La mia amica Clara e suo figlio Filippo.

Scritto da , il 2020-10-19, genere incesti

Dopo gli ultimi cinque racconti di fantasia (Una novizia in convento 1 e 2, Esperienze a Sharm, La vita ad Abidjan, Depravazione di una famiglia) ho deciso di tornare a scrivere di cose vissute realmente. Non su di me, come fatto nei primi 9 racconti, ma su cose che ho vissuto direttamente e che mi hanno lasciato qualcosa.

In particolare voglio scrivere della mia amica Clara e di suo figlio Filippo. Beh, in realta' all'inizio, quando l'ho conosciuta insieme a suo marito, non eravamo amiche ma c'era un rapporto basato sui soldi visto che venivo pagata per certe "prestazioni" durante le loro, diciamo cosi', feste private insieme a persone che, come loro, amavano trasgredire senza troppi limiti col sesso. Ed io ero la persona piu' adatta per fare cose senza limiti ma, allo stesso tempo, con lo stile e il savoir faire che serve in certi ambienti. Si perche' qui non stiamo parlando di borghesia o ricca borghesia o alta borghesia. Stiamo parlando di una Elite finanziaria che vive, spesso, al di sopra delle regole del vivere comune. Anche quelle morali. Nel senso che le regole le decidono loro.
Ora, come scritto all'inizio, non voglio parlare di me e quindi evitero' di descrivere queste "feste" e quello che facevo, anche perche' l'ho gia' fatto in uno dei miei racconti ("Non ho bisogno di lui"). Voglio invece parlare di Clara. Della sua, diciamo cosi', particolarita'.
Dopo circa 5 anni di frequentazioni "lavorative" io smisi di fare certe cose e la nostra relazione prosegui' invece a livello personale, non piu' professionale quindi, e dopo altri due anni divenne amicizia. Vera.
Questo perche' lei sapeva chi ero io veramente e sapeva che non avrei mai potuto giudicarla. Anzi, avrei potuto capirla e assecondarla. Voleva complicita' e potersi fidare. Un'amica, appunto.
Il fatto e' che a Clara il sesso piaceva veramente. Soprattutto se trasgressivo. Soprattutto se la vedeva assumere ruoli passivi che la trasformavano totalmente in una sorta di trance erotico a cui non sapeva e non voleva resistere. Vi starete chiedendo di cosa diavolo stia parlando e questo lo capisco. Credo allora che la cosa migliore sia raccontare alcuni episodi cosi' da farvi meglio comprendere cosa intendo.
La prima volta che notai la cosa fu quando decidemmo, piu' per divertimento che per necessita' visto che Clara aveva un autista personale, di prendere un mezzo pubblico a Milano. Sacchetti vari per lo shopping appena fatto in una mano e con l'altro ci tenevamo ad una barra di metallo per sorreggerci durante il tragitto. Per come eravamo, due ultra-quarantenni decisamente mediterranee nelle forme e vestite in maniera non propriamente low profile, non passavamo certo inosservate per non dire che eravamo un tantino fuori luogo ma credo che questa fosse l'intenzione di Clara. Chiacchieravamo e ridacchiavamo come due adolescenti. Fino a che noto un uomo accostarsi da dietro a Clara afferrando anche lui l'asta di metallo con una mano. Durante i sobbalzi causati dalla strada entrava per qualche attimo in contatto con la mia amica e, cosa strana, non si allontanava mai. Ma la cosa piu' strana ancora era che Clara non gli diceva nulla e mi sorrideva.
Ad un certo punto vedo che prima sgrana gli occhi e poi mi fa l'occhiolino. Io all'inizio non capisco ma poi lo sguardo scivola verso il basso e vedo l'uomo che con la mano sinistra tocca le natiche della mia amica. Io sto per intervenire ma lei scuote la testa. Non capisco.
Il suo sguardo e' tranquillo. Capisco che la cosa non la infastidisce. Quindi non intervengo. L'uomo, nel frattempo, vedendo che non si muoveva si sente autorizzato a procedere oltre. La palpata si fa meno "casuale" e diventa insistente. La sua mano scivola sotto il vestitino leggero che indossava e cerca l'oggetto del suo desiderio. Le cosce e il culo della mia amica. Che cambia espressione e sembra quasi rapita dalle sensazioni di quella palpata. Divarica leggermente le gambe per aiutare i movimenti delle dita di quell'uomo. Chiude gli occhi e dischiude leggermente le labbra. Credo che le stia esplorando la vulva e probabilmente un dito lo avra' infilato nel suo secondo canale. Clara riapre gli occhi ed e' come in trance. Non l'avevo mai vista cosi'. Anche l'uomo e' in uno stato di eccitazione al parossismo e non capendo piu' nulla si tira giu' la zip dei pantaloni e tira fuori il suo uccello che preme immediatamente contro il sedere prominente della mia amica coperto solo da un leggero strato di stoffa. Si muove in su e in giu' lentamente e io guardo rapita la scena assurda che si sta svolgendo davanti a me.
Dopo circa un minuto l'uomo emette un gemito soffocato e dopo essersi toccato per qualche secondo rimette nella patta il suo membro.
Clara e' come estasiata. Molla i pacchetti per terra e mi afferra una mano mettendola furtivamente sotto il suo vestitino in mezzo alle gambe. E' fradicia! La tocco sul retro del vestito e sento che e' impiastricciato dello sperma dell'uomo che nel frattempo si era allontanato soddisfatto.
La guardo con gli occhi sgranati di chi vuole capire e Clara mi sorride dicendo: "adesso hai capito perche' ti ho chiesto di prendere il bus e ho mandato via l'autista. Volevo che tu vedessi".
Scendiamo dal mezzo pubblico e ci dirigiamo in un bar per usufruire di un bagno per lavare il vestitino in qualche modo giusto per raggiungere casa e per chiacchierare davanti ad un aperitivo.
"Ma che cazzo fai, Clara? Non sapevo come comportarmi. Ero pronta a tirargli un calcio in mezzo alle gambe di quel maiale!"
"Avresti fatto male. Perche' e' cio' che mi piace. Cio' che mi eccita. Vedi Simona questa e' la mia perversione. Le feste spesso esagerate che facciamo e che abbiamo fatto anche insieme per tanti anni ormai mi sembrano un Deja Vu. Sentivo che avevo bisogno di altro".
"E quindi questo "altro" sarebbe farsi toccare sui mezzi pubblici? Non mi sembra proprio una novita' Clara. Anzi, senza offesa, mi sembra abbastanza banale".
"Questo e' solo un episodio. Un esempio. Il punto non e' farsi toccare su un bus di Milano. So anch'io che non e' nulla di particolarmente nuovo o trasgressivo. Il punto, Simona, e' che io letteralmente godo quando assumo una forma passiva durante le avances di uomini in situazioni pubbliche e in luoghi di vita quotidiana. Ho scoperto che mi sento quasi in trance ma non per la paura bensi' per le scariche di adrenalina sessuale che provo. E' piu' forte di me. So di attirare l'attenzione col mio fisico. Pero' a volte "creo" una certa situazione col mio comportamento e se qualcuno, diciamo cosi', interagisce con me io lo lascio fare e godo letteralmente delle sue azioni".
Wow. In quel momento capii che Clara voleva fare un passo in avanti importante nella nostra relazione. Voleva complicita'. Probabilmente un'amica. Che la comprendesse e non la giudicasse. Che ne fosse anche complice. Ed io ero probabilmente l'unica soluzione nella sua cerchia. Una ex escort di alto bordo senza alcun limite che, lo sapeva perfettamente, era stata scopata appena sedicenne da suo zio paterno insieme alla madre che per interesse personale stava zitta e accettava il tutto (leggete il primo racconto "come sono diventata cio' che sono per colpa della mia famiglia").
E, in effetti, era veramente cosi'. Non solo non avrei potuto giudicarla. Ma potevo capirla e assecondarla. Potevamo veramente essere amiche. Lei si stava fidando parecchio di me. Con la sua posizione sociale e il ruolo importante di suo marito nella finanza nazionale avrei potuto approfittarne. Le informazioni hanno un valore.
Apprezzai questa cosa. E glielo dissi. " Clara, capisco tutto. Non ho alcuna intenzione di giudicarti o di dirti di desistere. Anzi, sara' il nostro segreto e se vorrai ti assecondero' in questi "giochi" e nel caso ti copriro' le spalle".
Non voleva che questo. Mi abbraccio' e all'orecchio sussurro' "credo che diventeremo molto amiche. Molto complici. In tutto".
Ed io ne fui contenta. Ne' io ne' lei avevamo "vere" amiche. Lei si poteva fidare solo di suo marito e non certo delle amicizie per puro interesse che la circondavano. Io avevo solo mia zia; il resto erano amicizie interessate alle mie attivita' passate. .
Eravamo entrambe contente di cosa stava accadendo.
So che non siete molto interessati a certi discorsi "da donne". Lo capisco. Allora proseguiamo col racconto di altri episodi.
Ve ne racconto uno che mi piacque particolarmente.
Era primavera inoltrata e Clara mi invita a fare shopping per comprare un paio di scarpe invernali. Stranamente dice all'autista di portarci in una zona di Milano che non era esattamente quella che eravamo abituate a frequentare per certi nostri acquisti compulsivi.
Eravamo in una zona tranquilla e i negozi erano senza particolari pretese.
Dice all'autista di fermarsi e di tornare dopo un'ora a riprenderci al bar all'angolo che gli indicava col dito.
Scendiamo dall'auto e mi sussurra "adesso ci divertiamo. Sono gia' stata qui ieri pomeriggio e il titolare del negozio e' la persona giusta". "Per cosa, scusa? Per consigliarti delle scarpe? Sinceramente non mi sembra il posto piu' adatto per il tuo stile e per cio' che sei abituata ad indossare".
"Macche' scarpe. Vedrai. Stai al gioco".
Entriamo nel negozio con la fisicita' che abitualmente non ci fa passare inosservate e con dei vestiti che non c'entravano nulla col resto dell'ambiente.
Il titolare vede Clara e si precipita verso di lei. In modo eccessivamente ossequioso e quasi sbavando dai lati della bocca le dice che era contento che fosse tornata e che era a sua completa disposizione. Lei gli sorride e gli tende la mano "grazie, lei e' molto gentile. Io mi chiamo Clara" lui le stringe la mano e quasi si emoziona a quel gesto.
La mia amica gira per il negozio e indica tre paia di scarpe che vuole provare. L'uomo chiede il numero e sparisce per qualche minuto nel piccolo magazzino accanto ad un camerino per la prova dei pochi abiti di pelle che aveva come complemento della sua offerta.
Torna affannato e invita Clara a sedersi su una seggiola. Senza chiedere nulla le solleva un piede prendendola delicatamente per il polpaccio e l'aiuta a togliersi una scarpa. Appoggia il piede nudo di Clara sul suo ginocchio e l'aiuta a infilare il primo modello sempre riprendendo in mano il suo polpaccio. Clara nel frattempo, nel potere sollevare il piede per appoggiarlo sul ginocchio di quell'uomo, aveva sollevato l'intera gamba e la gonna a portafoglio si era aperta scoprendo la sua gamba e, lo capii dallo sguardo paonazzo dell'uomo che cosi' inginocchiato era praticamente all'altezza giusta: quella dell'interno-cosce. Perche' paonazzo? Perche' sapevo che Clara non indossava le mutandine quando faceva certi "giochetti"...
Rimane bloccato in quella posizione e Clara gli chiede se andava tutto bene. Lui dopo un paio di secondi si riprende e chiede scusa ma risponde convinto "molto bene, Clara. Molto bene". Io mi godo la scena divertita e interessata al suo prosieguo.
Clara guarda la scarpa nuova muovendo il piede e chiede di potere indossare anche l'altra.
Stessa scena di prima ma questa volta l'uomo indugia di piu' sul polpaccio della mia amica. Sembra quasi accarezzarlo e nell'infilare la scarpa noto che sposta leggermente il piede verso l'esterno per allargarle la gamba e guardare meglio in mezzo alle cosce tornite di Clara. Lei secondo me stava gia' iniziando a bagnarsi. Non dice nulla e sa perfettamente che l'uomo la sta toccando sul polpaccio e la sta fissando in mezzo alle gambe.
Lei gode cosi'. Adesso lo so.
Il fatto e' che l'uomo sta arrivando al parossismo. Non capisce piu' nulla e le chiede se puo' farle provare degli stivali nuovi appena arrivati. Clara dice che ne sarebbe felice. Lui allora torna, con una evidente erezione sotto la patta dei pantaloni attillati e alla moda, con un paio di stivali di una volgarita' assoluta e che arrivavano sopra il ginocchio. "Se vuole la aiuto ad indossarli e a chiudere la cerniera?" Ma guarda tu che gentile...
Clara gli sorride senza neanche rispondergli. Lui allora prende l'iniziativa e la aiuta ad indossare gli stivali toccandole le gambe e con la scusa di allacciare la cerniera che arrivava ben sopra il ginocchio anche l'interno delle cosce in una zona che poteva essere definita "off limits". Clara aveva le gambe molto divaricate e la sua fessura completamente rasata probabilmente mostrava che le sue labbra esterne erano leggermente bagnate.
Lui era bloccato in quella posizione. Quasi in estasi.
Io allora presi in mano la situazione e suggerii " perche' non fa provare alla mia amica quella minigonna di pelle nera che sarebbe adatta con questi stivali da... diciamo cosi'... cubista?"
Mi guardo' quasi a ringraziarmi di quel suggerimento.
Prese la minigonna della taglia giusta e la porse a Clara.
E qui venne il bello. Lei si alza e si toglie la gonna in mezzo al negozio. Eravamo solo noi, ovviamente, vista l'ora di chiusura ma poteva entrare chiunque. Rimase qualche istante con la sua fica rasata e gli stivali da zoccola in bella mostra per farsi ammirare dall'uomo che era a bocca aperta davanti a lei e poi si infilo' la gonna di pelle.
"Come mi sta' dietro?"
Il culo abbondante della mia amica ormai ultra quarantenne era strizzato in quella gonnellina troppo corta anche per una ragazza di vent'anni.
L'uomo non ce la faceva piu' e con la scusa di sistemarla meglio tocco' il culo di Clara tirando giu' la minigonna.
Poi non capi' piu' nulla e superando ogni remora le mise una mano sotto l'indumento di pelle e tocco' oscenamente i suoi glutei. Infilo' una mano nel solco delle sue natiche e arrivo' fino alla fessura della sua fica ormai fradicia. "Non sarai una giovane cubista ma... sei una donna molto desiderabile, Clara".
Lei non diceva nulla e si lasciava fare.
Si lasciava masturbare e spogliare. Era immobile. Subiva ma in realta' era lei a muovere le cose. Si trovo' tre dita dell'uomo nella fica e dopo poco il suo anulare nel buchetto.
Il titolare del negozio si abbasso' i pantaloni e inizio' a masturbarsi per poi far proseguire la pratica mettendo la mano di Clara sulla sua verga. Appena fu della consistenza giusta entro' dentro di lei in piedi, sollevandole una gamba, mentre lei si appoggiava al muro. Io iniziavo ad eccitarmi e lo feci capire alla mia amica fissandola dritta negli occhi. Mi alzai e la baciai con la lingua mentre veniva scopata. Questo la fece venire all'istante e anche l'uomo non resistette. Ebbe la decenza, questo lo apprezzai, di tirarsi fuori all'ultimo momento e di venirle sul culo. A mo' di ringraziamento Clara glielo prese in bocca e lo puli' per bene. Dopodiche' lo bacio' per fargli sentire il suo stesso sapore. Ce ne andammo con due paia di scarpe senza pagare. Non le indossammo mai ma furono il nostro trofeo.

Questa e' Clara, la mia migliore amica. Siamo fatte cosi' con un comune senso del pudore che probabilmente e' molto labile rispetto al comportamento mediamente accettato dalle persone.
Se poi queste situazioni hanno stuzzicato il vostro interesse posso andare ancora piu' in la' con qualcosa di piu' "forte" e che spero non vi faccia storcere il naso. Prima di giudicare non dimenticate mai chi sono e cosa ho fatto per una vita intera.
Vi raccontero' allora di una richiesta di sua madre nei miei confronti riguardante suo figlio Filippo. Un ragazzo di diciassette anni incredibilmente intelligente ma molto riservato e timido e dai modi estremamente gentili. Parlare con lui era un piacere. Colto e preparato su ogni argomento si volesse affrontare. Quando coinvolto nel modo giusto e quando si sentiva a proprio agio con il suo interlocutore era un fiume in piena.
Vi starete domandando dove era il problema per Clara. Ebbene il problema, se cosi' possiamo definirlo, e' che la timidezza di Filippo associata ad un fisico quasi efebico ed un viso incredibilmente pulito e raffinato avevano suscitato qualche dubbio nella mia amica che si domandava se non fosse gay. Cosa che non la disturbava per nulla ma che, invece, suscitava qualche malumore in suo marito. Una situazione trita e ritrita che avevo gia' vissuto in prima persona con mia zia piu' di vent'anni prima anche se in circostanze molto diverse.
Clara mi chiese di parlare con lui e farlo aprire e uscire dal suo guscio di auto-protezione per il semplice motivo che amava parlare con me di letteratura inglese e di cose molto specifiche come l'uso del tempo cronologico o psicologico nella scrittura di Virginia Woolf o altre amenita' simili.
Mi disse di fare tutto cio' che serviva per capire com'era veramente Filippo e aiutarlo di conseguenza.
Una domenica pomeriggio Clara ci lascio' da soli a casa con la scusa di una urgenza con sua sorella e che sarebbe tornata dopo un paio d'ore. Io ero praticamente di casa e quindi la cosa non risulto' strana.
Iniziai a parlare con Filippo e lo feci rilassare con gli argomenti di letteratura e politica a lui preferiti. Poi, pero', iniziai a fargli domande sulla sua frequentazione di un collegio molto esclusivo di Firenze dove lui studiava dalla prima superiore. Lui inizio' a prenderla alla lontana ma il mio insistere su certe cose e tramite mezze battute sulle interazioni che potevano nascere in quegli ambienti lo fecero parlare in maniera aperta e, permettetemi, liberatoria. Sapeva perfettamente della mia adolescenza e di cio' che avevo fatto per tanti anni della mia vita. Non aveva nessun timore di potere essere giudicato.
Mi disse che il fatto di essere in un collegio, la notte, frequentato solo da ragazzi faceva nascere quasi spontaneamente certe situazioni. A 15 o 16 anni le pulsioni sono forti e se sei timido e con un fisico efebico puo' essere quasi naturale iniziare a fare certe esperienze. Toccarsi. Masturbarsi a vicenda. Prendere in bocca il cazzo di un altro studente. Le prime euaculazioni insieme. Le prime dolorose e poi appaganti penetrazioni anali. Lui era generalmente passivo.
Allora gli chiesi apertamente se godeva in quelle situazioni o se era sottomesso e mi rispose che provava piacere ad essere sottomesso e scopato da ragazzi piu' massicci e piu' corpulenti di lui. Che porcellino, pensai!
Gli chiesi allora se avesse avuto esperienze anche con uomini adulti e mi confesso' che le aveva fatte con i preti laici che gestivano il collegio nella zona notte e nella zona della mensa.
Venivano nella sua cameretta la notte e facevano sesso insieme. Gli facevano capire che era meglio assecondarli ma non c'era mai stata nessuna forma di violenza o costrizione. Mi diceva apertamente che gli piaceva. Gli piaceva leccare i cazzi adulti di quegli uomini e gli piaceva soddisfarli facendosi sodomizzare.
Sapete che non sono esattamente una santa. Chi ha letto i miei racconti su chi sono sa che sono una persona border line. Pero'... questa volta stavo per superare anche i miei limiti piu' remoti. Perche', mi domandate? Perche' mi stavo eccitando. Certo, puo' darvi fastidio, ma successe esattamente quello. E allora iniziai a muovermi di conseguenza.
Gli dissi che lo capivo perfettamente e che anch'io a 16 anni ero stata sverginata nel mio culetto adolescenziale in piedi schiacciata contro un muro dal cazzo generoso di mio zio paterno e che mia madre non solo sapeva ma era finita per farsi scopare da lui insieme a me per ottenere regali e una villetta per noi.
E che da allora non avevo mai smesso e che il mio secondo canale era diventato talmente elastico da goderne durante le penetrazioni. Lui divento' rosso in faccia all'inizio ma poi mi confesso' che anche lui era completamente aperto li dietro. Ridemmo entrambi e io, che sapevo esattamente dove volevo arrivare, gli dissi che se non si scandalizzava potevo fargli vedere come ero. Lui divenne ancora piu' rosso e col capo fece cenno di si.
Io allora mi spogliai e, stando in piedi davanti a lui, appoggiai un piede sul divano e alzai la gamba destra. Con una mano divaricai la mia natica e gli feci vedere la mia rosellina anale.
"Non essere timido, Filippo. Infila le dita e dimmi come ti sembra". Si inumidi' un dito e lo infilo' timidamente nel mio secondo canale. Poi ne introdusse due e inizio' a muoverle avanti e indietro. Poi tre e vide che entravano senza fatica.
Era come estasiato da questa scoperta. Io ero eccitata al massimo al pensiero di questo adolescente che mi esplorava il culetto.
Gli dissi allora che toccava a lui farmi vedere come era messo.
Era talmente preso dalla cosa che senza dire nulla si spoglio' completamente. Sant'iddio! Un corpo efebico e bianco come il latte contrastava con un cazzo di dimensioni adulte e ben formato. Un ciuffetto di peli biondo chiaro sovrastava quel membro... in erezione! Il porcellino era eccitato. Quindi, come stavano le cose? Prima di fare domande e per non rompere l'incantesimo creato fra noi, gli dissi di inginocchiarsi sul tappeto. Al che gli infilai un dito inumidito dai miei umori vaginali nel forellino anale. Lui ansimo'. Allora andai oltre. Prima due e poi tre dita ben lubrificate. Il ragazzo aveva preso parecchi cazzi nel culetto in quegli anni...
Glielo dissi e lui confermo'.
Lo feci rialzare e gli toccai la sua asta sempre piu' svettante.
"Dimmi Filippo: perche' eri gia' in erezione quando ti sei spogliato?"
"Perche' mi sei sempre piaciuta. Perche' ti ho sempre desiderata"
Non aspettavo altro. "Allora prendimi. Come ti piace di piu'".
Mi invito' a mettermi a pecorina sul divano e prendendo i miei umori abbondanti dall'interno della mia vulva li uso' per lubrificarmi il culetto. Subito dopo appoggio' la sua cappella sull'entrata della mia apertura anale e spinse con decisione. Mi scopo' con foga e dolcezza allo stesso tempo. Mi fece godere masturbandomi contemporaneamente con la mano libera. Riverso' dentro di me una quantita' infinita di sperma. Come un adolescente puo' fare. Lo rifacemmo un'altra volta prima che sua madre rientrasse. E adesso vi racconto come.
Sdraiati sul divano con Filippo che da dietro mi aveva messo una mano sul seno eravamo ormai entrati in uno stato di intimita' totale e gli feci la domanda che anche voi, ne sono sicura, vi state facendo. "Filippo, scusa ma devo chiederti apertamente se sei attratto dalle donne visto come eri eccitato con me e come mi hai scopato".
"Capisco la tua domanda Simona. Ti rispondero' sinceramente. Io sono attratto anche dalle donne. Pero' solo alcune. Della tua eta' almeno. Con forme abbondanti e con un sedere bello pieno e accomodante. Allora mi eccito e mi viene voglia di scopare quel culo con tutto me stesso. Non sono attratto molto dalla penetrazione vaginale per ora ma le donne formose mi piacciono. Molto."
Interessante. La mia maialaggine pero' mi fece andare oltre coi miei pensieri e dovetti fargli un'ulteriore domanda.
"Sii sincero, Filippo. Non farti problemi di sorta. Sai chi sono io e cosa ho fatto. Sai anche dell'amicizia, diciamo pure intima, che mi lega a tua madre.
Come posso dire... non farti problemi ma... visto quello che mi hai appena detto... hai mai fatto pensieri su tua madre?"
Lui arrossi' di nuovo ma la leggera erezione che sentivo contro il mio sedere schiacciato contro il suo cazzo era una risposta inequivocabile.
"Beh, Simona. Cosa posso dire... mi vergogno un po' ma... beh insomma... e' qualche anno che ci penso e faccio delle fantasie. So quello che fa durante le sue "feste private" e so cosa fate voi. Sai che e' impossibile per lei tenere segreti per piu' di cinque minuti.
L'ho sempre vista nuda in casa e mezza nuda in barca. Mi sono masturbato tante volte in bagno al pensiero. So che e' sbagliato ma... so che non sono il solo a fare certi pensieri. Ecco adesso lo sai"
Io allora, per quella persona "sbagliata" che sono, approfittai della situazione e della posizione in cui ci trovavamo stuzzicandolo un po'.
"non sapevo che fossi a conoscenza della passione per il sesso trasgressivo di tua madre. E' li che ci siamo conosciute. Lei e' assolutamente naturale in quelle situazioni e il suo corpo esplosivo fa il resto. Attira gli uomini e alcune donne come il miele. E lei si lascia fare di tutto. La adoro"
La sua erezione adesso era evidente. Che porcello...
"Ma, Simona... posso chiederti una cosa... insomma... ma tu e lei avete mai fatto... diciamo cosi'... cose insieme?"
"Beh, si. Abbiamo fatto tante cose insieme. Se vuoi sapere se ci siamo toccate o baciate, beh... lo abbiamo fatto. E ti posso confermare che io ho avuto il piacere di infilare le mie dita nel suo culo spropositato visto che quello, l'ho capito, e' il tuo oggetto del desiderio"
La sua erezione era completa. Era completamente in tiro e senza dirmi nulla mi penetro'. Questa volta nella mia fica in quel momento bagnata fradicia per la situazione border line che stavo vivendo. Era come se lo stessi sverginando nel coito vaginale. Riverso' dentro di me diversi fiotti. Mi bacio' sul collo. Mi ringrazio'. Al suono del campanello che annunciava il ritorno di sua madre mi lascio' e si diresse in camera. Io mi rivestii velocemente e attesi l'entrata nel salone di Clara.
Si fermo' a guardarmi e si avvicino' a pochi centimetri da me.
"Sai di cazzo. Troia che non sei altro. Dimmi tutto. Voglio tutti i particolari"
Ed e' cio' che feci: le raccontai ogni dettaglio.
Mi aspettavo una sberla. E anche forte. Invece, guardandomi fissa negli occhi, mise una mano sotto la gonna e con le dita sposto' le mutandine per infilarle nella mia fica. Ne infilo' due e rimase per un secondo a muoverle al mio interno.
Le tiro' fuori e se le portò prima alle narici e poi se le mise in bocca.
"E' questo dunque il suo sapore"
Che troia! Che grandissima troia senza limiti. Eravamo veramente fatte una per l'altra. Le presi la mano e succhiai anch'io le sue dita.
Sorridemmo e parlammo molto francamente di Filippo. Era un ragazzo splendido che amava il cazzo maschile ma che era attratto anche dalle donne ma la sua timidezza lo portava ad identificarle con la figura materna o con persone che le somigliavano: altro che Edipo ed Elettra! Col tempo avrebbe superato quella fase. Col tempo sarebbe diventato uno splendido bisessuale o, come dicono i giovani oggi, "fluido" sessualmente parlando. E sua madre ne era felice.

Questo e'. Non giudicatemi troppo male. Io sono cosi'. Ma non e' tutta colpa mia.
O forse e' solo una scusa che mi ripeto per giustificarmi.
Chi lo sa...

Questo racconto di è stato letto 1 0 4 7 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.