Cuckold per sempre-10° parte

Scritto da , il 2012-06-09, genere tradimenti

Le prime luci dell'alba,hanno illuminato la stanza con un sottile fascio di luce che,penetrando attraverso uno spiraglio tra le tende oscuranti,attraversavano come una luccicante lama,il viso ancora addormentato di mia moglie.

Solitamente,era lei la prima a svegliarsi e,spesso,mi portava,insieme al buongiorno ed alla colazione,anche qualche sorprendente novità come accadde il mattino successivo al nostro giorno di nozze quando,baciandomi con le labbra che sapevano di sperma,mi aveva annunciato che era reduce da una mattutina gang bang con un gruppo di 8 giovani sconosciuti che l'avevano chiavata come fosse una troia e fatta godere,riempiendola di sperma,come mai avrei potuto fare io.

Quell'indiscreto raggio di luce che pareva tagliare a metà il viso di Sara,lo faceva apparire da un lato,solare,rilassato e sereno come si confà ad una moglie felice e fedele mentre,dal lato più in ombra,appariva con le labbra tumide ed il ghigno ammiccante,ironico ed invitante,tipico delle femmine vogliose e sempre a caccia di cazzi.

Io ero seduto accanto a lei sul letto e mentre l'osservavo estasiato,mi chiedevo quale delle due personalità avrebbe avuto il sopravvento al suo risveglio.

Al tempo stesso,mi beavo nella constatazione che,il mio stato di marito felicemente cuck,mi avrebbe in ogni caso,procurato sensazioni ad altri sconosciuti.

Non vi era nulla nel carattere e nei comportamenti di mia moglie che mi lasciassero indifferente o,che potessero provocare in me reazioni di dissenso o di gelosia.

Vivevamo in perfetta simbiosi anche se,tutte le mie sensazioni fisiche,erotiche e cerebrali,erano conseguenti alle sue scelte.

Quel mattino tardava a svegliarsi e questo,denotava oltre che una grande tranquillità,la certezza che la giornata si sarebbe svolta secondo i suoi desideri.

Quando verso le 10,ha aperto gli occhi,la colazione era già pronta e,trovandomi accanto a sè,come rassicurata dalla mia presenza,mi ha stretto le mani tra le sue e dicendomi buon-giorno amore!-mi ha baciato sulla bocca.

Durante la colazione,abbiamo discusso della giornata o,per meglio dire,lei mi ha informato dei suoi programmi cercando di concordare con me,alcuni punti:


"Amore,nel pomeriggio devo incontrarmi con Hamin e Dhair,ho già detto loro che prendo la pillola(anche se non é vero)e che a differenza della volta scorsa,potremo scopare liberamente senza che mi mettano incinta.

Non gli ho ancora detto che tu vuoi essere presente mentre mi chiavano...perchè....di questo,vorrei ancora parlare con te.

Sei sicuro di volere essere presente....già dalla prima volta?

Tu non mi hai mai vista alle prese coi miei amanti...quale sarà la tua reazione?

E quale sarà la reazione dei due negroni...in fondo...c'é un'enorme differenza culturale e non vorrei che ti offendessero o ti insultassero!

Sai...ho visto la faccia che hai fatto ieri sera mentre facevo quel bocchino al cameriere arabo!

E come reagirai nel momento in cui mi sborreranno dentro e forse sarò ingravidata?

Non pensi anche tu che sia meglio che trascorra qualche giorno in modo che io possa trovare una scusa che giustifichi la tua presenza mentre i due bestioni neri ti chiavano e ti inculano e ti mettono incinta la moglie in tua presenza?


"Ma tesoro...eravamo d'accordo...ed io sono già pronto al passo decisivo...e poi....quì non ci conosce nessuno...nessuno potrà criticarci....però....se tu vuoi così....aspetterò qualche giorno....ok?"


"Ok!Grazie amore e adesso,come fai sempre,dopo colazione,voglio che sia tu a prepararmi all'incontro coi due stalloni neri."

Alla fine della colazione,io e mia moglie,siamo andati sul bellisimo terrazzo che affacciava su un parco rigoglioso e come due fidanzatini,ci siamo seduti su un divano a dondolo ed abbiamo cominciato ad amoreggiare.

Saremo stati lì per oltre un'ora durante il quale ci siamo accarezzati,ci siamo baciati e lei si é fatta leccare la fica godendo 2 volte e poi,prima di rientrare,lei mi ha finalmente preso il cazzo tra le dita e dopo poche escursioni del prepuzio sulla cappella,mi ha fatto sborrare per terra.

"Scusami tesoro se non te lo prendo in bocca,non te lo succhio e non bevo la tua sborra ma,sai...con quello che mi aspetta,non voglio mischiare i sapori...almeno oggi!"

"Hai ragione amore...almeno oggi,é meglio che tu non confonda i gusti...e poi...chissà come sarà intenso il sapore della loro sborra!"

"Ma amore...dimentichi che io ho già gustato la loro sborra in Italia e ieri sera all'aereoporto...non ricordi?
E' proprio perché conosco quei sapori che non voglio mischiare!"

Quando siamo rientrati in camera,lei si é seduta sulla tazza del water e dopo aver espletato le sue funzioni,le ho pulito il culo con la carta e,con la lingua,le ho asciugato la fica dalle tracce di pipì.

Poi l'ho accompagnata nella vasca da bagno dove si é messa in ginocchio abbassando il busto ed offrendomi le chiappe.

Prima di andare in bagno,avevo già preparato un'infuso caldo di malva e camomilla e con quello le ho riempito l'intestino per 5 o 6 volte ripulendola completamente da ogni residuo organico.

Sara odiava imbrattare il membro dei maschi che la inculavano con le sue eiezioni anche perché,altre al disgusto,vi erano anche problemi igienici legati al fatto che lei amava molto succhiare i cazzi che l'avevano inculata.

Vi era poi,il ricordo di quando proprio i due neri coi quali si sarebbe incontrata,l'avevano inculata contro la sua volontà,trovandola piena della disgustosa sorpresa.

In un certo senso,per lei era una specie di vendetta il fatto di offrirsi collo sfintere pulito e profumato.

Dopo il clistere,le ho riempito la vasca di acqua tiepida e sali profumati e,con una morbida spugnetta,l'ho lavata massaggiandole contemporaneamente tutto il corpo.

Mentre la lavavo,come una bambina dispettosa,mi faceva le boccacce e spruzzandomi la schiuma in faccia mi dedicava una cantilena che faceva pressoché così:

-Il mio cuck mi fa il bagnetto
e prepara il mio culetto
per un maschio ben dotato
che mi avrebbe poi montato
per due maschi scuri scuri
con i cazzi grossi e duri

il mio cuck mi ama assai
ma il suo cazzo non basta mai
e per questo lui lo sà
io ne cerco in quantità
se li trovo son serena
e con la fica torno piena

il mio cuck mi aspetta sveglio
quando torno é molto meglio
con la fica che mi cola
vado a letto e non son sola
la sua bocca assai golosa
succhia e asciuga la sua sposa-


Naturalmente,questo suo modo scherzoso di schernirmi,anzichè irritarmi,mi rende orgoglioso di farla felice e al tempo stesso mi eccita al punto che spesso,mentre la lavo,sborro senza neanche toccarmi.

Dopo il bagno,lei si é distesa sulla poltrona ed appoggiando i piedi sulla sedia di fronte a lei sulla quale sono seduto io,ha allargato le cosce offrendo la fica alla depilazione che,come sempre eseguo io.

Dopo averla ben insaponata con una speciale schiuma da barba,la depilo completamente lasciandole il monte di venere,le labbra della fica e tutta la zona perianale completamente liscia come la pelle di una bambina.

Dopo l'operazione,con un'asciugamani umido l'ho ripulita dalle tracce di schiuma e poi,memore del trattamento che mi faceva il mio barbiere,con una spugna calda,le ho massaggiato tutta la zona.

Lei ha passato tutto il tempo di quell'operazione,ad occhi socchiusi ed emettendo un sottile suono di godimento,di tanto in tanto si umettava,con fare sensuale,le labbra con la lingua.

Dopo siamo passati al trucco che lei ha voluto trasparente e leggero quasi a voler accentuare la differenza estetica tra lei,eterea,dalla pelle bianca e dai tratti gentili ed i suoi stalloni muscolosi,neri e dai marcati lineamenti africani.

Chissà,in quel momento le piaceva recitare il suo ruolo nella "Bella e la bestia".

Quanto all'intimo,é stata molto indecisa se indossarlo o offrirsi subito completamente priva da ogni barriera.

Dopo il parto,le avevo regalato un perizoma nero con un ricamo in filo d'argento ed un reggiseno in composè a balconcino che,sostenendoli dal basso,pareva offrire i seni,coi capezzoli completamente scoperti,come frutti su un vassoio d'argento.

Non aveva ancora mai avuto l'occasione di esibirsi in quella mise e dunque,la mia proposta é stata accettata con entusiasmo e premiata con un bacio in bocca.

Immancabili i sandali,anch'essi argentati e dal tacco vertiginoso che,aiutati da una minigonna inguinale rossa,davano uno slancio incredibile alle sue già lunghe gambe.

La camicetta di seta nera generosamente scollata,offriva uno spettacolo da mozzare il fiato anche al più insensibile degli esseri umani.

Il tutto era completato dai lunghi capelli che,per l'occasione,prima di partire dall'Italia,si era fatta fare di un biondo platino.

Nel vederla così,pronta per uscire coi due negroni,ho avuto la conferma che volesse accentuare al massimo la differenaza di razza che li contaddistingueva.

Mentre usciva per andare ad incontrare i due neri che già l'aspettavano nella hall dell'albergo,ho pensato che forse non avrebbero saputo resistere e che l'avrebbero chiavata lì,sul posto nel momento stesso in cui l'avessero vista.

Compiaciuto del fatto che quella dea fosse mia moglie e che stava per trascorrere delle meravigliose ore di sesso con gli oggetti dei suoi desideri,sono andato in bagno e,sognando il bambino dalla pelle scura che il mio amore mi avrebbe regalato,mi sono fatto la doccia e sono andato a letto.

continua




Questo racconto di è stato letto 1 1 9 1 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.