Annuncio erotico - 04

Scritto da , il 2021-01-23, genere dominazione

Uscita dall' ufficio andò a prendere una crema lenitiva , il farmacista le chiese per cosa le servisse ovviamente lei non poteva spiegargli il motivo.
Ma anche sedersi sul sedile della macchina le dava un bruciore immenso , lo strusciare del suo maestoso culetto sulla pelle del sedile.
Arrivata a casa si mise a piangere e volle che le spalmassi la crema sul culetto.
Io alla sera entrai sul sito e vidi delle foto postate da Adolfo erano quelle del giorno prima per fortuna censurate sia il viso che certi arredamenti della ditta.
Appena mi vide on-line volle che commentassi le foto di mia moglie con epiteti vari.
Mi fece collegare in Skype e volle che mi segassi sulle foto , mentre lo facevo fu sorpreso da mia mogle , che mi diede del porco depravato.
Gli spiegai il motivo e si rimise a piangere , "c'ha in mano tutti e due" disse.
Adolfo scoprendo che c'era anche lei la fece di nuovo spogliare e la obbligò a farmi un pompino con ingoio cosa che non aveva mai fatto, almeno con me.
Godetti fino all' anima , lei corse in bagno per sputare tutto.
Adolfo mi disse che bisognava istruirla per bene farla diventare una vera troia , mi diede l'incarico per la mattina dopo di andare in un sexy shop che lui conosceva per prendere qualche dildo e dei plug anali con gioiello di varie misure.
Gli spiegai che dietro era vergine , per quanto ne sapevo io , lui mi rispose che se il giorno dopo in borsa non avesse avuto quanto richiesto sarebbe stato peggio per lei.
Era tardi ci salutammo , ed andai a letto feci per darle il bacio della buona notte e mi mandò a quel paese.
La mattina dopo , presi mezza giornata di ferie per andare a prendere l'occorrente al sexy shop , arrivato parcheggiai distante per non farmi riconoscere , ma quando feci la richiesta il commesso disse "ma tu sei il cornuto di Adolfo" e mi fece vedere qualche foto di mia moglie , per fortuna censurate , sul suo telefonino.
Aveva già il sacchetto pronto io dovevo solo pagare , io stavo per dargli contanti ma volle la carta di credito , per conoscere i miei dati , che bastardi avevano previsto tutto.
"Signor Claudio la prossima volta porti anche la sua mogliettina che le facciamo un bel set fotografico" disse ridendo il commesso.
Uscii di corsa dal sexy-shop e mi recai a casa a vedere cosa aveva preparato per mia moglie : dildi di varie misure diametro e lunghezza e tre plug anali col gioiello di dimensioni crescenti.
Mi arrivò un messaggio da Adolfo che mi diceva di dare a mia moglie il plug anale più piccolo per iniziare e due dildi di piccole dimensioni e non dimenticarmi di darle gel lubrificante per facilitarne l'inserzione. Corsi subito in farmacia a comprarlo.
A mezzogiorno rientrò mia moglie e le diedi quanto richiesto da Adolfo , raccomandole di tener chiusa la borsa che non si vedesse.
Lei non credeva ai suoi occhi , "se pretende che usi queste cose si sbaglia" mi disse "mica sono una troia" Tra me e me lo diventerai , Adolfo ti farà diventare una troia e subito il cazzo mi si irrigidì al solo pensiero.

Questo racconto di è stato letto 3 6 2 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.