Juliana troia in erba

Scritto da , il 2021-10-05, genere prime esperienze

Sono al liceo
Mi sento un po stupida tengo alla mia verginita,
mentre le mie amiche l'anno persa cambiano ragazzi come petalini.
Io sono timida non e che non mi piaciono i ragazzi,
Ma la mia educazzione mi blocca
Sono cattolica e mi confesso sempre anche l unico peccato che ho e darmi piacere da sola.

Le mie amiche raccontano dei pompini scopate e inculate si ha 18 anni hanno provato tutto.

Ma come spesso sucede tutto cambia infretta e succede quello che sogni ma insperato.

Ero al parco come spesso mi capita sola triste e sfiduciata.

Si siede sulla panchina un anziano, lui e piu triste di me vedo i suoi occhi umidi

Chiedo cosa fosse renderlo infelice
Lui mi racconta la sua storia piene di sventure

Mi comuovo lo abraccio e piangiamo sulla spalla dell altro

Coi giorni entro in confidenza e mi propongo per cenare con lui a casa sua per tenergli compagnia.

Qentro nella casa trovo disordine sporcizia manca un tocco femminile

Decido che quando non ho scuola vado da lui a dare un ordinata

Mi sento utile lui esce per fare la spesa io sistemo casa

Entro in camera trovo video porno reviste porno

Mi inbarazzo esco dalla stanza vado in bagno altre riviste,

Mi incuriosisco inizio ha sfogliarle
Rimango presa dalle varie posizzioni dei vari cazzi non mi rendo conto con una mano mi sto dando piacere

Ho i seni di fuori e mi sto masturbando nlon so da quanto tempo sono ha occhi chiiusi all alice dell ennesimo orgasmo

Mi sento dire continua piccola mia apro i occhi vedo l 'anziano difronte a me col cazzo duro che si sta segando

Mi blocco lui mi accarezza la guancia continua piccola mia

Chjudi i occhi e continuaa me lo ripete spesso

Mi fa addagiare sulla tazza continua non aprire i occhi

In quel momento penso ai racconti delle amiche, mi eccita sospiro affannata sento un odore pungente che mi entra nelle narici

E uno odore ha me sconosciuto

Continua piccoliina non smettere
Sento prendermi la mano mi blocco

Tranquilla piccolina continua e tutto un sogno

La mia mano entra in contatto col il cazzo sono indecisa

Continua non aprire i occhi questo e l'oggeto dei tuoi sogni proibiti

In quel momento lo stringo in mano lui sospira un si cosi piccolina non aprire i occhi

Mmm caldo duro si cosi piccolina sento accarezzarmi la testa

Dai piccolina il tuo desiderio nascosto e qui a pochi cm dagli baccetti lo squillo del mio cell rompe la magia apro i occhi

Ho il suo cazzo appogiato alle mie labra

Inbbarazzata mi alzo spingendolo prendo il cell e ciao mamma si arrivo

Lo guardo lui pensa che ha rovinato una amicizzia

Lo soprendo gli do un bacio sulle labra e dico ci vediamo lunedi pomeriggio

Esco correndo via e tardi devo uscire coi miei genitori.

Questo racconto di è stato letto 3 4 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.