Sogni in famiglia 4 - la mamma

Scritto da , il 2021-02-06, genere incesti

La mattina dopo mi svegliai ed ancora frastornato andai in cucina dove trovai già mia madre e mio padre. Così una volta seduto iniziai a fare colazione non riuscendo a guardare mia madre anche se lei mi sorridendo mi chiese
< Come hai dormito questa notte tesoro?>
ed io rosso in viso
< Bene mamma grazie>
< Ne ero certa> mi disse sorridendo.
Finito di mangiare andai in camera e lì rimasi per tutto il giorno, mangiando solo un panino per pranzo.
Ad ora di cena sentii mia madre chiamarmi e anche se non avevo voglia andai, anche perchè era sola dato che mio padre era andato a lavoro.
Lei era già seduta a tavola che mi salutò con un bel sorriso, così iniziammo a mangiare.
Non ero mai stato imbarazzato come in quel momento, ma lei mi parlava come se non fosse accaduto nulla la notte prima, io mi limitavo a rispondere.
Avevamo quasi finito quando le cadde la forchetta e mi chiese
< Per favore puoi raccogliermela? Non far piegare me>
così mi abbassai e vidi che aveva le gambe accavallate non facendo vedere nulla, ma la cosa che mi stupì fu lo smalto rosso che aveva messo ai piedi. Una volta tirato su oltre a ringraziarmi mi chiese
< Ti piace il nuovo smalto?>
facendo il vago risposi
< Non ci ho fatto caso>
e lei tirando fuori un piede da sotto il tavolo me lo mostrò
< Molto bello mamma, ti sta bene>
< Grazie tesoro, dopo cena lo metto anche alle mani, è un colore che non mettevo da tanto>
Finita la cena andai in camera a fare qualche partita, finchè all’improvviso sentii mamma urlare
< Carlo, vieni in camera ti prego!!!>
Subito mi fiondai in camera preoccupato per quella richiesta e la trovai lì in piedi che urlò
< C’è uno scorpione!!! Ti prego toglilo>
Subito corsi a prendere scopa e paletta e lo buttai fuori.
Tornato in camera di mamma per dirle che era tutto risolto, la trovai seduto ai piedi del letto ancora scossa, dato che lei aveva la fobia degli scorpioni. Si alzò e mi abbracciò forte dicendo
< Grazie tesoro, non so cosa avrei fatto se non ci fossi stato tu>
< Di nulla mamma, ci sarò sempre per te. Adesso vado, buonanotte>
e staccatomi mi girai per tornare in camera. Voltai leggermente lo sguardo e la vidi lì ancora in piedi, dandomi le spalle, che fissava il vuoto. Fu allora che senza rendermene conto, mi voltai e la presi da dietro e stringendola forte in vita la strinsi a me. Posi la testa accanto alla sua e lei con una mano sulle mie braccia e con una con cui accarezzava il mio volto, guardando verso l’alto mi disse con tono dolce
< Tesoro mio, ma cosa mi stai facendo?>
< Mamma voglio solo farti star bene>.
Girai il capo e continuando a stringerla forte a me, iniziai a baciarle il collo. Salendo su fin dietro l’orecchio, prendendolo poi tra le mie labbra e lentamente riscendendo giù. Sentivo il corpo di mamma che tremava dall’emozione, sentivo che le piaceva, che era quello che desiderava, che era quello che in quel momento voleva, che voleva quello da me.
Mollai l'abbraccio e iniziai ad accarezzarle la pancia e i fianchi mentre con i baci mi spostai verso la guancia che lei mi offriva volentieri. A quel punto mi feci coraggio e con le mani salii sul suo bel seno, sentii il suo corpo tremare ancor di più. Lentamente girò la testa ed iniziammo a baciarci intensamente. Le nostre lingue si attorcigliavano, si cercavano e grazie a quei baci sentii mia madre più rilassata ed iniziò a spingersi verso di me per cercare il contatto.
Ormai avevo il controllo della situazione, così abbassai le mani e iniziai a sollevare il suo maglione, quel tanto che bastava per poterci infilare le mani sotto e subito tornai sulle sue tettone. Un po' di timore c'era ma svanì completamente quando lei mi disse
< Non ti fermare…>
con una voce eccitante che non avevo mai sentito prima da mia madre.
Continuammo a baciarci così per non so quanto tempo, fino a quando lei alzò le braccia e disse
< Toglimi questo maglione che ho caldo e poi da impiccio>
Senza pensarci due volte lo sfilai e tornai a stringere quelle tettone ormai coperte solo da un reggiseno nero con bordo in pizzo.
Quando sentii il suo culo, che indirizzava verso di me, muoversi per cercare il mio cazzo ormai durissimo che i boxer troppo stretti non riuscivano più a contenere, decisi che era il momento di andare avanti. Così mi staccai, la feci girare su se stessa e dopo qualche altro bacio le dissi
< Mamma ti voglio…>
e lei spostandosi verso il letto rispose
< Vieni qui tesoro, che mamma ha bisogno di te…>
Mi sdraiai su di lei e tornai a baciare le sue dolci labbra mentre con le mani cercavo di accarezzare ogni centimetro della sua pelle. Poi lentamente scesi baciando la sua guancia, poi più giù sul collo, fino ad arrivare fin sopra il suo petto mentre lei mi accarezzava con le sue morbide mani e disse
< Non vuoi giocare un po' con le tette di mamma? Sai da piccolo le adoravi, spero anche adesso…>
e mentre lo diceva sbottonò il reggiseno che lentamente scivolò scoprendo il suo seno. Erano le tette più belle mai viste, con due capezzoli scuri e duri circondati da un'areola non troppo grande. Le presi in mano e le strinsi, finalmente quelle tette tanti sognate erano mie, ed iniziai a baciarle, prima la sinistra e poi l'altra, senza avvicinarmi troppo al capezzolo. Poi con la lingua iniziai a leccare delicatamente intorno all'areola per poi avvicinarmi sempre più ai capezzoli di cui dopo averci giocato un po' succhiai improvvisamente, tanto da far sobbalzare mia madre il cui respiro cominciava a farsi più ansimante. Strizzai più forte con le mani le tette e succhivo e mordicchiavo quei capezzoloni ormai durissimi.
Lei mi sfilò la maglia e lo presi come un segno per andare avanti. Allora senza togliere le mani dalle tette, con le labbra scesi sulla sua pancia baciandola tutta per arrivare fin sopra il suo pube. Si muoveva e piccoli gemiti che lei tentava di bloccare uscivano dalla sua bocca mi fecero capire che le piaceva e che voleva di più, molto di più.
Iniziai ad accarezzarle le gambe ed a scendere lentamente il suo leggings che mostrò le mutandine nere che indossava e poi le sue gambe che tremavano dall'eccitazione.
Una volta tolto mi avvicinai ai suoi piedini che una volta tra le mie mani baciai, partendo dal collo per poi spostarmi sui talloni, sulle piante fino ad arrivare alle dita che leccai una ad una e succhiai mentre con lo sguardo cercavo quello di mamma che con gli occhi socchiusi si contorceva dall'eccitazione e diceva
< Ti prego continua, usa quella lingua su tutto il mio corpo…>
Così partendo dalla caviglia salii leccando lungo le gambe per poi spostarmi verso l'interno coscia fino ad arrivare sulle mutandine. Lì lei mi fermò e disse
< Non puoi divertirti solo tu, vieni sù e togli quei pantaloni>
Subito ubbidii e rimasto solo in boxer mi avviciai in ginocchio a lei. Avevo il pacco davanti alla sua faccia, con il cazzo duro che non riusciva più a stare rinchiuso. Lei sorridendo disse < Mmm credo di aver proprio un bel giocattolino qui…>
e avvicinandosi lo morse da sopra i boxer
< Ed anche bello duro vedo>
mi disse guardandomi e sorridendo. Prese i miei boxer e piano piano li scese fino a far svettare davanti alla sua faccia il mio cazzo duro. Lei lo ammirò e disse
< Ho fatto proprio un bel cazzone, vediamo se fa bene il suo lavoro…>
e dicendolo lo prese in mano, iniziò a scappellarlo per poi muovere la sua mano lungo tutto l'asta. Non avrei mai immaginato di sentire quelle parole da mia madre, una donna così tradizionale, e che anche lei avesse dei desideri così nascosti. Ma le labbra di mamma che accarezzavano il mio cazzo mi riportarono alla realtà. Baciò tutto il glande e poi scese lungo l'asta fino ad arrivare ai testicoli che bacio e che accarezzò con la punta della lingua e in quel modo rifece la strada all'indietro. Staccatasi mi guardò e sussurrò
< Non te lo saresti mai aspettato dalla tua mammina vero?>
e senza neanche darmi il tempo di rispondere prese il mio cazzo in bocca ed iniziò a succhiarlo. Ero in estasi, non riuscivo più a capire nulla. Presi la testa di mamma tra le mani e la spinsi per farle prendere tutto il mio cazzo in bocca che con un po' di fatica accolse.
< Continua mamma, mi fai impazzire…>
e lei dopo essere riuscita a staccarsi disse
< Amore mio sei fantastico ma devi farmi abituare, non avevo mai visto un cazzo come il tuo e poi è da tanto che non faccio certe cose…>
< Mamma sei bravissima, vorrei stare qui per giorni interi con te…>
E dicendo questo mi allontanai dal suo viso per tornare verso quel posto magico che mi aveva fatto impazzire giorni prima e che non vedevo l'ora di scoprire e poter toccare. Lei passando la testa tra i miei capelli disse
< Mmmm vuoi proprio vedere la mia passerina non è vero?>
< Certo mamma, sono giorni che la sogno>
< Continua amore di mamma, è tutta tua…>
e udite quelle parole iniziai a calare le mutandine scoprendo quel bellissimo pelo scuro e poi le labbra rosse e vogliose.
Una volta tolte completamente mi avvicinai alla sua figa, il suo dolce profumo penetrò nel mio naso indurendo ancor di più, se fosse possibile, il mio cazzo. Dolcemente le allargai le gambe e notai bene le sue labbra e i peli già pieni dei suoi umori.
Iniziai ad accarezzarla e subito capii che ci avevo visto bene e lei disse
< Beh amore troverai un bel laghetto lì giù, ma sappi che è solo colpa tua…>
Così iniziai a baciarla, le mie labbra furono subito coperte di quei dolci umori, e con le mani accarezzai le cosce e la figa facendo scorrere le dita tra i peli.
Poi passai la lingua tra le labbra, su e giù fino a trovare il clitoride già gonfio che presi tra le labbra e succhiai. Lei mi spingeva con le mani verso la figa e si contorceva di piacere, mentre quelli che erano prima erano leggeri mugolii ora erano dei veri e propri gemiti di piacere
< Sì amore leccala tutta, fai godere la tua mamma>
A quelle parole iniziai a muovere la lingua più velocemente e ad infilarla dentro venendo cosparsa di quel dolce miele che mamma produceva in grande quantità. Mi spostavo dal buchetto fino sul clitoride per poi penetrarla con la lingua e muoverla all'interno, finché mi spinse più forte verso la figa e con un urlo di godimento schizzò fuori tutto il suo piacere.
Avevo il viso completamente coperto dai suoi umori, così come il pelo della figa ormai zuppo. La guardai ed era bellissima vederla lì un po' ricurva con gli occhi chiusi come priva di forze, allora le dissi
< Ti è piaciuto mamma? Posso continuare?>
e lei svegliatasi dal suo stato di torpore mi disse
< Certo amore mio la notte è ancora lunga e poi tu devi ancora godere…>
e allargando le gambe mi disse
< Vieni amore, entra dentro la tua mammina>
Subito mi sdraiai su di lei, la baciai in bocca e avvicinai il cazzo verso la sua figa. Sentivo i suoi peli che me lo solleticavano, e con un colpo diretto entrai dentro di lei. Immediatamente un calore lo avvolse e un brivido salì dentro di me. Lentamente iniziai a muovermi e ogni colpo era accompagnato da un suo gemito di piacere.
Mi stringeva a lei, tanti da schiacciarle le tette.
Aumentai il ritmo e con esso aumentò anche il volume dei suoi gemiti.
< Continua amore, spingilo più forte. Voglio sentirlo fino in fondo…>
Sentire quelle parole mi resero ancora più voglioso e spinsi con più decisione il cazzo nella sua figa. Il rumore di ogni colpo mi faceva capire che si stava avvicinando ad un altro orgasmo e tutti gli umori che uscivano mi avevano bagnato le gambe e le lenzuola.
Di colpi sentii la sua stretta più forte, le unghie entrarmi nella schiena e un'ondata di calore avvolgermi il cazzo, seguito da uno schizzo potentissimo e dal suo urlo
< Siiiii amore godoooo…>
Dopo di che si lasciò andare e guardandomi con uno sguardo pieno di piacere mi disse
< Adesso voglio che ricopri la tua mamma…>
non fece in tempo a finire di dirlo che lo tirai fuori e su invasa da copiosi schizzi che ricoprirono la sua pancia, le sue magnifiche tettone e uno la colpì sul viso, sfiorando la bocca e fermatosi sulla guancia. Non avevo mai avuto un orgasmo del genere, mi sentivo svuotato di ogni energia.
Poi lei tirò fuori la lingua, raccolse un po' di sborra al lato della bocca e dopo averla assaggiata, sorridendo mi disse
< Avevi proprio voglia della tua mammina, guarda come mi hai conciata>
in effetti la sborra iniziò a scendere sporcando le lenzuola.
< Beh se è per questo anch'io sono zuppo dei tuoi umori>
le dissi indicandole il mio cazzo e le mie gambe bagnate.
< Non avevo mai goduto così tanto in vita mia. Adesso sdraiati accanto a me che voglio abbracciati>
e subito mi sdraiai accanto a lei.
Prima che potessi dire qualcosa disse
< So che tutto questo è sbagliato e che non lo faremo più capitare. Ma ne avevo tanto bisogno. Dopo tanto mi sono sentita desiderata e di nuovo donna. Non è giusto che tutto ciò sia accaduto con mio figlio, però tu sei la persona che mi ama e che io amo di più al mondo>
Con le lacrime agli occhi mi voltai, strinsi il suo viso tra le mie mani e le diedi un lungo bacio. Poi le dissi
< Mamma non so se tutto questo è giusto o sbagliato, però so che ti amo tantissimo, che sei la donna che più desidero e che per te ci sarò sempre…>
Questa volta mi baciò lei ed accarezzandomi mi disse
< Voglio che dormi qui con me questa notte>
< Va bene mamma, però prima aspetta che ti aiuto a pulirti>
e lei bloccandomi disse
< No fermati. Voglio dormire con il calore di tutto il tuo desiderio su di me. Non preoccuparti per le lenzuola, domani le cambio>
E dopo un dolcissimo bacio della buonanotte ci addormentammo tra le braccia dell'altro.


P.S. Sono graditi commenti e suggerimenti

Questo racconto di è stato letto 1 1 5 5 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.