La sorella della mia amica pt2

Scritto da , il 2021-11-15, genere etero

Continuo a farle i ditalini e leccarla ma mi fermo sempre prima che arrivi all'orgasmo,aspetto che torno torna sua sorella,voglio che sua sorella veda quanto lei sia troia e disposta a vendere la sua dignità pur di essere scopata
Finalmente torna Alice, ci vede e viene ridendo verso di noi
A-te la sei scopata?
I-aspettavo che tornassi
Glie lo ficco subito dentro,lei urla e io incomincio a sbatterla sempre di più, sempre più veloce,le tiro i capelli fino ad alzare la testa all'altezza del mio petto con l'altra mano le schiaffeggio il culo,sempre più forte
Lei con un filo di voce
R- non davanti a mia sorella..ti prego..non farmi venire davanti a lei
I-tranquilla non ti farò venire tanto facilmente,dovrai sudare per venire. Ma se vuoi posso fermarmi
R- n....no,ti prego continua.. Alice vai...ahhhhh..ah.ah.ahhhhhhh,.vai dentro ti prego
A-nono...scopale il culo,se non mi sbaglio mi disse che aveva paura di sentire troppo dolore
Non ci penso due volte,lo levo dalla figa e con un colpo secco le sfondo il culo,urlano entrambi,mi fa malissimo e a quanto pare anche a lei,Alice le ficca tre dita in bocca e io incomincio a fa fare avanti e indietro,lei incomincia a rilassarsi e il bucchino del culo si allarga e incomincio a sbattere sempre più forte e a darle tanti schiaffoni sul culo,oramai ha il culo più rosso di un peperone, penso che per un bel po non si potrà sedere
Le vengo dentro ma non sono ancora stanco.
R- ora fammi venire perfavore, mi hai umiliata davanti a mi sorella,cosa vuoi di più
I-Alice,che dici? La faccio venire?
A-si,ma voglio che mi guarda in faccia mentre viene e che ripeta in continuazione che é una troia di merda
Alice si avvicina le tira un ceffone poi la tiene per le orecchie e si avvicina quasi da fare bocca e bocca,io incomincio a scoparle la figa
A-DILLO. Di che sei una troia di merda
R-no
A-fermati
I-ok
R-sono...sono una troia..di merda
A-piu forte non ho sentito
R- SONO UNA TROIA DI MERDA,SCOPAMI FINO IN FONDO TI PREGO
ricomincio a scoparla sempre più forte,rallento e accelero a intermittenza
I- leccagliela, Alice,abbassati la gonna e la mutandine e mettile la figa in bocca
A-ma che stai dicendo
I-fallo,sarà ancora più umiliante per lei
R-no ti prego...tutto ma questo no
Alice non ci pensa due volte e le mette la figa attaccata alle labbra della sorella
I-se non sento Alice godere mi fermo e vado via
Rosa non ci pensa due volte e incomincia timidamente a leccare
Sento i primi timidi gemiti di Alice e dalla sua faccia si vede che sta godendo
Allora ricomincio a spingere e a Rosà sembra piacere sempre di più e aumenta l'intensità della laccata
Alice non scopava da molto e viene cadendo in ginocchio,si appoggia appagata alla spalla della sorella,in quell'istante esatto anche rosa finalmente viene e io dentro di lei,neanche il tempo di respirare che sento il rumore della macchina dei loro genitori io scappo via via riuscendo a raccogliere il pantalone che avevo lasciato davanti alla porta finestra che da sulla piscina,Alice corre in camera ma rosa rimane lì sul materassino gonfiabile sfinita,viene trovata dai suoi genitori che inizialmente pensano si sia sentita male ma poi trovano le mutande che non ero riuscito a prendere e notano il segno dei miei schiaffi sul culo e vedendola nuda capiscono tutto,la portano dentro urlando di tutto e di più e la mettono in punizione per 1 mese..così inizio uno dei mesi più belli della mia vita...

Questo racconto di è stato letto 2 7 6 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.