Qualche piacevole chilo in più

Scritto da , il 2012-05-09, genere etero

La donna con qualche chilo in più mi è sempre piaciuta, non voglio dire che possa piacermi anche un cesso ovviamente, ma se una è bella lo è anche con qualche chilo in più. In particolare c'è questa mia amica, chiamiamola Effe, che mi eccita tantissimo, in pochi la prendono in considerazione perchè è abbastanza in carne, ma vi assicuro che è una bella ragazza, un bel viso, sensuale, una massa di capelli ricci che lo incorniciano e una vena di dolcezza che non guasta, il fisico, nonostante i chili di troppo non è per niente male, e poi, cosa che ritengo fondamentale, è sensuale.
Abbiamo sempre avuto un bel rapporto, non solo di amicizia, nessuno dei ha mai nascosto l'attrazione fisica per l'altro, l'apice, per la prima volta, lo toccamo una volta in discoteca, era tutta la sera che ci stuzzicavamo a vicenda, ci baciavamo, ogni tanto entrambi allungavamo le mani sull'altro, fino a quando verso le tre del mattino mi ruppi di fare solo giochetti e le chiesi se le andava di andarcene in un alberghetto che avevo visto poco lontano dal locale: non se lo fece ripetere due volte. Mezz'ora dopo eravamo in una stanza di albergo.
Lei era vestita con un bel vestitino nero lungo fino alle ginocchia che invitava l'occhio a guardare nella scollattura e vi assicuro che con la sua quinta era proprio un bel vedere. Appena entrati la abbracciai da dietro iniziandola a baciare sul collo, lei iniziò a muovere il culo per strofinarmi l'uccello. Le strapazzai un pò le tette e sentii che aveva già i capezzoli belli turgidi. Lei iniziò a sbottarmi la camicia e me la tolse iniziando a baciarmi sul petto e a leccarmi i capezzoli. Baciando baciando iniziò a scendere e mi baciò il pisello da sopra i jeans, che iniziò a sbottonarmi e ad abbassarmi.
Ero già nudo, cosi iniziai a spogliare lei, prima le abbassai le spalline del vestito, le baciai il solco tra le tette prima di farle scivolare del tutto il vestito a terra. Portava biancheria nera semplice, niente perizoma, solo il reggiseno era un pò merlettato. Glielo sbottonai e glielo tolsi liberando la sua quinta che, per le dimensioni, vi assicuro che non pendeva neanche poi tanto, ho visto di molto peggio. Iniziai a prendergli in mano un seno alla volta, glielo stringevo, leccavo e passavo la lingua sull'aureola intorno ai capezzoli che erano sporgenti. Poi mi abbassai e le sfilai le mutande, e mi trovai faccia a faccia con una bella fica pelosa come piace a me. La lavorai un pò con le dita, passandole prima sulle labbra e poi giocando con il clitoride e i suoi umori che fluivano mi facevano capire che gradiva tanto.
Ad un certo punto mentre stuzzicavo il suo clitoride con la punta delle dita lei mi allontano e mi spinse steso sul letto.
- Ma cosa vuoi divertirti solo tu? - Mi chiese e iniziò a succhiarmelo alla grande. Prendeva tutti e 22 cm del mio cazzo, per 4 abbondanti di spessore, in bocca e giocava con la lingua sul glande. Poi lo tirava vuori dalla bocca e iniziava a leccarmelo con la lingua dalla base fino alla cappella, succhiandomi ogni tanto anche le palle. Dopo un pò iniziò ad accarezzarmi l'uccello con le tette, fino a quando non fui io a farla girare e a mettermi a cavaccioni sul seno, con le mani stringevo il suo seno mentre premevo il mio uccello nel mezzo fino a fargli arrivare la cappella a fior di labbra. Continuai cosi fino a quando non sentii che sarei potuto già arrivare, cosi mi fermai e mi abbassai iniziando a leccargli la figa che era bagnatissima, pensai che doveva aver già avuto un orgasmo. La feci alzare sulle ginocchia ficcando la mia testa tre la sue coscie, al che lei si abbassò riprendendo il mio cazzo in bocca in un fantastico 69.
Dalla mia visuale godevo come un pazzo, la faccia ficcata in quella fica fantastica, calda e bagnata, se buttavo lo sguardo verso il basso vedevo le sue tette oscillare e lei che mi faceva un pompino. Le leccavo la parte interna delle cosce, prima una parte poi passavo alla figa e poi l'altro interno coscia, questo mentre con le mani le stringevo le natiche e le ficavo il dito nel buco del culo. Dopo un pò sentii di nuovo che stavo per arrivare e questa volta non mi riuscii a trattenere, schizzi abbondanti di sperma caldo le coprirono il viso mentre continuava a leccarmelo, e proprio in quel momento, accompagnato dai suoi gemiti di piacere ebbe un nuovo orgasmo. Mentre lei mi puliva il cazzo con la lingua, facendo in modo che l'erezione non risentisse affatto della venuta, io feci lo stesso fra le sue cosce.
Dopo un pò fu lei stessa ad alzarsi dal 69 per avvicinarsi al mio pantalone, prese il portafoglio e tirò fuori il preservativo, me lo mise dopo avermelo leccato ancora un pò, si mise a cavaccioni su di me, accompagnò il mio cazzo con la mano nella sua figa e iniziò una danza di un erotismo esagerato. La vedevo salire e scendere sulla mia asta, con il viso che era una maschera di piacere, il seno e i capelli che accompagnavano i suoi movimenti. Completamente disteso le afferravo il seno e glielo stringevo, lo stesso facevo con le natiche, spingendo il mio dito nel suo culo, quando lo facevo vedevo il suo viso contrarsi ancor di più dal piacere, lanciando allo stesso tempo gridolini di un piacevole dolore. Ogni tanto mi alzavo e le baciavo le tette o in bocca dove la sua lingua cercava la mia in maniera selvaggia. Un urlo di piacere che era più un ululato, mi annunciò che aveva avuto un altro orgasmo. Dopo il quale si fermò rimanendo impalata sul mio uccello, mi guardò con degli occhi troppo sensuali, non volli aspettare cosa facesse e cosi sfilai il mio cazzo dalla sua figa e la feci mettere a pecora. Prima le aprii un pò il buco del culo con le dita, poi spinsi dentro con delicatezza la cappella, che entrò senza troppa difficoltà, grazie al profilattico intriso dei suoi umori. Prima lentamente, poi con sempre più foga iniziai a penetrarla, piegando un pò la testa vedevo il suo seno andare avanti e indietro, io mi piegavo a stringerlo, poi lasciavo le tette e mi dedicavo con le dita al suo clitoride. Ormai Effe era un unico continuo grido di piacere. Sentivo che il mio cazzo era di nuovo pieno di sperma e stavo per arrivare, cosi lo sfilai dal suo culo, la feci mettere distesa e mi misi di nuovo a cavaccioni su di lei iniziando una nuova spagnola che durò molto meno della prima perchè esplosi in una seconda venuta i cui schizzi le arrivarono in faccia e tra i capelli. A questo punto mi distesi accanto a lei, ma Effe è una a cui piacciono le cose fatte bene, infatti si alzò e iniziò a ripulirmi il pisello con la lingua, io la presi per i capelli e accompagnai i suoi movimenti spingedole la testa in basso fino a farle prendere in bocca tutta la mia asta che però non era più dura come poco fa.
- Ehi ti ho spompato! - Mi disse scherzando, smettendo di succhiarmelo.
- Guarda che se ne vuoi ancora, continuiamo. - le risposi.
- Per ora sto bene cosi - mi disse - mi hai sfondata davanti e dietro, ora ho bisogno di tregua. Ma non sarà una tregua lunga, la bimba qui sentirà presto la mancanza.
Accompagnò le parole passandosi un dito fra le cosce raccogliendo i suoi umori che mi passò sulle labbra, per poi iniziare a rivestirsi. Vi assicuro che avrei voluto continuare, ma l'attesa, come si dice, amplifica il piacere, e per fortuna non fu un'attesa lunga, magari poi racconterò anche gli altri incontri con Effe.

Questo racconto di è stato letto 4 6 3 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.