Intense emozioni intime (1/3)

Scritto da , il 2021-04-12, genere fisting

Che notte la scorsa notte!
Ahia! Mi fa male tutto il corpo, ma è il tipo di dolore che desidero.
Nessun lavoro oggi, questo è certo.

Posso solo immaginare gli sguardi scioccati sui volti delle ragazze in ufficio se sapessero come ottengo il mio piacere sessuale. La specialista di pubbliche relazioni riservata, premurosa e corretta, che tutti pensano sia così delicata e dolce.

Ho solo 25 anni, bella, bionda, con un gran corpo e un lavoro ben pagato.
Ecco perché posso immaginare quelle vecchie capre in ufficio se sapessero che la mia fica si allaga come una diga piena ogni volta che ho un pugno nel culo.

Esatto, non ho dubbi su quello che sono – Una gran troia da penetrazione estrema.
Più si avvicinano nella penetrazione al centro delle mie viscere, più divento porca!

Ricordo ancora quando ho perso la mia verginità anale per mezzo di un pugno.
Questo ricordo è ancora così vivido, che sembra che sia successo pochi istanti fa, anche se in realtà è passato quasi un anno.

Ho iniziato a uscire con Bruno e ho capito dal momento in cui ci siamo guardati l'un l'altro che l'unica cosa che aveva in mente era scoparmi.

Pensava di essere un tipo eccitante, un grosso stallone.
Il bastardo arrogante ha persino iniziato a vantarsi di mettere il suo "salsicciotto tra i miei panini".

Così una notte ho ceduto all'inevitabile.
In tutta onestà, non sono mai stata una che ha rifiutato un cazzo, specialmente uno grosso!

Bruno ne aveva uno grosso, d'accordo.
Quando ho visto per la prima volta il suo cazzo, orgoglioso ed eretto, ricordo di aver avuto il desiderio travolgente di divorarlo.

Penso che anche lui sia rimasto sorpreso dal modo in cui ho ingoiato la sua carne.
Quando la testa del suo cazzo si è infiltrata in profondità nella mia laringe, e gorgoglii e rantoli di piacere sono usciti dalla mia bocca, Bruno ha iniziato a giocare con la mia fica, spingendo le sue dita dentro e fuori.

Ma ha sparato il suo carico in gola prima che avessi la possibilità di lasciare che le sue dita mi conducessero al mio orgasmo.

Dato che il suo cazzo non era ancora in grado di tornare in servizio attivo, ho guidato la sua mano verso la mia figa e gli ho fatto cenno di rimettere le dita al lavoro.

All'inizio, Bruno ha inserito due dita nella mia buca aperta.
Mi sentivo bene, ma mi lamentai perché ne mettesse un altro.

Bruno stava anche iniziando a divertirsi.
Ha inserito tre dita nella mia fica, torcendole ritmicamente dentro e fuori.
Presto fui immerso nel mio succo di gioia. E poi, prima che me ne rendessi conto, Bruno aveva infilato tutte e cinque le dita nel mio orifizio allagato.

All'inizio avevo paura che stesse per squarciarmi la fica, ma quando il suo polso è scomparso nella mia vagina, un'ondata incontrollabile di piacere ha iniziato a travolgere la bocca del mio stomaco, diffondendosi in grandi onde, fino al perno della mia femminilità.

Il pugno di Bruno si è infilato nella mia figa e ho cominciato a tremare in preda a un orgasmo gigantesco.

Quando ha estratto la sua mano, letteralmente grondante, ho avuto bisogno di qualche minuto per riprendermi. Ma quando il mio orgasmo si è placato, il mio desiderio di essere riempita è aumentato.

Era come se i miei occhi si fossero appena aperti su un mondo completamente nuovo.
Ho capito subito che un cazzo, anche quello grosso di Bruno, non sarebbe mai più stato in grado di soddisfarmi pienamente.

Volevo qualcosa di più grande, più lungo, più difficile, più eccitante. Volevo un pugno!

Avevo letto di quanto fosse popolare il fisting anale, e ne ero sempre stata incuriosita. Poi, ad essere onesta, è da tempo che già giocavo con il mio buco del culo, infilando qualsiasi oggetto mi capitasse sotto mano.

Mi piace sempre provare cose nuove, soprattutto in materia sessuale. Così ho detto a Bruno che volevo che mi fottesse il pugno nel culo.

Mi fissò incredulo, balbettando. Era spaventato.

Ha trovato delle scuse: mi avrebbe squarciato il buco del culo e mi avrebbe causato danni interni; si sarebbe messo la merda su tutto il braccio; l'idea era "strana e per froci".

Così ho dovuto dirgli che se non avesse fatto quello che volevo, sarebbe stata la fine della nostra relazione, la fine delle nostre sessioni di gola profonda. E questo ha funzionato alla grande!

Sapevo dalle mie letture, che dovevano essere innanzitutto fatto alcuni passi preliminari, se si voleva godere del fisting.

Sapevo anche che la preparazione sarebbe servita solo ad aumentare la mia eccitazione e il mio divertimento.

Questo racconto di è stato letto 1 6 5 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.