Trovai una badante ed anche piacevole da vedere 5.

Scritto da , il 2021-09-14, genere etero

Al primo mattino ricevetti la telefonata del corriere aereo che mi avvisava di potere già andare al deposito di Roma Fiumicino dove avrei potuto ritirare i colli provenienti da Bucarest. Pensai poi di rivolgermi ad un mio amico che aveva un furgone voluminoso assai così lui si offrì per andare al deposito a Fiumicino. Tornammo dopo due ore e scaricammo tutto nel mio garage. Lui tornò a casa sua ed io salii a vedere se le mie donne erano sveglie ma invece dovetti constatare che stavano al cosiddetto secondo sonno. Quando le vidi entrare in cucina, le invitai a mettersi qualcosa addosso ed Irina si presentò con una giacca da camera che lasciava scoparte le cosce fino all'inguine e andammo in garage dove le feci vedere le casse provenienti da Bucarest. Dopo che le vidi eccitatissime a tentare di aprire le casse con un coltellino...., per non umiliarle...le spiegai che bastava un attrezzo per tagliare i nastri d'acciaio, tipo una trochese ma loro si ostinavano di tantare col coltellino, allora glielo tolsi dalle mani e, dopo due colpi di tronchese tutto era apribile! Si misero a farmi vedere le cose alle quali erano affezzionatissime e cominciarono a portare tutto in casa ed io le lasciavo fare standomene in pace a fumarmi un sigaro toscano. Dopo arrivò una telefonata dove un tizio cercava Ivanka per chiederle se era disponibile ad assisterlo per pochi giorni in seguito ad una sua caduta dalle scale ed aveva perciò bisogno di aiuto in attesa che si presentasse da lui una badante cercata tramite giornale d'inserzioni. Quindi per tre giorni io ed Irina rimanemmo soli in casa ed io, al vederla ancheggiare col culetto tondo e sodo, avevo delle erezioni paurose. Chiaro che in quei tre giorni Irina dormì con me e nel sentirla e vederla muoversi nella notte, mi dava una carica tale da scoparla non sò più quante volte. Venne poi, data l'assenza di Ivanka, l'occasione per farle il culetto ed allora mi misi a leccarle l'ano nei nostri giochi erotici e, mentre le sditalinavo il grilletto, infilavo uno poi due dita in culo per abituarla alla dilatazione che avrebbe provato nell'essere inculata. Aggiunsi un altro dito e lei quasi si stava adattando all'allargamento così, dopo che le rimasi dentro con tre dita, le feci uscire e iniziai a farle sentire il glande che spingeva all'ano con decisione. Glielo infilai metà dentro e rimasi immobile per farla adattare all'introduzione. Ci rimasi molti minuti e poi ripresi ad avanzare con lentezza, fermezza ma anche dolcezza. Poco dopo diedi il colpo decisivo penetrandola pienamente facendola gemere per il dolorino che cominciava a sentire. Le feci un su e giù inculandola sempre dolcemente e quando lei sentì che stavo vibrando dal piacere, si lasciò andare e mi chiese di darle dei colpi più intensi ed io subito l'accontentai e diedi colpi da farla rimanere senza fiato e parole. Sborrai non sò quanto nel suo tosto sederotto, poi, dopo che ci andammo a lavare in bagno, tornammo sul letto e lei subito mi chiese di essere nuovamente inculata. Quella volta lo feci con impeto tale che poco dopo già mi chiedeva di darle una tregua ma io le volli dimostrare come un settantenne come me, difficilmente si può fermare durante certe operazioni così eccitanti e poi io non avevo certo limiti nelle mie prestazioni sessuali, ed allora fermarmi...erano veri e propri cazzi. Dopo le seconda penetrazione anale, irina mi chiese di scoparla ma tenendole un dito in culo per farla coinvolgere ancora dal culo. Negli ultimi due giorni le diedi non sò più quante scopate ed inculate tanto che quando Ivanka arrivò in casa e mi vide con certe occhiaie, allora fortunatamente Irina le disse subito che avevo avuto la febbre assai alta non si capisce perchè e mi sentivo sfiancato. Poco dopo rieccoti Irina venire da me, sedersi sul letto al mio fianco e passarmi per finta una compressa sulla mia mano che portai subito alla bocca ed Ivanka, subito mi passò un bicchiere d'acqua ed io aiutai la pillola fantasma a scendermi in gola: Irina andò subito a studiare ed Ivanka si sdraiò accanto dandomi bacetti sulla guancia. Chiaro che gli eccitanti baci mi svegliarono l'appetito ed allora subito mi dedicai al suo affascinante corpo e poco dopo eravamo a scopare cercando ri riprendere il ritmo perduto durante la sua assenza. Dopo alcune scopate, le chiesi di farsi inculare e, senza parole si mise in posizione favorevole a prenderselo in culo senza remore e dolori, infatti potei possederla senza darle gran dolore ma solo la penetrazione si superò con piacere reciproco.

Questo racconto di è stato letto 1 3 9 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.