Scuola di sesso in famiglia 5

Scritto da , il 2011-07-09, genere incesti

Mia madre continua a chiamare me e mio fratello-I MIEI BAMBINI-anche se io ho 19 anni e Rino e' uno splendido diciottenne.
Nonostante l'eta',io non ho mai sentito l'esigenza di avere un ragazzo(Questo mi fa apparire agli occhi dei miei amici e conoscenti,come una ragazza troppo seria,riservata e un po'bacchettona)ed anche Rino dopo un breve perido in cui ha filato con una sua compagna di classe,ha capito che altre donne non facevano per lui/per noi!
Il nostro affiatamento era totale ed il nostro vincolo troppo stretto per essere condiviso o sciolto da chicchesia.
Abbiamo vissuto sin dall'infanzia come un tutt'uno,spirito e corpo ed il nostro segreto ci rendeva complici e rafforzava il nostro legame.
I nostri giochi erotici di emulazione di quanto vedevamo fare da nostra madre con Arturo,sono iniziati come puro gioco infantile senza la coscienza di cio' che facevamo.
La puberta',con la modifica dei nostri corpi e l'esplosione ormonale,ha dato un senso compiuto alle nostre performances e ci ha spalancato le porte del meravigioso mondo dell'eros.
Non perdevamo neanche un gesto di cio' che vedevamo fare ai nostri maestri e da bravi allievi replicavamo tutto alla perfezione.
Abbiamo sempre scopato senza alcuna protezione e per non avere indesiderate gravidanze Rino non mi ha mai sborrato nella figa mentre ogni altra parte del mio corpo era a sua completa disposizione.

...Io ero distesa sul letto,l'utero pieno dello sperma che mio fratello,involontariamente mi aveva riversato,la figa fradicia della saliva di mia madre e degli umori che abbondantissimi i miei numerosi orgasmi avevano sciolto,mia madre mi stringeva le mani mentre Arturo,cogliendo il suo invito ,saliva sul letto posizionandosi tra le mie cosce.
Mia madre,mi stringeva le mani e cosciente della mia paura per l'enorme cazzo di Arturo e per la scena della violenta sodomizzazione di mio fratello cui avevo assistito,cercava di rassicurarmi:"Bambina mia non temere,e' vero,a volte Arturo e' alquanto brutale ma con te sara' gentile e premuroso e poi,ci sono io qui' vicino a te per proteggerti.Sai,per Arturo e' un fatto rituale,sempre e con tutti,maschi o femmine,nel primo rapporto vuole metterlo nel culo e sborrarci dentro.Per lui e' come un'affermazione di proprieta'. Io ti ho gia' ben lubrificata e ti ho aperta con le dita,se saprai aiutarlo la penetrazione sara' agevole e poco dolorosa,poi sara' il trionfo del piacere.Quando senti che comincia a spingere,anche tu devi spingere come se dovessi evaquare,mi raccomando bimba mia...spingi...spingi forte".
Mentre mia madre cercava di tranquillizzarmi,il mio corpo,colto da un tremore incontrollabile,mi scuoteva come fossi avvolta da brividi di freddo.
Arturo era in ginocchio davanti a me,tra le mie cosce,con una mano teneva la grossa verga svettante ben oltre l'ombellico e con l'altra mano roteava e scorreva sull'asta spalmandosi di una crama profumata.
Finita la lubrificazione,mia madre gli ha asciugato la mano unta dopo di che', Arturo,passandomi le mani sotto le cosce,mi ha sollevata come un fuscello e tirandomi a se'ha poggiato le mie gambe sulle sue spalle.
Mia madre ha preso un grosso cuscino e lo ha messo dietro la mia schiena per tenerla ben sollevata.
Ero pronta,tremante ma aperta alle voglie di Arturo.
Mia madre era inginocchiata sul tappetino e col busto appoggiato al letto,con due mani teneva il cazzo orribilmente teso e minaccioso di Arturo e lo guidava verso il mio minuscolo forellino.
Al primo contatto con la livida cappella,ho avuto un sussulto ed un involontario grido mi si e' spento in gola.
Per un attimo un silenzio tombale e' calato nella stanza,ed ho avuto l'mpressione che si percepisse il suono dei battiti imperiosi del mio cuore.
Quando il mondo si e' riacceso anche per me,sentivo la voce rassicurante di mia madre,l'ansimare di Arturo,anche lui evidentemente teso e il calore del glande che iniziava a spingere contro di me.
Memore dei consigli della mia mamma,anch'io ho cominciato a spingere come a volermi opporre alla penetrazione e sentivo che mi stavo aprendo e sentivo un caldo che avvampava il mio sfintere.
La penetrazione era iniziata e come mi aveva rassicurato mia madre,Arturo cercava davvero di essere delicato con me.
Arturo era dolce e spingeva lentamente ma,il problema non era lui,ne' la sua volonta'.
Il problema era la sproporzione tra il mio piccolo buco del culo e l'enormita'del cazzo di Arturo che eccitato allo spasmo dalla situzione aveva assunto il turgore del marmo e le dimensioni del cazzo di un cavallo.
Ecco cosa stava avvenendo;come una giumenta stavo per essere inculata da uno scalpitante puledro.
"AHI!"un grido,stavolta non soffocato ha accompagnato il primo strappo:"Scccc.....bambina,rilassati un po',Arturo si e' fermato e il suo glande e' gia' per meta' sulla soglia.Stringi i denti forte e quando dico vai,spingi e Arturo contemporaneamente ti spingera' la cappella tutta dentro....VAIIII....."
Un'urlo sovrumano e' sortito dalla mia gola mentre un dolore lancinante ed un fuoco bollente avvolgevano il mio martoriato buco del culo ed il mio tramante corpo.
Arturo era dentro di me.Fermo.
Dai miei occhi un fiume di lacrime bagnava il mio viso,ero in preda al panico ed al dolore puro.
Del piacere erotico che provavo quando mi inculava mio fratello,neppure l'ombra anzi,in quel momento non ne avevo neppure il ricordo.
Mi sentivo squartata,come fossi stata impalata,lacrimavo e mi lamentavo senza ritegno.
Arturo mi serrava i fianchi,chissa',forse sperava di alleviare il mio dolore e mia madre mi sussurrava parole per me incomprensibili che certamente volevano essermi di conforto.
Non so'per quanto tempo Arturo sia rimasto fermo in me e' certo pero' che quando ha ricominciato a spingere,non sentivo piu' quel dolore lancinante ma era un dolore,come dire-piacevole-certamente tutto dipendeva dal fatto che un piccolo dolore dopo una lacerazione ti giunge come un sollievo.
Arturo stava entrando nel mio corpo col suo cazzo gigantesco.
Ora captavo anche le sue pulsazioni,lo sentivo scivolare morbidamente(grazie all'abbondante lubrificante)in una lunghissima interminabile escursione nelle mie visceri.
Finalmente mi sentivo un po' rilassata,le mani che prima stringevo sul viso,ora stringono le mani di Arturo e gli trasmettono le mie sensazioni.
Quando sento un nuovo doloro in profondita'stringo forte le mani di Arturo ed un nuovo lamento sfugge dalla mia gola.
Arturo capisce che,anche se il suo cazzo e' fuori per meta'il traguardo e' raggiunto.
Il mio corpo non e' in grado di inghiottirne di piu'.
Comincia allora una lenta retromarcia per me ancora dolorosa ma stavolta anche con sensazioni piacevoli.
Arturo mi sta'inculando,lo fa' lentamente ma i suoi movimenti alterni,ora mi procurano un certo piacere.
Comincio ad ansimare,mi dilato di piu',i suoi movimenti sono piu' sciolti,evidentemente anche la sua tensione si e' allentata,capisce che mi piace,comincia ad ansimare anche lui mi parla,biascica qualcosa tipo:"Marina...sei stata brava...voglio farti godere...brava bambina....."non c'era volgarita'nelle sue parole ma solo suadente dolcezza in contrasto con la sua persona.Il suo ritmo diveniva sempre piu accelerato,ora ero davvero travolta da un delirio dei sensi,godevo,godevo col culo e mi scioglievo con la figa,mia madre ora aveva la testa sopra di noi,con la lingua mi leccava la figa e con una mano accompagnava il cazzo nei suoi movimenti alternati nel mio buco del culo.
Un rantolo animalesco e libaratorio si e' sovrapposto al mio piacere silenzioso quando Arturo con un'affondo decisivo ha aperto le chiuse della sua travolgente copiosa sborrata.
Dopo aver goduto,Arturo si e' tolto le mie gambe di dosso,le la allungate e si e' disteso sopra di me cominciando a baciarmi sulla bocca.
Francamente non avevo mai avuto il desiderio di baciare Arturo ma,in quella situazione;il grosso randello conficcato nel culo pieno della sua sborra e la lingua a ravanare nella mia bocca,mi creava un nuovo stato di eccitazione.
Ovviamente,anche mia madre era parte attiva in quella fase del gioco.
Continua

Questo racconto di è stato letto 1 0 8 4 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.