Sogni in famiglia 1

Scritto da , il 2021-02-02, genere incesti

Ciao, sono Carlo, ho 22 anni, e sono uno studente di ingegneria anche se passo più tempo a cazzeggiare che a studiare. Sono alto 1,80 con un bel fisico di cui ringrazio madre natura perché anche senza far nulla ho una buona muscolatura. La mia famiglia è composta da mio padre Giorgio 60 anni che lavora in fabbrica, ma che quando non lavora è al circolo con gli amici, poi c'è mia madre Paola casalinga di 55 anni, una donna molto tradizionalista, tutta casa e chiesa in poche parole e mia sorella Marta di 24 che studia economia a Bologna e torna solo nelle vacanze e in estate.
Viviamo in un piccolo borgo arroccato su una collina nell’entroterra marchigiano, ma siccome c'è davvero poco da fare passo la maggior parte delle mie giornate a studiare qualche pagina dei troppi libri ancora da studiare e a giocare online. Le poche volte che esco dalla mia stanza sono per mangiare o uscire ogni tanto con un mio caro amico d’infanzia.
Era un freddo giorno di novembre e la mia vita da quel giorno non sarebbe più stata uguale. Era tardo pomeriggio ormai già buio, e stavo facendo una partita molto tirata al pc quando la mia vescica decise di non collaborare più allora mollai tutto e corsi in bagno. Come entrai vidi la luce accesa e mia madre da dentro la doccia che urlò
< Carlo ma che diavolo fai, non vedi che è occupato? Non ti ho insegnato a bussare? >
< Sì mamma scusami, ma me la sto facendo sotto ci metto un attimo… >
e lei da brava madre disse
< Va bene ma fai presto che sto per finire e devo uscire dalla doccia>.
Con la mente ancora sulla partita e sperando che nessuno avesse notato dove mi ero nascosto, lo tirai fuori e iniziai a fare una lunghissima pipì che trattenevo da non so quante ore. Proprio in quel momento senza volerlo mi voltai e vidi tra i vetri satinati della cabina doccia, la sagoma di mia madre mentre sciacquava i suoi bellissimi capelli bruni che le arrivavano poco sotto le spalle. Perso per un attimo mi risvegliai quando sentii gli schizzi di pipì che distratto stavo facendo sulla tavoletta. "Cavolo devo sbrigarmi a finire, pulire tutto e uscire subito da qui" ma proprio mentre pensavo questo mia madre si voltò e tra il vetro la mia attenzione cadde sul triangolo scuro tra le sue gambe. Mi salì il cuore in gola, immediatamente mi tornarono in mente tutti quei video porno sulle milf e donne mature di cui ero pazzo ed una strana vibrazione mi passo lungo tutto il corpo, fino a che sentii una voce che disse
< Hai fatto? Perché inizio a sentire freddo e voglio uscire >
Riuscii solo a biascicare un
< Sì mamma adesso vado>
e dopo aver pulito di fretta la tavoletta e tutto il resto corsi velocemente via e tornai in camera.
Il pensiero del gioco era completamente svanito. Ora in testa riuscivo solo ad immaginare mia madre nuda in doccia e improvvisamente sentii il mio cazzo diventare durissimo nei boxer. Pensai "come cazzo puoi eccitarti su tua madre? Non ti fai schifo?" mi vergognavo di me stesso ma in quel momento il rumore del phon e quindi l'idea di madre avvolta nella sua asciugamano mentre si asciugava i capelli peggiorò la situazione. Non riuscivo a toccarmi il cazzo, mi vergognavo, tornai a giocare ma non riuscivo a concentrarmi, finché sentii mamma tornare in camera sua e dopo essersi vestita andare in cucina.
Un pensiero improvvisamente mi balenò in mente, le mutandine di mamma sono ancora lì, e senza rendermene conto stavo correndo per andare in bagno, mi chiusi dentro e lentamente cominciai a camminare verso la cesta dei panni sporchi. Sentivo il cuore in gola che batteva a mille, aprii lentamente il coperchio e vidi sopra a tutto quelle bellissime mutandine nere oggetto del mio desiderio. Erano normali mutandine nulla di troppo eccitante, ma per me in quel momento erano come il sacro Graal.
Le presi in mano e senza accorgermene l'altra mano aveva tirato fuori il mio cazzo e aveva iniziato a segarlo, sentivo il mio corpo tremare, le avvicinai al viso e iniziai a sentirne il profumo, non credo mai di averne sentito uno più bello. Lo segavo lentamente perché volevo godermi quel momento e mi inebriavo di quel profumo, poi le portai giù e le misi intorno al cazzo ma solo sentire il contatto col tessuto mi fece schizzare tutto il mio godimento. Non avevi mai goduto così tanto.
Dopo qualche secondo di estasi pensai "cazzo ho riempito di sborra le mutande di mamma", subito presi della carta e inizia a pulirle alla meglio poi le ributtai dentro e corsi in camera. Tremavo e non riuscivo a riprendermi da quel orgasmo. Avevo avuto rapporti con belle ragazze ma quell’orgasmo era senza dubbio il più bello di sempre.
< Carlo vieni che la cena è pronta >
urlò mia madre, ancora stavo tremando ma il pensiero di andare li e vederla mi agitò ancor di più. Lentamente iniziai e camminare e quando arrivai in cucina stava finendo di saltava le ultime cose in padella.
Mia madre è una donna normale, classica casalinga che negli anni non ha di certo passato giornate in palestra, ma che comunque non si è lasciata andare. Alta 1.60, un corpo da cui svettava una quarta di seno un pò calante, una leggera pancetta, fianchi un pò larghi e un bel culone non proprio sodo. Anche se passa la maggior parte del tempo in casa porta sempre i capelli sistemati e le unghie di mani e piedi smaltate.
Era in tenuta da casa, maglioncino e pantalone della tuta, ma in quel momento per me era la cosa più erotica del mondo.
< Cos'è successo? Ti ho dovuto chiamare solo una volta questa sera, mi devo preoccupare? >
disse lei sorridendo.
< No mamma tranquilla, avevo finito di giocare ed ho tanta fame?>
< Bene mangiamo allora, tanto tuo padre non torna che è andato a cena con gli amici del circolo>
pensai "che bello posso passare la serata solo con lei".
Cenammo tranquillamente e parlammo più del solito infatti lei a fine cena mi disse
< Quanta chiacchiera, ti è successo qualcosa di bello che non vuoi dirmi? >
io diventai rosso in viso e visibilmente agitato risposi
< Ma no mamma, avevo solo voglia di chiacchierare un po' con te… >
< Sarà, ma non me la racconti giusta. Comunque puoi tornare in camera tanto abbiamo finito>.
Alzato da tavola invece di andare in camera decisi di sedermi sul divano a guardare la tv con la speranza di passare ancora un po di tempo con lei. Nel frattempo lei lavava i piatti e vederla mentre si piegava o si allungava per sistemare i piatti, fece tornare in me l'eccitazione di prima.
< Ma allora c'è davvero qualcosa che non va se stai qui a vedere la tv>
mi disse sorridendo dopo aver finito di sistemare
< Non mi va di rimettermi al pc e poi vorrei stare un po' qui con te a guardare la tv>
< Sono davvero contenta che esci un po da quella cameretta ma adesso vado in camera che devo finire alcuni lavori alla macchina da cucire e poi vado a dormire >
< Va bene mamma non c'è problema, sarà per un'altra sera>
< Si però falle capitare più spesso queste serate, buonanotte >

< Buonanotte mamma>
In me calò una tristezza infinita, avevo immaginato chissà quanti scenari per la serata ma non quello, e dopo aver visto un po' di tv ed essermi abbastanza rotto le palle decisi di andare a letto. La sua porta era chiusa ma da sotto la porta vedevo ancora la luce accesa.
Mi misi a letto ma di dormire neanche l'ombra, ero troppo frastornato da quelle sensazioni vissute poche ore prima e il cazzo non voleva sentire ragioni di andare giù, avevo ancora impresso bene davanti agli occhi quel triangolino scuro e la sagoma di mamma. Allora andai in bagno e mentre tornavo vidi la sua porta semiaperta, " Forse quando è tornato papà l'avrà lasciata così" pensai, e con la lieve luce che entrava riuscii a vederla avvolta nelle coperte che dormiva. Sorridendo socchiusi un po' la porta e tornai a letto. Non sapevo se essere felice o se vergognarmi di me stesso, fatto sta che mi addormentai sognando lei…

Questo racconto di è stato letto 1 7 6 2 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.