanotto, sente i suoi fiotti caldi che le riempiono il culo. Il muratore le si serra addosso, venendole dentro copiosamente. Poi si sfila e la fa girare, palpando, leccando e succhiando ancora quelle meravigliose tettone. Martina scivola in ginocchio, stravolta, con lo sperma che le cola fra
le chiappe. «Dai cazzo - esclama il ragazzetto - che mi si ammoscia! Datti una mossa!» Si ripulisce l´uccello con un fazzoletto e si sdraia a terra, strattonando Martina che lo segue, docile e sfinita. Le fa aprire le gambe e se la fa salire sopra, infilandole di nuovo l´uccello nella passera. Mentre una rovente fitta di piacere le percorre il corpo, Martina comincia a cavalcare quel cazzone implacabile.
Paolo guarda di nuovo l´orologio. Probabilmente Martina si è addormentata sulla sdraio, pensa. E dire che è talmente puntigliosa sugli orari. Ha già messo via l´agndina del lavoro, dopo essersi annotato con cura tutte le informazioni arrivate dalla telefonata. Le ha rilette e ricopiate in bella scrittura, per non confondersi. Più per passarsi il tempo che per reale necessità. Ha cazzaggiato un po´ in stanza. Ha acceso la tv. Ma adesso si è rotto. «La vado a svegliare?» chiede alla giornalista del tg che sta intervistando un ennesimo ministro accusato di corruzione e altri loschi traffici sottobanco. Sbuffando, si toglie le scarpe che aveva scelto per andare a cena fuori, appoggia la giacca sulla sedia e si rimette le infradito.
Ciabattando, scende verso la spiaggia con aria annoiata. Passa veloce il parcheggio semivuoto. Al lavoro al cantiere c´è solo il nero gigantesco, che sta sciacquando con il tubo dell´acqua un macchinario incrostato di malta. Quando nota che al loro ombrellone non c´è nessuno e che mancano anche tutte le cose della sua ragazza, Paolo inizia a preoccuparsi. Gira freneticamente fra ombrelloni e lettini chiusi, ma niente. Sarà andata al bar. Sarà in albergo a parlare con il personale per qualcosa. Sarà in giro con quell´altra zoccola di Sara. Sarà dai carabinieri per quella storia dei muratori. Un sacco di spiegazioni ragionevoli, ma è preoccupato lo stesso. I muratori! Certo! L´avranno vista passare di sicuro, Martina è una che si nota... Quasi correndo, Paolo torna al cantiere. Il colossale muratore africano,
coperto di polvere e sudore, ha finito di riordinare e si sta sciacquando le mani e le braccia con lo stesso tubo di prima. Paolo accorre. Da dentro sente dei rumori, c´è qualcun altro per fortuna, magari questo nemmeno parla italiano.
«Hey! Hey, scusa...» chiama Paolo, avvicinandosi. «Sì, dimmi signore...» risponde il colosso, cortese.
«Hai per caso visto la mia ragazza? Alta, bionda...» Il muratore sorride, mostrando i denti bianchissimi. «Sì, ho visto la tua bella amica bionda. È andata via...» dice, indicando con la mano la passerella lastricata che porta al parcheggio e all´albergo.
«Via?!? - Paolo è esterrefatto - Senza dire niente... Checcaz... Ma via dove? Quanto tempo fa?» Il muratore risponde in fretta: «Via non so. Via. Venticinque minuto fa, mezza ora. Circa». Ad un tratto, un lascivo urletto di piacere lacera l´aria. Viene dall´edificio. Il muratore trasale. È la voce di Martina.
Paolo avvampa. «Cosa succede? Chi c´è la dentro?» chiede, furioso. «No prego, non entra signore, non si può». Paolo scatta di lato, balzando verso un´apertura destinata a diventare una porta. Fa in tempo a vedere una scena incredibile. Martina, stravolta, con le mani a stringersi le tettone, che cavalca con foga il ragazzetto steso a terra. Geme e mugola, come una gatta in calore, mentre si impala voluttuosamente sul suo cazzo eretto. E lui con le sue manacce dappertutto, le infila le dita in bocca, fra le chiappe, sul clitoride, sulle tette. «Aah... Aah... Aanh...»
Poi gli si para davanti il muratore nero. «No prego, non entrare. Non si può. È pericoloso» gli dice gentilmente, mentre lo afferra e lo sospinge verso la spiaggia. Paolo grida infuriato, insulta, prova a liberarsi della stretta del gigantesco operaio, ma è come cercare di muovere un camion. «Signore prego, vietato entrare, vietato». Dibattendosi, Paolo riesce a vedere che il giovanotto ha fatto alzare Martina e se la è rimessa sopra infilandole però l´uccello in culo. «Aaanh...» mugola la ragazza, ricominciando a muoversi su e giù. Poi il nero lo trascina via di peso, continuando a parlargli gentilmente. «Vietato entrare, è pericoloso, solo addetti ai lavori. Dispiace, vietato entrare...»
Martina ha sentito le grida di Paolo: lui l´ha vista così, allora. Col culo sfondato dal ragazzino, in calore, mentre godeva. Questo pensiero fulminante le attraversa il cervello e in pochi istanti la getta fra le braccia di un altro, improvviso orgasmo. Lunghissimo, stavolta. Il culo le brucia come l´inferno, ma il piacere è troppo, troppo intenso. Cavalca freneticamente il cazzone del giovanotto, steso sotto di lei, anche lui stravolto, e l´orgasmo si prolunga ancora e ancora, mentre lui la spinge via, facendola scivolare a terra, e con un grido le viene addosso, schizzandole sperma su tutto il corpo. «Aaaahh... - geme il giovanotto, soddisfatto - Che gran chiavata che sei, bionda... Te l´avevo detto che dovevi farti i cazzi tuoi...»

Il muratore lo ha trasportato di peso fino al parcheggio, come un papà con un capriccioso bambino piccolo. «Mi dispiace - continua il colosso - ma non può entrare, signore». Paolo lo guarda, stanco, confuso e stordito. «Ma come non posso entrare? È la mia ragazza, porca puttana...»
Il nero sorride. «Quando tua amica bella esce - dice rassicurante - dopo puoi entrare in tutti i suoi buchi che vuoi tu. Vedrai che è allargata per molto bene...»

FINE

PS: accetto volentieri commenti, suggerimenti, critiche, spunti per nuovi racconti e via dicendo. artistoide@yahoo.it

Questo racconto di è stato letto 1 2 1 3 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.