Liquore Vapore e Piedi Irresistibili

Scritto da , il 2020-11-27, genere feticismo


Qualche sera fa mi sono visto con una mia amica... Eleonora si chiama. Da qualche mese ci sentiamo per messaggio, dopo che ci siamo conosciuti in palestra...

Lei è una molto vivace e pazzerella. Io sono più posato, contenuto, ma non per questo disdegno le pazzie ogni tanto.


L'ho invitata a casa mia questo martedì. Volevamo passare la serata a bere e a raccontarci aneddoti, senza contare il fatto che lei, aveva appena preso la sigaretta elettronica, e la volevamo provare entrambi.


Insomma è arrivata circa alle 8:00 di sera. Avevo un liquore nuovo in frigo. Ho preso quello e ci siamo messi a bere, raccontandoci del più e del meno.

Lei non è che mi piaccia, ma io, da qualche anno ho un'incontrollabile nonché eccitante, passione per i piedi delle belle ragazze, e lei, è una bella ragazza.


Insomma, sapevo che non avrebbe fatto storie se mi fosse balenata l'idea di dirle qualcosa a proposito, magari, di chiederle qualcosa a proposito.

Però non volevo essere troppo esplicito, volevo che sembrasse colpa dell'alcol.

Insomma, per non dar fastidio ai miei, siamo scesi in cantina. Lì, abbiamo svapato in maniera esagerata...

Eravamo allegri e persi. Lei indossava degli stivaletti neri, bellissimi, e io molto spesso lasciavo cadere lo sguardo, sulle estremità inferiori della mia amica.


Ad un certo punto, io, ho proposto di giocare ad Obbligo o Verità... Lei c'è stata.

Le solite cose, messaggi stupidi ai contatti, rivelare qualche segreto, niente di che, fino a che non è stato il suo turno... Allora io, ridendo e sembrando perso, per colpa del liquore, la obbligo di farmi annusare i suoi piedi.


Lei per un attimo ci è rimasta, poi però, si è messa a ridere sonoramente, solo dopo qualche secondo, ha annuito, divertita.

Eravamo seduti su un piccolo divano. Lei ha allungato le gambe, apponggiando i piedi alle mie ginocchia.

Ridevamo entrambi come matti.

Io le ho tolto stivali e calzini... L'odore era penetrante e idilliaco. Mi sono messo ad annusare quei piedi irresistibili. Lei rideva. Poi li ho baciati, e man mano, mi eccitavo sempre di più. Li ho leccati ovunque... Tra le dita, sulla pianta, sui talloni... Ancora un po' e mi sarei venuto addosso.


Lei se ne accorse, e così mi permise di tirarlo fuori e di proseguire con le mani... Non durai molto, venni copiosamente sui suoi piedini.

Leccai via tutto, contento come poche volte in vita mia. Anche lei era soddisfatta.

Se ne andò pochi minuti dopo... Il tempo di rimettersi le scarpe... Fu una serata pazzesca... Le chiederò di vederci ancora... Eccome se lo farò!

Questo racconto di è stato letto 3 4 2 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.