La Baronessa Zelda cap. 2

Scritto da , il 2021-11-29, genere dominazione

Quella mattina due guardie vennero a prenderla, d’estate indossavano pantaloni di fustagno, una casacca di panno verde ed un cappello floscio, ai piedi portavano stivali alti fino a metà coscia. Le guardie erano sempre armate di spada che tenevano nel fodero che pendeva dalla cintura, quando poi facevano la guardia erano dotati anche di lancia, c’era infine un corpo scelto di arcieri. La fecero salire sul carretto con loro e si diressero verso la fattoria. Il carretto era trainato da due giovani e robusti schiavi. La mancanza di cavalli e di buoi aveva costretto quella comunità ad utilizzare gli schiavi più forti come animali da traino. Tutti i nobili avevano una scuderia di puledri, a cui ora, pensava Ardea, si aggiungeranno presto delle puledre, così come le guardie e le altre istituzioni burocratiche, persino alcuni artigiani avevano uno o più puledri che utilizzavano per lavoro e per diletto. In tutta la valle c’erano almeno un centinaio di schiavi puledri. Gli schiavi adibiti a questo scopo facevano solo quello, era una vita faticosa, ma mangiavano meglio degli altri e le stalle in cui alloggiavano erano più confortevoli e pulite delle case comuni dei contadini.
Quando la comunità era arrivata nella valle per un certo tempo aveva cercato di entrare in possesso di buoi e cavalli, ma le prime spedizioni al di fuori della valle, di fronte all’impossibilità di trovare un varco tra le montagne si arresero e ritornarono indietro, l’ultima non ritornò mai e non si seppe neanche il perché, qualcuno pensò che fossero riusciti a trovare una via d’uscita dalle montagne, ma che furono incapaci di ritrovare la via del ritorno. Dopo quel tentativo non ne furono fatti altri. I due puledri allo schioccare della frusta si avviarono al trotto verso l’uscita del villaggio. Era estate e, sebbene fosse mattina presto e lassù tra le montagne non facesse mai molto caldo, appena iniziarono a galoppare nella campagna i due schiavi cominciarono a sudare, la guardia che li guidava li incoraggiava con qualche epiteto e con qualche leggera frustata. Erano due giovani biondi e tracagnotti, Ardea non faceva caso a loro, erano schiavi e quello era il loro destino.

Giunti al cancello della fattoria, entrarono nel grande parco e dopo aver percorso un lungo viale alberato e superato diverse palazzine giunsero al palazzo principale, lì si fermarono ed infine la guardia l’accompagnò al portone. Una serva venne ad aprire. Era una donna matura, ma ancora avvenente, scura di pelle, aveva i capelli neri e corvini che portava raccolti a coda di cavallo. Era una schiava dagli occhi scuri e cerchiati, ma aveva ancora un corpo sodo e piacente, si chiamava Nara. Indossava un vestito leggero, era pesantemente truccata, le unghie lunghe e dipinte di un rosso vivo. Ardea aveva visto raramente schiave truccate a quel modo, quella era una prerogativa delle più belle e giovani nobildonne. Nell’accomiatarsi la guardia diede una pacca sul culo di Ardea e le disse: - vedrai, qui ti divertirai. – Ardea non rispose, ma non protestò, la guardia non poteva palparla senza il permesso del suo padrone, ma in fin dei conti era solo una palpata, se avesse protestato la sua padrona le avrebbe riso in faccia e le avrebbe detto: - sei una sgualdrina, ecco perché ti ha tastato. -

Dal momento che entrò lì dentro Ardea non prese più infusi. Nella stanza, al primo piano, in cui avrebbe trascorso gran parte del tempo l’aspettava la sovrintendente per dettarle le regole della casa. Si chiamava Astra e lì dentro era un’autorità, dipendeva solo dal prefetto, un nobile incaricato dal Principe di seguire il collegio e che sovrintendeva solo alle decisioni più importanti, lasciando tutte le responsabilità nelle mani della sovrintendente. Era una donna superba ed arrogante, che con l’aiuto di pochi servi conduceva il collegio con grande professionalità. Era bionda ed aveva trentadue anni, i suoi occhi erano di un celeste tendente al viola, era alta ed arrogante, aveva un fisico spigoloso ed ossuto, ed era abbastanza magra, nonostante questo risultava sensuale e femminile. Indossava stivali o scarpe con il tacco alto, molto eccentrici per quella comunità, sopra una lunga veste nera indossava una leggera e comoda giacca maschile che la rendeva ancora più bizzarra agli occhi dei suoi concittadini. Ciò che la faceva apparire definitivamente stravagante era il fatto che pur essendo la figlia di uno dei più importanti burocrati della corte non si era sposata. Si diceva che si era innamorata di un nobile, ma che il loro matrimonio, come tutti i matrimoni tra persone di caste differenti, non era stato possibile e quindi lei delusa si era rifugiata in quel lavoro, era una delle poche donne di quella comunità che occupava un posto di responsabilità.
Le regole che Ardea, come tutte le sue compagne, apprese erano semplici. Ogni mattina prima che il sole arrivasse all’apice ci sarebbe stata la prima monta, la seconda sarebbe avvenuta al tramonto, dopo le monte le schiave avrebbero mangiato. Durante la mattina o il pomeriggio le schiave potevano gironzolare per il giardino che stava sul davanti, quello di dietro era a disposizione degli stalloni, così come la sala del primo piano era a disposizione delle schiave e quella del piano terra degli schiavi. Prima delle monte le schiave dovevano ritirarsi nelle loro camere e lavarsi. Lei stessa sarebbe passata a prenderle e le avrebbe condotte nella sala della monta. Dopo averle spiegato queste cose la sovrintendente le disse: - spogliati. – La giovane schiava obbedì e rimase nuda di fronte alla donna che si avvicinò e con gesti professionali la visitò, in piedi nel mezzo della stanza.
Astra la penetrò con il dito medio e constatò che la schiava aveva perso la verginità, erano improbabili, ma non rari i casi in cui in quel luogo arrivava qualche vergine, in quelle occasioni si provvedeva immediatamente, la schiava veniva legata al letto e veniva bendata poi la sovrintendente chiamava uno stallone e la faceva sverginare. La sovrintendente la tastò tra le gambe e sul seno. Ardea arrossì ed abbassò gli occhi, ma non protestò. La sovrintendente l’accarezzò sulla vulva mentre con l’altra mano le titillava i capezzoli. Mai una donna l’aveva toccata così e Ardea si sentì morire dalla vergogna, s’irrigidì e si morse le labbra per non protestare, mentre l’altra continuava a tastarla senza curarsi di lei. Poi le fece aprire la bocca e mentre una mano di Astra continuava a sollecitarla in basso l’altra la sondò nelle cavità orali, tutti quei titillamenti ottennero lo scopo di farle venire la pelle d’oca. Soddisfatta Astra l’abbandonò e sorrise. – Preferivi farti visitare da un uomo. –
Questa volta la schiava dovette rispondere. – No signora. Grazie per la visita. -
– Sei calda ed appetitosa, sarai la gioia dei miei stalloni. Indossa quella vestaglia, sarà la tua divisa per tutto il tempo che passerai da noi. -

Le schiave indossavano tutte una leggera e trasparente vestaglia come quella di Ardea, dietro di lei c’era Rona, ciò le diede un po’ di coraggio, ma non bastò a tranquillizzarla. Condotte dalla sovrintendente arrivarono in una sala del seminterrato dove lungo una parete c’era una staccionata di legno. Nella sala le aspettava Nara la serva della sovrintendente ed il prefetto che assisteva sempre alla prima monta, era un uomo anziano che si eccitava moltissimo, poi ritornava a casa e se era ancora in forze si scopava una giovane schiava. Quell’eccitazione però non gli faceva bene e quindi si limitava ad assistere solo alla prima monta.
Le schiave furono fatte spogliare e ad una ad una accompagnate alla staccionata. Si trattava di una serie di gogne, la schiava infilava la testa in un buco e la serva abbassava l'asta superiore imprigionandola dentro. Poi la schiava veniva invitata ad appoggiare le mani sul palo che correva parallelo al pavimento. Quella era la posizione in cui sarebbero state prese, in quella posizione non potevano vedere chi era che le cavalcava e non potevano essere viste in viso da chi le montava, potevano solo vedere le facce delle sventurate al loro fianco. Ardea era spaventata, Rona era al suo fianco e le diede l’impressione che fosse molto concentrata. Non era il momento in cui parlare, Astra aveva loro imposto di stare zitte da quando erano uscite di camera. Sentirono uno scalpiccio dietro di loro, dovevano essere arrivati gli stalloni, sentirono indumenti che scivolavano per terra e la tensione salire.
La sovrintendente disse: - bene, ora tirate il culo in aria ed allargate le gambe. – Ardea obbedì prontamente, ma dopo qualche istante sentì una scudisciata volare in aria e un fievole lamento, le natiche di una di loro erano state colpite. – Ho detto bene in alto, e gambe larghe - ripeté la sovrintendente. Anche se pensava di aver messo il culo in esposizione Ardea si sforzò e s’inarcò ulteriormente. Rona non si scompose, era già in posizione, il culo in alto, la schiena inarcata, aveva socchiuso gli occhi ed aspettava placidamente, in apparenza con grande distacco, in verità il suo cuore batteva tumultuosamente ed era spaventata quanto le altre. Ad Ardea ritornarono in mente le parole della sua padrona il giorno prima al mercato: non deve godere. In quel momento ad Ardea sembrava altamente improbabile che una di loro potesse provare piacere, ma non aveva tempo per pensarci, dietro di loro stava succedendo qualcosa. Ardea si sentì tastare tra le gambe con poco garbo e pizzicare nell’interno delle soffici cosce. Poi quelle stesse mani le impastarono i glutei ed infine l’afferrarono per i seni, si sentì leccare sulla schiena e poi la lingua dello schiavo che scendeva tra le natiche e s’infilava tra le gambe. Sudava freddo ed era diventata rossa come un peperone maturo, cercava di mantenere la posizione, ma non poté frenare il tremolio che attraversò le sue membra. L’altra schiava accanto a sé sembrava molto più disinvolta, quasi subito cominciò a gemere ed a gustarsi quelle carezze, era la schiava di una guarnigione, ne aveva presi tanti che non si vergognava più di nulla, d’altra parte era più anziana ed era già passata da quel luogo. Poi Ardea fu penetrata e per qualche momento le sembrò di morire. Ardea aveva accolto lo stallone con un certo timore, era uno zotico che la stava trattando senza riguardo, ma non poteva sfuggirgli e dovette subire senza fiatare. Nonostante ciò lo zotico aveva delle qualità, era duro e resistente e Ardea dopo i primi colpi iniziò ad apprezzare anche i modi spicci e sgarbati dello schiavo che la stava penetrando. Senza volerlo la schiena di Ardea si inarcò ed il culo cominciò ad ondeggiare nel seguire il ritmo del trapano, infine si abbandonò al piacere. Lo schiavo conosceva quella reazione e si divertiva, ogni tanto i suoi modi ruvidi prevalevano e faceva capire alla schiava che era in suo potere, allora la mordeva sulle spalle o le strizzava le tette. Ardea reagiva prontamente, guaiva ed inarcava la schiena, ma dopo qualche istante si abbandonava di nuovo al piacere. Provò a guardare se la stessa cosa stava succedendo alla sua amica.
Rona era rimasta impassibile, solo di tanto in tanto, si mordeva le labbra e stringeva i denti, ma non seguiva lo schiavo, non fremeva e non ondeggiava sotto i colpi di maglio che lo stallone le rifilava. Ardea invece chiuse gli occhi e si godette la scopata. La sovrintendente osservava la scena ed in particolare, osservava il viso ed il corpo di Rona, ma non perdeva di vista quella giovane schiava di nome Ardea che le era piaciuta tanto. Rona era l’unica che non si dimenava e non gemeva. Eppure lo schiavo che la fotteva era il migliore della scuderia e ce la metteva tutta per farla godere, Astra ne conosceva il motivo e mentre lo stallone si disperava lei se la rideva.

La monta avvenne ogni giorno e per due volte al giorno come stabilito, il rituale era sempre lo stesso, gli stalloni si scambiarono nel ricoprire le schiave, ma per queste ultime le differenze furono di poco conto. La posizione non offriva in fondo grandi variazioni sul tema e gli schiavi che se le scopavano erano tanto vigorosi quanto monotoni. Solo lo stallone che di volta in volta dava l’assalto a Rona cercava di metterci un po’ di fantasia, prima di tutto perché era una schiava di notevole bellezza e poi perché Rona resisteva e non godeva. Astra seguiva questi tentativi con grande divertimento e notevole passione, le sarebbe piaciuto che Rona godesse per poi raccontarlo alla sua padrona, ma allo stesso tempo faceva rispettare le regole non concedendo allo schiavo più tempo di quello utilizzato dagli altri sulle rispettive schiave. Per gli stalloni era diventato motivo d’orgoglio portarla all’orgasmo, ma fino a quel momento nessuno c’era riuscito e così tutti iniziarono a dire che fosse frigida. La vita nel collegio, dopo i timori iniziali, trascorreva tranquilla, senza più grandi sorprese per le schiave. Ardea si appartava spesso con Rona e le due schiave discutevano a lungo della vita nella valle e del loro destino. Ardea era preoccupata per il suo futuro imminente, mentre Rona descriveva i piaceri a cui era stata introdotta dalla sua padrona. – E’ una donna terribile, ma con lei si vive bene. – Quando Ardea accennava agli uomini Rona era un po’ vaga. – Ogni tanto la padrona mi concede ad uno schiavo oppure ad un padrone, ma quello che più mi dà piacere sono le sue labbra ed il suo corpo. -

Per chi mi vuole scrivere in privato: Koss99@hotmail.it
Qui pubblico solo anteprime. I miei racconti completi sono pubblicati su:
Kobo
https://www.kobo.com/it/it/search?Query=koss
Amazon
https://www.amazon.it/Koss/e/B06WVH29MD
Google
https://play.google.com/store/books/author?id=Koss

Per la traduzione dei miei racconti in inglese cerco un traduttore o una traduttrice. Se qualcuno si ritiene all'altezza mi scriva: koss99@hotmail.it Riceverà una proposta che penso interessante.

Questo racconto di è stato letto 1 0 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.