Tripla

Scritto da , il 2021-02-26, genere dominazione

Giornata di allenamenti per te e per me di farmi usare e guardare. Oggi non è lungo il tuo allenamento ma mi chiedi lo stesso di andare sul letto. So cosa vuoi che faccia, vuoi che indossi i miei stivali di pelle nera, lunghi sopra il ginocchio e con il tacco a spillo da dodici centimetri. Mi preparo, portando anche i miei giochini sul letto, ovvero i due birilli, i due cazzi finti di cui uno doppio, il frustino, gli asciugamani e me, con addosso solo la mia canottierina di seta. Mi stendo e oggi sei particolarmente sbrigativo: "Vediamo se ti entrano tre cazzi nella figa"
Ok sono preoccupata, tantissimo, non credo di essere in grado, non solo ma non vuoi nemmeno che mi bagni troppo, hai paura che se mi bagno da cagna poi mi scivolano fuori. te lo dico e tu insisti, e io non posso dire di no, io sono un tuo oggetto e devo solo eseguire. Mi infilo in bocca i birilli, prima uno, quello doppio, e poi l'altro, li succhio per bene li bagno il più possibile e provo. Infilo prima quello doppio ovviamente mettendo tutti e due i cazzi dentro la figa, e fin qui tutto bene, nessuno problema, ci entrano benissimo, ma adesso arriva il difficile almeno per me. Prendo l'altro cazzo, che è decisamente grande, lo posiziono e inizio a spingere. Non è facile, sento le pareti della mia figa si tirano e bruciano, spingo ancora più a fondo ma scivola via. Respiro provo a non irrigidirmi e ritento con un po' più di forza, questa volta ci riesco, infilo la cappella del cazzo finto e fa male fa tanto male, resisto, anche perchè vedo che ti stai eccitando, che ti piace particolarmente, stai sorridendo: "Scopati"
Non parlo annuisco e basta faccio veramente fatica, ma muovo i tre cazzi che mi distruggono la figa, lo faccio piano ma eseguo i tuoi ordini. Quando sento che il dolore è eccessivo mi fermo per guardati e leggo nei tuoi occhi approvazione. Mi permetti di togliere il cazzo grosso e mi chiedi cosa ho provato, non lo so, per questa volta solo dolore, suppongo che man mano che la figa si allarga poi inizierò anche a provare piacere. Oggi vuoi farmi leccare i miei stivali prima di schizzare, così me li fai togliere uno alla volta e li devo ripulire per bene, ci devo sputare sopra, spargere la mia saliva e poi ripulire ingoiando tutto. Va bene Padrone, eseguo ricordandomi anche di infilare la faccia nello stivale dopo infilo il piede e leccando anche li, lo faccio ovviamente con entrambe e poi li rinfilo ai piedi.
E' arrivato il momento di prendere il cazzo grosso e sbattermelo dentro, vuoi che vengo diverse volte senza fermarmi e ti accontento, lo vuoi mentre tu ti alleni. Durante le tue serie mi fai fermare, devo solo tenermi il cazzo dentro la figa. Durante le tue pause mi fai fottere, mi ordini di alzare le gambe tenendole larghe e di scoparmi.Suppongo che tu sia stato soddisfatto di come la mia figa si sia allargata bene, mentre sei sulla fine dei tuoi allenamenti vuoi che la tengo allargata con le dita, lo faccio, e mi dici che sono un bel quadro da guardare, ne sono contenta chiaramente visto che il mio compito e la mia esistenza sono solo per fare felice il mio Padrone. Decidi che per oggi puoi accellerare i tuoi allenamenti, vuoi prenderti cura del mio culo. Mi fai mettere a quattro zampe come è giusto che stia la tua cagna, abbasso le spalle, culo alto rivolto verso di te e arrivano le prime serie di frustate, me ne infliggi una prima di venti per natica poi altre due da dieci per natica. Brucia, ma so che il mio culo adesso è rosso come piace a te Padrone.
Credo che il fatto di essere riuscita a mettermi tre cazzi nella figa ti abbia dato molto piacere, tanto da decidere di farmi un regalo:"Fammi leccare quello che vuoi"
Mi si illuminano gli occhi e ovviamente sono gli stivali che prima ho leccato io, così tu leccherai anche la mia saliva, la cosa mi fa eccitare da morire. Porto prima un tacco alla tua bocca e te lo faccio spompinare, poi la punta, e alla fine tutto lo stivale lungo la gamba, rifaccio la stessa cosa anche per il secondo stivale, alla fine ti ringrazio per la tua concessione.
Ti metti seduto sulla tua sedia, ti sei spogliato,m avvicino e inizio a leccare e succhiare il tuo cazzo. Lo faccio tenendo le mani dietro la schiena esattamente come vuoi tu.Poi vuoi che mi impali sul tuo cazzo. Non chiedo di meglio Padrone. Mi sistemo sopra di te tenendomi sui braccioli della sedia, scendo con il bacino e lascio che il tuo cazzo entri dentro la mia figa. Sono io a dovermi muovere, così salgo e scendo diverse volte, e vengo diverse volte chiaramente, soprattutto per la piacevolezza di avere il tuo cazzo dentro di me. Mi fa male una caviglia così vedi che sono in difficoltà così mi fai fermare, come sempre ti prendi cura di me Padrone, sarà che vuoi che la tua cagna stia sempre bene per servirti al meglio. Mi fai rimettere sul letto, gambe spalancate, è il momento in cui sei tu a scoparmi. Con forza, violento, mi entri dentro, devo contare gli orgasmi che mi fai provare senza darmi il tempo di riprendere fiato e arrivo a dieci e sono sfinita non credo di potermi trattenere ancora, e infiatti esci da me, vuoi che mi metta sull'asciugamano per schizzare e pisciare. Eseguo i tuoi ordini e mi dici che la pisciata di oggi è migliore, sono stata più brava Padrone ne sono felice. Mi fai cospargere i seni con il mio orgasmo e piscio, sai che dopo devo uscire e vuoi che esca così, impregnata dei miei stessi odori. Adesso deve aggiungersi anche quello della tua sborra, mi fai sdraiare a pancia in giù, mani dietro la schiena, caviglie incrociate e bocca aperta pronta a prendere tutto quello che mi vuoi dare, io sono qua solo per servirti Padrone e anche oggi l'ho fatto. Grazie Padrone.

Questo racconto di è stato letto 3 1 8 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.