Felicità è una bottiglia di vino

Scritto da , il 2021-01-15, genere etero

Di solito ai matrimoni non ci vado con piacere: parenti quasi del tutto estranei che ti sbavano le guance, altri che - noiosissimi - non fanno altro che battute non troppo velate sulla tua età e sulla vecchiaia che incombe, sulle tue relazioni instabili, sull'urgenza di trovare marito, sfornare figli come se non ci fosse un domani...
Eppure, all'ultimo matrimonio è cambiato qualcosa.

Mentre stavo camminando nel salone del ricevimento per raggiungere il bancone degli alcolici, una mano mi prende il polso. Trattenendomi. Mi giro e mi trovo davanti Andrea, con il suo sorrisetto da stronzo stampato sul volto. Ci salutiamo con un bacio sulla guancia, intenzionalmente lascivo. E subito mi scruta, da capo a piedi, facendomi intuire che approva la scelta di quel vestito di raso, verde smeraldo, che lascia la schiena completamente nuda.

"Vieni, ti offro da bere". Mi prende per mano ora, ed io lo seguo.
Mentre siamo in fila, per ordinare i nostri drink, mi sussurra all’orecchio: "Questo vestito ti sta molto bene… mi fa venire in mente diverse cose che vorrei farti". Gli sorrido e, accarezzandogli il pene da sopra il suo completo blu navy, gli dico: "Al piano di sopra ci sono diverse stanze, potremmo usarne una". Lo sento fremere sotto al mio tocco, la cui cosa mi invoglia a prendere la sua mano e a trascinarla sotto al mio vestito facendogli, così, notare l’assenza degli slip. Si morde le labbra e, protraendosi verso il mio orecchio, mi sussurra: "Aspettami sulle scale, arrivo subito".

Faccio come mi dice e poco dopo mi raggiunge con una bottiglia di vino: Re Manfredi bianco, il mio preferito. Inizio a salire adagio i gradini, ancheggiando lentamente i fianchi. Sento i suoi passi seguirmi e i suoi occhi addosso, poi un colpo sordo: ha stappato la bottiglia.
“Fermati un attimo!” e mentre lo dice inizia a toccarmi il collo. Chiudo gli occhi e le sue dita mi sfiorano il viso. A lungo.
Mi infila, poi, una mano sotto al vestito e subito dopo mi penetra più volte con un dito. Poco dopo lo sfila e sento entrare un corpo estraneo che riconosco subito come il tappo della bottiglia. A quel punto mi giro e mi fiondo sulle sue labbra baciandolo con foga, mentre gli stringo il membro e i testicoli con entrambe le mani. Volutamente da sopra il tessuto. Lui, intanto, porta una mano sul mio seno, stringendolo; mentre con l’altra inizia a massaggiarmi il clitoride. A un certo punto, sentiamo qualcuno tossire. Ci stacchiamo ansimanti e ci ricordiamo di essere ancora in mezzo alle scale.
Sorridiamo alla ragazza alla quale stavamo bloccando il passaggio e a passo svelto ci fiondiamo nella camera più vicina.
Mi sbatte contro la porta e in mezzo secondo mi sfila il vestito. Si allontana per guardarmi, nuda e ansimante, davanti a lui e si lecca le labbra. "Siediti sul letto", gli ordino e lui obbedisce. Mi avvicino lentamente e inizio a slacciargli la camicia mentre gli lascio una scia di umidi baci dall’orecchio alla gola, per poi scendere sempre più giù. Gli lecco e gli mordo i capezzoli poi scendo fino all’ombelico. Sento il suo respiro accelerare. Gli bacio il membro duro da sopra i pantaloni, dopodiché glieli slaccio, gli apro la cerniera e lo prendo con entrambe le mani, guardandolo estasiata. Sento i miei liquidi vaginali scendermi tra le cosce, adoro fargli i pompini. Lo lecco per tutta la sua lunghezza, soffermandomi sul glande. Mi sputo sulla mano e inizio a masturbarlo nel frattempo che gli lecco e gli succhio i testicoli, tirandoglieli forte, come piace a lui. Glielo prendo tutto in bocca e inizio a succhiare, mentre lui mi guida tenendomi per la mia chioma mora.
Mi fa alzare tenendomi per i capelli e mi butta sul letto a pancia in su. "Adesso comando io!", mi avverte. Mi benda usando la sua cravatta e con la cintura mi lega le mani alla testiera del letto. Mi infila due dita nella vagina e con l’altra mano mi stringe un capezzolo mentre con la bocca mi mordicchia l’altro. A un certo punto mi stacca la mano dal seno e mi dice di aprire la bocca. Lo faccio e mi versa il vino in bocca per poi bagnarmi dal mento al monte di venere. Mi lecca la gola, per poi scendere fino all’ombelico tormentandolo con la lingua. Sento il ritmo delle dita che mi ha infilato aumentare e io mi contorco dal piacere. Aggiunge la lingua e inizia a succhiarmi il clitoride con foga. Dopo poco vengo urlando.
A quel punto mi gira a pancia in giù e mi solleva il bacino mettendoci sotto un cuscino. Mi lubrifica l’orifizio anale alternando la lingua con il vino. Infila un dito all’interno e lo muove finché non sente il mio corpo rilassarsi, dopodiché lo estrae e subito dopo inserisce il collo della bottiglia. Gemo.
"Penetrami ti prego!", lo imploro. Mi sculaccia forte, per poi penetrarmi brutalmente. Io urlo e cerco di rispondere alle sue spinte. "Di più!", gli chiedo e lui aumenta il ritmo. Mi sculaccia, poi porta una mano sul seno e l’altra sul clitoride. Sento che sono quasi al limite. Fare sesso bendata aumenta ogni sensazione, è un’esperienza onirica. Sento il suo pene pompare tra le pareti della vagina. "Non ti fermare!", gli ordino. Lui in risposta aumenta ancora il ritmo e io vengo urlando a squarcia gola.
Andrea si ferma, mi libera dalla benda e dalla cintura ed estrae la bottiglia. Mi rigira a pancia in su e mi tira sul bordo del letto. Ora è in piedi di fronte a me, con il pene eretto in mano e vedo residui del mio liquido colargli dai testicoli. Senza dire una parola mi prende le gambe e se le appoggia sulle spalle, per poi penetrarmi di nuovo. Lo facciamo in questa posizione, baciandoci. "Sto per venire", mi avverte. A quel punto mi siedo davanti a lui e gli lavoro il pene con la bocca, succhiandoglielo con foga. Poco dopo sento un grugnito e il suo liquido caldo scorrermi in bocca. Ingoio e guardandolo negli occhi mi lecco le labbra. "Bella scopata", gli dico.

“Quando siamo soli diventi un'altra, è come se mi permettessi di vedere anche le tue ombre. Chi altro potrebbe? Ma noi funzioniamo così, ci prendiamo cura l’uno dell’altra perché questo fanno gli amici” e lo dici come solo tu nella tua semplicità disarmante sai fare.
E ci fermiamo. Entrambi dentro questo momento. Seduti sul letto, con la mia testa sulle sue gambe e le sue mani a esplorare ancora una volta la mia pelle. Poi deve essere successo qualcosa nella sua testa, perché il tono delle carezze è cambiato. La sua mano tra i miei capelli ha iniziato a tirare e quella sul collo a stringere, poi a scendere sul seno e a pizzicarmi i capezzoli. È cambiato il suo respiro e completamente piegata alla tua volontà è mutato anche il mio. Perché adesso c’è violenza nei suoi gesti. C’è una voglia di stringere e tirare e graffiare. Mi tira così forte un capezzolo che mi sfugge un gemito acuto ma subito mi tappa la bocca con la mano. Istintivamente la bacio e poi lecco le dita posate sopra. Per fargli capire che va tutto bene, che ne voglio ancora. Mi gira la testa e noto una dolcezza in lui che raramente fa vedere. “So cosa vuol dire sentirsi soli, posso fare questo per te ora” e, così dicendomi, ricomincia a penetrarmi con le dita e non fa altro per un tempo che sento lunghissimo. A ogni stretta sul collo, a ogni tirata di capelli o mano sul seno, affondo il viso sul suo petto per soffocare il mugolio, il mio dolce lamento.
Mi prende la mano appoggiandola tra le mie gambe. “Toccati!” E io… Lo faccio. Mi tocco. Mi tocco il clitoride e poi affondo le dita nella figa, con lui che continua ad accarezzarmi a stringermi a tirarmi. “Tirale via!” e nel momento in cui le sfilo, le sue narici si riempiono del mio odore. Lo sento inspirare, e gli scappa un verso perché lo riconosce. Sa qual è il mio profumo quando sono eccitata e vogliosa.
Le sue dita mi conoscono bene, così come sanno quanto possono essere violente. Sa quanto posso sopportare e quanto può spingere fino a quel limite. Aumenta le dita e il ritmo. Mi masturba tra le sue braccia, puntando i piedi e inarcando la schiena mentre inesorabile continua il tuo assedio al mio seno, alla mia pelle, al mio collo. Ogni tanto mi colpisce il viso e lo sento bruciare per lo schiaffo ma subito segue una carezza e si rinnova in me la voglia del dolore. Mi apro le labbra con due dita e continuo a spingere sul clitoride tirandolo e torcendolo mentre uso l’altra mano per entrare e uscire sentendo il mio liquido colare sulle cosce. Ho quattro mani sul mio corpo e mi sento amata protetta e pronta. Anche lui lo senti. Così adesso passa ai capezzoli, con degli schiaffi talmente precisi che riesci a prendere solo loro e questo mi fa crollare. Getto le testa all’indietro sul suo corpo mentre chiudo le gambe in una morsa, intrappolando le dita ancora dentro di me e vengo, sorretta dal suo abbraccio.
“Ti piace ancora violento” e lo sento ansimare al mio orecchio. “Lo sai”. “Credo che mi segherò stanotte ripensando a quest'altra scopata”. Non ti guardo ma sorrido.

Ci rivestiamo, usciamo dalla camera e una volta scese le scale gli sussurro all’orecchio: "A rivederci al prossimo matrimonio"’ E lo bacio. Lui mi sorride e quando mi giro, per scendere gli ultimi scalini, mi tira un ultimo sculaccione.

Questo racconto di è stato letto 4 2 8 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.