L'isola che non c'è (seconda parte)

Scritto da , il 2020-10-26, genere sentimentali

"Un po' di crema protettiva?" suggerìi
"Se me la spalmi tu… volentieri" rispose, sorridendo maliziosa, Chiara.
Mentre prendevo il barattolo di crema lei si mise bocconi e… dopo un attimo di divertita sorpresa mi invitò silenziosa, dandomi un leggero colpo di gomito, a voltarmi a guardare verso poppa.
Li il maschio della compagnia insieme ad Alessia stava dando vita ad una scena da far invidia al più hot dei film porno: lei,riversa sulla spagliera della poppa, ci mostrava l'oscena visione delle sue intimità palesemente bagnate dai suoi propri umori, sicuramente consapevole ma non intenzionale; lui, in piedi, che tenendola per i fianchi le strofinava il cazzo, di nuovo eccitato, fra i glutei e
da un lato Erica, seduta vicina a loro, che si masturbava strizzandosi un seno con una mano e torturandosi la clito con l'altra.
"Davvero instancabile questa gioventù" pensai divertita. Fu allora che mi misi cavalcioni alle gambe di Chiara e iniziai a spalmare delicatamente la crema sulle sue spalle, sulla sua schiena facendo correre le mie dita lungo la spina dorsale per poi allargare le mani sui fianchi.
La sua pelle naturalmente vellutata sotto le mie dita intrise di crema diventava di seta..
Stavo spargendo la protezione sulla parte alta dei suoi glutei quando alzai lo sguardo e vidi Marco scostarsi da Alessia, afferrare la mano di Erica e portarla in modo deciso al suo "totem" perchè continuasse il massaggio mentre lui tornava a posare le sue mani sui glutei di Alessia, aprendoli e facendovi scorrere lungo il solco due dita… l'urlo di piacere che prevalse sui gemiti mi fece immaginare cosa quelle dita stessero facendo…
Inutile dire che l'emozione che mi donava la pelle di Chiara si aggiungeva a l'eccitazione prodotta dalla situazione di forte erotismo che mi circondava.
Prima di distogliere lo sguardo incontrai gli occhi di Marco che mi ammiccavano con il sorriso osceno del classico maschio dominante.
Cominciai a mia volta a massaggiare i glutei di Chiara, cosi tonici e invitanti, con una intensità che ben poco aveva a che fare con l'intenzione di spalmare una crema protettiva.
Il massaggio che diventava sempre più erotico ottenne l'effetto di farle aprire le gambe costringendomi, a mia volta, a spostarmi per inginocchiarmi fra di loro.
La visione dell'intimità di quella Dea si aggiungeva allo spettacolo di Marco che ora stava accostando il suo cazzo al culo di Alessia mentre offriva le sue dita, piene degli umori anali raccolti, alla bocca di Erica.
La mia eccitazione prese il sopravvento, il cuore mi batteva forte nel petto, il mio respiro divenne concitato mentre le mie dita si mossero,rese ancor più scivolose dalla crema, su quel fiore che mi si mostrava meravigliosamente…
"Attenta…! potrei mangiartele quelle dita…" mi disse Chiara mentre era preda di un piccolo palese spasmo.
Risi insistendo ancor più, roteando le dita più velocemente e con maggior intensità distendendo la pelle su quel pertugio, cosi eccitante a vedersi nel suo fremere; a tutta risposta lei contrasse i glutei con forza tanto da imprigionarmi la mano.
Un urlo pieno di erotismo squarciò quel momento… Marco si era impossessato profondamente, con forti fendenti, delle viscere di Alessia…
A quel punto Erica si alzò e si posizionò dietro a Marco inginocchiandosi e aggrappandosi alle sue gambe iniziò a baciarne e leccarne, a sua volta, il culo…
"Non ti lascio più la mano… se hai intenzione di smettere!!!" Disse in tono perentorio ansimando e ridendo insieme Chiara
Piegai a fatica le dita, prese da quella morsa, sentendo il suo sfintere aprirsi; Lei allentò la presa ed io prima con un dito poi con due, la crema aiutava, la penetrai iniziando un movimento dentro/fuori che eccitò entrambe in modo sconvolgente.
La lingua di Erica sortì un effetto dirompente su Marco che scopò sempre più violentemente il culo di Alessia; questa urlava, mugolava, gemeva, si lamentava, incitava in modo scomposto in preda a ondate di libidine irrefrenabile.
Chiara inarcò il busto, portò una mano fra le sue gambe e iniziò a masturbarsi…
"Devo smettere? Vuoi che sia io a…" Chiesi sottovoce ma venni subito interrotta…tra un suo spasmo e l'altro in tono quasi minaccioso…
"Se smetti ti uccido!!!"
Scopai quel culo fantastico con le dita allargandole e facendole roteare all'interno di quelle tenere e frementi mucose muovendo mano e polso mentre lei, al contempo, provvedeva a saziarsi e portarsi di li a poco ad un orgasmo che vidi scuoterla tutta intimamente: Le sue manifestazioni sonore, il suo agitare la testa in modo scomposto, e quelle ondate di contrazioni che avvertivo distintamente sulle mie dita ne furono testimonianza.
Un grugnito di piacere e quei sospiri di goduria della ragazza mi dissero che anche Marco e Alessia avevano raggiunto la vetta del piacere…
Ebbi modo di vedere Erica andare, sotto la richiesta muta delle mani di Marco, a prendersi cura dello sfintere profanato dell'amica, andandolo a ripulire e lenire ricavandone il sapore del piacere del maschio che ancora colava...
Chiara mi ribaltò con energia insospettata, portò le sue labbra sulle mie e le sue mani sul mio sesso che trovò eccitato e fradicio di umori; Da subito, non avevo certo bisogno di preliminari, iniziò a scoparmi, con sempre maggior vigore, penetrandomi in modo esperto cercando e trovando in me, fin da subito, i punti più sensibili, con due dita mentre per tutto il tempo il pollice sbatteva sapientemente sulla mia clitoride. Le sue labbra, la sua lingua che turbinava nella mia bocca soffocarono, in un lunghissimo intenso e profondo bacio, i miei gemiti e le mie urla aumentando, al contempo, l'intensità del mio orgasmo. Respirammo i nostri respiri… le nostre salive invasero le nostre bocche… i nostri cuori batterono all'unisono.
Fino ad allora non avevo ancora provato niente di simile.
Rimanemmo abbracciate per alcuni minuti; io sdraiata di schiena sul piano della prua della barca e lei sopra di me… ambedue sazie e piacevolmente rilassate e serene,
fino a che…
"Ahiii!" Gridò allegra Erica
Marco le aveva rifilato uno sculaccione dicendo…
"Prima che ripartiate, voglio anche il tuo!"
"Scordatelo caro! Sano è e sano rimane…"
"Mai dire mai…" Intervenne Alessia ridendo
"Ora ti ho capita, birbantona!" Iniziò Chiara rivolta a me
La guardai interrogativa
"Mi hai dato la crema sulla schiena perché sapevi che ti avrei coperta proteggendo la tua pelle dalle scottature… "
"Beh! Si, io sono una donna previdente!" ammisi
Tutti e cinque scoppiammo a ridere e lentamente ci preparammo a rientrare…

Fino al momento dell'attracco continuammo a ridere e scherzare… ma improvvisamente…
"Oh,oh! Merda!" esclamò Chiara..
"Cazzo!" fece eco Marco sbiancato in volto.
Io e le ragazze ci guardavamo senza capire…
"ORA VAI A PESCA DI TROIE? HAI FATTO BUONA PESCA, VEDO, PUTTANE, TROIE, ZOCCOLE DI MERDA… TUTTE GIUSTE PER TE BRUTTO LURIDO MAIALE!" Urlava dal molo una donna…
"AHHHH, VEDO ANCHE CHE TI SEI PORTATO DIETRO IL TEGAME LESBICA DI TUA SORELLA!!"
"Ma chi è questa matta?" Chiesi sottovoce a Chiara…
"Marika,Mia cognata! La moglie di Marco"
"La cheeee?" bisbigliai incredula guardando Chiara
" la 'mo-gli-e' "
Non sapevo come prendere la notizia ma mi scappò da ridere coinvolgendo Chiara.
Le ragazze scesero imbarazzatissime sul molo aggredite dalla Signora…
"VEDO CHE I PORCI GUSTI DI MIO MARITO SI ADEGUANO SEMPRE PIÙ ALLE SUE PUTTANE!!"
poi scesi io ma prima che proferisse altro…
"È colpa mia se suo marito non è andato a pesca… "
"LEI CHI È? LA TENUTARIA DEL CASINO?"
"No! sono quella che devo pagare suo marito per averci fatto fare un tour intorno a l'isola come gli avevo chiesto io "… Dicendo così le misi in mano i soldi pattuiti.
"Li dò a lei… ecco, ora ho pagato! Signora"
Rimase in silenzio con i soldi in mano…
Sfruttando il suo momento di smarrimento aggiunsi.
"Cosa faccia a letto sua cognata non credo le debba interessare.."
"MA DEL MAIALE DI MIO MARITO SI !!!"
Si riprese lei..
"Sulla barca non ho visto letti, Signora… poi davvero crede che un peschereccio con il suo profumo di pesce come quello sia il posto migliore per fare certe cose?..."
"Lui lo farebbe anche in un porcile… il suo ambiente naturale" lei tornando ad un tono normale di voce
"Comunque si calmi e non dica altro e soprattutto chieda scusa alle mie nipotine se no mi costringe a denunciarla e da donna tradita, come sono io, mi dispiacerebbe: in fondo io la posso capire ma lei ha esagerato!"
"Scusate… ma con quel pezzo di m… non c'è la faccio più! " disse rivolta alle ragazze..
Feci per allontanarmi poi tornai indietro…
"SIGNORA…" la chiamai
Lei si voltò a guardarmi..
"PERÒ UN PAIO DI CEFFONI GLIELI DAREI…" le consigliai sorridendole
"Stronza!" Mi bisbigliò ridendo Chiara che nel frattempo era scesa, ignorando la cognata, e si era unita a noi…
Mentre ci allontanavamo li sentii discutere...e un paio di rumori strani mi parve di sentirli ma forse erano solo frutto della mia immaginazione.

Nei giorni successivi io e Chiara ci incontrammo quotidianamente nei nostri 'nascondigli'... oggi alla "mia" spiaggetta, dove mi raggiungeva con la sua gabbianella, domani al "suo" laghetto. Rubavamo ore di intenso erotismo al mondo intero; ore in cui l'universo reale scompariva di fronte a quello dei sensi così intimamente sconvolgente.
Nonostante tutto però Chiara continuava a rifiutarsi di "scendere in paese" (modo di dire tipico del luogo pur abitando nell'abitato) con me, accampando la scusa che io ne sarei stata danneggiata e a niente valsero le mie rassicurazioni sul fatto che a me non interessassero minimamente le chiacchiere della gente.
Neppure la sera… lei non veniva mai da Giulia. Ne potevo capire il motivo ma… era solo quello?
Che si vergognasse di me? Della differenza di età che ci distingueva?
Ma ormai lei era la mia droga e il giorno dopo non vedevo l'ora di tornare fra le sue braccia.
Marco, con la scusa della "pesca" si faceva vedere raramente, solo la sera alla taverna, pochi minuti, una bevuta con i pochi colleghi, un breve saluto accompagnato da un sorriso cordiale con me e da un solo cenno con Erica e Alessia, quando c'erano… loro, dopo l'esperienza del tour, avevano posto gli occhi su altri ragazzotti, turisti e no…
La scoperta che Marco avesse moglie gli aveva tolto tutto il suo sexappeal? Sorridevo sempre al ricordo di quel viso sbiancarsi alla vista della consorte.

Poi il disastro! Chiara scomparve. Scomparve senza una parola… non veniva più alla spiaggetta, non si faceva vedere al lago…l'ho attesa per ore, per giorni interi; un giorno, due… se voleva interrompere una cosa appena nata, non importava il motivo, doveva avere il coraggio di dirmelo in faccia! Lei… così fuori contesto, sempre, al momento di essere adulta scappava!! No! non lo accettavo al di là del desiderio che provavo per lei sempre più intenso.
Chiesi a Marco, quando ebbi occasione di vederlo, e la sua risposta mi fece imbestialire ancor di più…
"Sbrigatevela! Io non voglio entrarci!"
Quella sera stessa mi presentai alla loro porta… non mi sarebbe importato se mi avesse cacciata ma di fare la scema del villaggio proprio non mi andava…
Mi venne ad aprire Marika e fu grazie a lei se Chiara si decise ad affrontarmi.
"Ciao" la salutai "Non credi di dovermi dire qualcosa?"
"E tu?"
"Io? Io no… solo che non capisco è voglio capire…"
"Davvero? sei così sicura?"
"Cosa ho fatto? Su dimmelo…"
"Tuo marito!"
"COSAAA? " urlai… "Ma sei scema? Non ho nessun marito io"
"Ahhhh no? E un certo George che arriva domani… chi è? "
Rimasi allibita…
"George? Qui? Domani?"
"Ma che merda che sei… fai finta di non sapere!"
"George non è mio marito, è il mio ex…"
"Che l'anno scorso ti ha scopata per mezza isola… sarà pure ex per te ma non certo per lui se viene qui per…"
"Ora mi hai rotto davvero… l'anno scorso ero sola…"
Mi interruppe
"Stronza! Odio le bugiarde! La prossima volta mettiti d'accordo con Giulia per la versione dei fatti."
"Giulia???"
Mi sbattè la porta di casa in faccia!
Corsi alla taverna… presi Giulia di petto senza fronzoli ne diplomazia e pubblicamente l'aggredii finendo per trascinarla fuori dal locale. In quel momento non mi importava se così facendo avrei perso la casetta; Non mi importava di perdere un'amicizia; Non mi importava neppure di Chiara che sentivo di aver già perduto, cosa che avevo previsto già da sempre; ma essere così raggirata mi faceva perdere il senno…
Giulia alla fine confessò e chiarì gli ultimi avvenimenti: lei amava Chiara e "giustamente", dal suo punto di vista io rappresentavo un ostacolo; era stata lei ad aver invitato George per distogliermi dalla sua amata; non sapeva neppure che fossimo legalmente divorziati da tre anni. Ed era stata lei a dire a Chiara che la stavo usando e ingannando. Il fatto che lei sapesse di noi era stato merito delle due amichette…
"Troie proprio in tutto!" pensai " Quasi quasi il culo glielo farei io ora a Erica… e alla sua amica"...
Non ebbi la forza di prenderla a schiaffi e calci negli stinchi, cosa che avrei desiderato tanto fare. Probabilmente, a questo punto, non mi restava che andarmene quanto prima dall'isola.

La mattina successiva mi feci trovare al molo quando arrivò il battello postale per accogliere il mio ex marito.
Nonostante fosse venuto con qualche speranza, dovuta al fatto che Giulia,la solerte ex amica, gli avesse riferito che io avevo un gran bisogno di lui, ben presto chiarimmo, tra me e lui, la situazione.
Ovviamente non potendo liquefarsi decise di godersi quel giorno e quella notte in mia compagnia. L'idea non mi dispiacque, almeno avevo accanto una presenza amica, certo avrei dovuto sopportare la sua ironia e i suoi modi sempre così puntuali, educati ma a momenti tanto perfidi!
"Se anche avessi sperato di passare una notte di fuoco con te… incazzata come sei rischierei come minimo di essere sodomizzato!! "
Con questa perla di saggezza iniziammo quella giornata di forzata convivenza.
Sette anni di matrimonio, al di là dei motivi del divorzio, avevano ovviamente lasciato una certa confidenza fra noi che ci permise di passare una giornata almeno tranquilla e di questo lo ringraziavo. Dopo cena tornammo alla taverna, ci mettemmo ad un tavolo un po' appartato, George fu così gentile da capire che io non ero dello spirito giusto per mescolarmi agli altri. Poco prima di prepararci ad andare via si avvicinò Giulia, si sedette al nostro tavolo e tornò a scusarsi prima con George che parve, come al solito, accondiscendente; poi di nuovo con me; risposi posandole una mano sulla sua come a rassicurarla dicendole che il giorno dopo avrei lasciato la casetta e sarei andata via da l'isola insieme a George.
"Sei sicura?" mi chiese lei "Resta Maria! sono stata una stupida! Lei non sarà mai mia… voi siete le facce della stessa moneta… resta ti prego…"
"No… non credo che sia così" le risposi con un sorriso amaro.
Mentre ci scambiavamo gli ultimi convenevoli prima di rientrare a casa ecco apparire Chiara sulla porta del locale; si guardò attorno, individuò il nostro tavolo e decisa passò attraverso gli avventori al banco e si avvicinò a noi…
Si fermò eretta in tutta la sua bellezza… sembra strano ma in quel momento notai la forma di quei seni, di cui avvertii il ricordo del loro calore sul mio viso, i loro capezzoli erti, di cui avevo ancora il sapore in bocca dovute alle mie suzioni di pochi giorni prima, spuntare su quella camicetta così aderente; alzai i miei occhi sui suoi, meravigliosamente scuri,che mi fissavano…
"Dimostrami quello che veramente vuoi!"
Mi alzai per rispondere ma lei continuò
"Vuoi me? Prendimi! Scopami! Qui! Davanti a tutti!"
Con un gesto rapido sganciò il laccio della gonna che cadde al suolo lasciandola in camicia e mutandine…
Rimasi ferma
"Cosa c'è? Credi che non lo sappiano che noi abbiamo scopato? Che ce la siamo leccata? Che abbiamo bevuto il piacere l'una de l'altra?"
"Calmati…" Non seppi dire altro
Lei si abbassò le mutandine…
"Ti vergogni? Ti vergogni di esserti fatta una lesbica?... Scopami! Fottimi… cosa devo fare per convincerti che parlo seriamente? Devo farmi scopare da tuo marito?"
Respirava con affanno ed io non trovavo le parole per calmarla…
"Sbattimi su questo tavolo! Qui! davanti a tuo marito!"
Ora mi stavo incazzando; ero in imbarazzo, tutto il locale ora era intorno a noi…
"Domani vado via…" riuscii a dire
"Vaffanculo!"
Raccolse i vestiti e sgomitando si fece largo fra la gente…
"Chiara… ti…" provai a chiamarla…
"Valle dietro se la vuoi…" disse Giulia
"No! Non posso…"
"Ha ragione Giulia, resta sull'isola… io resterei" disse George e poi con la sua solita ironia…"Però io un tocco di fica come quella me la sarei scopata sì su questo tavolo .."
Lo fulminai con gli occhi
"Ti ricordo che abbiamo divorziato per questo…"
Risero tutti

La mattina dopo, George mi aiutò a portare i miei borsoni al molo ma prima di imbarcarci si fermò di fronte alla passerella
"Ascoltami.."
"Che c'è ora?"
"Parto da solo, tu resti…" disse posando a terra i miei bagagli.
"E' passato il tempo che tu potevi dirmi cosa posso o non posso fare" risposi seccata
"Ascoltami… poi deciderai"
"È da ieri che ne parliamo e poi, cazzo!, saranno fatti miei o no?"
"VUOI ASCOLTARMI??"
"Dai… poi dopo smettila di aprir bocca…"
"OK! dopo taccio!" prese fiato e…
"La reazione di Chiara alle parole di Giulia vuol dire solo che a te ci teneva… è una palese dimostrazione di gelosia…!"
"E di sfiducia… "Aggiunsi io
"La gelosia è sempre basata su di un pizzico di sfiducia… ma… ieri sera, la sua sparata voleva solo dire: dimmi che mi vuoi ed io sono tua!"
Rimasi silenziosa quasi con le lacrime agli occhi… ricordando la sera prima
"Per tutta la notte mi hai raccontato quanto a lei pesassero gli sguardi, le battute crudeli, le opinioni negative di questa gente e ieri… lei non ha avuto timore di dirti che ti voleva con tutta se stessa davanti a tutti" continuò George…"Quanto pensi le sia costato? È sola e fragile tanto da rinchiudersi nella sua torre d'avorio e dopo ieri sera lo è ancor di più perché davvero sarà al centro di ogni ironia e discriminazione! Sarà forte? O…. avrà ancora più bisogno di qualcuno come te?"
Prese fiato più per leggere la mia reazione che per altro, poi continuò
"Resta… ti conosco! La vuoi! E lei è già tua! scopala… scopala ovunque: su un albero o sopra un tavolo del bar… in un letto o in piazza, su una tomba al cimitero o su un altare in chiesa...tu sei in grado di proteggerla, sei una roccia!"
Rimasi a bocca aperta davanti a tanto acume del mio ex.
"A proposito di altare…" riprese… "Quasi dimenticavo: io ero venuto ad invitarti al mio matrimonio e ora colgo l'occasione per chiederti. .. anzi chiedervi di farmi da testimoni… tu e Chiara"
"Ti sposi??? Chi è la nuova disgraziata?"
"ehm! La conosci…"
"Lei???" Mi riferivo a chi fu la causa del nostro divorzio
"Si!"
"Ben le sta!!!"
Scoppiammo a ridere abbracciandoci…

George prese da solo il battello postale che lo avrebbe riportato sulla terra ferma e insieme a lui lasciarono l'isola anche Erica e Alessia. Prima di imbarcarsi lui mi abbracciò ancora stretta, mi baciò sulle labbra e mi disse…
"Non fartela sfuggire tesoro… se no avvertimi… che vengo io "
"Scemo!"
"Ma io intendevo che torno per te… cosa hai pensato?"
"Sparisci che è meglio…"
Con la mano salutai le ragazze...

Borsoni e borse in spalla raggiunsi la taverna di Giulia…
Lei si bloccò con un bicchiere in mano… sorrise… mi venne incontro e mi abbracciò Rimasi con le borse in spalla e le dissi…
"Hai una casetta da affittare per tutto l'anno e oltre?"
"Si, una certa Maria me ne ha liberata una proprio questa mattina, ma è per due persone…"
"E due saranno" Risi… "Dille che sono alla spiaggia che lei sa…"
Posai le borse in un angolo del locale.

Riconosco questo rumore… è il motore di "quella" Gabbianella. Fra pochi istanti un'ombra nasconderà il sole che sta dorando e riscaldando il mio corpo nudo. Eccola! La sento vicino a me. Resto immobile con gli occhi chiusi. Un sorriso mi tradisce ed ecco che le sue labbra si accostano alle mie; riconoscerei quelle labbra anche fra cento anni. Impossibile dimenticare quel suo sapore dolce misto a salmastro e quel suo modo unico di baciare, fatto di piccoli morsi e di carezze in punta di lingua che sono un esigente invito ad aprire le tue labbra. A tale invito le mie si dischiudono sempre ubbidienti…
Il palmo della sua mano si posa sul mio seno e lo carezza con dolcezza mentre la sua lingua pretende la mia; le sue dita si soffermano sulla areola, come a volerla disegnare, per poi stringersi sul capezzolo… le nostre lingue si scambiano i propri sapori mentre le labbra si strofinano con passione. Succhio avida quella lingua stringendola tra le mie guance usando la mia come tappeto dove farla scivolare… la sua mano ripete più volte quel dolce massaggio sul mio seno producendo un effetto esplosivo sul mio capezzolo che avverto enormemente teso.
Lei abbandona la mia bocca portando la sua su quel capezzolo… lo sta afferrando con i denti ed io gemendo sorrido… lo schiaffeggia con la punta della lingua mentre facendo scivolare la sua mano mi sta carezzando fino al pube dove sembra giocare con la mia piccola e curata peluria. Sto stringendo i pugni nella sabbia contraendo tutto il corpo; sento le sue labbra accostarsi aprendosi ancor più alla mia areola e succhiare con forza strappandomi un lamento di dolore e gioia…
Le sue dita stanno carezzando le mie labbra più intime… le aprono… circondano la mia clitoride e la masturbano scoprendola con decisione per massaggiarne la base con movimenti sicuri per me dolcissimi quanto sconvolgenti
Mi sta stringendo il capezzolo succhiando con sempre maggior vigore costringendomi ad alzare spalle e testa per allentare la tensione…
"Non farlo più…" riesco a dire
Si ferma… ho gli occhi ancora chiusi ma so che mi sta guardando…
"Cosa?"
Mi distendo di nuovo…
"Di arrivare in ritardo! Ti ho aspettata per più di mezz'ora"
Sento che sta ridendo…
"Ma sei proprio scema…" con una mano mi schiaffeggia l'altro seno…come a volermi punire
Apro gli occhi, la guardo sorridendo…
"Da ora in poi verremo insieme, andremo ovunque insieme, e questa sera verrai a casa mia…"
"No!"
"Hai ragione… No! non a casa mia, a casa NOSTRA! Cosi se vivremo assieme non potrai più essere in ritardo! "
Sta per rispondere… letteralmente ribalto le posizioni e…
scusate! non posso scrivere e dedicarmi a lei contemporaneamente e fra le due cose indovinate quale preferisco...





P.S. per un commento o un suggerimento, entrambi graditi, : pl631801@gmail.com












Questo racconto di è stato letto 8 8 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.