Badante 3

Scritto da , il 2021-03-06, genere incesti

Sono titubante ma il nonno mi tranquillizza e allora aspetto le sue mosse e quelle del nipote.
Passano i giorni e io ho sempre più voglia di un cazzo che mi sbraghi figa e culo e il nonno intensifica le sue dita che mi fanno venire mentre mi lava tutta con la sua lingua e mi dice che forse riuscirà a farmi sbattere dal nipote.
La fortuna arriva una settimana dopo quando,per problemi interni,la scuola chiude per almeno quindici giorni e tutti gli studenti devono seguire le lezioni da casa via PC,il nonno organizza la postazione in camera di Luca con video tastiera e web camera per permettergli di seguire le lezioni e così il nipote è pronto.
La mattina si chiude in camera e io vado a trovare Gianni per una leccatina e una succhiata di cazzo
“Marta oggi devi provocare mio nipote e così vedrai che un cazzo lo pigli,aspetta un oretta e poi vai a portargli la colazione,fai in modo che ti caschi un oggetto,ti chini per prenderlo e gli esponi la tua figa e vedrai che non rimarrà fermo hai capito??”
“Certo nonno gli faccio vedere la figa ma poi cosa debbo fare??”
“Ma sei proprio indietro aspetta che ti parli avvicinati e mostragli un pò di tetta,se non ti incula vuol dire che è frocio,cosa che non credo”
Confortata da Gianni mi preparo e così entro nella camera di Luca
“Ciao Luca ti ho portato la colazione dai smetti di studiare!!”
Sculetto e gli metto tutto sulla scrivania e vado verso la porta con il vassoio e “accidentalmente” mi casca dalle mani io subito mi chino per riprenderlo mostrando a Luca tutto quello che ho sotto la gonnellina
“Ma Marta sei senza mutande??!! Si vede tutto”
“Scusa Luca ma a me piace essere libera ti dispiace non succederà più”
“Ma scherzi!!!deve succedere tante volte e poi se ti senti più libera senza intimo perché rinchiudi le tette nella camicetta,non sarebbe meglio liberare anche quelle??? Vieni qui che vediamo se posso liberarle”
Non mi sembra vero e così mi avvicino a Luca che subito mi slaccia i bottoni della camicetta e le tette saltano fuori in tutta la loro grossezza,ha subito la lingua pronta e inizia a leccarle e a palparle
“Che tette Marta le immaginavo grosse ma così non le pensavo sono stupende,da oggi ti voglio sempre con le tette fuori,tranquilla anche al nonno piacerà questa visione”
Mentre è attaccato ai capezzoli mi mette una mano sotto e inizia a massaggiarmi la figa che è già un lago,non resisto e appoggio una mano sulla patta e sento una stanga dura pronta a sbragarmi.
“Dai Marta tiralo fuori è tutto tuo fai quello che vuoi,uhhhh che buon sapore che ha la tua figa adesso voglio sentire il tuo culo”
Ormai sono bollente e così mentre Luca ha le tette in bocca e una mano nella figa e nel culo riesco a aprirgli la patta e finalmente impugno un cazzo di tutto rispetto,subito lo scappello e inizio a leccarlo,che bello sentirlo duro nelle mie labbra e così inizio un pompino sperando che mi faccia bere tutto
“Marta sei bravissima dai succhia,ingoia anche i coglioni ti voglio fare indigestione perché te la bevi tutta vero??”
Mi stacco da quel cazzo
“Ma certo voglio tutto ti voglio far sborrare in bocca o lavami le tette insomma sono tua fammi quello che vuoi”
Ripiglio il cazzo e lo ingoio,quasi mi viene da vomitare ma resisto e lo infilo fino ai coglioni e Luca mi blocca la testa
“Tutto lo devi ingoiare e adesso mi svuoto i coglioni siiiiiii beviiiii”
Ingoio tutto e alla fine lo levo dalla bocca e lo lecco inclusi i coglioni e mentre lecco con una mano mi sbatto la figa e ho quasi immediato un orgasmo.
“Marta sei fantastica, non credevo che eri così maiala ma da domani ti voglio mentre studio,non credere che mi basta un pompino,voglio esplorare tutti i tuoi buchi adesso basta rivestiti che devo studiare,aspetta fammi leccare ancora queste tette mi viene voglia di farmi una sega in metto e riempirtele di sborra ma adesso basta ciao bella”
Soddisfatta dalla bevuta vado a trovare il nonno e lo trovo con il cazzo fuori che se lo mena vedendo un film porno dal PC.
“Ma cosa guardi nonno ahhhh capisco vecchi ricordi vero???”
“non fare la scemetta vieni qui voglio le tette e la figa per vederlo meglio,uhhh sei sempre bona”
Mentre mi dice queste cose mi fa sedere vicino a lui,mi mette una mano nella figa e mi infila la lingua in bocca.
“Ahhhhh sento sapore di sborra allora!!sei riuscita a farti mio nipote??siiii brava adesso mi racconti tutto e voglio leccarti culo e figa mentre mi dici tutto”
Felice del pompino e della bevuta inizio a raccontare tutto e così oltre alle leccate del nonno sento la figa bollente
“Gianni come vorrei prendere i due cazzi di famiglia e avere tua figlia nuda che mi lecchi tutte le tette uhhhhh sto godendo daiiiii bevili tutti i miei umori”
“Capisco che desideri due cazzi ma cosa centra mia figlia cosa le hai fatto??”
“io niente è lei che ha fatto,tu eri in ospedale per controlli sono venuta per l’assunzione della badante,c’era tua figlia.
Abbiamo iniziato a parlare,le ho fatto vedere il curriculum e mi ha confermato l’assunzione,ma mentre parlavamo notavo che gli occhi puntavano sulle tette e non in viso,alla fine mi alzo per salutarla e di colpo mi attira a se e mi infila la lingua in bocca e subito mi slaccia la camicia e ha le tette in mano.
Nonno poco dopo ci stavamo leccando le fighe a vicenda hai capito???”
“cazzo Marta che mia figlia era troia lo sapevo,infatti voleva il mio e quello del marito nei suoi buchi ma che le piaceva anche la figa è una sorpresa comunque meglio quando rimarranno a casa faremo una ammucchiata da favola adesso guardiamo questo porno e succhiami il cazzo da brava”
Dopo questo primo giorno appena vado in camera di Luca e lo trovo attaccato al PC a studiare poggio la colazione e subito ho le sue mani sotto la gonna
”Adesso smetto ieri mi hai fatto un signor pompino,oggi voglio controllarti il culo levati la gonna mi diventa duro solo al pensiero di vederti nuda”
Questo succede praticamente tutti i giorni,una volta vuole il culo,un’altra mi riempie la figa ma il suo massimo piacere è riempirmi le tette quando stà per sborrare dopo il mio pompino,tette,capelli e faccia mi riempie di schizzi e poi vuole che mi lecco dove posso e si mena il cazzo quando mi lecco le tette e lo passa sopra raccogliendo la sua sborra e dopo me lo presenta in bocca per farselo pulire,questi incontri mi fanno godere e dopo vado da Gianni e gli devo raccontare tutto.
“Marta credo sia ora di far capire a mio nipote che anch’io voglio vedere cosa fai con lui,credo che non si scandalizza se il nonno guarda cosa fa con te,lo sa che il cazzo non ha più reazioni,bene stasera provo tu assecondami e prova a strusciarti addosso e mostragliali le tette,adesso fammi leccare la sborra che ti è rimasta attaccata alle tette e alla bocca”
La sera seduti alla tavola per cenare mi alzo per servire il nonno e è lui che infila la mano sotto la gonna
“Ma Marta sentivo un odore strano,ti sei fatta la piscia addosso ti sento bagnata nipote prova a sentire anche te la nostra badante si piscia addosso!!”
Non faccio in tempo a staccarmi dal nonno che Luca mi viene vicino e mi infila la mano e impugna la figa.
“Siiii nonno credo che davvero si sia pisciata addosso infatti non porta le mutande probabilmente le ha bagnate di piscia e le ha levate cosa vuoi che faccio??!!”
“Ma nipote devo dirti io cosa devi fare??? Se lo vuole falla levare tutto e poi fai lavorare quel cazzo che hai sotto”
Ormai ho capito che mi devo prendere il cazzo del nipote con il nonno che osserva a aiuta fin dove può e allora sono io che calo i pantaloni di Luca e inizio a levarmi tutto e la bocca è già all’opera leccando la cappella.
Luca vuol far vedere al nonno che mi fa venire e allora ci dà dentro come un matto figa e poi culo e poi bocca
“Dai Luca goditi una vera donna non le tue fighettine di scuola che un pompino o una sega e basta questa è donna falla sbrodolare cacciale nel culo i coglioni falle dire basta dai sotto!! E tu cara mentre ti squassa i buchi ingoiami il mio mi viene quasi voglia di pisciarti dritto in bocca cosa ne dici???”


Questo racconto di è stato letto 7 5 3 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.