Papà bianco, figlio negro, moglie puttana

Scritto da , il 2021-02-01, genere bisex

Tesoro mio avrei un idea; è da un pò che non andiamo a rilassarci in una SPA cosa dici se il prossimo weekend ci dedichiamo un pò a noi ? Avrei in mente quel posticino dalle parti di Bolzano dove dentro il bagno turco e la sauna si può entrare solo nudi; ricordi l’ultima volta ? Io ero l’unica donna fra cinque maschi… e che maschi, tutti con questo cazzone grosso che gli penzolava fra le cosce; chissà perché tu, amore mio, sei il maschio che ha sempre il cazzetto più piccolo di tutti… cornuto !! Se non sbaglio quella volta ti feci indossare la cinturina di castità per tutto il giorno… che bello, ricordo che quando te la tolsi il tuo cosino piccolo diventò subito duro e bastò un bacino per fargli buttare fuori tutta la sborra… ti amo cucciolo. Ma tu sei eccitato amore… vedo che hai il pacco rigonfio, calati i pantaloni e fammelo vedere maiale.

Mi ecciti moltissimo quando mi parli del cazzo degli altri amore mio; eccolo qua Gabri ecco il mio cazzetto duro che si è eccitato ricordando quella volta nel bagno turco con i cinque maschi; quanto sei bella tesoro, posso farmi una sega ?

No, assolutamente no mio piccolo maialino pervertito; prima voglio che mi parli un pò di quella volta e se mi farai eccitare per bene come piace a me dopo ti farò leccare i miei umori e io ti farò una bella sega come piacciono a te. Va bene porcello cornutino mio ?

Certo amore, grazie, non vedo l’ora di leccare tutta la sborra colante fuori dalla tua bellissima figa slabbrata. Ricordo molto quando ero eccitato, fin da subito, entrando e vedendo che dentro c’erano solo maschi ho provato subito una fitta alle palline che erano legate nella cinturina di castità. Il tuo bellissimo corpo sodo, queste tettone e le tue cosce fecero subito eccitare i maschi che senza vergogna aprirono le cosce per offrirti il loro sesso anche se io, tuo marito, ero lì con te; e tu che dolce eri, hai sfilato davanti a tutti ordinandomi di sedermi poco distante dal maschio più dotato e quando ti sei seduta fra noi mi vergognavo molto. Un cornuto che porta la propria miglia a scopare con altri perché lui non è capace, che umiliazione amore, il cazzo mi faceva malissimo, voleva esplodere. Ti amo. Ho apprezzato moltissimo quando ti sei seduta in mezzo a noi e mentre mi baciavi con la mano iniziavi a segargli il cazzo, mi sono accorto di come glielo hai scappellato per tenergli la cappella nel palmo; mmmmmm che troia in calore che sei amore mio.

Bravo cornuto stai iniziando ad eccitarmi, guarda il mio dito che bagnato quando esce dalla mia figa slabbrata; vieni a leccarlo, puliscilo e vai avanti cornuto;

Mmmmmmmmmm che buon sapere che hai amore mio, mmmmmmmm si che buona che sei tesoro, adoro i tuoi umori mmmmm grazie; quella volta avevo il cazzetto che mi scoppiava, abbracciarti e amarti mentre un perfetto sconosciuto ti scopava è stata un emozione unica, in quel momento mi sono reso conto di quanto sei importante per me amore mio;

Uuuuuuu si cornuto mio, lo ricordo quel cazzone duro e grosso che mi penetrava in tutti i miei più intimi orifizi… che goduria; ricordo come ci guardavamo negli occhi intensamente, il tuo sguardo era rapito, ipnotizzato mi guardavi come se fossi in trans, non ti accorgevi nemmeno che ti stavo tastando le palline avvolte nella cintura di castità. Sei proprio un porco. Quando il montone mi sbarrò dentro gli schizzi mi arrivarono fino in fondo all’utero, se non fosse che prendo la pillola quella volta mi avrebbero sicuramente ingravidata. Ti pacerebbe, amore mio, se mi facessi mettere incinta da un cazzo grosso davanti a te ? Prova a pensarci, dentro di me nascerebbe il seme dei nostri peccati, il mio naturale essere troia e la tua naturale predisposizione ad essere cornuto… mmmm sarebbe eccitantissimo; rappresenterebbe il tuo stato di cornuto per sempre… mmmm come godo solo al pensiero di umiliarti… e se mi facessi ingravidare da un negro ? Tutti, vedendo nostro figlio, capirebbero che sono corna, papà bianco e figlio negro vuol dire moglie puttana. Immagino già la faccia che farebbero i tuoi genitori borghesi alla vista di un nipotino negro. Non me lo perdonerebbero mai e poi tua mamma mi ha sempre dato della troia, finalmente avrebbe le sue ragioni per sostenerlo adesso e tuo padre… sono sicuro che quel porco entro qualche settimana proverebbe a darmi il cazzo anche se sono spostata con suo figlio. Si, si, mi piacerebbe moltissimo.

Ma amore ?!?! Cosa dici ?! Sarebbe una catastrofe se avessimo un figlio negro, cosa direi ai miei amici ?! Tutti inizierebbero a provarci con te spudoratamente, già ora quando sono insieme agli altri nello spogliatoio del calcetto Marco e Mario fanno sempre apprezzamenti pesanti su di te, se sapessero che hai scopato e ti sei fatta ingravidare da un cazzone negro sicuramente inizierebbero a provarci con te. Dicono sempre che hai delle tette fantastiche e che ci metterebbero in mezzo il cazzo molto volentieri, Angelo invece una volta che mi ha riaccompagnato a casa mi ha confidato che quando si sega pensa a te e che vorrebbe darti in bocca la sua sborra calda. Mi ha chiesto qualche tua foto e io gliele ho date per segarsi meglio inoltre quando lo vedo nudo sotto le docce rimango sempre colpito dal suo cazzo grosso e lungo, sembra un arabo; dice che sua moglie non glielo prende in bocca perché le fa schifo quindi lui è un pò indietro come pompe e ne sogna una fatta da te. Comunque amore mio… credo che mi ecciterebbe molto avere un figlio negro con te, impazzirei, dovunque andremmo tutti si renderebbero conto che siamo una coppia cuckold e ci proverebbero con te; quando usciamo la sera potresti vestire ancora più da troia e tastare tutti i pacchi che ti pare e piace, anche davanti a me; ma, eventualmente, il negro tu lo conosci già ?

...continua...

Questo racconto di è stato letto 3 5 5 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.