La malata

Scritto da , il 2021-09-20, genere sadomaso

Capitolo venticinquesimo
Gabriella non c'è la faceva più. Era ormai ai limiti della sopportazione. Non c'è la faceva più a lavorare come un mulo e subire angherie. Una notte stava pulendo una stanza che a detta di suo padre non aveva pulito bene quando si accorse che non era sorvegliata. Le venne così in mente di scappare. Cercò un paio di scarpe o di pantofole, non trovandolo si decise a scappare scalza. Arrivò appena alla soglia di casa quando si vide davanti suo padre.
"Dove stavi andando"?
"Da nessuna parte papà, volevo solo prendere una boccata d'aria"
"Mi prendi per scemo, tu stavi cercando di scappare".
"No papà io...."
Quella volta Gabriella fu punita con inaudita ferocia. Prima le furono fatti 2 clisteri consecutivi da 6 litri da trattenere per 5 ore. Poi dopo quasi 15 ore di tremendi dolori allo stomaco fu frustrata a sangue, quindi venne appesa per i seni per 48 ore. A questo punto le fu infilata una spugnetta abrasiva nella vagina che dovette tenere per 10 giorni. Infine fu rapata a zero. Era stata praticamente annientato.

Questo racconto di è stato letto 7 8 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.