Una calda sera di agosto

Scritto da , il 2020-11-07, genere tradimenti

Da circa un anno, da quando ho iniziato a lavorare in questa azienda, condivido le giornate di lavoro con Ilaria, la mia responsabile, 34 anni (cinque più di me) che nonostante la giovane età ha già una posizione di rilievo nell’organico aziendale. Una giovane e bella donna in carriera, sposata, senza figli, il cui pensiero è rivolto esclusivamente al lavoro. Con lei, specie all’inizio, ho trascorso intere giornate in ufficio e sul campo, mi ha insegnato il mestiere e in un anno sono cresciuto tantissimo, acquisendo una sempre maggiore autonomia, instaurando con lei un rapporto che va oltre quello professionale.
Tuttavia, nonostante l’autonomia che mi sono guadagnato, quando si tratta di stipulare contratti importanti, lei ancora mi segue sempre. Così, lo scorso giugno, dopo il rientro dal lockdown sono riuscito a intavolare una trattativa con un grosso cliente, durata circa due mesi. Tra tira e molla infiniti, il 7 agosto, giorno prima delle ferie, fissammo l’appuntamento decisivo per chiudere il contratto. Fu un pomeriggio estenuante, tra caldo, tensione e negoziazioni… ma alla fine centrammo l’obiettivo! Una soddisfazione enorme, il mio primo grande contratto portato a casa alle condizioni che avevamo dettato noi. Durante il ritorno in macchina Ilaria era entusiasta e non faceva che complimentarsi con me.
Quel contratto fu una manna dal cielo, la nostra azienda ne aveva bisogno e durante il viaggio di ritorno Ilaria mostrò un lato che ancora avevo visto solo in parte: radio accesa, canti e risate… sembravamo una coppia di fidanzati al loro primo viaggio insieme.
Erano circa le 19 quando rientrammo in ufficio, non c’era più nessuno, per tutti i colleghi erano iniziate le ferie dopo mesi davvero tribolati. Seguii Ilaria nel suo ufficio e sistemammo tutti i documenti. Eravamo seduti di fianco e mentre lei sistemava il cartaceo io afferrai il mouse del pc per aggiornare i dati sul computer. Con questa “manovra” mi avvicinai ancora di più a lei, eravamo davvero vicini.
“E anche il computer è sistemato” affermai.
Incrociammo i nostri sguardi e ci fissammo sorridendo. Il suo profumo mi stava inebriando e i battiti del mio cuore stavano accelerando di secondo in secondo. Un altro sorriso da parte sua. Istintivamente avvicinai quasi impercettibilmente il mio volto al suo. Lei fece lo stesso. Ci avvicinammo l’uno all’altra fin quando le nostre bocche non furono a pochi millimetri di distanza. I nostri respiri iniziarono a mischiarsi tra loro e quando le nostre labbra furono a contatto ci scambiammo, sorridendo, dei baci a stampo molto delicati. Ci sfiorammo le labbra per un paio di minuti senza proferire parola e finalmente le nostre lingue iniziarono ad intrecciarsi. Fu un bacio profondo, pieno di passione.
Ad un certo punto ci alzammo e lei si sedette sulla scrivania. La spinsi leggermente all’indietro e continuai a baciarla. Dopo un altro lungo bacio iniziai a baciarle la zona dietro l’orecchio. Scesi lentamente, fino al collo.
La sentivo mia e quando iniziai a sbottonarle la camicia che indossava non oppose resistenza. In poco tempo rimase in reggiseno, che si tolse lei stessa quando, con la bocca, dal collo iniziai a scendere verso il suo seno (una terza più o meno). La mia lingua arrivò presto sui suoi capezzoli e quando iniziai a leccarli i gemiti di Ilaria iniziarono a farsi più intensi. Muovevo piano piano la lingua intorno al capezzolo, lo sentivo indurirsi; poi, dopo averci dato qualche colpetto con la lingua, iniziai a succhiarli.
Ad un certo punto si alzò in piedi, poggiò entrambe le mani sulla scrivania dandomi la schiena. Mi appoggiai a lei e adesso con la bocca le baciavo delicatamente le spalle, arrivando lentamente di nuovo al collo. Le mie labbra sfioravano la sua pelle e il suo odore mi mandava in estasi. Afferrai il suo seno e la mia lingua iniziò a giocare col suo orecchio.
Lei girò il volto verso di me e le nostre lingue si intrecciarono di nuovo. La sua mano risalì lungo la mia coscia fin quando non fu sopra il pacco ormai gonfio. Lo massaggiò per qualche minuto e poi si voltò verso di me. Mi sbottonò la camicia, un bottone dopo l’altro fino all’ultimo. La tolsi. Afferrò poi la mia cintura e la slacciò. Calò la zip dei miei pantaloni e la sua mano entrò dentro. I miei pantaloni scivolarono alle caviglie e lei calò i miei slip fino alle ginocchia, liberando il mio cazzo. Ero ormai vicino alla massima erezione.
Lo prese delicatamente in mano, lo accarezzò e poi lo strinse. Iniziò a farmi una sega e in pochi istanti fui completamente eretto. La sua mano stringeva saldamente il mio cazzo muovendosi su e giù, il tutto nel mentre le nostre lingue ripresero ad intrecciarsi. Non passò molto tempo e lei dopo avermi guardato profondamente negli occhi, si accucciò di fronte a me. Mi dette dei bacetti molto sensuali nel basso ventre e sentii le sue labbra scendere sempre più in basso, per risalire lungo l’asta del mio cazzo. Quando arrivò sulla cappella poggiai la mia mano sulla sua nuca spingendola verso di me. Il mio cazzo fu presto nella sua bocca.
Mai avevo goduto così.
Le sue mani erano poggiate sui miei fianchi, usava solo la bocca, tenendo un ritmo non eccessivamente elevato e molto erotico. Sarei rimasto lì per tutta la sera ma dopo circa dieci minuti si alzò spingendomi sulla sedia. Salì sopra di me. Si scostò le mutandine e afferrò il mio cazzo puntando la cappella sulla sua fica. Lo spinse dentro delicatamente e iniziammo a scopare.
La tenevo per i fianchi e spingevo il mio cazzo nella sua fica stretta: non riusciva a trattenere le urla di piacere e per fortuna eravamo soli nello stabile dell’azienda. Preso dalla voglia e dall’ardore la presi in braccio portandola sulla scrivania. Allargai le sue gambe e ripresi a penetrarla, stavolta guidando io il ritmo. La scopai con vigore e nel dimenarsi dal piacere lei fece cadere tutto ciò che c’era sulla scrivania, compresa la tastiera del computer. La tenevo per le cosce e quando i suoi gemiti si fecero più intensi sentii che ero sul punto di venire. Tolsi il mio cazzo dalla sua fica, lei rimase a gambe aperte e dopo che me lo menai per qualche secondo venni su di lei senza curarmi del fatto che indossasse la gonna e le mutandine.
Ci mettemmo mezzora a risistemare tutto e quando uscimmo dall’ufficio erano le 20 passate. Passai le ferie a chiedermi cosa sarebbe successo, mi feci mille paranoie su questa storia ma a settembre ci siamo cascati di nuovo. Da allora scopiamo regolarmente nei nostri posti segreti senza che nessuno sospetti nulla.

Spero abbiate apprezzato il mio racconto, ci sarebbero altre situazioni davvero hot da raccontare e nel caso potrei scrivere un altro racconto.
Intanto buona vita a tutti,
Bogardier



Questo racconto di è stato letto 6 6 7 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.