Da cagna schiava a cagna per soldi (primo appuntamento con il padrone) Prt4

Scritto da , il 2021-01-09, genere sadomaso

"Alle 14 vai al bar in via xxx è vicino all'hotel dove ci vedremo alle 15, lì c'è un pacco per te, vai al bagno del bar e indossa quello che trovi nel pacco, poi vai all'hotel e vai nella stanza 305."

Queste erano le ultime direttive che il padrone mi aveva dato la sera prima, mi affrettai anche se tremante di paura e eccitazione ad anadre al bar alle 14 in punto, avevo paura di fare tardi e ricevere subito una bella punizione. Ero spaventata ma non riuscivo a fare a meno di andare all'appuntamento. Solo che del mio padrone non sapevo nulla davvero, su skype vedevo sempre il suo fisico e metà volto, era un'uomo che andava sui 50 ben messo ma poi non sapevo altro.

Arrivai al bar, era un bar tipo circolo della caccia, pieno di signori grandi e bavosi. andai dal barista e presi il pacco per andare in bagno. Quando arrivai al bagno impallidii. Praticalmente c'era un plug piccolissimo, (sapeva che il mio culo era ancora completamente vergine) e uno molto grande. poi c'erano fasciette e dei vestiti con un biglietto "indossa i plug e metti le fasciette strette come si deve e poi vestiti!"
Esegui gli ordini, misi prima il plug grande nella figa, era davvero largo cavolo, poi quello piccolissimo sarà stato 2 cm di diametro, lo leccai bene e provai a metterlo, fece male ma dovevo farlo. poi passai al seno cercando di non emettere suoni in caso qualcuno fuori al bagno mi sentisse. Volevo piacere al mio padrone e le tette le legai anche troppo strette più del solito. Mi pentìì subito ma era tardi non ne avevo altre. Aprii la busta dei vestiti e mi spaventai. C'erano solo calze a rete auto regenti con una mini gonna e una camicietta bianca. quando provai a chiudere la camicia con le tette legate mi resi conto che dovevo per forza lasciarla un pò aperta, ma in quel modo si notavano le mie tette martoriate. Mi misi i tacchi che trovai nel pacco e andai a fatica al'hotel.
Avevo tutti gli occhi addosso il bar si giro e qualcuno fece commenti, io arrossii e provai a non sentire e corsi vuori, ma avevo i plug e non indossavo le mutante e con i tacchi muovermi ridotta così non era facile. Le tette ad ogni passo mi facevano malissimo solo strusciando sulla camicia. Ci misi 15 minuti a piedi per arrivare all'hotel, non era una bella zona, stavo in periferia e avevo paura dei sguardi che mi lanciava la gente.

Arrivai incolume per foruta alle 15 in punto chiesi le chiavi e mi diressi alla cammera che mi aveva detto il padrone! La stanza era vuota, un biglietto con una borsa sul letto diceva: "bendati ammanettati piedi e le mani a letto subito!" Apro la borsa e trovo dei polsiniin pelle con scritto caviglie e poi noto dei ganci agli angoli del letto con dei moschettoni, faccio 1+1 e inizio a fare come mi diceva. MI legai prima le gambe poi mi misi i polsini mi bendai e alla cena misi i moschettoni nei polsini, avevo le gambe aperte le mani legate insieme al centro del letto ed ero bendata
Passo del tempo non sò quanto, sapevo che non potevo parlare, ma stavo impazzendo. quindi provai a dire: "Padrone?" non feci in tempo che mi arrivò una frustata sulle tette!
"cagna impaziente, sai che non devi parlare, dopo verrai punita per questo."
Mugulai un lamento "mmmm"
"brava zitta ora vediamo come hai messo i plug" mi liberò le gambe e mi sfilò la gonna, non osai ribbelarmi, lui intanto mi accarezzava le gambe facendomi bagnare.
"hai dato pr scontato che il plug piccolo andasse nel culo, anche se sei vergine non importa dovevi fare il contrario. Ma ormai ci pensero io."
Inizia a lamentarmi e squotere la testa ma lui non mi calcolo e mi aprì la camicia mettendo in mostra il mio seno viola e torturato. Inizio a toccarlo, leccarlo e strizzarmi i capezzoli, mi morse anche e io inizia a urlare e piangere, ma mai a parlare.
"Zitta non vorrai che sentono le urla così mi costringi subito a zittirti!" Poi sentìì che voleva mettermi qualcosa in bocca, ero bendata ma capìì che era un dildo con tanto di bavaglio per fissarlo alla bocca. Il dildo non era piccolo e mi sentìì quasi soffocare all'inizio. Lo fissò bene alla mia bocca e riprese a darmi la tortura ai capezzoli. E strinze di più le fasciette! Mi sentìì morire e urlai con tutta la forza che avevo ma il il dildo nella mia bocca ha soffocato quasi ogni rumoro quindi alla fine ero solo inerme legata e bendata e lunica cosa che potevo fare erà squotere la testa e agitare le gambe. Sentendomi in questa situazione mi eccitai sempre più e con i plug inseriti in poco tempo ebbi un orgasmo fortissimo!

Finito l'ormasmo il Padrone mi sbendo gli occhi, dopo più di un ora bendata ci misi un pò a mettre a fuoco, vidi il mio Padrone in faccia, non era per nulla un bell'uomo anzi, magari fisicamente non era male ma non mi piaceva e il fatto mi eccitava ancora di più. IL Padrone non disse nulla tagliò le fasciette dalle tette e urlai di nuovo come riprese la circolazione. Poi si avvicinò a me e mi sputò in faccia, tre volte spalmandomi il sul sputo sul volto.
"Ora devi decidere se vuoi essere la mia schiava e cagna me lo dirai ora se dici di si sarai mia e solo mia, sarò il tuo unico padrone e farai tutto quello che ti dico, domani quando uscirai da questo hotel saprai che sei mia e io ti farò in piccolo segno di riconoscimento come mia schiava! Accetta o rifiuta!" Ci pensai un attimo non conoscevo quest'uomo ma mi aveva fatto provare cose troppo eccitanti in poco tempo. feci di si con la testa allora lui mi prese e mi levò il dildo dalla bocca e mi liberò! MI diete un vibratore e mi disse: Ora masturbati e dimmi che vuoi essere mia e solo mia, sarai di mia proprietà e farai qualsiasi cosa ti dico, Di ti prego padrone sono tua, ripeti questo discorso fino a quando non squirti!"
Feci come mi dicevo, ero così eccitata che volevo essere sua e mi masturbai supplicandolo di volermi come schiava e cagna. "padrone ti prgo voglio essere tua schiava, sono una cagna prendimi farò tutto per te sono na tua proprietà!" Alla fine squirta!
"brava ora concludiamo questo week end schiava, mettiti a 4 zampe come la cagna che sei!"
MAntre ero carponi mi sfilo i plug mi mise il collare al collo e poi sentii presione sul culo, mi stava mettento un plug con la coda da cagna poi mi mise un osso di gomma in bocca e lo lego alla mia testa!

"ora zitta e cammina, iniziano i giochi!"

Questo racconto di è stato letto 8 6 0 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.