Factory Slut Capitolo 3

Scritto da , il 2022-02-18, genere dominazione

Puzzava di vodka e di sudore, di piscio e di vomito. Era stesa per terra, in un giaciglio di paglia e sentiva freddo, tanto freddo, era nuda, ma rannicchiata sotto una pesante pelliccia. Quella celletta, con una luce fioca, non più grande di quattro metri quadrati era ben riscaldata e lei da mesi non dormiva in un posto riparato e caldo, sentiva freddo perché il freddo gli era penetrato nelle ossa ormai da molto tempo.
L’avevano pescata in un vicolo di Mosca, quando stava per morire assiderata. Era ubriaca ed incosciente, le temperature si aggiravano intorno a meno venti.
A tratti sudava e l’alcool che aveva in corpo evaporava, a tratti tremava di freddo ed il sudore si congelava sulla sua pelle. Nell’angolo c’era un secchio maleodorante, era pieno di piscio e di altro. Non ricordava di averlo usato, non ricordava niente, ma si accovacciò sopra ed emise un getto puzzolente di urina giallastra.
Si raggomitolò sotto le coperte e si riaddormentò. I suoi erano incubi, ma a tratti erano sogni meravigliosi. Sognava di qualche tempo prima, di quando stava per diventare una campionessa olimpica di fondo. Era nata per correre, glielo dicevano tutti.
Per una ragazza della sua generazione non era moto alta, centosettanta centimetri, i capelli neri e gli occhi blu cobalto, nordici, profondi, un fisico atletico, longilinea e magra, cosce lunghe, nervose, seno piccolo, efebico, ma sodo, pieno, piacevole. Era bella in viso ed aveva un corpo desiderabile. Un fisico, per essere un’atleta, minuto e attraente. Era una fondista.
Poi aveva avuto quello stupido incidente in moto, una cosa da niente, ma le olimpiadi erano saltate e la sua discesa, rapida e infernale, era iniziata. Droghe ed alcool, poi la rottura con il suo fidanzato e una girandola di amanti che l’avevano usata come volevano, dandole quello che cercava: droga ed alcool. E ancora più giù, verso il fondo, il degrado. Era diventata una barbona, una senzatetto, nessuno l’aveva potuta salvare da quella discesa agli inferi. Ci avevano provato in tanti, perché ce ne erano che le volevano bene e che a lei ci tenevano, ma non ci fu nulla da fare. Lei precipitava e scappava da tutti, fino a quando non scomparve dagli occhi di chi poteva aiutarla nascondendosi in quartieri sempre più fatiscenti. In meno di un anno era diventata un relitto che nessuno cercava più. Era diventata meno di una puttana, una troia che chiunque poteva avere per qualche rublo, un panino o una dose, o una bottiglia. Era ancora viva per miracolo, l’avevano usata in tutti i modi e l’avevano torturata per divertimento.
Quella notte, in quel vicolo, sarebbe morta assiderata, ma qualcuno, che sapeva chi era, l’aveva presa e l’aveva portata in quel luogo. Dove si trovava? Ritornò a dormire, ora tremava di freddo.

Qualcuno entrò, ma lei se ne rese vagamente conto. Le fece una puntura e ritirò il bugliolo. Irina mormorò qualcosa, ma era incomprensibile e comunque nessuno le rispose.
Non lo sapeva, ma si trovava a più di mille chilometri da Mosca, in piena Siberia, in un luogo sperduto che non compariva in nessuna mappa. Era arrivata lì in aereo, addormentata dentro una cassa, e nell’ultimo tragitto in elicottero, poi per le ultime centinaia di metri su una slitta, trainata da uno strano animale: una ponygirl.
Vera era alta centonovanta centimetri, pesava quasi cento chili, quasi tutti muscoli, ma anche grasso che in quel clima non era assolutamente da disprezzare. Aveva spalle possenti, petto forte, tette esagerate, una sesta abbondante, trattenute da un robusto reggiseno di pelle. Vera aveva fianchi larghi e cosce lunghe, garretti potenti e molta grinta, una criniera lunga, raccolta a coda di cavallo, bionda e stopposa. Vera trainava la slitta su cui il conte Ivan Popescu depositò la cassa contenente Irina e la condusse nelle segrete del suo piccolo castello incastonato su una collina di quelle steppe sperdute nel nulla.
Gli antenati di Ivan erano stati esiliati dallo zar Nicola in quelle lande sperdute prima della rivoluzione. E questa fu la loro salvezza, quando ci fu la rivoluzione, e le teste dei nobili caddero, nessuno sapeva di loro e quei nobili lontani da ogni centro di potere fecero di tutto per non farsi trovare. Lì lontani da tutti e tutto, erano padroni di quei piccoli villaggi che da ottanta anni ricadevano sotto il loro assoluto dominio. Lì era ancora medioevo ed il conte faceva quello che voleva.

Ivan aveva un servo di nome Anthony che lavorava nelle stalle, era un ventenne non particolarmente sveglio, ma che con quelle bestie ci sapeva fare, sapeva come accudirle e come tranquillizzarle. Con Vera ci riusciva benissimo, la puliva, la vestiva, le dava da mangiare e la metteva a dormire. Anthony ogni tanto si sfogava con la gigantesca puledra ed era tutto quello che voleva, aveva poche pretese, oltre a divertirsi con la puledra gli bastava un giaciglio per dormire e cibo da mangiare, oltre che riparo e caldo d’inverno. La puledra all’inizio aveva cercato di sottarsi a quel dominio, ma poi lo aveva accettato, quando Anthony se la scopava riceveva un po’ di calore e di coccole, le poche soddisfazioni che aveva, oltre che correre.
Anthony sbavava anche dietro a Cherie la schiava personale del suo padrone Ivan, ma non osava andare oltre il pensiero. Il padrone gli avrebbe levato la pelle se avesse messo un dito su Cherie, non c’era bisogno neanche di dirlo.
Però Irina non era una puledra qualsiasi, quindi Ivan, almeno all’inizio, se ne occupò direttamente anche per le cose più semplici.

L’aspetto di Anthony era scimmiesco, non era molto alto e le gambe erano arcuate e tutto sommato corte, ma aveva braccia lunghe e forti, oltre che spalle larghe. Quando Vera indossava i suoi stivaletti diventava trenta centimetri più alta di Antony, ma lui sapeva usare tutte le cordicelle che partivano dagli anellini che adornavano il corpo di Vera ed era anche molto forte, quindi sapeva rapidamente condurre Vera ad essere ragionevole quando la puledra si innervosiva. Non succedeva spesso, Vera, dopo le prime settimane, aveva capito che era semplicemente inutile non obbedire. Si prendevano un sacco di frustate e poi si finiva per fare quello che Anthony voleva. Quindi ubbidiva, anche se non sempre volentieri.
Il conte aveva sempre avuto una ponygirl, come il padre prima di lui e il nonno prima ancora e così via… Prendevano una delle ragazze più forti dei villaggi che ricadevano sotto il loro dominio e la usavano come tale per una decina di anni, fino a quando avevano le forze per quel ruolo, poi la sistemavano facendola sposare con qualche servo della casa. Ovviamente era molto duro ed umiliante, ma aveva anche i suoi vantaggi, vivere nella casa del conte per tutta la vita voleva dire non rischiare di morire di fame, avere un giaciglio al caldo e sicurezza. Qualche anno prima era toccato a Vera, che era senza ombra di dubbio, la ragazza più adatta di quella generazione. Forse il conte avrebbe fatto sposare Vera con Antony.
Il servo, a fine giornata, la metteva a novanta gradi, prendeva uno sgabello, ci saliva sopra ed in piedi, tenendola per i fianchi e qualche volte prendendola per le tette, se la fotteva. Poi la portava alla doccia e la lavava. Quindi le preparava un trogolo per la cena e infine la metteva a dormire. Vera si addormentava poco dopo il tramonto, le sue giornate erano molto faticose e la mattina la sua routine iniziava prima dell’alba.

Irina si svegliò lentamente, sentiva male dovunque, ai capezzoli, al naso, ai genitali.
Provò a gridare e non ci riuscì, la paura la paralizzò. Si guardò ed inorridì, era nuda e aveva anelli, sui capezzoli e sulle grandi labbra della fica, sul clitoride. Cercò di portare una mano al naso, ma le braccia erano inchiavardate dentro un sacco di pelle, dietro la schiena. Ma quello che la stava facendo impazzire e piangere era che non poteva parlare. Dalla sua gola uscivano solo versi striduli che somigliavano al nitrito di un cavallo.
Vide che era bardata, le mani e le braccia dentro un sacco dietro le spalle, chiuse e non utilizzabili, un reggiseno di strisce di pelle racchiudeva il suo piccolo seno e poi una pancera e gli stivali alti fino alla sommità delle cosce, la fica era esposta nuda. E in testa sentiva di avere una calottina.
Era sdraiata nella sua celletta e non sapeva come fare a mettersi in piedi, con le mani non si poteva aiutare e quei trampoli ai piedi rendevano tutto difficile.
Era il primo giorno in cui si svegliava con la mente vagamente lucida, non riusciva a capire dove era, e neanche ricordava chi era veramente, come mai era conciata a quel modo e non poteva parlare.

Ivan aprì la porta della celletta ed entrò, Irina lo guardò sollevando lo sguardo spaventata e speranzosa, provò a parlare, ma solo qualche verso gutturale uscì dalla sua bocca, non capiva come mai. Era certa che lei parlava o almeno aveva parlato fino a quel momento.
Ivan era alto, biondo, bello, con i capelli lunghi alle spalle e lisci, gli occhi grigi, gelidi, gli zigomi alti e la bocca carnosa. Un uomo grande, sopra i centoottanta centimetri e sugli ottanta chili, tutto nervi e muscoli, forte, atletico. Era ricoperto di pellicce, anche gli stivaloni che indossava erano di pelle e foderati di pelliccia all’interno. Era il modo di vestire abituale di quel luogo ed in quella stagione invernale, freddo artico. Ivan in altri luoghi poteva indossare anche uno smoking, ma non lì e non per quello che stava andando a fare.
Un giro per la steppa sulla slitta trainata da Vera, Ivan se la spassava spesso con Vera, ma quella era la prima volta che Ivan metteva in moto Irina. Non voleva darle tempo di pensare, la ragazza non era pronta e aveva appena riacquistato un po’ di lucidità, ma era bene metterla al lavoro, lo sforzo non le avrebbe fatto male, anzi doveva continuare ad eliminare le tossine accumulate negli ultimi due anni e degradarsi ancora, ma in modo diverso da prima.
Se avesse riacquistato forze e carattere, pensava Ivan, sarebbe stato più difficile farle accettare la sua nuova condizione.
Irina era debole e non poteva fare granché, Ivan si rese conto che in quel primo giorno avrebbe fatto poco, ma questo non gli impedì di andare avanti.
La mise in piedi, non stava neanche in equilibrio, ma non reagì, cosa poteva fare, aveva le braccia inchiavardate dietro la schiena e su quelle calzature stava malamente in equilibrio. Ivan le mise una pelliccia addosso che chiuse davanti con uno zip, la pelliccia le arrivava alle natiche, lasciando il culo scoperto e le gambe libere, poi le mise il morso in bocca, che fissò alla calottina che aveva sul capo, e per le briglie la tirò fuori dalla celletta.
Irina rischiò di cadere più volte, sbatteva a destra ed a sinistra sulle pareti dello stretto corridoio, avanzando come un automa instupidita, catatonica e remissiva, senza protestare minimamente. Non aveva forze per farlo, quelle poche che aveva le dedicava allo sforzo di stare in piedi ed in equilibrio. Aveva anche paura. Chi era quel tipo che la menava dove voleva?
Poi fu fuori alla luce del sole, era una giornata invernale tersa, assolata. Pallida e ebete guardò in alto e il sole le ferì gli occhi e lì chiuse, ma guardare la neve bianca che rifletteva i raggi non era poi meglio. Non era abituata, negli ultimi anni aveva vissuto nella penombra o al buio. Ivan le mise dei paraocchi e andò meglio. Ora lo sguardo di Irina era limitato e comunque lei non aveva né tempo di guardare, né tempo di pensare.
Nel cortile del castello c’era Vera già alle stanghe della slitta, anche lei aveva un pellicciotto addosso, serviva soprattutto quando stava ferma, accanto a lei c’era Anthony che la teneva per le briglie e in un angolo la bella Cherie.
Cherie voleva soddisfare la sua curiosità guardando per la prima volta la nuova pony. Era magra e brutta, ma Cherie sapeva che era stata bella, chi sa se sarebbe mai tornata quella di un tempo. Ivan gliene aveva parlato e lei era andata su internet a cercare informazioni e foto su quella donna, vide che era stata una splendida atleta e una magnifica ragazza, ma ora era una larva. Non stava neanche in piedi.
E comunque, se fosse sopravvissuta, cosa di cui Cherie dubitava, sarebbe diventata un animale. Cherie era convinta che, con quella lì, il suo padrone stesse perdendo tempo.
Ivan aveva legato le briglie di Irina alla slitta, erano briglie lunghe un paio di metri. Cherie pensava che appena Vera fosse partita Irina sarebbe finita per terra, la vedeva debole, malridotta, ondeggiante su quegli stivali da pony che indossava per la prima volta nella sua vita.
Ivan frustò Vera che partì piano e proseguì lentamente, Ivan la tratteneva, ugualmente Irina stava per ruzzolare a terra e solo quando stava per cadere si riscosse e si mosse. Ondeggiava, tremava, era terrorizzata, ma riuscì a muovere un po’ di passi. Vera andava al passo e girava nel cortile, Ivan si guardava indietro. E vedeva che Irina era debole, ma le fece fare lo stesso tre giri dell’ampio cortile, quando stava per stramazzare si fermò.
Disse a Anthony – porta Vera nella steppa, stancala, io rimango qui con la nuova. –
Poi prese Irina sottobraccio, come un fuscello e la riportò dentro, mentre Cherie, scettica, rientrava in casa. Ivan la spogliò di tutto. La nuova pony sudava e tremava, brividi di freddo, calore febbrile e occhi lucidi febbricitanti. Si spogliò anche lui ed entrò con lei sotto la doccia, la lavò tutta, a lungo, più volte. Irina aveva fatto poche centinaia di metri al passo, ma boccheggiava come se avesse corso una maratona, il cervello era in tilt, in debito di ossigeno. Piano, piano la manza si riprese e ricominciò a respirare regolarmente, sarebbe stramazzata al suolo se Ivan non l’avesse sorretta. Il fatto che era nuda non la impensierì, era stata una puttana da quattro soldi, usata da chiunque, se lo ricordava e quindi…
Poi lui l’asciugò bene e quel trattamento la rassicurò, non sembrava poi tanto cattivo, si prendeva cura di lei. Poi la fece inginocchiare di fronte ad un trogolo che conteneva acqua fresca e pulita e Irina bevve, senza neanche domandarsi perché doveva farlo in quel modo, era tale l’arsura che la stava divorando che bevve a lungo e ad ogni sorso sentendosi meglio. Poi lui la portò nel suo nuovo box, di lato a quello di Vera. Irina era debolissima, poco lucida, incapace di pensare, la pelle di nuovo lucida di sudore. Ivan le buttò una pelliccia addosso e lei ritornò a dormire, ma da quel giorno sia pure per solo mezzora Irina ritornò ad allenarsi, a correre e lentamente imparò a stare su quegli stivali dal plantare alto e grande.

Solo dopo un mese sembrò riacquistare vitalità ed Ivan iniziò a pensare che ce la potesse fare.
Quando Irina fu in grado di pensare e ragionare su quello che le era successo, e che era diventata, era entrata ormai nella routine. Degradava allo stato animale e non parlava, la mancanza di voce la faceva star male, molto male, ma cercava di non pensarci e di correre. Per il resto stava bene come non le succedeva da due anni, stava ritornando rapidamente ai suoi giorni migliori, ancora ci voleva molto, ma iniziava a vedere quel traguardo. Non pensò di ribellarsi, caso mai, rifletté, un giorno l’avrebbe fatto, ma ora voleva continuare a guarire.
Irina era stata umiliata molto di più nei due anni precedenti. Anzi a questi nuovi proprietari del suo corpo sembrava che non importasse granché. Non la usavano sessualmente, almeno per il momento, anche se era sempre nuda, aperta, pronta. La puledra sapeva che prima o poi sarebbe successo anche quello, vedeva che Vera era ripetutamente scopata da Antony, qualche volta anche il conte la montava. Se la fottevano lì nelle stalle senza badare a Irina, d’altra parte erano bestie perché dovevano prestare attenzione a loro. Antony, ma anche il Conte, erano molto sbrigativi, mettevano la puledra a novanta gradi, sputavano sul buco che volevano usare e poi la prendevano per i fianchi e la sbattevano senza nessun riguardo.

Il servo, con Irina era sempre più intimo, le puliva i genitali sempre più a lungo e sempre più intensamente, ma ancora non l’aveva penetrata, mentre il conte le dava solo qualche buffetto sulle guance o sulle tette e qualche pacca sulle natiche.
Irina regrediva, ma stava bene, aveva espulso tutte le tossine che avevano avvelenato il suo corpo e ora lo sentiva rifiorire e provava gioia nel correre e cercare di migliorarsi giorno dopo giorno. A volte smaniava per la mancanza di droghe e di alcool, ma poteva smaniare quanto voleva lì non c’erano né droghe e né alcool. Sicuramente non per lei perché gli abitanti dei villaggi lì intorno bevevano grandi quantità di vodka e fumavano un tabacco pesante e forte che arrivava dai paesi asiatici. Irina ancora non era stata guidata nei villaggi, ma a Vera succedeva spesso, gli abitanti del villaggio erano abituati alla presenza delle ponygirl e non si scandalizzavano, ma per le pony era l’umiliazione peggiore.


Per chi mi vuole scrivere in privato: Koss99@hotmail.it
Qui pubblico solo anteprime. I miei racconti completi sono pubblicati su:
Kobo
https://www.kobo.com/it/it/search?Query=koss
Google
https://play.google.com/store/books/author?id=Koss
Amazon
https://www.amazon.it/Koss/e/B06WVH29MD

Per la traduzione dei miei racconti in inglese cerco un traduttore o una traduttrice. Se qualcuno si ritiene all'altezza mi scriva: koss99@hotmail.it Riceverà una proposta che penso sia interessante.

Questo racconto di è stato letto 2 0 9 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.