Un desiderio avverato (… verso l'epilogo

Scritto da , il 2012-06-22, genere incesti

UN DESIDERIO AVVERATO (8) (verso l’epilogo)
Come prevedibile fu una nottata insonne per tutti noi, zio Carlo tornato nella sua villetta la trascorse in piedi andando avanti e indietro per le stanze, io, mamma e Cristina ognuno nella propria stanza a rigirarci nei letti, verso le tre di notte mamma si alzò e andò prima nella stanza di Cristina poi entrambe arrivarono nella mia stanza si sedettero sul mio letto e mamma prese a carezzarci la testa ad entrambi, non diceva una parola sembrava come coccolasse due bambini di 5 o 6 anni con quel senso di protezione che ogni mamma porta innato con se, una sola cosa però gli si leggeva sul viso, sentiva il rimorso di aver consentito l’inserimento di Cristina in questo menagè familiare dagli aspetti contorti e lussuriosi, dopo un po’ si alzò e andò in cucina per preparare un’abbondante camomilla per tutti, avvertiva la necessità di riposare lei e desiderava che anche io e mia sorella prendessimo un po’ di riposo e di relax.
Restammo soli sul mio letto io e Cristina, lei si stese di fianco e ci abbracciammo, in fondo forse per incoscienza lei era quella che in quella situazione si trovava meglio, sembrava non avvertisse la gravità della cosa, tornò mamma dalla cucina con tre tazzoni di camomilla fumante e ci dissetammo, confidavamo in quella bevanda per distendere un po’ il fisico e la mente e nell’attesa che questo si avverasse mamma riuscì ad aprirsi e a parlare, si dichiarò un po’ pentita di quello che era successo e come punto fermò ci intimò ad avere la massima segretezza sulla vicenda, una sola parola uscita fuori avrebbe minato l’esistenza della famiglia stessa, io e Cristina giurammo che mai e poi mano nessuno avrebbe detto niente. La stanchezza si fece strada tra di noi e riuscimmo a riposare, ci volle il pomeriggio successivo per sentire qualcuno che si muoveva in casa, la prima ad alzarsi fu mamma, non fece nemmeno il caffè vista l’ora e si mise subito ai fornelli per preparare qualcosa da mettere sotto i denti, sentivo il bisogno di andare in bagno e mi alzai, dovevo passare per la cucina, appena sulla porta vidi mamma in piedi di spalle dietro i fornelli, indossava una camiciola trasparentissima praticamente un velo, sotto aveva uno slip ridottissimo e non aveva reggiseno, la luce che penetrava dal balcone la investiva in pieno disegnando i contorni del suo corpo statuario, mi soffermai ad ammirarla un po’, lei non si accorse che la ammiravo, poi con passo felpato mi avvicinai appena fui dietro di lei la abbracciai e mi appoggiai alla sua schiena, pensavo saltasse dallo spavento, invece non fu così, mi aveva visto nel vetro della finestra e mi aveva lasciato fare, poggiai le mani sui seni e la baciai sul collo, lei ebbe modo di constatare il mio stato di eccitazione gli avevo appoggiato il mio pene perfettamente tra la spacca delle natiche, mi congedò dicendomi “fammi preparare da mangiare, tu vai a fare una doccia, dopo pranzo ti spengo questo fuoco”. All’ora di pranzo Cristina era in coma profondo, mamma provò a svegliarla ma nemmeno rispose, dalla villetta di zio Carlo regnava il silenzio quindi nemmeno lo chiamammo, ci accomodammo con mamma in veranda e pranzammo da soli, non una parola da parte di entrambi, solo sguardi con sorrisi maliziosi che parlavano da soli, fu una cosa molto frugale, alla fine mamma disse “se sparecchi la tavola io preparo il caffè”, come facevo a dirle di no, lei si adoperò per fare il caffè e io levai i quattro piatti che stavano in tavola, ogni volta che arrivavo nei pressi del lavello mi strusciavo al suo corpo, mi era montata una voglia pazzesca, uscito il caffè mamma riempì le tazzine, le portò sul tavolo, si mise alle mie spalle e appoggiando le sue mani sul mio collo scese lentamente attraverso il petto nudo fino all’elastico del mio bermuda, infilò le mani dentro e si ritrovò ad accarezzare il mio pacco gonfio, una prese a carezzare il pene e l’altra a strizzare le palle, la fermai, presi il caffè tutto d’un fiato la presi per mano e ci avviammo verso la sua camera da letto, lei procedeva davanti, faceva strada, vedevo la sua imponenza davanti a me, si vedeva che era raggiante, quella esperienza l’aveva riportata a vivere finalmente serenamente e con appagamento la sua sessualità, giunti vicini al letto mi fece fermare a distanza, iniziò lentamente a sfilarsi le poche cose che aveva addosso, sembrava uno spogliarello fatto da una persona esperta e lo faceva per me, questo atteggiamento mi tolse definitivamente dal poco di imbarazzo che avevo provato nelle volte precedenti, rimasta nuda si pose inginocchiata sul bordo del letto, prese a carezzarsi con una mano le grandi labbra si dischiusero e subito attraverso il fascio di luce della lampada il suo interno cominciò a luccicare, fece cenno di avvicinarmi, lentamente mi accostai dietro di lei, la presi dai fianchi e gli appoggiai la mia cappella che era diventata scarlatta alla vagina, lei con una mano me la spostò, non voleva essere chiavata subito, aveva voglia di preliminari, le afferrai la vagina con tutta la mano nemmeno la conteneva, l’accarezzai , e infine cominciai a lavorarla con un dito, lei aveva delle scosse, provava piacere immenso, infilai il dito medio dentro fu qualcosa di paradisiaco, sentivo quel liquido pastoso fuoriuscire ad ogni affondo, provai con due dita, adesso il liquido nel vuoto delle dita si raccoglieva impregnandole, le tolsi fuori, le avvicinai al naso il profumo acre mi stava stordendo, cominciai a leccarli con la punta della lingua e alla fine li cacciai in bocca asciugandoli e ingoiando quel ben di dio, lei seguiva le mie azioni e si compiaceva, ripresi a trivellarla con le dita e quando furono nuovamente impregnate le sfilai e gliele avvicinai alla faccia, non ci pensò due volte, aprì la bocca e si mise a ciucciare, ero rimasto inebriato di quel sapore mi abbassai dietro di lei e appoggiai la lingua nella fessura il sapore era ancora migliore e così cominciai a leccarla lei si abbassò sulle ginocchia e si aprì di fronte a me come una caverna, la lingua entrava tutta fu come penetrarla con la lingua, era la prima volta che lo facevo e ne ero entusiasta, non so quanto indugiai in quella posizione, mamma ebbe un orgasmo violento, ma non gli bastò e immediatamente mi urlò “adesso penetrami con violenza”, non me lo feci ripetere appoggiai il mio pene già scappellato alla vagina e glielo spinsi dentro in un solo colpo, lei cacciò fuori un urlo strascicato e si mise a spingere verso di me con movimenti senza ritmo, era come assatanata, non mi faceva prendere il ritmo, la feci fermare, la bloccai dai fianchi e iniziai a dargli dei colpi lenti e ritmati fu allora che anche lei prese il ritmo ad ogni affondo sembrava che anche le palle gli entrassero dentro, ma sembrava nemmeno gli bastasse, diceva in modo confuso “ancora, ancora, dammene di più”, e io gliene davo, ma purtroppo in quelle situazioni improvvise la mia resistenza era molto limitata, infatti tempo pochi istanti venni copiosamente inondandole tutta la vagina, ci sdraiammo affiancati sul letto e rimanemmo abbracciati per un po’. Ci vollero le cinque del pomeriggio affinchè zio Carlo si ridestasse dal sonno profondo in cui era caduto, si presentò da noi tutto ritemprato e baldanzoso e senza mezzi termini dichiarò che aveva voglia di organizzare qualcosina del resto disse “ho allungato le mie ferie esclusivamente per rimanere qua con voi fino alla fine dell’estate”, mamma che era sazia del nostro pomeriggio non aveva tanta voglia, gli venne in aiuto l’improvviso arrivo di mio padre che resosi libero scese al mare per passare la serata e la notte con noi, sarebbe ripartito il mattino successivo.
La serata trascorse in modo nervoso, la presenza di mio padre infastidiva un po’ tutti e quattro, rimanevano oramai pochi giorni di quello scorcio di estate e in cuor nostro volevamo capitalizzarli al massimo, io e Cristina scendemmo un’oretta al borgo marinaro giusto il tempo di un gelato ma servì per discutere un po’ della situazione e tastare un po’ il pensiero di mia sorella, la quale non si dichiarò follemente entusiasta, ma nemmeno tanto dispiaciuta, lei era contenta dei rapporti sessuali che aveva con zio, il bastardo riusciva ad accontentarla sempre, del resto chi non avrebbe messo foga con una ragazza della sua età?, e poi era rinfrancata del fatto che finita la stagione estiva poteva riprendere i rapporti con me a casa come prima, un po’ contrariata era dei rapporti che io avevo con mamma, una cosa a metà tra l’invidia e la gelosia, però complessivamente non si erano create fratture tra di noi.
La mattina successiva mio padre fece rientro in paese di buonora, ci lasciò che ancora dormivamo, si era solo alzata mamma che aveva preparato il caffè per fare poi ritorno al suo letto e riaddormentarsi, l’unico ad essere vigile della situazione era zio Carlo, gli ormoni probabilmente gli andavano a mille, infatti dopo un’ora che mio padre era andato via fece capolino e ci chiamò, era già sceso al borgo ed era ritornato con un vassoio di cornetti caldi, ci fece alzare per consumare la colazione in veranda, eravamo seduti ad un piccolo tavolinetto circolare io di fronte a zio Carlo e Cristina di fronte a mamma, come un fulmine zio mise una mano tra le cosce di Cristina la quale gradì e le aprì per agevolarlo ancora di più, subito dopo la testa di Cristina era sparita sotto il tavolino zio aveva tolto di fuori l’uccello e se lo stava facendo spompinare, mentre accadeva questo zio forse preso dall’eccitazione si lasciò andare ad una considerazione che poteva rovinare tutto, infoiato dal servizio di Cristina si rivolse mia madre dicendo “la ragazza ha proprio avuto di chi prendere, è proprio una troietta come lo sei stata tu e se continua così diventerà una troiona come sei tu adesso” per un attimo l’aria si gelò, ma mamma seppe riportare la serenità rispondendogli “sarò pure una troiona, ma almeno ho saputo a che offrire le mie grazie e i miei favori, e non ne sono affatto pentita” detto questo si adagiò di lato con la schiena sulle mie gambe, io le misi un braccio di sotto e gli accarezzai il viso, mi chinai e presi a baciarla sulle labbra, ci coccolammo qualche minuto, poi zio si alzò e ci invitò a seguirlo, ci condusse nella sua camera da letto, era patito dei film porno, ne avviò uno e ci fece sdraiare sul letto per vederlo, era suo desiderio seguire la trama del film e calarci nella parte, lui seguiva e dirigeva il tutto seduto su una poltroncina, aveva preparato tutto l’occorrente dei pezzi di corda, del lubrificante e un pene di gomma, non riuscivamo a seguire tutta la trama quindi mi ritrovai in mezzo a mamma e a mia sorella nude su quel letto, le accarezzavo, infilavo le dita nelle loro intimità e zio non interveniva si gustava solo la scena, stava aspettando la scena giusta, infatti appena si presentò mise in rallenty si avvicinò a noi tre, e propose mamma come soggetto primario della parte, lei accettò, quindi seguendo la trama posizionammo mamma sdraiata sul letto schiena sotto e legammo le sue mani e i piedi ai quattro angoli del letto, Cristina dovette iniziare a masturbarla e mentre lei era alle prese con mamma io e zio ci dedicammo a lei, mentre Cristina era chinata su mamma io la impalai da dietro zio si limitava ancora ad accarezzare loro due, mamma si vedeva che soffriva in quello stato era bramosa di prendere qualcosa pure lei, pensava di rimanere a secco, invece da lì a poco fu esaudita, infatti dopo che ebbi scopata Cristina zio slegò mamma dal letto lasciando le corde attaccate agli arti la fece soltanto girare pancia in sotto con il viso a vedere la televisione e fu rilegata al letto, zio mi disse di seguire le azioni di un attore, mi posizionai davanti mamma e lo prese in bocca, la situazione era nuova e mi ero subito eccitato, zio prese da sopra il comodino il lubrificante e andò a piazzarsi dietro a mamma, versò un po’ di liquido e cominciò a spalmarlo su tutta la parte del bacino di mamma compreso nello sfintere, come d’incanto sbucò da sotto il cuscino il pene di gomma, era enorme, zio lo appoggiò alla vagina di mamma e poco alla volta lo spinse dentro. Mamma cominciò a gemere, zio non perse tempo in un lampo gli appoggiò la cappella sullo sfintere lubrificato e gli spinge il suo cazzone a fondo, mentre zio la sodomizzava Cristina messasi di fianco armeggiava con il fallo di gomma nella vagina di mamma la quale approvò con gusto quella doppia penetrazione, dopo un po’ che fu lavorata zio volle che provassimo a penetrarla naturalmente in due, per farlo desiderare anche a lei fu trascurata per un po’, gli venne concessa una pausa, da prima attrice divenne spettatrice, era arrivato il turno di mia sorella Cristina, zio abbandonando la trama del film mi disse di sdraiarmi sul letto e ordinò a Cristina di impalarsi su di me cosa che avvenne con naturalezza, mentre Cristina mi cavalcava zio prese il lubrificante e lo spalmò tra la spacca delle chiappe di Cristina, senza nessuna delicatezza infilò un dito dentro ebbi modo di sentirlo attraverso la sottile membrana che divideva la vagina dal retto e subito dopo cercò di penetrarla nel culetto, la posizione risultava scomoda, mi fece infilare due cuscini sotto la schiena e il bacino di Cristina risultò così più rialzato, la posizione era perfetta, zio così appoggiò il glande sullo sfintere e anche se con un po’ di difficoltà la penetrò, potei notare sul volto di Cristina i segni della sofferenza, la stavamo dilaniando, non riusciva a godere in quella situazione, col passare degli attimi si rilassò e così prese anche lei il ritmo, si avvertivano i due membri come si toccassero anche se erano in strade diverse, la situazione era troppo eccitante e sborrai per primo io riempiendola davanti, a stretto giro si liberò zio, Cristina ebbe un forte orgasmo giusto a metà tra il mio e quello di zio Carlo.
Avevamo lasciato mamma a metà e giustamente reclamava la sua parte, aveva potuto osservare tutta la scena della doppia penetrazione della figlia e lei non voleva essere da meno, andammo con zio in bagno a risciacquarci, mamma ci seguì e già in bagno cominciò a stuzzicarci facendoci lei stessa il bidè ad entrambi, avevamo già recuperato un buon 50% di erezione sia io che zio, tornati in camera zio propose di prendere la stessa posizione con una piccola variante, questa volta dovevo sdraiarmi sul bordo del letto con le gambe penzoloni al di fuori, zio voleva prenderla stando in piedi, mesi i due cuscini sotto la mia schiena mamma si mise a cavalcioni su di me, zio prese a carezzarla facendo scivolare una mano sul lubrificante che aveva messo prima, infilò il solito dito nello sfintere, mamma era come una fontanella grondava i suoi umori al punto che io non sentivo nessun attrito ed era pronta a ricevere la seconda mazza dietro, zio Carlo gli appoggiò la cappella sul buco del culo e fece finta di spingerlo dentro ma, con un colpo maldestro lo prese con la mano e la fece scivolare in basso mi ritrovai il pene di zio appoggiato sul mio, trovò un piccolo varco spinse leggermente in avanti ed entrò pure lui in vagina, mamma fece un movimento come a divincolarsi, ma zio la teneva ferma dai fianchi spinse ulteriormente ed entrò completamente, mamma fece un urlo, pensavo fosse di dolore, invece sbagliavo, stava provando un’esperienza che nemmeno avrebbe mai sognato stava scopando con due membri contemporaneamente, la posizione per me e zio non era proprio agevole, ma lei godeva alla grande, ebbe due o tre orgasmi in tempi ravvicinati che la sfiancarono, io e zio benché volessimo inondarla di sperma nostro malgrado non riuscimmo a venire, ma la festa era solo rinviata di un giorno e riuscì perfettamente, il solo progetto che non riuscì in quello scorcio di fine estate fu di fare provare quell’esperienza a mia sorella Cristina.

Questo racconto di è stato letto 1 1 9 0 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.