Prime esperienze 2

Scritto da , il 2020-11-09, genere gay

Dopo la scoperta del sesso con Paolo, io e Mario abbiamo continuato a giocare con i nostri sessi nel lettone che condividevamo. Giocavamo… Non ho memoria di quando riuscii a eiaculare per la prima volta. Comunque, per la teoria dell’evoluzione della specie, con il tempo, sia io che Mario cominciammo a sborrare. Ma tutto finiva lì.
Un pomeriggio, salgo in camera per prendere non so cosa e trovo la camera chiusa a chiave. Busso, chiedo chi c’è dentro e di aprire subito. L’unico poteva essere Mario ma non capivo perché chiudersi a chiave. Sento bisbigliare nella stanza e poi Mario che dice: sì, possiamo fidarci. Gira la chiave ed io entro.
Trovo Mario e il suo compagno di classe, Giuseppe, entrambi un po’ in imbarazzo. Chiedo: “Che fate?”
Mario: “stiamo studiando.” Era inizio di giugno e si stavano preparando per gli esami di terza media.
Io: Come mai vi siete chiusi a chiave?
Mario: Te lo diciamo ma non devi dirlo a nessuno. E’ un segreto. Giuseppe mi stava facendo una sega.
Rimasi senza parole. Una sega… quante volte ho sentito i miei compagni dire questa parola ma non capivo il significato. Pensavo fosse un modo di dire, come “vaffanculo”. Queste due parole le sentivo spesso in classe ma non sapevo il significato, non capivo cosa volessero dire.
Io: Davvero? E la faresti anche a me?
Giuseppe: Se vuoi certamente. Abbassati le braghe. Tu Mario chiudi la porta a chiave.
Fatto ciò, Giuseppe tira il primo cassetto del comò e vedo che avevano già preparato degli strappi di carta igienica insieme a un rotolo.
Giuseppe: Che bel cazzo che hai. Non tanto grosso ma bello lungo.
Me lo prende in mano e comincia piano piano e poi accelerando a fare su e giù con la mia asta. “Dimmi quando vieni”. Dopo un po’ arrivo al culmine e Giuseppe chiude il prepuzio trattenendo lo sperma. Prende della carta igienica e versa il seme su di essa. Pulisce con la carta igienica. “Ecco fatto” dice Giuseppe.
“Tutto qui? Chissà che mi aspettavo. Io e Mario lo facciamo spesso ma non sapevamo che fosse questo il significato di “farsi una sega”.
Come esperienza non è stata una novità ma importante è stato conoscere Giuseppe. Poi mi dice: “Vieni a vedere i miei francobolli?” “Certo”, rispondo.
Andiamo insieme a casa sua, dice a sua madre che mi porta in camera per mostrarmi i suoi francobolli. Entriamo in camera, tira fuori il classificatore e me lo porge. Finchè guardo i francobolli, lui silenziosamente chiude la porta a chiave, si avvicina e fa per tirarmi fuori il cazzo. Io un po’ me lo aspettavo ma così, senza chiedermi se ero d’accordo, lo fermo e gli dico: “Tu il mio lo hai già visto e provato. Mostrami il tuo e adesso prima ti faccio io una sega.” Lui ovviamente fu subito d’accordo e me lo tira fuori dai pantaloni.
Era diverso sia dal mio che da quello di Mario. Pur essendo grosso, era tenero;, sia il prepuzio che il glande erano rosa (il mio è scuro di pelle e il glande di colore bordò). Lo prendo in mano e mi sembra di avere in mano uno smash mellow. Comunque, comincio a menarlo. Mi piace perché è diverso da quanto provato finora. Lui chiude gli occhi, va in estasi e poco dopo eiacula tutto nella mia mano. Non so come ripulirmi e mi dà un suo fazzoletto di stoffa.
Ovviamente, dopo quella fatidica giornata ci siamo ritrovati spesso a farci seghe reciprocamente.

Questo racconto di è stato letto 1 9 8 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.