Mia Madre, Stupenda Porca

Scritto da , il 2010-01-15, genere incesti

MIA MADRE, UNA STUPENDA PORCA



CAPITOLO  I



Ci vollero svariati mesi per abituarmi all’idea che mio padre cinquantenne, era fuggito da casa con una cameriera di 24 anni.

Mi chiamo Gabriele e i fatti a cui mi riferisco sono accaduti molti anni fa.

Avevo 22 anni e mia madre Ivana ne aveva 45.



Per lungo tempo ho detestato mio padre con tutto me stesso,  poi col passar dei mesi, grazie alle amorose premure  di mia madre e alla sua infinita dolcezza, sono riuscito a tollerare ed accettare la sua mancanza.



Che dire della meravigliosa creatura che mi ha dato alla luce?

Solo io sapevo che aveva quarantacinque  anni, ma tutti quelli che la conoscevano, erano convinti che non avesse superato i trenta.

Capelli neri con morbidi ricci, fianchi larghi da giumenta, culo prosperoso che svettava all’infuori e ondeggiava stupendamente ad ogni passo, due tettone che potevano allattare un intero villaggio, occhi da gatta verde smeraldo, labbra carnose e sensuali, mia madre, era una femmina che faceva voltare la testa gli uomini!

Come si usa dire...era una gran figa!



Dopo quasi due anni che mio padre ci aveva lasciato, durante una notte dilaniata da un fragoroso temporale sentii mia madre chiamarmi.

Mi precipitai in camera sua e la vidi rannicchiata sotto le coperte.

A dispetto della sua età, non si era mai abituata agli assordanti rumori dei tuoni.

La trovai infatti stravolta e spaventata come una bambina di quattro anni!



Mi chiese di starle vicino e dormire con lei e quella fu la notte che cambiò la nostra vita!

La sua lunga astinenza sessuale e il mio cazzo costantemente duro, ci fecero precipitare nel vortice dell’incesto e il fantasma di Edipo ebbe due nuovi discepoli.



Però, i giorni seguenti al nostro primo rapporto sessuale  , furono a dir poco disastrosi.

Ambedue pietrificati e incapaci di comunicare normalmente, ci evitavamo e le rare volte in cui io provavo ad iniziare una conversazione, mia madre scoppiava a piangere.



Per un intero mese, il suo comportamento non cambiò.



POI, IMPROVVISAMENTE…IL MIRACOLO!...



Un giorno, mentre stavo annaspando per fermare la suoneria della sveglia, sentii la voce di mia madre.

Sembrava che mi stesse parlando da una stanza accanto perché la sua voce mi arrivava come avvolta nell’ovatta.

Lentamente, riemergendo dal torpore del sonno, il familiare tono della sua voce divenne chiaro e mi risvegliai completamente.



Lei era in piedi accanto al mio letto.



“ Sono due anni che quel disgraziato di tuo padre mi ha lasciata e io ho il pieno diritto di fare sesso!

Il fatto che sia successo con te che sei uscito dal mio corpo, non mi affanna più, non mi  fa soffrire piu!....Se lo sapesse la gente, direbbe che sono una madre debosciata ma noi non lo diremo a nessuno! Vero stella?...“



“ A  nessuno mamma! “ Farfugliai confuso, con gli occhi inchiodati sulle sue tettone che traboccavano dalla sottoveste.

Abbassando le spalline, guardandomi fisso negli occhi, scoprì le sue stupende mammelle e cominciò a vellicarsi i capezzoli dolcemente.



“ Amore, finalmente mi sono perdonata!...Non mi sento più colpevole!...“

All’inferno della astinenza sessuale, preferisco il paradiso peccaminoso del cazzo di mio figlio!..”



Era la prima volta che sentivo mia madre pronunciare la parola “ cazzo “!..Inutile dire l’effetto che mi provocò!..Una specie di scossa elettrica che mi attraversò tutto il corpo e in un istante il mio cazzo diventò duro come il ferro!...



Notai le sue mani tremolanti scendere ad accarezzarsi fra le cosce.



“ In quest’ultimo mese ti ho desiderato così tanto che sono quasi inpazzita!...

Non immagini neanche  quante volte sono passata davanti alla tua camera mentre dormivi e mi sono soffermata a guardarti!



Quante volte ho represso la voglia di scostare le coperte e buttarmi sul tuo cazzo!...



Dio, che voglia avevo di annususarlo tutto...di leccarlo tutto...dalla cappella ai  coglioni!

Che  voglia di ingoiartelo tutto e succhiartelo fino a farti schizzare dentro alla mia bocca!”



Le sue dita cominciarono a muoversi con un movimento circolare all’altezza del grilletto.



“ Quante volte, guardandoti dormire, mi sono sditalinata immaginando di stare saltando sul tuo cazzone duro...con le tue mani che mi stringevano le tette...e la tua bocca che mi succhiava i capezzoli con ingordigia..come quando eri un neonato!...



Mentre fantasticavo, avevo un lago fra le gambe!

Sentivo i miei liquidi vaginali, scendere a rivoli lungo le cosce, fino alle caviglie!...



E quando immaginavo il tuo cazzo eruttare un potente schizzo di sborra dentro di me...

venivo sai!...Con un tremendo orgasmo che mi scuoteva tutta lasciandomi  tremante  da capo a piedi e con le le gambe molli!....



“ Cristo  mamma, se parli così me lo fai scoppiare!.. “ Ribattei col cuore in gola e riassestando la mia spasmodica erezione negli slip!



“ Anch’io ti ho desiderata tanto e me lo sono menato tante volte  pensandoti!...“



“ Oh, amore mio, mi dispiace tantissimo di averti fatto soffrire negandoti il mio corpo!

Ti prometto che non succederà mai piu! “ Sussurrò mia madre allungando una mano e stringendo con lussuria il mio cazzo per goderne della sua durezza!



Poi, con gli occhi lucidi di libidine fissi nei miei e abbandonando la presa :  



“ A cosa pensavi tesoro  quando ti facevi le seghe? Pensavi a questa?...“



Sussurrò muovendo le mutandine da un lato e offrendomi la stupenda visione della sua pelosissima figa.



“ O pensavi alle tette della mamma?.. “ Aggiunse abbassandosi e agitando le tettone  a dieci centimetri dal mio viso.



Cominciai a menarmi il cazzo furiosamente mentre mia madre, spingendo il pube in avanti...divaricò le cosce aprendosi le labbra della vagina oscenamente!...



“ ODDIO!..” Pensai tremando come una foglia. “ Adesso mi viene un infarto!...”



Poi, mentre il mio cuore batteva all’impazzata, la sua voce roca incalzò :



“ PENSAVI ALLA FIGA DELLA MAMMA EH?...“



“ D’ora in poi la potrai avere quando vorrai!.. Due, tre, quattro volte al giorno!...



È tutta tua  tesoro!..“



Alzando  la testa, mi avvicinai ansiosamente  al suo folto cespuglio nero e tuffai la lingua  fra quelle labbra rosa, umide e odorose..leccando e succhiando il delizioso succo della sua figona madida e ardente come una fornace!...



“ Siiii, amore! “ Miagolò mia madre abbassandosi per sentire la mia lingua ancor più in profondità.



“ Così stella!..Come lecchi bene!...Bravo il mio cucciolotto!...



MANGIA LA FIGA DELLA MAMMA CHE TI VUOLE TANTO BENE!...“



La SuperPotente Macchina dei Sensi, aveva ripreso il sopravvento avviluppandoci ancora nelle sue braccia morbide.  

Improvvisamente, il gelo in cui eravamo precipitati si tranformò in un ancor più ardente febbre d’amore che spazzò via ogni senso di rimorso lasciando il posto ad un inaspettato senso di estatica liberazione!



Il sogghignante fantasma di Edipo aveva riconquistato i suoi due  discepoli!                                                             



Giorno dopo giorno,  assistetti ad una incredibile metamorfosi  di mia madre.

Dopo sei mesi  , ancora stentavo a credere che la vogliosa femmina che galoppava sul mio cazzo con l’esuberanza di una sedicenne, era mia madre!





--------------------------------------------------------------------------------





UN ERRORE CHE CAMBIO’ LA NOSTRA VITA



Nonostante noi usassimo prudenza nel nascondere la nostra relazione, dopo circa un anno, un nostro vicino d’appartamento ci ha scoperti in flagrante.

Quando accadde il fattaccio, io e mia madre eravamo rinchiusi in cantina e io, beh si, lo ammetto...la stavo pompando alla pecorina!..

In normali circostanze, avremmo sentito chiunque avesse sceso le scale e avremmo avuto il tempo di riassettarci, ma mia madre stava vociando il suo piacere piuttosto forte  e non abbiamo sentito per niente il vicino che scendeva!



Il curioso figlio di zoccola, ci ha spiati attraverso uno spiraglio in corrispondenza di un nodo nella porta di legno della cantina!



Dopo un mese, la voce si era sparsa non solo nella palazzo di venti appartamenti dove vivevamo, ma nell’intero rione.

Praticamente la gente ci guardava come se fossimo dei mostri!...Faccie serie, facce scandalizzate, facce minacciose, sorrisetti maligni  e offensivi commenti sottovoce!  



Situazione decisamente insostenibile!



A mali estremi, estremi rimedi...siamo emigrati negli USA.



Negli USA la storia con mia madre  è continuata per svariati anni e quando mi sono sposato, ha coinvolto anche mia moglie ( anche lei gran troiona ) che ha trasformato mia madre in una accanita leccatrice di figa!

Se ho tempo, racconterò anche questa sozzissima storia.





--------------------------------------------------------------------------------





IN AMERICA



Correva l’anno 1990.

Internet  cominciava a spopolare. Oltre trenta milioni di utenti! Ed io ero uno di quelli!



Ricordo una sera in particolare  . La sera in cui  mi venne l’idea di pubblicare la nostra relazione incestuosa su Internet.



Immerso nel torpore della quiete dopo la tempesta,  io ero semi-sdraiato sul divano e mia madre accovacciata con la testa reclina sul mio cazzo, che aveva appena succhiato con amore, stava giocherellando con le mie palle.



“ Mamma, senti, che ne diresti di pubblicare le nostre porcate su Internet?..“



Lei, per un istante, sembrò incerta, poi sentii la sua lingua leccarmi dolcemente la cappella e fra una leccata e l’altra, la sua voce carica di libidine :



“ Che gran porco che sei! …”



Il pensiero di pubblicare le nostre sozzerie, la fece eccitare visibilmente perché notai la sua mano scendere fra le cosce a solleticarsi il grilletto.



“ L’idea di far sapere la nostra relazione a milioni di persone  mi eccita tantissimo!..”  

Continuò mia madre guardandomi dritto negli occhi.



“ Chissà quanti bei giovanotti si meneranno il cazzo e sborreranno leggendo le nostre

sozzerie!...“



“ Si mamma,  tutti quei ragazzi che spiano la madre mentre fa la doccia e dopo averla vista nuda, scappano in bagno a segarsi pensando di chiavarla! ”



“ Proprio come facevi tu eh?...“



“ Si mamma, io mi menavo il cazzo quattro, cinque volte al  giorno immaginando di chiavarti  violentemente in ogni angolo della casa!.. “



“ Tesoro, finalmente, i  tuoi sogni e i miei sono diventati realtà.

E dobbiamo continuare a recuperare tutto il tempo che abbiamo perduto...perché tu, torello mio, hai sciupato tanta sborra invece di schizzarla in bocca alla tua mamma! ”



“ Cristo mamma, se parli così, mi fai scoppiare il cazzo!...”



“ No problem, amore! Quando scoppia, ci penso io a  inghiottire  tutta quella panna che mi piace tanto!....“



“ Dio mamma, che gran porcona sei! “ Dissi commentando la sua ultima lubrica frase che mi aveva indurito al massimo il cazzo che a causa delle troppe eiaculazioni sostenute, era

adesso un pezzo di marmo dolorante!

Lei si accorse della mia espressione sofferente e allontanandosi un poco, decise di non insistere con le porcate dicendo :



“ OK! Per adesso lasciamo stare i discorsi libidinosi!..

Piuttosto Lele, spiegami una cosa. Perchè non mi hai mai  fatto capire che volevi fare l’amore con me?...“



“ Non lo so mamma. Con il papà intorno, era difficile! …“



“ Ma, stupidone, tuo padre se ne andava spesso in trasferta per lavoro e noi molte volte eravamo soli in casa..ma tu non ci hai mai provato!.....



“ Hai ragione mamma, io ti mangiavo con gli occhi e ti desideravo pazzamente ma avevo paura che essendo tuo figlio, tu mi considerassi un  pervertito e perciò smettessi  di volermi bene!.. “



“ Che sciocchino ingenuo!

Una madre non smette mai di voler bene ai suoi  figli  e io di certo non avrei smesso di volerti  bene se tu mi avessi buttata sul letto e pompata “ violentemente “ come dici tu!



Semmai, ti avrei voluto bene ancora di più!...“



“ Ma mamma, io non ho poteri telepatici...non potevo leggere nella tua mente! “



Lei, alzando la testa per incontrare il mio sguardo, continuò con voce mielosa :



“ Si, si! Ma non c’era bisogno di poteri telepatici per capire le mie intenzioni!...



Ci ho provato un’infinità di volte!



Non ti ricordi che con la scusa del caldo, giravo per casa mezza nuda!..



Mettevo vestaglie cortissime e trasparenti che mi coprivano a malapena l’inguine...e senz’altro tu vedevi tutto!...”



“ Vedevo tutto mamma, il tuo cespuglio pelosissimo..le tue stupende tettone...e le tue mutandine affondate fra le chiappe!…

E, ti giuro, impazzivo, col cazzo durissimo che mi duoleva nei Jeans!...“



“ Ma, figlio beato, cosa altro avrei potuto fare per farti capire che avevo voglia di te?..



Ancheggiavo sempre esageratemente  perché volevo che tu vedessi le mie chiappe ondeggiare sotto la vestaglia!

Mi chinavo spesso per raccogliere oggetti inesistenti  per mostrarti  tutto il mio culo scoperto!...

Sai che ogni volta che sbirciavo con la coda dell’occhio e vedevo il tuo bastone duro che premeva prepotentemente contro la patta, sentivo distintamente i miei succhi vaginali sgorgare e inzuppare le mutandine!....



“ Oh, mamma, che gran coglione sono stato!

Quando in cucina, mi passavi davanti ondeggiando il culo come una troia, avrei potuto afferrarti, piegarti sul tavolo e chiavarti con forza!...”



“ Si tesoro caro, era proprio quello che speravo tu facessi!



Muovevo il culo esageratamente per eccitarti!....Quando ti servivo la cena, mettevo dei reggiseni di quando avevo 16 anni ( li ho conservati tutti  sai ).  

Ovviamente mi andavano strettissimi e le mie tette strabordavano sia al centro che ai lati del reggiseno!...Te le mettevo a due centimetri dal naso ma tu non hai mai tentato di afferrarle, neanche in modo scherzoso!...“



“ Mamma, le vedevo quelle tue tettone che traboccavano oscenamente dal reggipetto e il mio cazzo si induriva come il marmo...e impazzivo di desiderio!....“   



“ Va bene  tesoro, capisco la tua esitazione e i tuoi timori …. forse avrei dovuto essere io a passare ai fatti senza attendere la tua iniziativa!…



Ma adesso basta amore!...Non piangiamo più sul latte versato ma pensiamo invece al latte che verseremo in futuro!....



Tanto, tanto, tantissimo latte!



LercioLele                   ( CONTINUA )  Vedi il prossimo..



(Commenti e suggerimenti  ben accetti  )   lele8846@yahoo.com

Questo racconto di è stato letto 4 5 6 7 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.