L'insospettabile neomamma (parte2)

Scritto da , il 2020-10-17, genere tradimenti

Per tutto il giorno non pensai ad altro che a quella frase spiazzante, a quello sguardo deciso ed arrapato, a quel tono provocatorio ed ammiccante con cui mi aveva fatto capire che sarebbe stata pronta ad aspettarmi, per finire quello che avevamo cominciato nel bagno della pizzeria sabato sera.
Faccio un lavoro sporco, ma sono un libero professionista, quel giorno ero in giro col furgone a fare qualche sopralluogo ma, cosa ancor più importante, ad incassare qualche fattura, la parte che preferisco del mio duro lavoro.
Tra un cliente e l'altro mi chiedevo come avrei dovuto agire, se cedere alle provocazioni di una serata lisergica o continuare la mia giornata che tra aspettative lavorative e denaro sonante mi stava lasciando piccoli ma pur briosi godimenti.
Nel crucciarmi sul da farsi, decisi di svoltare a destra per tagliare il traffico e dirigermi da quel vecchio pignolo del signor Morelli che mi faceva sempre le pulci ogni volta che andavo a sistemargli il terrazzo.
Il caso vuole che finii per percorrere la parallela a casa di Arianna, la imboccai nel preciso istante in cui mi venne in mente quel bacio strisciato con cui mollò la presa del mio labbro inferiore, lasciandomi il segno coi soi grandi incisivi.
Arianna aveva una bocca marcata, denti grandi ma bianchi e perfetti, la mascella leggermente pronunciata lasciava intravedere una dentatura da cavallo ogni volta che rideva. La cosa non mi dispiaceva, anzi a pensarci bene mi hanno sempre attirato le ragazze con quel tipo di bocca, non me lo sono mai spiegato, forse mi piace il loro sorriso o forse mi ha sempre fatto pensare come potrebbe essere baciarle.
Il mio cervello ormai galleggiava nella nebbia, la faccia del signor Morelli e la bocca di Arianna si fondevano in un unico essere con tanto di orecchie equine, decisi quindi di parcheggiare il furgone di fianco al primo bar che avessi incontrato per rinfrescarmi i pensieri con una rigenerante cedrata Tassoni, magari doppia, visto che le bottigliette da 180ml mi lasciano sempre a metà.
Mi sentivo già meglio e sapevo già dove andare, nonostante non fosse giusto, nonostante non fosse corretto.
Ma corretto per chi?
E' giusto assecondare antichi retaggi culturali e precluderci ciò che ci fa star bene nel nome del rispetto per chi condivide una parte di vita con noi? Non lo so, non so più niente, so solo che è martedì e lei ha voglia di me.
Il campanello sapevo bene qual'era, ma conveniva suonare? E se fosse stata tutta una bufala? E se avesse avuto un contrattempo?
Avrebbe potuto esserci Salvo in casa.
Decisi di mandare un messaggio, telegrafico: - Sei a casa? Sono qui sotto
Altrettanto telegrafica la risposta: - Sali
E immediatamente sentii scattare la serratura del cancello che si aprì stridendo rumorosamente, quasi fosse l'ultimo monito a non cadere nel peccato, ma ormai stavo già salendo le scale, curioso ma non proprio disteso.
La porta di casa era leggermente socchiusa e quando timidamente la aprii una mano mi prese dentro strattonandomi il braccio e richiuse repentinamente l'uscio.
Come ci eravamo lasciati quel sabato, nel cesso della pizzeria, così abbiamo ripreso freneticamente a baciarci, senza convenevoli nè preamboli, affondi decisi di lingua per assaggiarci e far presente che la voglia aveva raggiunto il culmine.
Mi sciolsi dunque di tutta la tensione che avevo accumulato in tutta la mattinata, iniziai a slacciarmi la camicia rimanendo sempre incollato a quelle labbra di fuoco, ma non mi diede tempo, mi trascinò in cucina afferrandomi per una manica ormai a penzoloni,
si appoggiò di schiena al banco da cucina e iniziò a toccarmi e a sbottonarmi con una certa veemenza.
Mi da fare anche io quindi, cominciando direttamente dai jeans ma prima di calarli si allontanò da me di quache centimentro e mi sussurrò: - Quindi sei arrivato...
Lo disse con la sua solita voce calda resa leggermente roca dal tono basso con cui forse si aspettava una risposta da me.
Scesi verso il basso per sfilarle i pantaloni, all' altezza del bacino non potei non notare come le mutandine azzurre si erano lievemente inumidite, lasciando trasparire un piccolo alone blu in mezzo alle cosce. Mi diressi proprio lì, leccando avidamente il suo intimo intriso del suo odore, del suo umore e ormai anche della mia saliva.
Sentendola gemere, colsi l'attimo e le risposi, chiedendole se avessi fatto bene a venire, mi tirò su con forza dai capelli e mi afferò l'uccello da dentro le mutande iniziando a smanettare.
Fu una risposta molto esaustiva.
Ci liberammo infine di ogni impedimento e cominciai a penetrarla con vigore appoggiati al bancone da cucina, lei si aggrappò a me con una mano dietro al mio collo e con l'altra si teneva in equilibrio appoggiandosi al boccale di un grosso e alto frullatore da cucina, il nuovo bimby con cui Salvo, suo marito, preparava le loro romanticissime cene e le pappine per il bambino. Quando pensai a quest'ultima immagine, mi distrassi
un'attimo, punzecchiato dal rimorso e iniziai a divagare rallentando il ritmo. Ma lei mi prese per i fianchi con forza avvicinandomi e allontanandomi a sè imponendomi il ritmo che voleva, per poter godere, per poter venire.
Continuai allora, deciso e cadenzato, e ad ogni colpo mi faceva sentire la sua voce profonda che emetteva ansimi di goduria, che sembrava ancora più grande proprio perchè uscivano dalla sua bocca, grande, con quei denti leggermente sporgenti che sembravano quasi tremare con lei quando infine venne e si abbandonò completamente, stringendomi le braccia al collo cercando un'appiglio mentre sentivo il suo fremito incontrollato
e, ne sono quasi sicuro, riuscii a sentire anche un nitrito.
Eravamo un corpo unico, intrecciato e avvolto da profumi contrastanti che si univano ormai in un'unica fragranza, l'odore delicato del suo corpo si fondeva col mio odore di terra, cemento e grasso per ingranaggi.
Venni anch'io, copiosamente, sulla sua pancia, quella che una manciata di mesi prima era grembo del suo primo figlio.
Qualche schizzo arrivò inevitabilmente sul piano cottura, il regno incontrastato di suo marito Salvo, cuoco impeccabile, e, per una frazione mi chiesi incuriosito
se, nel pulirlo, potesse essere utilizzato alla stregua di uno Smac brilla Acciaio e magari scoprire di essere addirittura più efficace.
Finita l'ebbrezza e svanito il cinismo, ci rivestemmo in fretta, come se dovessimo ripulirci al più presto della cazzata che avevamo appena commesso.
Eravamo imbarazzati e pensierosi, forse per l'icredulità con cui fummo travolti dai nostri istinti e abbandonati i nostri freni inibitori.
Infine ci salutammo, con un affettuoso bacio sulla guancia, come a suggellare la chiusura di quella parentesi effimera ma straripante.
La vidi ancora, e la vidi spesso, ma sempre in compagnia e con un controllo olimpico non demmo mai segni che potessero mostrare ambiguità ma in compenso ogni volta che io e mia moglie ci congedavamo dalle serate passate con loro, quando arrivava il momento dei saluti, Arianna stringeva sempre il mio braccio con quel po' di forza in più, tanto bastava a ricordarmi come mi aveva preso e trascinato nelle sue adorabili grinfie.

Questo racconto di è stato letto 7 0 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.