Lucia ad una partita di calcio -1- (continua)

Scritto da , il 2021-08-19, genere prime esperienze

Mi chiamo Lucia, ho 23 anni e mi reputo una bella ragazza, con lunghe gambe, un seno sodo e un culetto a
mandolino.
Sono un po’ esibizionista e mi piace indossare abiti aderenti, minigonne vertiginose, camicette sbottonate
per mettere in evidenza le mie tette.
Non sono una fanatica del sesso, ma quando si presenta l’occasione e c’è il feeling giusto con l’uomo non
mi tiro certo indietro; ho fatto l’amore in svariati posti, dalla macchina alla spiaggia e naturalmente in casa.
Questa primavera, mentre assistevo ad una partita di calcio in cui era impegnato il fratello di 17anni di una
mia amica, ho notato che Edoardo, il fratellino, tutte le volte che passava davanti a me, più che interessarsi
alla palla sbirciava le mie gambe.
Essendo io seduta su un gradino piuttosto alto e indossando una minigonna molto corta lasciavo
intravvedere buona parte delle cosce.
Indossavo un top senza spalline, e non portando il reggiseno i miei capezzoli erano ben visibili.
Spinta da uno strano impulso, ogni volta che il ragazzo passava davanti a me, allargavo le gambe, mettendo
in mostra il mio piccolissimo perizoma nero, e mi passavo lascivamente la lingua sulle labbra.
Alla fine della partita mi sono avvicinata all’uscita degli spogliatoi e, dal momento che la sorella voleva
andare in giro con altri compagni, ho chiesto ad Edoardo se volesse un passaggio.
È rimasto un attimo interdetto, poi ha annuito senza parlare.
Sono salita in macchina facendo ben attenzione a far salire al massimo la mini, il mio perizoma era
perfettamente in vista.
Senza chiedere dove dovessi portarlo sono partita ed ho iniziato a parlargli
-Ho visto che durante la partita guardavi sempre le mie gambe, ti piacciono?
Eduardo avvampò, deglutì e poi
–si molto, sono bellissime.
-Bene allora se vuoi puoi toccarle.
La sua mano sinistra si appoggiò subito sul mio ginocchio quasi tremando
-Non essere timido, giochiamo a acqua e fuoco, adesso è acqua ma se risali sarà fuoco, bravo fuochino,
fuochino..
La sua mano era arrivata all’attaccatura delle cosce, la mia figa era già zuppa, Edoardo, non più timoroso
appoggiò la mano sul perizoma.
-Bravo, adesso che sei vicino al fuoco facciamo un altro giochino

CONTINUA …

Questo racconto di è stato letto 3 9 8 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.