Cose di famiglia 3

Scritto da , il 2020-10-01, genere incesti

Quel sabato rimanemmo a letto fino a tardi e se non fosse stato per quello scampanellare disperato e prolungato del campanello di casa penso ci saremmo rimaste ancora molto di più.
Ci svegliammo preoccupate, disorientate e trafelate anche per le condizioni in cui tutte noi ci trovavamo: io che ancora indossavo lo strap-on e mi muovevo confusa per la camera così bardata alla ricerca di una vestaglia, Claudia che ancora presentava sul viso e sul seno i residui secchi del piacere ricevuto e Giu… Giulia già mostruosamente struccata che strofinandosi gli occhi completava l'opera.
E… il campanello suonava di nuovo all'impazzata!!
Loro scapparono assieme in bagno, io presi a scendere le scale quando mi accorsi di cosa stessi ancora indossando, mi fermai, mi sfilai lo strap-on e lo tirai da lontano in camera per poi correre al citofono…
Era Pamela, la mia carissima pazza socia ed amica, promossa a zia da tutta la famiglia.
"Entra…" dissi aprendole il cancello "ti lascio la porta di casa aperta; aspettami in cucina, arrivo subito…"
"Alla buon'ora…" sentii gracchiare nel citofono…
Tornai di sopra per darmi velocemente una sommaria sistemazione mentre sentivo entrare la zia che preoccupata chiedeva cosa fosse mai successo visto che io ero famosa per essere sempre in piena attività fin dalle 6 del mattino.
Sul ballatoio incontrai le "sorelline" che mi guardavano interrogative.
"È la zia… andate a vestirvi e tu Claudia trova qualcosa anche per lei…" dissi indicando sua sorella.
Giulia sorrise felice dal mio parlare al femminile parlando di lei.
"Le mutandine no! Quelle no! Non gliele dò eheheh" scoppiò a ridere Claudia…
Sorridendo assentii…
"Ok, ok, le mutandine no!...va benissimo la retina contenitiva… per ora"
"Mutande? Chi ha perso le mutandine??" Intervenne Pamela che ovviamente aveva sentito qualcosa…
"Aspetta che arrivo… caso mai le darai le tue, se c'è l'hai eheheh" le risposi.

L'ora successiva trascorse in spiegazioni serie e leggere amenità suscitando nella zia curiosità ma anche tanta comprensione verso Giulia. Ovviamente Pamela si offrì, forse è meglio dire si impose, ben felice, di fare da guida, per una giornata di shopping in compagnia della nuova nipotina ma non prima di averci brontolate, tutte quante, per averla fatta spaventare nel non rispondere al cellulare alle sue numerose chiamate e ancor di più nel non averle aperto la porta di casa se non dopo infiniti tentativi da parte sua di farsi aprire…
"Manco steste scopando… eheheh"
Comunque… un gustoso pranzetto tutte assieme in famiglia la ripagarono della sua apprensione.
"Su, su… andiamo a cambiarci Giulia, io e te dobbiamo andare a svuotare i negozi della città e a vivere da "vere donne" questo mondo…"
"Prima parte della frase accettabile con moderazione… la seconda parte… non è prematura? " ripresi Pamela con un filo di preoccupazione… mentre già loro salivano di corsa in camera per preparare Giulia
Non mi ascoltarono…
"Tu Claudia vatti a preparare per la lezione di tennis…"
"Ma mamma… non posso andare con loro?"
"NO!"
"E rimanere con… te?" Aggiunse maliziosa
"Claudia, il discorso deve chiudersi qui fra noi, io e te, e fra noi tutte!"
Mise il broncio… "Ma…"
"Niente ma! E' stato bello, ok, ma tutto deve finire...DEVE! ORA!"
Sbuffò e davvero seccata sali anche lei a prepararsi sbattendo la sedia contro il tavolo.
Convinta di essere nel giusto, mi domandavo perché fossi cosi intimamente
pentita delle mie parole...
Salii anch'io di sopra per vestirmi, dopotutto ero ancora in vestaglia con niente sotto; Stavo armeggiando ne l'armadio di camera mia per indossare una tenuta sportiva.. magari solo un paio scarpe basse, leggins, e una maglietta estiva che certo non avrebbe nascosto il mio seno… quando mi raggiunse Pamela chiedendomi una camicetta per Giulia.
Mentre cercavo qualcosa di adatto alla sua richiesta
"E poi sarei io la porcella di famiglia…" esordì Pamela tenendo in mano il mio strap-on
Poi avvicinandolo lo annusò e lo sfiorò con la punta della lingua…
Mi guardò interrogativa, un modo per dire, chiedere e darsi da sola una risposta…
Mi sentii mancare…
"Meglio te che un lurido porco senza scrupoli…" disse quasi fra se
L'abbracciai.
Sembrò riflettere poi…
"Però con me non l'hai mai usato…" mise un falso broncio dietro un malcelato sorriso "devo essere gelosa?"
"Scema! Io e te non abbiamo mai fatto nulla! andiamo…" dissi spingendola fuori.
"Sei sicura? Mmmm non ricordo!" rispose scherzosa lei.
Claudia uscì di casa in tenuta da tennis senza neppure salutare e dopo pochi attimi avvertimmo il suo scooter scappare via…
Con lo sguardo io e Pamela ci parlammo: lei chiese ed io risposi…
Poi anche Giulia, in hotpant vertiginosi e la mia camicetta annodata in vita. che a malapena le copriva l'ombelico, sparì con la zia in un mondo che ora mi faceva ancor più paura.
Passai un pomeriggio solitario in casa, immersa nei miei pensieri di mamma e di donna; Quando stavo per preparare la cena mi arrivarono, quasi in contemporanea, due messaggi su Whats App uno di Claudia ed uno di Pamela.
"Vado da Patrizia"(sua amica di università) "mi cambio da lei e andiamo a mangiare una pizza con la compagnia. Non so ancora cosa farò, non aspettarmi" diceva quello di mia figlia
E Pamela
"Giulia resta da me a dormire. Domani mattina la porto a finire le commissioni… stai tranquilla, è ancora come me l'hai consegnata… per ora! Scherzo tesoro, un bacio!
P.S. Ho fatto acquisti anche per Claudia. Chiedile se domani mattina vuol venire con noi. A te non lo chiedo non ti ci voglio, ti sopporto fin troppo al lavoro tutta la settimana. BACIONE"
E voilà! Sola! Odio mettermi a tavola da sola, la cosa mi mette tristezza.
Dopo una calda e rilassante doccia dove mi presi cura di me con mille attenzioni, dove rilassata, ad occhi chiusi, disegnai il mio corpo con la punta delle dita procurandomi un sottile piacere tornai in cucina nuda e ancora bagnata a prepararmi dei toast che accompagnati da una birretta trangugiai sdraiata sul divano alla TV.
Per quanto riguarda Claudia sapevamo entrambe che l'avrei aspettata se non altro per il fatto stesso che mi avesse detto di non farlo.
Per quanto riguardava Pamela invece… sapevo benissimo di potermi fidare di lei almeno per quello che riguardava la sicurezza di mia figlia… un po' meno su eventuali esperienze che avrebbe potuto farle fare in nome di una certa libertà da acquisire, ma dopo la notte trascorsa non ero certo io a potermi ergere a giudice dei comportamenti libertini della mia amica.
Dopo un po' tornai a mettermi la vestaglia, non si sa mai con chi sarebbe potuta rientrare Claudia.
Aspettavo, non guardavo neppure l'orologio, non mi importava l'ora, attendevo solo il rumore di quel motorino.
Tutte le mamme a quel rumore tirano un sospiro di sollievo.
Quando sul tardi lei entrò in casa pur vedendomi neppure salutò e si diresse subito alle scale…
"Bentornata…" dissi fredda e con un leggero tono di rimprovero
"Vado a letto, sono stanca…" rispose senza fermarsi
"NO!"
"Come no??" Si fermò a mezze scale… tra il sorpresa e il seccata
"No, non prima di esserci chiarite…"
"Chiarire cosa? Che hai una figlia TROIA? Sei tu che hai detto che ciò che è stato non deve contare nulla, uno scherzo o meglio una ubriacatura da non ripetere se no ci viene la cirrosi… e allora, primo: alla mia età saranno cazzi miei cosa faccio… Secondo: Se mi va vorrà dire che mi farò scopare da donne e uomini e succhierò il succhiabile da chiunque mi andrà di farlo… e fin qui sarà una mia scelta poi, con chi penserò di farlo mentre lo faccio; quali saranno le mie fantasie se permetti non lo deciderai tu! mammina…" mi disse con sarcasmo e tutta la rabbia che aveva in corpo; senza attendere una risposta salì di corsa in camera sua tornando a sbattere la porta come a volermi escludere dal suo mondo..
Trascorsero alcuni minuti in cui dentro di me avvenne una guerra feroce tra il mio ruolo di mamma desiderosa di salire a darle una lezione di buone maniere e il mio desiderio di riassaporare i sapori, di inebriarmi ancora dei profumi, di sentire ancora una volta sotto le mie dita le emozioni correre sotto la pelle vellutata di mia figlia.
Facendomi violenza decisi per la mamma.
Andai di sopra, bussai alla sua porta
e senza aspettare un suo permesso entrai accolta da un gelido "Cosa vuoi ora?"
" Pamela ti ha comprato alcuni vestiti… che ti porterà domani, quantomeno ringraziala"
"Si…" voltando la testa verso il muro…
"Non ho finito…voltati! la zia chiede se domani mattina le vuoi raggiungere…"
"NO!" rispose seccata… "domani farò i cazzi miei!"
"Vuoi un ceffone come tuo fratello?" dissi su l'orlo di una crisi di nervi "Con me DEVI usare un altro linguaggio, CAPITOOO? "
Presi il lenzuolo che la copriva e lo feci volare per la stanza; La presi per un braccio e la feci voltare verso di me..
Lei mi guardò con uno sguardo tra il sorpreso e l'impaurito ma…
"Attenta mamma, stai guardando tua figlia Nuda, potrebbe farti male " disse in tono di sfida alzandosi dal letto mostrandosi in tutto il suo splendore di giovane donna e di femmina nel fiore della vita.
Feci il gesto di andarmene dalla stanza avvicinandomi alla porta… mi fermai dicendo
"Avverti la zia che domani non vai e…"
"E…?"
Rabbiosa mi voltai verso di lei , mi avvicinai abbastanza per prenderle il mento con una mano e… la baciai!
Un bacio pieno di passione e desiderio, subito ricambiato, dove le nostre labbra si schiacciarono l'un l'altro come i nostri seni, dove le nostre lingue si abbracciarono con la medesima passione con cui le nostre braccia legarono i nostri corpi, dove le nostre salive si mescolarono come fecero i battiti dei nostri cuori che si fusero fra loro.
Sentimento, passione, desiderio, libidine, erotismo, trasporto sessuale senza più ostacoli furono le parole di quella dolce canzone che risuonò fra di noi per tutta la notte.
La spinsi, senza abbandonare le sue labbra, alla scrivania; la feci distendere su di essa, dopo averla liberata gettando a terra, alla cieca, gli oggetti, i libri, i disegni che la occupavano.
Ancora riversa su di lei, lasciai la sua bocca per baciare velocemente il suo corpo, il suo collo, il solco dei suoi seni e giù l'ombelico dove per un attimo la mia lingua si soffermò e poi il pube…
Scivolando così mi inginocchiai fra le sue gambe che portai sopra le spalle trovandomi in un paradiso pieno dei suoi profumi inebrianti… dei suoi sapori dolcissimi… di quella pelle vellutata che già mi mancava. Le sue cosce mi stringevano il viso avvicinando le mie labbra a quelle del suo sesso.
Un bacio profondo dove la mia lingua nuotava in un mare di miele, la mia bocca si dissetava e la mia mente si annebbiava mentre i sensi si acuivano al punto di trascinarmi in un vortice di libidine da cui non avrei mai più voluto uscire…
Avvertivo il respiro ansimante di Claudia, il suo battito sempre più veloce e le contrazioni che le stavano scuotendo il ventre.
La mia attenzione si concentrava ora sulle labbra, ora sul miele che producevano, ora sulla vagina dove cercavo di scavare facendovi roteare la mia lingua, ora sulla clito che succhiavo ritmicamente, tenendola fra i denti producendole un dolce ruvido massaggio appena allietato dalla saliva che le riversavo sopra.
Succhiavo e leccavo con sempre maggiore intensità; Lei gemeva, abbandonandosi sempre più al mio desiderio rendendolo suo, aggrappata ai bordi della scrivania, mordendosi le labbra, agitando la testa e inarcando tutto il corpo nei momenti più alti del suo sentire.
Quando sentii le mani di Claudia posarsi sulla mia testa premendola verso di sé e le sue cosce aprirsi ancor più ed il suo ventre contrarsi sollevandosi… capii che stava per darmi il suo orgasmo e mi preparai a riceverlo baciandola intimamente e liberando la mia lingua in una danza forsennata dentro di lei…
Uno tsunami di piacere invase la mia bocca e un dolce urlo liberatorio riempì la cameretta…
Trascorse solo qualche minuto in cui io mi rialzai e potei vedere mia figlia nella sua esuberante gioventù mentre si godeva gli ultimi spasmi del suo corpo.
Poi,come se lei si fosse ricordata a l'improvviso di qualcosa di importante, si alzò seduta sulla scrivania, scese, e senza dire una parola ma fissandomi seria negli occhi mi spinse con forza verso il suo lettino dove caddi a sedere. Lei rimase seria ed io sorpresa e timorosa di aver sbagliato qualcosa nei suoi confronti. Mi dette un'altra leggera spinta facendomi sdraiare e sempre in silenzio venne a sdraiarsi accanto a me rimanendo di poco più in basso, posando il suo viso fra i miei seni.
Prese un capezzolo fra le sue labbra e l'altro seno nel palmo di una mano. Baciò, leccò, succhiò quel capezzolo con ardore… strinse l'altro seno facendolo scivolare fino a stringere e afferrare il capezzolo fra le dita, strofinandolo fra indice e medio e torturandolo con il pollice...
Feci il gesto di abbracciarla ma lei scostò le mie mani bruscamente… forse temendo che volessi allontanarla.
Lei sapeva quanto fossero sensibili i miei seni e prese ad occuparsi di loro con bramosia, voglia, desiderio tanto da farmi impazzire fin da subito. Sentivo la sua lingua schiaffeggiare i miei capezzoli che avvertivo già esplodere, avvertivo le sue dita appena inumidite dalla saliva torturarmi con sapienza facendomi provare dolore, piacere, bramosia tutto in una sola volta , ciò che mi induceva a miagolare come una gatta in calore. Ogni volta che il mio corpo era sul punto di prepararsi ad un orgasmo, lei mordendomi con più forza o letteralmente tirando e scuotendo il mio seno tenendolo solo per un capezzolo distraeva la mia mente e fermava il processo. Non contenta abbassò la mano sul mio sesso e iniziò e strofinarne la vulva con decisione; solo una ruvida masturbazione esterna che assieme al trattamento ai seni mi trascinò in un turbine di piacere così intenso che quasi svenni.
Il ventre in fiamme, un fiato ormai azzerato, il cuore in gola e quelle stilettate di dolore di quei morsi al seno, ai capezzoli, alle mammelle, che riuscivano ad impedire al mio corpo di liberarsi producevano nella mia testa uno stato fra estasi e tormento e mi rendevano cagna, vacca, troia davanti a mia figlia!
Poi lei improvvisamente per qualche istante si fermò aspettando che io aprissi gli occhi…
Lo feci: mi guardava, sorridente e soddisfatta del suo lavoro, con uno sguardo divertito vagamente sadico
"Girati…" mi disse piano ma decisa a non permettermi replica.
L'altra notte non le avevo concesso quasi nulla, decisi allora di abbandonarmi a lei…
Mi misi bocconi sul letto. Le sue mani, subito, mi aprirono le gambe e dopo, con decisione, i glutei per farmi mettere in mostra ai suoi occhi il mio sfintere.
Non opposi fisicamente resistenza ma ero in imbarazzo; le sue dita iniziarono un dolce e prepotente massaggio prima roteando intorno a quel pertugio per ammorbidirlo con i miei stessi umori che prima vi erano colati in abbondanza, poi spingendo con una certa durezza già a dita appaiate mi aprì e mi spalancò la porta. Quella carezza ruvida e prepotente continuava a mantenermi in bilico, il piacere che mi faceva esplodere in testa ingigantito da quella situazione così libidinosa nei confronti di mia figlia letteralmente mi sconvolgeva; allo stesso tempo, però, quella "ruvidità" mi teneva in tensione temendo che sotto non vi fosse solo desiderio passionale ma anche rabbia e rancore.
"È se mi fossi sbagliata?... " mi domandavo timorosa "mi vuole punire agendo così ?..."
Non mi sottrassi, se anche fosse stato… sarebbe stata una dolce punizione.
Lei accostò la bocca e cominciò a baciarmi l'ano… la sua lingua era una dolcissima carezza che si estendeva fino al perineo per poi tornare al mio sfintere pulsante per penetrarlo con sempre maggior forza con la punta e affondando ogni volta sempre di più. Dolcissima sensazione a cui mi abbandonai voluttuosa.
Le sue labbra allora si incollarono al mio culo e la sua bocca iniziò a succhiare così forte che io mi sentii come se ne fuoriuscire la mucosa. Non so dire se fosse vero o solo una sensazione ma da quel momento ogni contatto della sua lingua su quella parte del mio corpo mi parve di una travolgente intensità.
Poi quel "Clik!"...
Nemmeno mi ero accorta che Claudia avesse indossato uno Strap-on e che fosse sul punto di usarlo du di me, sua madre…
Ma in quel momento lei era mia figlia? Ed io ero sua madre?
Quell'oggetto che si appoggiò, che si insinuò in me, facendosi strada allargando le mie viscere e sconvolgendomi piacevolmente mi colse di sorpresa.
Lentamente ma decisa lei me lo infilò fino in fondo. Al di là del senso di pienezza che mi assalì avvertii il calore del suo ventre schiacciarsi sui miei glutei e quel fallo finto penetrarmi sfacciatamente…
Avvertivo io stessa i miei gemiti, I miei miagolii, le mie implorazioni a continuare… Li avvertivo come se provenissero da un altro mondo.
Sentivo le mie stesse parole oscene come se fossero state pronunciate da una "vacca" in un'altra stanza.
Claudia rimaneva sempre in silenzio e questo mi turbava ed eccitava insieme.
Improvvisamente il fallo, pur restando piantato profondamente e fermo in me, iniziò a vibrare facendomi urlare di piacere; esortavo oscenamente mia figlia a scoparmi in ogni modo pur di permettermi di dare sfogo al mio orgasmo da troppo tempo impedito e trattenuto.
Non vedevo il viso di Claudia ma ero certa che stesse sorridendo soddisfatta di avermi portata a quel punto e che stesse gustandosi in silenzio la scena di sua madre elemosinare mugolando il suo intervento.
Abbassai le braccia nel tentativo di raggiungere con le dita la clitoride per darmi quello che il mio corpo reclamava ma Claudia sdraiandosi prontamente su me, afferrò le mie mani, le portò sopra la mia testa e le tenne ferme impedendo ogni altra azione.
Pochi attimi ancora di quel supplizio e lei attivò la rotazione alla testa del fallo; il mondo mi parve capovolgersi! Le viscere dentro di me impazzirono; Quel coso infernale facendo oscillare e roteare la testa produceva dentro il mio ventre un vortice di onde che mi invasero tutta donando ogni tipo di sensazioni fisiche e mentali. Mi sembrò che il mio corpo si scomponesse, da l'ombelico in giù non riuscivo più a gestire il mio corpo, mentre la mia testa navigava in un mare in tempesta, volava in un cielo pieno di fuochi d'artificio e di stelle cadenti… Sentivo il mio seno gonfio con i capezzoli duri, eccitati e sicuramente erti tanto da farmi male schiacciati contro il materasso dal corpo di mia figlia che mi dovrastava. Avvertivo un lago indecente fra le cosce… le gambe non le sentivo più, mi tremavano abbandonate e senza forza.
Claudia iniziò un lentissimo su e giù dentro le mie viscere con quel attrezzo in piena attività che più si ritraeva per uscire più sembrava lacerarmi. .. e più spingeva per rientrare e più il mio ventre sembrava scosso da un terremoto infernale fatto di turbamento, dolore (poco), piacere infinito ma strano… che mi faceva chiedere che mi penetrasse ancor più.
Poi tutto si spense, il silenzio… l'uscita…
"Noooooo. …" io stessa mi sorpresi a mugolare fra le lacrime.
Con dolcezza Claudia mi fece voltare e subito mi prese in profondità tenendomi stretta in un caldo abbraccio. Di lì a poco il piacere finalmente prese il sopravvento impossessandosi di me in un crescendo che risultò irrefrenabile. Mentre il ritmo de l'atto sessuale riprendeva intensità i nostri baci si fecero di nuovo passionali tali che quando finalmente esplosi in un orgasmo cosi violento da prolungarsi nel tempo in un susseguirsi di ondate la bocca di mia figlia soffocò le mia urla condividendo il mio respiro, il mio trasporto, la mia passione.
Rimanemmo abbracciate fino a l'ultimo sussulto di piacere
Dopo una giusta pausa piena di tenerezza ci trasferimmo nel mio lettone, molto più comodo, dove tornarono le coccole, le parole giuste, una serenità ritrovata…

Quella notte fu una dolce alternanza tra momenti di intimità familiare a momenti in cui molti dei nostri sogni erotici piu segreti vennero realizzati promettendoci di realizzare in futuro quelli a cui non avremmo potuto dare vita allora. I nostri ruoli si alternavano di volta in volta in una complicità sconosciuta fino ad allora. Diventammo complici, figlia, madre, amiche, compagne, amanti…
Entrambe e più riprese raggiungemmo l'apice del piacere sempre grazie alla cura dell'altra in un susseguirsi di momenti sempre più coinvolgenti…
Dopo le quattro del mattino di quella domenica, dopo un ultimo profondo orgasmo raggiunto insieme portando a diretto contatto i nostri bacini abbandonandoci ad una voluttuosa danza del ventre permettendo alle nostre labbra più intime di incontrarsi, baciarsi, scambiarsi gli umori che generosamente avevamo e stavamo versando, godendo delle nostre clitoridi che come lingue in un intenso bacio erotico sembravano cercarsi, carezzarsi, strofinarsi sempre più intensamente… cademmo insieme tra le braccia di Morfeo.
Qualche ora più tardi mi svegliai e avvolta da uno stato di serena leggerezza di cui non riuscivo a provare vergogna ammirai a lungo quel dolce corpo disteso accanto a me… la carezzai con lo sguardo… poi mi alzai, senza svegliarla, per andare a preparare la colazione… passando davanti lo specchio vidi riflessa la mia immagine e… sorrisi a me stessa, anche se il mio aspetto era quello di una donna appena uscita da una centrifuga, dicendo sottovoce… "Buona domenica Paola…"


P.S. per un commento o un suggerimento, entrambi graditi, : pl631801@gmail.com
























Questo racconto di è stato letto 7 5 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.