Nicole partecipa alla gara di castità forzata e orgasmo negato

Scritto da , il 2021-01-27, genere dominazione

chi mi vuole contattare può scrivere a padronebastardocontatti@gmail.com

C'era un sito fino a qualche tempo fa, un blog che si dedicava al tema della castità forzata femminile.
Su questo blog venne organizzato un concorso per schiave. Queste dovevano eseguire delle prove per un mese, ovviamente non dovevano avere nessun orgasmo, quelle che non ce la facevano erano sottoposte a punizioni tremende decise dal forum del blog.
Decisi allora di far iscrivere Nicole, ero sicuro che poteva farcela dato il suo livello di sottomissione, anche se la concorrenza era agguerrita.
Le prove furono le più difficili: una volta fu costretta ad andare al supermercato per cambiare un cetriolo e una scatola di preservativi. Entrò nel supermercato a Parigi sotto casa sua e cercò l'addetto più perverso, in quanto temeva che trovando la persona sbagliata avrebbe chiamato la polizia. Gli spiegò che desiderava cambiare l'articolo, perché gli serviva urgentemente il cetriolo per poterlo utilizzare nel suo sederino, ma il cetriolo in suo possesso era stato giudicato troppo piccolo e non avrebbe prodotto un dolore sufficiente sul buchetto.
L'inserviente si illuminò il volto di una strana luce e gli disse di accompagnarlo in magazzino dove avrebbe trovato sicuramente qualcosa della misura adatta. Una vola arrivati in magazzino gli mise una mano in mezzo alle gambe, ma Nicole le spiegò che stava partecipando a una gara e che era suo compito umiliarsi davanti a lui in quel modo, dopodiché sarebbe dovuta tornare a casa per masturbarsi un ora il culo con il cetriolo, aprendolo molto piano, con estrema lentezza e senza avere la possibilità di godere.
La spiegazione lo fece arrapare terribilmente, tanto che disse di aver capito che razza di maialina aveva davanti, prese il cetriolo lo inserì nel buchino di Nicole, dicendole oscenità di tutti tipi come ti va bene se ti sfondo il buchino, tira su le chiappe che lo faccio entrare meglio, senti come è difficile farlo entrare, ma un po' alla volta ce la fa.
Concluse dicendole che le sarebbe piaciuto le facesse un bel ditalino, le mise una mano tra le gambe e le disse senti quanto è fradicia, si fece fare un pompino dicendole che adesso se ne poteva tornare a casa che aveva superato la prova.
Alla fine però Nicole non ce la fece a vincere la gara, resistere un mese a prove sempre più difficili era arduo anche per una schiava masochista come lei che farebbe di tutto per soddisfare il suo padrone.
La sua resistenza arrivò a tre settimane: stavamo guardando insieme un film porno e lentamente strusciava un cuscino sulla passerina, tendenzialmente un buon modo per tenere sotto controllo l'orgasmo, ma le tre settimane di astinenza cominciavano a farsi sentire, infatti non riuscì a fermarsi al punto giusto e venne con un orgasmo così intenso da non riuscire neanche a rovinare l'orgasmo.
Il blog decise che la punizione sarebbe stata una lunga gita in bici su strade sterrate, con le mutandine ben riempite di sale grosso, facendo in modo di inserirlo anche dentro in modo che durante la pedalata il dolore diventi veramente insopportabile.
Dopo un’ora Nicole aveva la passerina terribilmente irritata, ma anche eccitata.
Dopo si è lavata la passerina, senza neanche toccarsi perché il mio permesso di godere non lo aveva.

http://www.padronebastardo.org

Questo racconto di è stato letto 2 3 6 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.