E il naufragar m'è dolce in questo mare.... 4

Scritto da , il 2021-02-22, genere dominazione

Cap. 4
Giorgio si mise carponi e la seguì docilmente fino in cucina, dove lei si sedette su una sedia, con la gamba sinistra appoggiata sul bordo del tavolo, la destra spalancata, oscenamente aperta ai suoi occhi.
“Ora merda, sai che devi fare? Guardami godere, mentre mi masturbo, ma non provare a venire fino a che non te lo dico io…”
Melania prese una zucchina dalla superficie del tavolo e, portandosela tra le labbra, iniziò a succhiarla, imitando un pompino.
Il cazzo di Giorgio, che era sempre stato in tiro dall’inizio dei giochi, divenne di marmo, teso, lucido, sembrava stesse per esplodere.
Lei fece scendere lentamente la zucchina sul suo corpo, sfiorando prima i capezzoli, girando attorno all’ombelico, per finire a titillare il clitoride con leggeri colpetti.
Giorgio non riusciva a distogliere gli occhi e iniziava a sentir male alle palle, pronte ad esplodere nel suo godimento, la sua faccia era paonazza dallo sforzo di resistere e iniziava anche a sudare.
Melania lo fissava mentre si penetrava con la zucchina, iniziando a grondare copiosamente i suoi umori, raccogliendoli poi con un dito e leccandoseli via.
Dopo qualche secondo smise bruscamente, si gettò a terra, lo raggiunse e gli prese prepotentemente il cazzo in bocca, succhiandolo fortissimo. Giorgio non credeva ai suoi occhi, quella donna lo stava facendo impazzire!
Lei lasciò per un attimo la presa, lo guardò negli occhi e disse:
“Signore… Signore, mi scusi, signore, si svegli!!”
Giorgio spalancò gli occhi e fu accecato da una luce fredda, mise a fuoco due occhi nocciola che lo guardavano.
“Signore, si svegli! Siamo al capolinea, deve scendere e tornare indietro, il vagone va in deposito, deve aver perso la sua fermata ma se corre trova l’ultimo treno che fa il percorso inverso!”
La capotreno smise di scuoterlo, lui si rese conto di essersi addormentato in treno, era stato tutto un sogno meraviglioso, ma solo un sogno.
“Gra… grazie mille signora” balbettò notando il berretto d’ordinanza e divisa ben stirata della donna.
“Da che parte devo andare?” le chiese poi.
“Appena esce da quella porta, giri subito a destra, 200 metri ed è arrivato. Arrivederci!” rispose lei e si voltò per risalire sul mezzo.
Fu a quel punto che Giorgio, prima di incamminarsi verso i binari, notò le sue scarpe: tacchi alti, nere lucide, suola rossa…
Alzò subito lo sguardo: il mezzo stava ripartendo e la ragazza gli sorrise sorniona da dietro i vetri della porta…

Questo racconto di è stato letto 9 2 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.