Il contratto -4-

Scritto da , il 2021-10-18, genere fisting

Lorraine sembrò desiderosa e disse:

"Vorrei poter avere quella sensazione di completa pienezza tutto il tempo".

Era ancora distesa sul letto senza pensare a chiudere le gambe.

Incomincio a rendermi conto del potere che questa nuova sensazione aveva preso su di lei.

Ne aveva bisogno come una tossicodipendenza.

Con uno scatto mi sono seduto sul letto e ho spinto il mio pugno nella sua figa.

Sono penetrato direttamente, senza alcuno sforzo.

Lorraine ha semplicemente alzato i fianchi verso di me spingendosi sul mio braccio.

Ho pompato la mia mano dentro di lei con più forza del normale, come se la stessi scopando con il cazzo.

Lorraine ha risposto ad alta voce e dicendo:

"Oh dio, sì, pompami, riempimi, sono tua, da riempire".

Mi spostai verso il suo corpo per baciarle lo stomaco.

Questo movimento ha fatto sì che il mio braccio si inclinasse in modo che l'attrito fosse aumentato sulla parte superiore della sua figa spalancata.

Lei era di nuovo fuori di sé, aveva un orgasmo dopo l’altro.

Mi afferrò la testa con entrambe le mani tremanti.

Era squassata dal tremore dalla testa ai piedi, mentre il piacere le scuoteva il corpo.

È allora che ho preso coscienza del mio nuovo potere su di lei, era la mia schiava di figa.

Seduto accanto a Lorraine, con la mano ancora dentro di lei, ho aspettato che si calmasse e si rilassasse.

Potrei stuzzicarla allargando le dita o ruotando il pugno.

Le ho detto che avremmo dovuto andare a fare shopping di nuovo, per comperare dei nuovi giocattoli sessuali, che potessero riempirle la figa.

Lei ha semplicemente annuito, dando il suo accordo.

Mentre parlavo, mi sono ricordato di una storia di sesso che avevo letto.

In quel racconto un ragazzo ha convinto sua moglie a firmare un contatto che gli dava il totale diritto di accesso alla sua figa.

Non pensavo davvero che le mie parole fossero state espresse a voce, credevo fossero solo un mio pensiero.

Dalla bocca mi uscì questa frase:

"Ora che sei la mia schiava di figa, devi stipulare con me un contratto che mi dia tutti i diritti sulla tua figa."

Lorraine si limitò a sorridere e rispose subito

"Certamente, lo farò".

Mi chinai baciandola sulle labbra e tolsi la mano dalla sua figa.

Si lamentava e reclamava della rimozione della mia mano a causa del nostro bacio.

Cominciavo a chiedermi cosa avessi risvegliato in mia moglie, e fino a che punto sarebbe arrivata, per soddisfare questa nuova fame di essere ditata in figa.

Ci siamo coccolati e abbiamo dormito per un'ora.

Poi ci siamo diretti verso il ristorante, per goderci il nostro pasto.

Si era fatto un po' più tardi del previsto.

CONTINUA ...

Questo racconto di è stato letto 1 3 5 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.