Mia suocera, un'autentica sorpresa

Scritto da , il 2020-12-06, genere etero

Mi Chiamo Alfredo ed ho 60 anni , dopo aver perso il lavoro io e mia moglie Daniela non riuscendo più a sostenere le spese dell'affitto fummo costretti a chiedere ospitalità dai miei suoceri che furono ben disposti a darcela. Loro hanno una villa con tre camere da letto e doppi servizi per cui non ci sono problemi di spazio ne il rischio di intralciarci nei bisogni quotidiani,
So fare un po di tutto per cui mi arrangiai a fare dei lavoretti di idraulica e di muratura ma me la cavo anche come elettricista.
Piccole cose prima per amici e conoscenti ed in seguito quando si sparse la voce anche per persone a me sconosciute.
Riuscivo a non pesare sulle spalle dei miei suoceri ma non avrei potuto permettermi un appartamento in affitto.
Daniela 5 anni fa venne a mancare all'età di 40 anni per una grave malattia ed io allora mi sentii in dovere di togliere il disturbo ma Giovanni che all'epoca di anni ne aveva aveva 75 e Adele 65 insistettero a che restassi a vivere con loro.
Sei mesi fa Adele è rimasta vedova a causa di un infarto fulminante che si è portato via Giovanni.
Siamo rimasti così soli io e mia suocera Adele che ora di anni ne ha settanta.
Dieci anni di differenza non sono tanti alla nostra età e oltretutto lei è una donna che si è sempre presa cura di se.
Naturalmente porta i segni dell'età , un po di pancia , i grossi seni hanno ceduto un po ma ha ancora la pelle liscia e non cadente come succede a tante donne della sua età.
Da quando ha perso suo marito è diventata malinconica ed ha cominciato a trascurarsi sia nel vestire che nel prendersi cura del suo aspetto.
Io cercavo di tirarla su di morale come potevo e magari le strappavo una risata ma dopo poco la tristezza la avvolgeva di nuovo.
Circa un mese fa una sera a tarda ora dopo che entrambi eravamo andati a dormire mi svegliai con un certo languorino così mi alzai , mi infilai un paio di mutande ed una canottiera (ho l'abitudine di dormire nudo) con l'intenzione di andare in cucina e prendere qualcosa di pronto dal frigo.
Passando davanti alla stanza di Adele sentii chiaramente che stava piangendo. Per un istante pensai di fare finta di niente , le sarebbe passata ma il pianto era talmente intenso che decisi di bussare alla sua porta.
Lei mi rispose di entrare. Era seduta sul letto con indosso la camicia da notte con la testa tra le mani e non riusciva a smettere di piangere. Io le sedetti accanto e cercai di dirle qualcosa che potesse consolarla. Lei di tutta risposta si strinse a me dicendosi disperata , le mancava il marito e specialmente la notte quando nell'intimità della camera da letto potevano scambiarsi gesti d'affetto e parole d'amore.
Aveva appoggiato la testa sulla mia spalla e mi teneva strette le braccia attorno al petto. Io non potei fare a meno di abbracciarla e accarezzarle la testa e il braccio per farle sentire un po di calore umano.
Nonostante il delicato momento non potei non far cadere lo sguardo nella scollatura della camicia da notte che era di per se era leggermente trasparente da mostrare l'ombra dei seni ma dalla mia posizione potevo vederne una buona parte compreso il rosa delle areole mentre i capezzoli restavano fuori dalla mia portata.
Cercavo di guardare da un'altra parte e di pensare ad altro ma inevitabilmente poi tornavo a fissare quei grossi seni che trovavo troppo invitanti per riuscire ad ignorarli.
Non potei evitare un erezione.
Lei aveva lo sguardo basso e vide le mutande gonfiarsi sotto la spinta del mio membro che cresceva.
Alzò lo sguardo stupita “ma Alfredo...” “perdonami Adele ma.....”
Non riuscii a proseguire. Ci fissammo per alcuni secondi in silenzio poi io avvicinai le mie labbra alle sue e la baciai.
Lei non si ritirò , si limitò a chiudere gli occhi e ricambiò il mio bacio. Le nostre lingue si incontrarono mettendosi a giocare tra loro. Quel bacio accese la passione ad entrambi. La feci stendere sul letto senza mai staccare le labbra dalle sue. Infilai una mano nella scollatura ed afferrai uno dei seni palpandolo con decisione.
L'età non aveva ancora reso il suo corpo indifferente agli stimoli tanto che sentii i capezzoli inturgidirsi e le areole divenire gonfie.
Li presi tra due dita e li strinsi torcendoli un po facendole scappare un gemito.
Riuscii a sfilargli la vestaglia quel tanto da scoprirle i seni che mi misi a baciare e presi in bocca i capezzoli mentre con le mani continuavo a stringere quelle grosse mammelle. Li succhiavo e li mordicchiavo. Lei mi accarezzava il capo e mi prendeva per i capelli ogni volta che i miei morsi le procuravano dolore ma non mi diceva di smettere anzi mi incitava a continuare.
L'eccitazione saliva rapida di intensità. Mi alzai e mi tolsi la canottiera , le sfilai la camicia da notte tirandola dal basso. Lei mi agevolò il compito sollevando il sedere. Si rimise seduta e appoggiò la mano sul mio cazzo ancora nascosto dalla mutande.
Lo accarezzò a lungo , poi mi abbassò le mutande e il mio cazzo scattò all'insù come una molla dritto e duro.
Lei lo guardò ammirata e si mise a leccarlo dalle palle su fino alla cappella bagnata che prese in bocca iniziando un magnifico pompino , evidentemente ne aveva fatti numerosi perché dimostrava una maestria che non avevo mai riscontrato in nessuna delle donne che avevo frequentato in precedenza.
“miodio Adele ma chi sei ? Non ho mai goduto così tanto per un pompino , non resisto , sto per venire”
“vienimi in bocca tesoro , adoro il sapore della sborra”
La sborrata fu abbondante ed i getti potenti come se il suo modo di succhiare gli avessero dato velocità ed energia. Il primo schizzo le arrivò direttamente in gola tanto è vero che ebbe un accenno di conato che superò subito gestendo i successivi senza difficoltà.
Mandò giù tutto con l'espressione sul viso di chi si sta gustando qualcosa di goloso. Mi restituì il cazzo pulito e lucido.
“vieni sdraiamoci”
Ci mettemmo uno accanto all'altra. Lei appoggiata la testa sul mio petto iniziò a confidarsi
“sai qual'era il vero motivo della mia disperazione ? Riguardava si Giovanni ma non le tenerezze che ci scambiavamo bensì le numerose corna che gli facevo e nonostante ne fosse al corrente le ha sempre sopportate pur di non abbandonarmi. Pensavo a quanto l'avrò fatto soffrire e non ho nemmeno avuto il tempo di chiedere il suo perdono”
“sai invece come la vedo io. Per quel che ho capito del suo carattere nei pochi anni di convivenza so per certo due cose , che era un uomo molto intelligente e che ti amava tantissimo. Giovanni aveva capito che le corna che gli mettevi non era perché non ti importava di lui ma che il sesso ed il variare partner erano un bisogno dettato dalla tua natura , non c'era sentimento verso coloro a cui offrivi il tuo corpo , la persona che amavi era unicamente lui e lo sapeva e per questo motivo non è corretto dire che sopportava i tuoi tradimenti , li accettava con lo spirito di chi ama sapendo di essere ampiamente ricambiato e tutto il resto non aveva importanza.
Non hai motivo di provare rimorso , credimi”
“dici ?”
“ne sono assolutamente convinto , un uomo che sopporta il tradimento lo subisce e non riuscirebbe a vivere con animo sereno come invece dimostrava di fare Giovanni ogni giorno”
“penso tu abbia ragione , grazie. Da quando se ne è andato non ho avuto più il coraggio di frequentare qualcuno. Dici che potrei riprendere senza farmi sensi di colpa ?”
“mi pare tu lo stia già facendo e penso che faresti violenza a te stessa autocensurandoti”
“sei un tesoro , mi hai liberata di un grosso peso che mi tormentava l'anima”
Detto questo si mise a baciarmi il petto , sotto le ascelle mentre passava la sua mano sul cazzo diventato di nuovo duro.
Si tolse le mutande e mi venne a cavallo dimostrando un'inaspettata agilità.
Lo prese in mano e se lo infilò nella figa circondata da una leggera peluria nera , a differenza dei capelli che erano di un bianco candido.
“prima me la rasavo regolarmente ma da quando sono vedova mi sono lasciata andare”
“dovresti tornare a prenderti cura della tua persona , sei ancora una donna desiderabile”
Iniziò a strusciarsi muovendosi avanti e indietro. Le presi in mano le mammelle che seppur leggermente cadenti anche perché grosse e pesanti erano un invito al piacere dei sensi.
Le strinsi strapazzandole un po poi la presi per i fianchi e guidai i suoi movimenti accelerandoli.
Ad un certo punto si chinò e mi baciò
“sono un po stanca , cambiamo posizione”
Scese da “cavallo” e si mise supina.
Le montai sopra ed inizia a pompare prima lentamente per sincerarmi fino a che punto potevo spingermi ma fu lei ad invitarmi ad essere più energico
“non aver paura mi piace farmi sbattere forte , non mi rompo , tranquillo”
Mi misi a scopare sempre più forte ed i sui gemiti crescevano di pari passo con l'intensità delle mie spinte.
“Una suocera troia e per di più che vive sotto lo stesso tetto con me , cosa potrei chiedere di più ?”
“una donna più giovane forse ma io sarò la tua amante ogni volta che lo vorrai”
“Avremo mille occasioni per scopare e potremo farlo quando vogliamo ed ovunque in questa casa”
Lei eccitatissima venne colta da un orgasmo che le fece dire a gran voce “cazzo vengo finalmente il primo orgasmo dopo tanto tempo , grazie amore , vuoi sborrare ?”
“ti sei mai fatta fare il culo ?”
“oh si e parecchie volte anche”
“be mi piacerebbe venirti nel culo , girati che te lo infilo dietro”
L'aiutai a mettersi a pecora e dopo essermi riempito la bocca di saliva la feci cadere all'inizio del solco tra le natiche fermandola con la mano all'altezza del buco del culo che spalmai con cura sia fuori che dentro. Un secondo bolo di saliva lo feci cadere sulle mani che usai per spalmarmi il cazzo.
Lo puntai e spinsi lentamente senza incontrare una particolare resistenza e senza quasi accorgermene fui dentro tutto. Non fui sorpreso dal fatto che non aveva provato dolore , chissà da quanti cazzi si era fatta deflorare e parecchi di dimensioni ben maggiori del mio.
“mmmmm si amore come mi piace. Sculacciami , sono una sporcacciona e me le merito”
Feci quello che mi chiese. Mi piaceva dare qualche sculacciata quando montavo a pecora.
“si Adele sei una sporcacciona e meriti di essere sculacciata.
Prendi troia” e giù una pacca sulla chiappa a mano aperta
“ti piace farti trattare come una baldracca quale sei vero?”
e la colpii con una seconda sculacciata
“si e specialmente se a farlo è quel porco di mio genero”
pompavo deciso e ogni tanto la picchiavo sulle chiappe tanto da farle diventare rosse. Lei alternava lamenti per il dolore a gemiti di piacere e nel frattempo si strapazzava con le dita la passera.
Ci scambiammo a lungo parole sconce fino a che lei ebbe un secondo orgasmo ed io dopo poco venni sborrandole in culo.
Quando uscii non ci mise molto a richiudersi segno di un'elasticità acquisita col tempo e soprattutto con la pratica.
Si accasciò esausta “non ho più la resistenza di un tempo , l'età si fa sentire”
“ti garantisco che riesci a soddisfare un uomo , sei riuscita a spomparmi”
“senti visto che ormai sei qui non a senso che te ne torni nel tuo letto , resta a dormire con me”
Acconsentii volentieri e mentre lei appoggiata di nuovo la testa sul mio petto si trastullava col mio cazzo in mano ci scambiammo qualche confidenza. Ero io il più curioso dei due. Mi interessava molto sapere del suo passato.
“quanti cazzi hai preso in tutta la tua vita ?”
“e come faccio a dirti un numero , sicuramente centinaia di ogni dimensione , forma e colore”
“Sei stata anche con più uomini contemporaneamente ?”
“Si , parecchie volte con due o tre ma c'è stata una sera che l'uomo che era con me mi condusse in un prive e dopo avermi fatto spogliare e messami una benda agli occhi mi condusse su una pedana al centro della sala. Dopo poco sentii mani che mi toccavano dappertutto , forse una decina ma comunque molte.
Avevo mani ovunque , a palparmi i seni , sulla figa e sulle chiappe fino al buco del culo. Mi sentivo confusa e in estasi allo stesso tempo. In aggiunta a questo continuo palpeggiamento sentivo il gemito di diverse persone che certamente si stavano masturbando attorno a me.
Ad un certo punto una mano mi prese la testa e sentii qualcosa di caldo e umido premere contro la mia bocca. Era una cappella che voleva farsi spazio ed io non tardai ad accoglierla assieme all'asta a cui faceva da introduzione.
Quel cazzo mi ha letteralmente scopato la bocca perché avevo la testa bloccata ed in fine mi ha sborrato obbligandomi a mandare giù tutto in gola. Ti confesso che quella brutalità unita al fatto che non potevo vedere chi ne fosse il responsabile mi ha eccitato moltissimo tanto da farmi venire sulle anonime dita che si erano infilate nella mia figa già fradicia di suo.
La serata al prive si concluse così ; le mani si scostarono tutte e mi fu tolta la benda che mi copriva gli occhi. Ero circondata da una decina di uomini che si stavano segando il cazzo e a turno mi sborravano addosso fino a che quando venne anche l'ultimo mi ritrovai ricoperta di sborra dalla testa ai piedi.
Il mio accompagnatore mi disse di non andare a lavarmi ma di lasciare che mi si seccasse addosso che poi mi avrebbe portato da lui e mi avrebbe scopato così com'ero.
In effetti andammo a casa sua e scopammo a lungo in svariate posizioni e ricevetti anche la sua sborra per ben tre volte , quello era un autentico toro da monta. Quella è stata l'esperienza più folle mai fatta ma anche tra le più eccitanti”
“che maiala di suocera Adele e lo dico come complimento , amo le donne libere di esprimere se stesse ed uno degli aspetti che in genere è ritenuto un tabù è proprio quello sessuale per cui merito a te , al tuo coraggio ed alla tua determinazione. Comincio a capire il motivo per cui Giovanni ti amasse così profondamente nonostante non condividesse le tue passioni”
Lei non fece commenti alle mie parole ma mi diede un bacio sul petto e dopo poco si addormentò con ancora la mano a stringermi il cazzo.
Io passai la mezz'ora seguente a cercare di metabolizzare tutto quello che era successo in quelle ore , dal sesso alle sue confidenze che mi aveva fatto riguardo al suo passato.
Infine mi addormentai anch'io cingendola con un braccio.
In effetti dopo quella esperienza divenimmo amanti e spesso capitava di condividere lo stesso letto per tutta la notte come due sposi.

Questo racconto di è stato letto 1 3 9 8 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.