La schiava bianca nell’harem arabo: l'amore tra Francesca e il suo padrone

Scritto da , il 2022-08-03, genere dominazione

chi mi vuole contattare può scrivere a padronebastardocontatti@gmail.com




La notte precedente era stata svolta sia per Francesca che per il suo padrone. Francesca si era resa conto che quando aveva costretto il suo padrone a punirla nel villaggio era stato il punto basso per entrambi.
Ricordava ancora i suoi sguardi tristi e lugubri quando era stato costretto a consegnarla al villaggio come punizione. Era qualcosa che aveva già fatto con altre schiave presenti nell'harem, ma nessuna aveva fatto colpo su di lui come Francesca. Era innamorato di lei dal momento in cui l'aveva comprata e ora sentiva che anche lei lo amava.
Al mattino, quando si svegliarono, passarono molto tempo a coccolarsi e a fissarsi negli occhi. Non si dissero nessuna parola d’amore, ma con ogni tocco e ogni sguardo entrambi sapevano di aver oltrepassato il confine dell'amore. Ufficialmente erano ancora padrone e schiava, ma soprattutto Francesca ora sapeva cosa doveva fare e come doveva comportarsi. Voleva che il suo padrone e amante la dominasse e le facesse provare cose che non aveva mai provato prima.
L’amore aveva completamente oscurato la mente di Francesca. Il suo padrone aveva un desiderio sessuale che la lasciava senza fiato. Ogni mattina si svegliava con le sue dita o le sue labbra per solleticarla mentre si svegliava e lui continuava così finché non lo supplicava di farla godere. Solo quando questo avveniva, lui la scopava con la pulsione sessuale di un uomo posseduto.
Ogni giorno il suo padrone le faceva venire orgasmi multipli attraverso sensazionali sedute di bondage. Francesca si ritrovò in una nebbia beata ed era in un costante stato di eccitazione appassionata con il suo corpo che tremava e tremava.
Quando vedeva entrare il suo padrone, il corpo di Francesca reagiva alla sua presenza, i suoi capezzoli si indurivano e la sua figa implorava di essere toccata. Il suo corpo era veramente di sua proprietà e uno dei suoi, "Sto per rapirti," le faceva tremare il corpo, con le ginocchia che si indebolivano. Trovava sempre più difficile pensare a qualsiasi cosa. Voleva solo sentire le mani o le labbra del suo padrone che la tormentavano. Voleva sentire le sue corde legarla e sentire il suo cazzo pulsare dentro di lei.
Per Francesca questa incredibile esperienza riguardava lei e il suo padrone, erano loro che facevano l'amore ed era di questo che si trattava, il loro travolgente amore reciproco. Il padrone curava la maggior parte dei suoi affari nelle ore mattutine e i pomeriggi erano dedicati alla sua nuova schiava.
Le notti in cui il suo padrone la portava a letto erano loro momenti speciali. Ogni notte la cullava tra le sue braccia, mentre leniva i suoi muscoli stanchi e le strofinava la lozione sulla pelle. Francesca si crogiolava nel bagliore del suo amore sconfinato con le sue mani che la impastavano, la calmavano e la accarezzavano, mentre i suoi occhi spruzzavano il suo amore dentro di lei. Ogni notte il suo corpo si sentiva lenito, rilassato e reintegrato con tutto il suo trattamento speciale. Allo stesso modo, il suo cuore e la sua mente erano pieni fino a traboccare dell'amore che lui riversò in lei. Ogni notte si addormentava tra le sue braccia mentre lui si prendeva cura di lei e al mattino, lei era ancora lì con i loro corpi intrecciati mentre dormivano. Francesca sentiva il suo cuore soffrire per l'amore prepotente che provava ogni volta che guardava il suo padrone.
Francesca amava tutti i tipi di bondage. Amava essere tesa e contorta in tutti i tipi di posizioni comprese quelle innaturali. Tuttavia, aveva scoperto molto rapidamente che amava di più la schiavitù del bondage. L'aveva trovato fisicamente impegnativo, mentre era appesa contorta e aveva paura di rimanere in aria.
Francesca sapeva che non sarebbe riuscita a fare nulla di tutto questo senza il suo padrone. Era l'unica persona di cui poteva fidarsi per prendersi cura di lei. Era convinta che piacesse anche a lui, perché i suoi occhi l'avrebbero divorata, mentre lei restava inerme davanti a lui. La combinazione della paura impotente, dell'allungamento perverso e degli sguardi devastanti del suo padrone, aveva impedito a francesca di resistere al suo assalto seducente. Appesa impotente davanti a lui non sapeva mai cosa sarebbe successo dopo, ma sapeva di essere indifesa contro il potere che gli aveva dato.
Fu in momenti come questo che scoprì veramente cos’era l'amore. Era aperta e vulnerabile. Era nuda dentro come lo era fuori. Poteva fare tutto ciò che voleva di lei e non poteva fermarlo. Guardava i suoi occhi divorare tutto l'amore che aveva esposto per lui e sapeva che lui aveva bisogno di lei tanto quanto lei aveva bisogno di lui. Prendendo ciò che voleva, le diede ciò che desiderava.
Si sentiva libera e al sicuro mentre lui spingeva i suoi limiti, prendendo ciò che gli apparteneva, sentiva un amore che non aveva mai conosciuto. Capì la sua mente pur riconoscendo i suoi difetti. Aveva capito i suoi bisogni e desideri meglio di lei, poi l'aveva guidata attraverso il rapimento che è il loro amore. Il cuore le batteva forte nel petto sapendo che lo voleva ed era troppo tardi per tornare indietro.
Parecchie volte l'aveva fatta venire con solo il suo respiro sulla sua pelle, o un tocco. Poteva dire dall'orgoglio nei suoi occhi che amava il modo in cui lei gli rispondeva, ma sapeva di non avere scelta. Lei gli apparteneva, incapace di pensare, sente solo mentre lui prendeva ciò che gli apparteneva. L'aveva devastata, le aveva fatto provare cose che l’avevano fatta impazzire e le avevano reso impossibile amare chiunque tranne lui.
La stanza dei giochi conteneva diverse cose che Francesca iniziò ad amare, la prima era una croce di Sant’Andrea. Qui Francesca era legata sia davanti che dietro. Con lei di fronte alla croce, la sua schiena e il suo magnifico culo erano in mostra e questa posizione era quella perfetta per una punizione. Francesca era una schiava così brava che veniva usata raramente per essere punita. Con la schiena contro la croce era tutta una questione di sensualità, stuzzicare, stuzzicare e farla venire forte e spesso. Francesca adorava la croce di Sant’Andrea, sapeva che avrebbe guadagnato molto più tempo di qualità.
A Francesca piaceva essere tesa all'indietro su una delle grandi bobine dei cavi telefonici. Al college il suo padrone aveva usato uno di questi strumenti per tutt’altro uso e pensava che la maggior parte degli studenti del college avesse fatto la stessa cosa. Tuttavia, solo di recente aveva pensato di usarle come dispositivo di bondage. Le braccia e le gambe di Francesca erano legate al pavimento, quindi la sua schiena era in un arco estremo, con il suo piccolo ventre tirato in un sottile connettore tra la parte superiore e inferiore del corpo. Le sue tette erano tirate vicino al suo viso mentre la gravità e l'allungamento le arrotolava fino alla parte superiore del suo petto. Con le gambe tirate e allungate verso il basso, la sua figa luccicante era mostrata in modo lampante e imbronciato, mentre il suo padrone amava giocare con lei.
C'era un altro giocattolo che Francesca adorava: un vibratore Sybian con un attacco per dildo e lo stimolatore clitoride estremo. Francesca doveva sedersi sopra e nella parte superiore della canna aveva una fila di manopole che potevano entrare in contatto con il suo clitoride. L'ultimo pezzo era un dildo che si conficcava in cima e lei si sedeva su di esso. Quando l'aveva visto per la prima volta, il suo padrone aveva letto la pubblicità che affermava di dare ad alcune donne il loro primo orgasmo e di trasformare altre in multi-orgasmiche. Il suo padrone si chiese cosa avrebbe provocato ad una come Francesca che era già multi-orgasmica, beh, l'avrebbe scoperto.
Quando Francesca si era seduta per la prima volta su di esso ed era stato acceso, era quasi saltata giù dal dispositivo. aveva detto che aveva mandato potenti scosse attraverso il suo clitoride e non era sicura di quanto avrebbe potuto sopportare. È stato intenso ed esplosivo, con Francesca che veniva più forte di quanto avesse mai fatto. Aveva finito per provare diverse piccole sequenze sul dispositivo e verso la fine a Francesca stava iniziando a esplodere dal piacere.
Il suo padrone aveva avuto un'idea aggiuntiva e aveva montato il Sybian a circa 3 metri da terra su un palo. Aveva legato le braccia di Francesca dietro di lei in una manica da bondage; quindi, aveva posizionato Francesca sopra il dispositivo. In questa configurazione i suoi piedi non potevano toccare terra. Le sue braccia erano legate dietro di lei e tutto il suo peso premeva il suo clitoride contro gli stimolatori, quindi doveva prendere tutto ciò che le veniva dato. Quando il padrone l'aveva posizionata sopra il dispositivo, sembrava un po' spaventata, ma quando aveva guardato negli occhi il suo padrone, sapeva che non avrebbe mai permesso che le accadesse qualcosa.

Quando il padrone lo accese, lei lo stava ancora guardando negli occhi e quasi immediatamente i suoi occhi si fecero vitrei e iniziarono a gemere. "Oh padrone, oh Dio, oh oh oh, padrone resta con me, oh Dio." Il padrone l'avvolse con il braccio in modo che non cadesse e quella sicurezza l'aiutò, perché nel giro di un paio di minuti iniziò a godere. Quando il padrone aveva raggiunto circa il 75%, Francesca aveva urlato con tutto il corpo convulso. Poi è successo qualcosa che non era mai successo prima, Francesca aveva avuto un orgasmo spruzzando, aveva squirtato. Mentre i suoi muscoli dello stomaco si contraevano, un getto di fluido orgasmico inzuppò lo stimolatore del clitoride.
Fu il momento più estatico, doloroso e felice della sua vita. Francesca sentì il suo intero corpo rivoltarsi mentre il potere dell'estasi del suo padrone la squarciava. Le dita dei piedi si piegavano, le cosce tremavano, le braccia si contraevano e ogni muscolo del suo corpo urlava. Se il padrone non l'avesse tenuta in braccio, Francesca avrebbe avuto le convulsioni dal dispositivo.
Il padrone la sentì sussurrare. "Per favore non più, per favore non più Dio." Quindi aveva spento il vibratore e l'aveva tirata fuori dal dispositivo tra le sue braccia. Anche così passò quasi un minuto prima che i suoi orgasmi si fermassero, ma poi aveva ancora spasmi corporei e brividi in tutto il corpo per quasi un'ora dopo. Ancora una volta il suo padrone la tenne stretta per tutto il tempo accarezzando e calmando il suo corpo.

Il padrone fissò Francesca negli occhi e vide una pozza infinita di amore. Erano passati quasi 2 mesi e il suo padrone era pronto. "Ho intenzione di fare di te la mia schiava esclusiva e di metterti un collare. Faremo una cerimonia elaborata in cui sarai formalmente legato a me per sempre. Voglio che tutti sappiano che mi appartieni, che tu sia mia esclusivamente."

Francesca sentì il suo cuore crescere tantissimo, mentre esprimeva il suo amore per lei. Sapeva che questa era la cosa più vicina al matrimonio che avrebbe mai avuto, che essere l'esclusiva schiava dell'harem per il suo padrone era un grosso problema. Il suo cuore doleva e i suoi occhi si riempivano di lacrime gioiose mentre diceva allegramente: "Sì, mio padrone. Sono onorata di appartenere a te ed entusiasta di indossare il tuo collare".

Il suo viso era molto più espressivo delle sue parole e mentre lacrime di gioia le rigavano le guance, il padrone sapeva quanto fosse felice. La baciò sul naso e sulla fronte prima di aggiungere: "Lavorerai con diversi wedding planner per allestire un luogo nel castello per almeno 500 persone e più tardi esamineremo cosa comporta la cerimonia del collare".

http://www.padronebastardo.org






Questo racconto di è stato letto 2 1 9 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.